Skin ADV
Giovedì 18 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


Cattedrale di Notre Dame

Cattedrale di Notre Dame

di Maria Rosa Marchesi



17.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

17.04.2019 Sabbio Chiese

16.04.2019 Valsabbia

18.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

16.04.2019 Vestone

17.04.2019

16.04.2019 Gavardo

16.04.2019 Odolo

17.04.2019 Bione

17.04.2019 Gavardo






05 Aprile 2019, 07.31
Val del Chiese
Gastronomia

50 anni di «carne salada»

di Gianpaolo Capelli
Nella “Busa”, come viene chiamata la piana di Riva, Arco e dintorni, la “carne salada”, la fa da padrona in tanti agritur e ristoranti come quello della famiglia Benini a Cologna di Tenno, viene proposta e degustata nelle feste popolari locali

Una delle trattorie storiche, la cui casata risale al 1663, che propone solamente il piatto della tradizione contadina della zona, alla sua maniera, è la trattoria “A Piè di Castello”, a Cologna di Tenno.
Si trova poco distante dalle “Cascate del Varone”, appena sopra sulla strada che porta al passo del Ballino.

Il bel borgo medioevale si affaccia come una balconata su Riva e dal bel vedere alla chiesa del paese, di San Zeno si gode di una vista meravigliosa sul Lago di Garda: la trattoria si trova proprio all'ingresso del paese, vicino alla piazza principale.

Salendo la scala tante stanzette in cascata, rivestite in legno massiccio, rendendo l'ambiente caldo e famigliare e accolgono il cliente.
Il nonno di Giorgio Benini aveva avviata la trattoria con “alloggio e stallo” fin dal 1900, infatti proprio lì sulla piazza si fermavano i carrettieri che salivano al Ballino a far riposare loro e i loro muli.
I trasporti a quei tempi erano lenti e uomini e cavalli su diversi tratti del loro percorso avevano le “poste”: luoghi dove riposare loro e gli animali.

Giorgio, che festeggia i 50 anni di attività, è stato per anni braccio destro di mamma Lisa, rimasta ai fornelli fino a 90 anni.
Ora collaborano con Giorgio la moglie Dolores, regina della torta di mele, su ricetta della nonna Lisa, le figlie Annalisa e Gabriella a cui il papà ha ceduto l'attività da poco, la cognata Flora, insuperabile cameriera che cura il servizio in sala, il cognato Tommaso, chef che ora cura la preparazione delle carni, tutte tassativamente lavorate nel loro laboratorio.

Il piatto che si va a degustare da Giorgio fa parte di un disciplinare ferreo, che per lui è diventato un imprimatur nella preparazione della carne salada.
Tommaso cura la sgrassatura e la messa “in concia” delle fese nostrane di bovino adulto: i pezzi di circa tre chili vengono messi ad insaporire con olio, alloro, sale e pepe e ingredienti segreti in recipienti di acciaio per circa 40 giorni. La carne pronta alla cottura viene tagliata in fettine, abbastanza sottili per la carne cotta, più sottili per quella cruda, viene prima battuta e poi picchiettata con il coltello su eventuali nervetti, per renderla più morbida e gustosa al palato.

La cottura avviene come da tradizione del nonno e della mamma Lisa su una grande stufa a legna artigianale, la cui piastra in ghisa di oltre 3 cm di spessore diffonde uniformemente il calore e scottata velocemente dalla giovane chef Gabriella.
Dopo aver preso un bel colore “striato dorato”, la carne viene sistemata nel piatto di portata, molto caldo, in modo che ai commensali arrivi bollente, come appena cotta.

Questo è il piatto forte della casa, con cui si sposano abbondanti porzioni di fagioli, che vengono cotti per ore, affogati nella loro “broda” (acqua di cottura), conditi con l'olio dop extra vergine del Garda prodotto dalla famiglia sulle colline di Tenno.
Non mancano i contorni di salumi nostrani e carne cruda, accompagnati dai sottaceti in agrodolce messi a dimora con una ricetta segreta del nonno di Giorgio.

“Dulcis in fundo” la torta di mele, anche questa cotta nel forno a legna da mamma Dolores.
Il tutto annaffiato con i vini della casa: schiavetta e merlot della tenuta “Le fontanelle”.

La clientela arriva da tutte le parti: oltre quella locale, sale dal Veneto, dal Mantovano e dal Bresciano.
Tre le linee guida che Giorgio Benini ha voluto seguire nei suoi tanti anni di attività: genuinita assoluta dei prodotti proposti, cortesia e disponibilità verso la clientela.
Giorgio scende tra i tavoli a salutare tutti e per ultimo proporre il suo menù a prezzi modici.

A fine dicembre dello scorso anno, Giorgio Benini è stato intervistato dal giornalista della Rai Stefano Cangemi per la trasmissione “RAI3  PERSONE”, special andato in onda a fine anno su Rai 3 dopo il telegiornale della domenica.
Anche alcune testate giornalistiche trentine hanno dato risalto all'importante traguardo raggiunto dal “Re della carne salada” Giorgio Bennini con la sua famiglia.

Gianpaolo Capelli

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID80249 - 05/04/2019 18:34:32 (PETER72) per chi non lo conosce...
da questo luogo si entra leccandosi i baffi e si esce con la panza strapiena, un mito!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/12/2018 09:00:00
La tradizione della «carne salada» Ben cinquant’anni di ristorazione per la famiglia Benini, che nel bel borgo medievale di Cologna di Trento conduce la storica trattoria “A Piè di Castello” proponendo il piatto tipico della tradizione contadina locale

10/04/2015 10:03:00
La polenta teragna è da rassegna Dopo i “Venerdè de magher”, i ristoranti di Serle propongono per i venerdì dal 10 aprile al 22 maggio “I teragnì del venerdé”

06/10/2017 17:00:00
Carne «green» per rilanciare i consumi Gli italiani, secondo la Coldiretti, sono sempre più attenti alla qualità e al valore ambientale della carne che mettono in tavola. Ne è la prova il calo degli acquisti, che verrà contrastato con la creazione di una filiera di carne totalmente ecosostenibile

07/12/2018 05:35:00
Provvista di carne per Natale Tornano per il Natale i «pacchi risparmio famiglia» da 10 e da 20 kg. Una proposta a prezzo calmierato di carne a «Kilometro Zero» dell’Azienda Agricola Vassalini di Preseglie

23/07/2016 14:55:00
La rata. Voci di contrada Viene presentato al pubblico ad ingresso libero venerdì 29 luglio alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio di Vallio Terme, l’ultimo volume di Luigi Agostini intitolato “La rata. Voci di contrada” edito da Fondazione Civiltà Bresciana nella collana “Gente bresciana”



Altre da In cucina
24/03/2019

Aurora Mottes e i bocconcini delle vette

Fra i finalisti del contest “Chef per una notte” anche la giovane blogger di Borgo Chiese da un anno trasferita a Riva del Garda

01/03/2019

Patrick Bertoni colleziona medaglie

Il giovane chef di Sabbio Chiese ha realizzato un prestigioso dessert che gli è valso, tra le altre ottenute nei mesi scorsi, una medaglia d’argento ai Campionati della Cucina Italiana


08/02/2019

Con Ambra Marca un altro successo culinario bagosso

Dal talent di Tv8, che ha confermato l’autenticità della cucina valsabbina, alle competizioni della Federazione Italiana Cuochi all’Expo di Riva del Garda

03/02/2019

Impegno e sacrificio

Del successo di Sara Scalvini al programma Cuochi d’Italia, abbiamo parlato col professor Stefano Pirrone. Che è stato uno dei suoi insegnanti all’Alberghiero Perlasca di Idro

02/02/2019

A tavola con Sara

Ha vinto il titolo di migliore chef di cucina regionale italiana. Sara Scalvini ha sbaragliato tutti i concorrenti portando ad una vastissima platea di spettatori non solo la sua arte culinaria, ma il nome di Bagolino e la sua antica conoscenza e pratica della elaborazione dei cibi (1)

02/02/2019

Sara Scalvini, orgoglio della Valle

Non ce n'è stato per nessuno. La cuoca valsabbina ha fatto sua anche la finale. Una vittoria della sua abilità, ma anche del territorio che ha saputo così ben rappresentare
(10)

30/01/2019

Sara Scalvini, e tre

La ristoratrice bagossa Sara Scalvini ha superato anche il terzo turno, sbaragliando la concorrenza del Lazio nel campionato regionale Cuochi d’Italia, trasmissione televisiva in onda su TV8 (2)

23/01/2019

Nuova vittoria per Sara Scalvini

Lo chef della Trattoria Al Viandante di Bagolino, alla trasmissione televisiva Cuochi d’Italia su TV8, ha sbaragliato anche la concorrenza campana. (10)

17/01/2019

Lombardia - Sicilia uno a zero

Bella e brava, lo chef bagosso Sara Scalvini ha surclassato il collega Peppe Aloisi che nella trasmissione “Cuochi d’Italia” rappresentava la Sicilia (2)

31/12/2018

Un bagòss di 10 anni

A Bagolino, stupenda terra di pregiato formaggio, la famiglia di Amerigo Salvadori ha celebrato  l’annuale rito del taglio di una forma di bagòss da loro prodotto, curato e stagionato per dieci anni, con attenzione e amore (1)

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia