Skin ADV
Domenica 18 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    







16.02.2018 Salò Garda

16.02.2018 Valsabbia

17.02.2018 Casto

16.02.2018 Paitone Valsabbia

17.02.2018 Vestone

16.02.2018 Giudicarie

17.02.2018 Vobarno Vallio Terme Serle Paitone Valsabbia

16.02.2018 Idro Barghe Mura

16.02.2018 Giudicarie

17.02.2018 Storo






17 Febbraio 2018, 08.00
Vestone
L'intervista

Da Vestone a Berkeley

di Federica Ciampone
La pubblicazione sulla rivista Current Biology di una ricerca del vestonese Mauro Manassi, attualmente ricercatore e docente all’Università di Berkeley in California, è stata l’occasione per contattarlo e fargli qualche domanda sulla sua esperienza all’estero

Da Vestone a Berkeley, in California, passando per la svizzera Losanna. Queste le tappe del brillante percorso di Mauro Manassi, classe 1983, che dopo la laurea specialistica in Psicologia Clinica a Padova ha intrapreso un dottorato in Neuroscienze a Losanna, vincendo poi nel 2015 l’assegno di ricerca svizzero per giovani ricercatori che l’ha condotto a Berkeley.
 
In California Mauro ha continuato la sua formazione accademica post-dottorato nel Dipartimento di Psicologia dell’UC Berkeley, in cui attualmente fa ricerca e insegna.
 
Partiamo dalla tua ricerca, recentemente pubblicata su Current Biology. Che cosa riguarda? «Mi occupo di percezione visiva, in pratica di come il nostro cervello riesce a riconoscere il mondo intorno a noi. Nella mia pubblicazione in Current Biology ho analizzato tutte le più recenti pubblicazioni nel campo, evidenziando un interessante paradosso per il sistema visivo. In ogni momento il nostro cervello è in grado di elaborare un’enorme quantità di informazioni dall’ambiente circostante, come per esempio tutte le foglie di un albero, i visi in una folla o le lettere in un testo. Spesso noi siamo inconsapevoli di tutti questi dettagli perché il nostro cervello cerca di sopprimere tutte queste informazioni a discapito di una percezione d’insieme, come per esempio il fogliame di un albero, la direzione di una folla o il senso generale di un testo. Il paradosso è che, mentre noi siamo consapevoli soltanto in minima parte di quello che è intorno a noi, recenti risultati hanno mostrato che il nostro cervello non perde nessun tipo di informazione, ma mantiene tutte queste informazioni fino all’ultimo dettaglio, sopprimendole tramite una qualche forma di meccanismo».
 
E le applicazioni pratiche? «Sono numerose: si tratta di un campo che negli ultimi anni si sta rivelando sempre più importante. Per esempio, qui a Berkeley, molte compagnie come Uber e Apple stanno testando autovetture autonome, che posso guidare senza un conducente con l’ausilio di telecamere e intelligenza artificiale. E’ quindi importantissimo per queste compagnie sviluppare un software che possa riconoscere oggetti e persone in tempo reale e senza errori. 
 
Un’altra applicazione molto importante è nel campo della dislessia. I dislessici hanno un deficit nel riconoscere le singole lettere di una parola, ed è anche tramite questo deficit di riconoscimento che noi psicologi cerchiamo di svelare i meccanismi del nostro cervello.
Dato che sono uno psicologo clinico, inoltre, mi focalizzo anche sul lato clinico di certi disturbi, come la schizofrenia. Per esempio, al momento sto investigando come pazienti affetti da schizofrenia percepiscono il mondo intorno a noi».
Cosa ti ha spinto a lasciare l’Italia? «Per il tipo di lavoro che ho deciso di fare, fare un dottorato e post-dottorato in paesi stranieri sono condizioni indispensabili per una carriera accademica al giorno d’oggi. Invece di “cervello in fuga” parlerei piuttosto di “opportunità”. Ovviamente lasciare il proprio paese d’origine ha vantaggi e svantaggi, ma nell’ambito della ricerca il problema non è se partire o meno, ma è più il riuscire a tornare in Italia (o Europa) e vedere riconosciuti i propri meriti».
 
E la vita a Berkeley com’è? «Ci sono svantaggi e vantaggi. Da una parte per un europeo vivere qui e relazionarsi ad americani e asiatici è un vero e proprio shock culturale. Ho dovuto trasferirmi a 9000 km da casa per capire quanto io sia “europeo” e scoprire quante cose ho in comune con francesi e tedeschi. Dall'altra l’ambiente di lavoro è molto creativo, pieno di entusiasmo e voglia di fare. L’avere accanto grandi aziende come Google e Apple è una continua fonte di ispirazione e porta ad un continuo scambio di tecnologie e conoscenze».
 
In foto Mauro Manassi mentre tiene una lezione universitaria
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75244 - 17/02/2018 13:22:39 (Iva) Fantastico Mauro!!!!!!!!!!!
Bravissimo dalla Valsabbia alla Svizzera e poi California è un grande successo. Tua mamma, che sentiva tanto la tua mancanza, mi aveva già spiegato questa tua ascesa, ma per noi tutti è una grande soddisfazione.Cavalca l'onda anche se sei già in alto e ti faccio i miei migliori auguri di una buona prosecuzione.Grande Mauro. Ciaooo


ID75248 - 17/02/2018 19:31:50 (genpep)
vedere giovani Vestonesi aver successo sempre motivo di grande soddisfazione. complimenti



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
05/08/2015 08:00:00
Da Trieste a Istanbul in bicicletta È iniziata domenica l’avventura di due trentenni vestonesi, Alberto Manassi e Corrado Bontempi, lungo uno dei classici itinerari di cicloturismo attraverso i Balcani

20/08/2008 00:00:00
Racconti semiseri di una valsabbina oltremanica Pubblichiamo a puntate il diario che Valentina Gosetti, studentessa di Vobarno presso l’università di Oxford, ha accettato gentilmente di scrivere in esclusiva per noi, per raccontarci la sua esperienza in una delle università più prestigiose.

06/09/2012 10:04:00
4D Adamello In questi giorni Bagolino ospita un convegno internazionale organizzato dall'Università svizzera. La Valle del Caffaro è stata scelta per la sua particolare conformazione geologica.

06/09/2016 09:12:00
Doppia amichevole Italia-Svizzera Under 16 Si giocherà oggi e giovedì sul campo in erba del Centro Sportivo Comunale "Karol Wojtyla" di Gavardo il doppio incontro della nazionale azzurra Under 16 contro i pari categoria della Svizzera

05/06/2013 13:31:00
Per l'amico Mauro Panzera Mauro Panzera, il nostro Mauro, aveva l'aura dell'intellettuale. Fatto e finito. Per anni siamo stati colleghi. Stesse cattedre, stessi registri. Talvolta stessi alunni...



Altre da Vestone
17/02/2018

Scuola Long C'hi, campioni d'Italia

Ottimi risultati per l’associazione sportiva di arti marziali valsabbina conseguiti al Junior Italian Open, Campionato Italiano Giovanile di Brazilian Jiu Jitsu UIJJ svoltosi lo scorso weekend a Parma

15/02/2018

Verso il 4 marzo

Questo venerdì 16 febbraio a Vestone un incontro proposto dalla Commissione biblioteca con il prof. Claudio Martinelli su come funziona la nuova legge elettorale

13/02/2018

Buona la prima

Iniziata bene la prima giornata di ritorno del campionato per le giovanissime del Brescia calcio femminile dove milita la vestonese Alessandra Zanaglio (1)

13/02/2018

Ortopedia, visite anche a Salò e a Nozza

Si amplia l’attività ambulatoriale di ortopedia con visite e controlli anche presso i presidi territoriali per favorire la popolazione dell’Alto Garda e della Valle Sabbia

08/02/2018

Si ribalta in via Casimiro Bonomi

Spaventoso incidente nella stretta via che dalla piazza di Vestone passa dietro la ex Ave e sale verso Promo. Mamma e bimba di soli 4 mesi si ritrovano con le ruote per aria

08/02/2018

Dalla memoria della Shoah al ricordo delle Foibe

In occasione del Giorno del Ricordo domani, venerdì 9 febbraio, a Vestone andrà in scena l’evento teatrale “Il grimaldello della memoria” con Pino Casamassima e Bruno Noris

07/02/2018

«Me li devi tu»

Non contenta di quanto offerto dall’assicurazione, se la prende con l’automobilista che aveva firmato l’”amichevole”.  Arrestata (9)

07/02/2018

Un corso per i seguaci di Diana

Le lezioni cominceranno il 23 febbraio nella sede Fidc di Via Passerini a Nozza di Vestone un corso per aspiranti cacciatori (1)

07/02/2018

I primi trasporti in Valle Sabbia

Il servizio pubblico costituito dalla tranvia a vapore Tormini-Vobarno-Vestone-Idro, di quasi 28 km, fu aperto nel primo tratto il 30 novembre 1881...

06/02/2018

Buon vicinato con l'affido leggero

Una serata di testimonianze sull'affido diurno part-time organizzato dal Servizio minori e famiglie della Comunità Montana quella di lunedì sera all’oratorio di Vestone



Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia