Skin ADV
Giovedì 14 Novembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Melograni

Melograni

by Kaiser



12.11.2019 Preseglie

12.11.2019 Vobarno

12.11.2019 Val del Chiese

13.11.2019

12.11.2019 Gavardo Salò Valsabbia Garda

12.11.2019 Garda

12.11.2019 Sabbio Chiese Valsabbia Val del Chiese Storo

13.11.2019 Valsabbia

13.11.2019

12.11.2019 Gavardo Valsabbia Garda






12 Novembre 2019, 10.15
Provincia
Produzione manifatturiera

L'economia bresciana rallenta

di Redazione
Nel periodo tra luglio e settembre, la variazione dell'attività produttiva dell'industria è pari a -0,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: si tratta del primo dato negativo dal terzo trimestre del 2013, dopo 23 rilevazioni consecutive con segno positivo

Nel periodo tra luglio e settembre 2019, la produzione industriale delle imprese manifatturiere bresciane segna un calo pari al -4,5% sul trimestre precedente (congiunturale); è negativa anche la variazione rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, pari al -0,9% (tendenziale).

Quest'ultimo dato risulta negativo per la prima volta dal terzo trimestre del 2013, dopo 23 rilevazioni consecutive positive. Risente del progressivo rallentamento della congiuntura nazionale e internazionale dovuto a molteplici fattori di incertezza: dalla guerra dei dazi, alle tensioni geopolitiche, al tormentato iter della Brexit.

È quanto emerge dalle indagini congiunturali dell'Ufficio Studi e Ricerche AIB e del Servizio Studi della Camera di Commercio con i risultati al terzo trimestre 2019.

"I risultati del trimestre estivo confermano le sensazioni negative sull'andamento dell'economia bresciana e, purtroppo, certificano la situazione di crisi e di fragilità dell'intero Sistema Paese - commenta Giuseppe Pasini, Presidente di AIB -. Rispetto al resto dell'Italia, tuttavia, il nord è fortemente esposto all'andamento delle esportazioni, e risente di quanto sta avvenendo a livello globale. Non solo il nodo tedesco, ma anche incertezze di lungo corso come il tema dei dazi tra Stati Uniti e Cina e la questione Brexit. E province come Brescia – che rappresenta il secondo cluster dell'automotive in Italia, dopo Torino – ne risentono maggiormente. In prospettiva sembra difficile ipotizzare un'inversione rapida di questa tendenza"

Le previsioni a breve termine sono leggermente negative: in particolare, risultano parzialmente condizionate dalla debolezza degli ordini interni, mentre gli ordini dall'estero mostrano segnali di maggiore vivacità.

Per l'artigianato manifatturiero - secondo il Servizio Studi della Camera di Commercio di Brescia - il terzo trimestre si chiude con un risultato positivo della produzione (+0,6%) che inverte la rotta rispetto al rallentamento dello scorso trimestre. Questo aumento congiunturale non è, tuttavia, accompagnato da variazioni dello stesso segno del fatturato e degli ordini che chiudono, invece, con riduzioni rispettivamente dello 0,7% e del 3,1%.

I dati tendenziali, ovvero il raffronto con lo stesso trimestre dello scorso anno, confermano i risultati congiunturali: la produzione segna un incremento dell'1,4%, il fatturato chiude con un calo del 2,1% e gli ordini registrano una flessione del 4,9%.

I risultati dei primi tre trimestri permettono di tracciare un quadro, seppur parziale, dell'andamento del comparto nel 2019. Nella media dei primi tre trimestri la produzione è cresciuta dello 0,4%, il fatturato è diminuito dello 0,8% e gli ordini hanno segnato un calo del 2,5%. Se confrontati con i corrispondenti valori del 2018 (media primi tre trimestri del 2018: produzione +2,5%; fatturato +4,4%; ordini +2,4%) si evidenzia un sensibile rallentamento del comparto manifatturiero artigiano.

 

I principali indicatori dell'industria:

§  Con riferimento ai settori, l'attività produttiva è diminuita significativamente nei comparti: metallurgico e siderurgico (-6,7%), meccanica tradizionale e costruzione di mezzi di trasporto (-5,9%), meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche (-4,9%), legno e mobili in legno (-4,7%). È diminuita con minore intensità nel tessile (-4,0%), carta e stampa (-4,0%), calzaturiero (-2,2%), agroalimentare e caseario (-1,8%), chimico, gomma, plastica (-1,4%), maglie e calze (-1,4%), abbigliamento (-0,6%). È aumentata solo nel comparto dei materiali da costruzione ed estrattive (+3,2%).

§  Le vendite sul mercato italiano sono diminuite per il 61% delle imprese, aumentate per il 4% e rimaste invariate per il 35%. Le vendite verso i Paesi comunitari sono calate per il 44% degli operatori, cresciute per il 6% e rimaste stabili per il 50%; quelle verso i Paesi extra UE sono diminuite per il 37%, aumentate per l'8% e rimaste invariate per il 55% del campione.

§  I costi di acquisto delle materie prime sono diminuiti per l'11% delle imprese, con un decremento medio dello 0,1%. I prezzi di vendita dei prodotti finiti sono calati per il 9% degli operatori, per una variazione media pari a -0,1%.

§  Le aspettative a breve termine appaiono leggermente negative. La produzione è prevista in diminuzione da 20 imprese su 100, stabile dal 62% e in crescita dal rimanente 18%.

§  Gli ordini provenienti dal mercato interno sono in aumento per il 22% degli operatori, stabili per il 55% e in calo per il 23%; quelli dai Paesi UE sono in crescita per il 20% degli operatori del campione, invariati per il 64% e in flessione per il 16%; quelli provenienti dai mercati extracomunitari sono in aumento per il 20% delle imprese, stabili per il 66% e in diminuzione per il 14%.


I principali indicatori dell'artigianato:


§   Il fatturato del comparto artigiano segna un nuovo e più intenso risultato tendenziale negativo (-2,1%) che consolida il percorso discendente iniziato a fine 2018. Dinamiche che appaiono ancora più evidenti dall'andamento dell'indice del fatturato che si colloca a 106,8 è cioè a notevole distanza dai livelli pre–crisi.

§  Gli ordini chiudono il trimestre con una dinamica tendenziale sensibilmente negativa per effetto del calo degli ordini interni (-5,1%) che rappresentano la componente più consistente. In calo anche gli ordini esteri (-3,2%).


§  I livelli di occupazione, al netto degli effetti stagionali, si mantengono in crescita (+0,8%) per il terzo trimestre consecutivo. Il ricorso alla Cassa integrazione guadagni è in aumento (4,2% la quota di imprese che ne ha fatto ricorso nel trimestre) rispetto al risultato del trimestre scorso (3,3%).

§  Le attese degli imprenditori per la fine dell'anno confermano il peggioramento del clima di fiducia con riferimento in particolare alla domanda interna, al fatturato e alla produzione. Pessimistiche restano anche le aspettative per la domanda estera, mentre sul fronte dell'occupazione prevale la quota di imprenditori che prevedono una sostanziale stabilità.
Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
03/05/2016 15:03:00
Bene la produzione industriale, meno l'artigianato I dati del primo trimestre 2016 dell'economia bresciana mettono in evidenza un ulteriore recupero della produzione industriale, mentre l’attività nell’artigianato manifatturiero subisce una battuta d’arresto

29/07/2016 14:30:00
Rallenta l'industria, segnali di ripresa per l'artigianato Nel secondo trimestre del 2016 l’attività produttiva delle imprese manifatturiere bresciane registra un nuovo incremento, anche se più fiacca rispetto ai trimestri precedenti. Segnali positivi dall'artigianato manufatturiero con fatturato e ordinativi in crescita

05/11/2018 15:16:00
Industria e artigianato, indebolita la ripresa È quanto emerge dai risultati al terzo trimestre 2018 delle indagini congiunturali dell’Ufficio Studi e Ricerche AIB e del Servizio Studi della Camera di Commercio

09/11/2017 11:30:00
Ancora in crescita l'industria e l'artigianato manifatturiero Ecco i risultati al terzo trimestre 2017 delle indagini congiunturali del Centro Studi AIB e del Servizio Studi della Camera di Commercio

24/04/2018 15:50:00
Continua la crescita nel terziario bresciano Ecco i risultati dell’Indagine congiunturale dell’Ufficio Studi e Ricerche AIB al primo trimestre 2018



Altre da Provincia
11/11/2019

In agenda c'è l'emergenza climatica

Nei giorni scorsi, a Palazzo del Broletto, la presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali della Provincia di Brescia Elena Zanotti e la consigliera Emanuela Lombardi hanno incontrato il prefetto dott. Attilio Visconti

08/11/2019

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia


08/11/2019

Al voto la mozione per possibili alternative

Il testo della mozione presentata da Marco Apostoli riguardo alla depurazione del Garda, rivisto, sarà votato nei prossimi giorni. Tutti d’accordo i gruppi consiliari, divisi invece forze politiche e amministratori locali


07/11/2019

Pmi Day «Industriamoci», le aziende aprono alla scuola

Saranno 91 le aziende partecipanti, che nelle giornate del 14, 15 e 16 novembre apriranno le loro porte ad oltre 3.500 studenti delle scuole bresciane per visite, incontri e progetti.

06/11/2019

Intred, + 21,3% nei primi nove mesi dell'anno

Prosegue nel migliore di modi la crescita di Intred, l’operatore di telecomunicazioni bresciano, dal 2018 quotato sul mercato Aim Italia di Borsa Italiana

02/11/2019

Ruote all'aria lungo la 45Bis

Spaventoso incidente quello che all’altezza del Bricoman di Rezzato ha coinvolto un’auto ed un pullman

01/11/2019

Roadshow «Piccola industria avanguardia di crescita»

L’evento, promosso da Confindustria Piccola Industria, Comitato regionale Piccola Industria Confindustria e Audi Italia, ha toccato i temi della sostenibilità, delle filiere, dell’evoluzione tecnologica e della trasformazione di prodotto

30/10/2019

Festa dei santi e dei morti

Esiste una vita dopo la morte? Cosa succede dopo la morte? Possiamo fare qualcosa per i nostri cari che ci hanno lasciato? Che senso ha la morte di un giovane? Se Dio è buono perché ci sono la malattia e la morte?

27/10/2019

In marcia per un mondo più pulito

Oggi a Brescia c’è la marcia per dire Basta Veleni. Sul terreno dei giardini pubblici a sud della città è vietato giocare. I bambini non possono buttarsi sull’erba, raccogliere fiori e foglie. Perché la terra è intrisa di diossine e di PCB, composti chimici altamente tossici. Un pericolo subdolo, che non si vede...

26/10/2019

Mobilità elettrica, via libera alle colonnine di ricarica

Per la provincia di Brescia in arrivo trenta installazioni di cui due in territorio valsabbino. Il consigliere regionale Floriano Massardi: “L’obiettivo è garantire maggiore copertura e incentivare l’uso dei veicoli elettrici”


Eventi

<<Novembre 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia