Skin ADV
Martedì 25 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




24.07.2017 Idro Anfo

23.07.2017 Bagolino

23.07.2017 Valtenesi

24.07.2017 Valtenesi

24.07.2017 Serle

23.07.2017 Provincia

24.07.2017 Lavenone

23.07.2017 Casto Barghe

24.07.2017 Bione Bagolino

23.07.2017 Preseglie






24 Luglio 2017, 15.29
Vobarno Valsabbia
Lettere

«E parlarne prima?»

di Ernesto Cadenelli
Ho letto con molto stupore le argomentazioni sulle scelte di gestione dei rifiuti aperta dal sig. Liviano Bussi e i chiarimenti in risposta del dott. Silvio Lauro
 
Il primo gennaio 2018 è alle porte e francamente, dopo il mandato espresso da tutti i consigli comunali, ritengo fuori tempo massimo questa discussione.
Non perché non siano osservazioni sensate, semplicemente mi chiedo perché queste critiche non siano uscite prima (forse mi sono sfuggite) ed escono solo ora.

Ricordo che il gruppo consiliare di minoranza del Comune di Vobarno,  da questo foglio ma anche nelle riunioni del centro sinistra, aveva espresso l'orientamento di scelte più graduali, sistema misto soprattutto e proprio per il problema del conferimento dell'umido, che è il punto più critico del nuovo sistema porta a porta spinto. 

Anche la replica di Lauro è ancora ideologica
e non entra nel merito del piano e della sua gestione concreta, un inno alla raccolta porta a porta spinto. Eppure la sperimentazione di Vallio, sistema misto, era considerata positiva e gradita dalla popolazione locale.
E' pericoloso che il sistema sia letto come vessatorio dai cittadini, il rischio è la non adesione e i sacchetti abbandonati in giro come spesso capita anche in comuni vicini a noi.

Sono pochi gli amministratori che hanno studiato e approfondito il problema, delegando agli esperti e riservandosi di dare l'adesione. Della serie “speriamo che Dio ce la mandi buona”.

Il nostro gruppo ha espresso voto favorevole alla nuova scelta
, sulla base di una constatazione: se la maggioranza propone un radicale cambiamento del sistema di raccolta rifiuti è opportuna la collaborazione di tutti per la migliore riuscita del progetto. Ci siamo rimessi in tasca le nostre convinzioni e il nostro impegno sarà volto al positivo.

Detto questo ritengo però che alcune questioni siano ancora aperte e sia possibile uno sforzo di tutti per dare ad esse risposte positive e condivise. Nel dichiarare il voto favorevole abbiamo letto e fatto verbalizzare una dichiarazione riassuntiva di alcune preoccupazioni (probabilmente ce ne sono altre, il malloppo è di oltre 1000 pagine e non credo siano state lette tutte da tutti). 

Le indico per vedere se è possibile socializzarle e risolverle.

1°- Occorre definire la quantità di personale necessario per il normale svolgimento dell'attività. La certezza che tutto il personale, sia ex-Aprica che quello aggiuntivo, venga assunto regolarmente dalla nuova società. Non si può risparmiare a spese di chi lavora. Regimi contrattuali precari, avrebbero ricadute negative sulla qualità del servizio. Deve essere circoscritto al massimo l'impiego di forme di lavoro flessibile.

2°- Occorre sia definito con chiarezza il valore degli automezzi e di altre strutture che Aprica cederà alla nuova società, considerando anche il fatto che molti non saranno più idonei al nuovo sistema.
Occorre individuare con chiarezza le aree parcheggio e costi inerenti.

3°- Occorre precisare i costi del servizio (se in diminuzione o aumento) e conoscere le ipotesi concrete di economicità derivanti dalla vendita dei rifiuti differenziati. Il cittadino deve sapere se pagherà di più o di meno rispetto a oggi.

4° - C'è poi da migliorare l'assetto societario.
Il 95% alla Comunità Montana e solo il 5% ai Comuni è troppo sbilanciato a favore di CM che nei fatti diventa socio di stragrande maggioranza e rischia di far risultare residuale il peso della assemblea dei Sindaci. Sarebbe preferibile una più alta ripartizione delle quote a favore dei comuni, da definire anche in prospettiva.

Su questi pochi rilievi sarebbe opportuno un approfondimento da parte di ogni soggetto, e poi spingere per avere certezze che il nuovo sistema parte col piede giusto, col giusto rigore anche nel controllo della destinazione del differenziato per non incappare in situazioni di malaffare come la cronaca locale di questi giorni purtroppo ci documenta con l'intervento della magistratura.

Ernesto Cadenelli
consigliere comunale “INSIEME PER VOBARNO”
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/07/2017 16:57:00
«Altra società di Valle? No grazie» Forza Italia di Gavardo, per voce del coordinatore Liviano Bussi, dice "No" alle scelte approvate in Comunità montana per la gestione dei rifiuti e che entreranno in vigore a partire dal prossimo gennaio

18/07/2017 06:59:00
«Forza Italia contro Forza Italia» Gavardo in Movimento replica alla lettera scritta da Liviano Bussi nel ruolo di portavoce di Forza Italia per Gavardo, sulle scelte comunitarie in merito alla raccolta dei rifiuti

29/03/2014 07:16:00
Gavardo in Movimento: «Siamo l'arternativa» E' Silvio Lauro, per più di trent'anni dirigente in Regione Lombardia, il candidato sindaco per "Gavardo in Movimento", lista indipendente di sinistra


16/03/2007 00:00:00
Erogati contributi per più di 50 milioni Secondo i dati aggiornati alla data di ieri, la gestione commissariale per il sisma, coordinata dal dirigente della sede territoriale bresciana della Regione, Silvio Lauro, ha finora erogato contributi per un totale di 50 milioni e 92mila euro.

04/03/2016 07:37:00
La Valle Sabbia farà da sola E' partito l'iter che porterà gli amministratori valsabbini, riuniti nella Comunità montana, a gestire da protagonisti il servizio di raccolta dei rifiuti urbani




Altre da Lettere
18/07/2017

«Forza Italia contro Forza Italia»

Gavardo in Movimento replica alla lettera scritta da Liviano Bussi nel ruolo di portavoce di Forza Italia per Gavardo, sulle scelte comunitarie in merito alla raccolta dei rifiuti (9)

14/07/2017

«Per fugare ogni dubbio»

In merito all'articolo "La Memoria, fra gioie e dolori" da noi pubblicato nei giorni scorsi, ecco le risposte del direttore generale dell'ASSST del Garda Peter Assembergs. Lo ringraziamo per la puntualità, la competenza e la completezza  (1)

13/07/2017

«La situazione della scuola? Eccola»

Lettera aperta ai cittadini di Villanuova sul Clisi da parte del sindaco Zanardi, che intende chiarire quanto è accaduto all'interno delle scuole elementari del paese e far sapere come si sta rimediando

03/07/2017

Pacatezza e volontà di confronto civile

Guai a sottovalutare quanto accaduto all'hotel Eureka di Carpeneda. Non siamo di fronte ad una bravata isolata di qualche sbandato (31)

03/07/2017

La paura per la diversità

Carissimo direttore, Desidero condividere alcune riflessioni in merito alla questione dell’accoglienza dei rifugiati in Carpeneda di Vobarno...  (24)

08/06/2017

«L'Islam non ordina di uccidere»

Riceviamo e pubblichiamo una lunga lettera dell’Imam di Vobarno Ahmed El Balazi, a seguito della sua partecipazione alla trasmissione “Agorà”, di Rai Tre, per rispondere a diverse domande di spiegazione su ciò che dicono alcuni versetti del Corano (43)

05/06/2017

Scuola: il grazie del «prof»

Dopo  quasi quarantaquattro anni di servizio presso la Scuola Pubblica,  scanditi da circolari e impegni, è giunto per me il momento di iniziare un tempo misurato su ritmi più liberi e creativi: pensione (4)

03/06/2017

Fenomeno «Blue Whale», l'allarme dei Magistrati per i Minorenni

Con una lettera inviata ai media, agli Uffici scolastici territoriali e al Segretariato Oratori, l’Associazione Italiana Magistrati per i Minorenni mette in guardia sul pericolo emulazione, con un invito a discuterne anche durante le iniziative estive per i ragazzi, quali Grest, Campi scuola e Camp sportivi

30/05/2017

Gioco legale e gioco d'azzardo

Pubblichiamo volentieri un contributo di Eldea Ronchi sul tema del gioco d'azzardo con un raffronto con quello legale (4)

27/05/2017

Ad ogni promessa un rinvio

L'Aia, autorizzazione di impatto ambientale per lo stabilimento gavardese delle Fonderie Mora di Gavardo, è scaduta sei anni fa. Alcuni cittadini e imprenditori ci scrivono (2)

Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia