Skin ADV
Sabato 17 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Fiore

Fiore

by Aldo


14 Novembre 2018, 10.16
Bagolino Treviso Bs Pertica Alta Valsabbia
Maltempo

Boschi disastrati, come intervenire?

di Emanuela Lombardi
Se la normale gestione di un bosco è già di per sè complicata, figuriamoci quando centinaia di ettari di territorio sono stati sconquassati come è avvenuto nei giorni scorsi. Come fare? Ce lo dice l'esperto

L'ambiente montano è stato sconquassato e oltraggiato dai violenti eventi meteorici.
Tempeste di questa potenza si verificano già da tempi immemorabili, e il bosco, data la sua naturale esposizione, ne viene sempre colpito in modo più o meno intenso.

Generalmente ogni autunno avviene qualche schianto
, piccole trombe d'aria allettano pozioni di 2-3 ettari di bosco, qualche torrente esonda, piccole frane interrompono la viabilità.
A questi danni, di carattere puntuale, cui ormai abbiamo preso l'abitudine, gli interventi di ripristino sono solerti e programmati; di fatto gli Enti preposti hanno nel loro bilancio capitoli di spesa costanti per il dissesto idrogeologico.

Tuttavia scorrendo i dati metereologici scopriamo che negli ultimi decenni è aumentata la frequenza delle tempeste, così come l’intensità dei venti che interessano intere vallate montane .

Lo scenario attuale lascia supporre che, in futuro, l’ammontare dei danni  tenderà ad aumentare: si prevede un ulteriore trend al rialzo delle temperature medie, associato a un aumento della frequenza di temperature estreme.
Periodi di calura e siccitosi che comportano, tra l'altro, un indebolimento dei popolamenti ancora indenni soprattutto alle quote maggiori ove le conifere la fanno da padrone, favorendo il moltiplicarsi di parassiti, in particolare degli scolitidi.

Le esperienze degli ultimi decenni indicano che in presenza di grossi danni da trombe d'aria sorgono anche problemi relativi alla tutela del bosco, al dissesto del suolo soprattutto nelle aree molto acclivi o con substrato roccioso incoerente, alla sicurezza lungo la viabilità principale e secondaria a carattere pubblico come le strade forestali, i sentieri e i percorsi escursionistici che sono considerati come vie di comunicazione pubbliche.

Infine, ma non per importanza, la sicurezza del privato che si trova ad avere un appezzamento di terreno boscato completamente divelto.
Purtroppo in situazioni del genere  la statistica indica che durante l’allestimento del legname come il distaglio delle ceppaie sradicate e il taglio di alberi appoggiati o piegati  provocano sovente degli incidenti. 
A tutto questo si aggiunge il danno economico per il crollo del mercato del legname.

Cosa fare? come procedere per affrontare l'emergenza.
Le procedure d'emergenza sono collaudate ed attive da tempo, mentre più articolate sono le procedure e le modalità  per la messa in sicurezza dei luoghi.

La Regione Lombardia  e le Comunità Montane già sono all'opera per inquadrare e quantificare i danni.
In questi giorni i Comuni si sono attivati nel chiedere ai propri cittadini di comunicare i primi dati indispensabili per una futura programmazione: numero dei mappali catastali dei boschi o dei manufatti colpiti dall'evento meteorico.
Dati che saranno comunicati alle Comunità Montane e che a loro volta li inoltreranno alla Regione affinchè possa sbloccare le necessarie risorse economiche.

A questo punto è però necessario affinare la conoscenza dei danni per poter avere i dati per una corretta programmazione dei lavori .
L'Amministrazione pubblica dovrà  impostare indirizzi e direttive efficaci e coerenti con i territori colpiti.

Le problematiche avvertite sono:
- La gestione delle aree boscate private;
- La gestione delle are boscate pubbliche
- La commercializzazione del legname
- La ricostruzione del territorio

L'inventario dei danni dovrebbe contenere le informazioni  sulla superficie del danno, la stima del legname abbattuto , il tipo di danno, se esteso, sparso o puntuale , le specie arboree interessate , la proporzione tra conifere e latifoglie, l'eventuale stima quantitativa del legname da lasciare in bosco, le condizioni di proprietà (quantità di legname colpito nel bosco pubblico e privato); danni a boschi di particolare interesse pubblico (boschi di protezione / riserve forestali).

Per pianificare e organizzare i lavori di ripristino
è raccomandabile conoscere se trattasi di alberi sospinti, sradicati o spezzati, se il contatto delle ceppaie al suolo è buono o scarso, una stima della ripartizione degli assortimenti, le possibilità di esbosco del legname attraverso sentieri o piste forestali, o la necessità di installare teleferiche o addirittura se necessario ricorrere all’elicottero.
Procedere poi alla stima delle utilizzazioni nel bosco di protezione e delle utilizzazioni con relative copertura dei costi. Indispensabile è anche capire se trattasi di un bosco acclive su substrato incoerente e quindi l'eventuale necessità di realizzare opere di protezione aggiuntive come paramassi, paraslavine o altri manufatti..

Per la commercializzazione del legname sarà necessario smerciare efficientemente grossi quantitativi di legname raccomandando, se necessario, anche un blocco del taglio boschi per un certo periodo o sostenere il deposito di legname irrorato per conservare la qualità del tondame, oppure favorire la vendita di legname tramite programmi d’impulso come ad esempio sgravi e regolamentazioni straordinarie per imposte e tasse.
O in aggiunta prevedere incentivi ad industrie produttrici di pellet (pellet a lunga conservazione/stoccaggio).

Anche la qualità del suolo, come elemento per la crescita delle piante e quindi come fattore di produzione, deve essere  preservata durante tutti i lavori.
Come conseguenza allo schianto degli alberi e delle eccessive piogge si ha un aumento della sensibilità alla compattazione del suolo, una riduzione della quantità di ossigeno e quindi una minor  capacità di radicamento delle nuove piantine.  

I terreni quindi dovrebbero essere attraversati con macchinari soltanto quando sono ben asciutti, con una portanza sufficiente. I movimenti dei veicoli dovrebbero avvenire unicamente sui sentieri d’esbosco.
Oltre a tutto ciò, a seguito della perdita della copertura boschiva, l’erosione sui pendii aumenta considerevolmente.

Per la progettazione ed il ripristino dei luoghi ci si deve affidare alla professionalità dei dottori agronomi e dei dottori forestali, che sanno cogliere e valorizzare anche la funzione paesaggistica svolta dai nostri boschi, la ricostituzione degli stessi avverrà facendo attenzione a scegliere le specie idonee senza tralasciare le interconnessioni con la fauna, la microfauna e l’avifauna.

L’intero ecosistema è stato sstravolto ed è necessario che il professionista incaricato al recupero dei luoghi abbia conoscenze ampie e ben consolidate. 
Professionisti coadiuvati anche dalla più recente tecnologia in grado di valutare velocemente i danni e comprendere le criticità specifiche dei luoghi.

Con la tecnologia dei droni, per esempio, è possibile rilevare con un'alta precisione mediante potenti telecamere o termocamere grandi superfici forestali, valutare la qualità del legname presente se spezzato, allettato, le caratteristiche del suolo, le ceppaie sradicate.
Con i lasescanner si  possono  rilevare, con altissima precisione, smottamenti e riportare in formato vettoriale dissesti che divengono cosi immediatamente quantificabili.

Emanuela Lombardi
Dottore Forestale
Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Brescia.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/08/2016 08:33:00
Disastro nel bosco La furia del vento del temporale di ieri mattina ha lasciato il segno in diversi punti della zona pedemontana. Particolarmente devastati i boschi del monte Tesio a Gavardo

09/11/2018 08:15:00
Bagolino: danni per sette milioni Cinquecento ettari di bosco raso al suolo, smottamenti, strade ancora chiuse... La città della montagna bresciana fa il conto dei danni subiti a causa del maltempo in soli due giorni


04/11/2018 11:36:00
L'apocalisse Come un bollettino di guerra. Una tragica ondata di maltempo ha flagellato l’Italia, con venti fortissimi e pioggia incessante, provocando un vero disastro

21/02/2012 16:35:00
Petrolio nel Lambro. E i colpevoli? Il disastro avvenne due anni fa e in questi giorni la Procura di Monza ha chiuso le indagini per disastro ecologico.

19/02/2014 09:35:00
Scaricano i canaloni, e riprende a nevicare Sembra non esserci fine all'ondata di maltempo che, unito a condizioni climatiche quasi primaverili, sta creando non pochi problemi a chi abita la montagna




Altre da Pertica Alta
09/11/2018

Non solo Bagolino

A subire pesantemente i danni del maltempo che si è scatenato una decina di giorni fa lungo la Valle, anche altri boschi e altre strade

01/11/2018

Fra Valsabbia e Alto Garda

Strade ancora chiuse, energia elettrica a macchia di leopardo, boschi distrutti. Bagolino è stato forse l'epicentro, ma il resto della Valle non sta moto meglio


29/10/2018

Scuole chiuse? Ecco quali

Ecco le scuole che siamo certi saranno chiuse questo martedì in Valle Sabbia. Per le altre non abbiamo ricevuto comunicazione alcuna

26/10/2018

«Mi piacerebbe, terminando, d'essere nella luce»

Lo spettacolo di Luciano Bertoli liberamente tratto dal “Pensiero alla Morte” di Papa Paolo VI andrà in scena per la rassegna “Altri Sguardi” domani – sabato 27 ottobre – a Pertica Alta


19/10/2018

Porte aperte in malga

Un’esperienza unica quella proposta per questa domenica, 21 ottobre, dalla Biblioteca di Pertica Alta con l’Azienda agricola “Malga Casine”. Protagoniste le attività della vita in malga 

11/10/2018

Cinque appuntamenti con «Altri Sguardi»

Da questo venerdì 12 ottobre sono aperte le prevendite per la rassegna teatrale Altri Sguardi, Teatro in Val Sabbia

10/10/2018

Skiroll Nozza-Belbrato, e sono 15

Sabato 13 ottobre l’appuntamento che fa da spartiacque fra l'attività estiva e quella invernale, organizzata quest’anno dai Comuni di Vestone e Pertica Alta con la collaborazione del Cai Sottosezione di Vestone e il patrocinio di tanti amici sponsor

05/10/2018

Dottoressa Beatrice

Complimenti a Beatrice Gabusi, di Belprato di Pertica Alta, neolaureata a pieni voti in Psicologia presso l'Università di Padova (1)

05/10/2018

A Barbaine per rinnovare gli ideali della Resistenza

Domenica a Livemmo di Pertica Alta l’annuale appuntamento per ricordare i Caduti della Brigata “Perlasca” delle Fiamme Verdi

09/09/2018

Formaggi valsabbini, spesso fra i primi

Ancora una volta i sapori valsabbini soddisfano i palati esigenti degli esperti e portano i loro produttori sul podio. E' successo alla Fiera di Orzinuovi




Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia