Skin ADV
Venerdì 03 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Lago d'Idro

Lago d'Idro

by mf



01.04.2020

02.04.2020 Vestone

01.04.2020 Gavardo Valsabbia

01.04.2020 Salò Garda

01.04.2020 Gavardo Valsabbia Garda

02.04.2020 Pertica Bassa

02.04.2020 Sabbio Chiese Valsabbia

02.04.2020 Valsabbia Provincia

01.04.2020 Gavardo Valsabbia Provincia

01.04.2020 Gavardo



03 Aprile 2020, 08.02
Sabbio Chiese
Lettere

I nostri eroi

di Leyla e Sofia
Cari professori, speriamo con questa lettera di farvi arrivare il nostro messaggio. in questo periodo in cui la nostra vita è cambiata improvvisamente una delle poche cose che possiamo fare è pensare...

Questo virus ci ha colto di sorpresa, ed è riuscito a dividerci tutti ma non completamente è entrato nelle nostre vite cambiando le nostre abitudini, mettendoci davanti a una realtà difficile da accettare.

Oggi corre l’anno 2020 e per fortuna la tecnologia fa parte della nostra società, grazie ad essa infatti la vita non si è fermata del tutto.
Dobbiamo però dire che è cambiata molto, i professori sono ritornati studenti, e in certi casi gli alunni sono diventati professori, i medici sono diventati guerrieri, gli ospedali campi di battaglia, le strade diventate deserti infiniti, le città si sono trasformate in luoghi bui e desolati, le famiglie finalmente riescono a stare tutte unite anche se spesso la paura le divide, e talvolta, la morte di un famigliare, le lascia svuotate.

Molto spesso gli adulti si lamentano della nostra “immaturità”  ma questo virus ci aiuta a dimostrare il contrario.
Con più consapevolezza, forse, stiamo rispettando le regole.
Le nostre parole in questo mondo sono piccola cosa, ma possono contribuire ad un cambiamento per l’umanità.

La realtà che stiamo vivendo ci fa sentire soli ma, dobbiamo restare uniti anche stando lontani, costretti a stare a casa tutto questo è molto più difficile; non possiamo rifugiarci tra le braccia dei nostri amici, non possiamo lamentarci dei nostri problemi con i professori o ancora non possiamo sfogarci praticando gli sport che più ci piacciono, tutte quelle cose che fisicamente ci fanno sentire al sicuro in momenti brutti ora ci sono vietate e questo di sicuro non piace a nessuno di noi, dobbiamo essere pazienti e stare distanti oggi per riabbracciarci più forte domani.

Vorremmo ringraziare i professori che oltre a combattere contro il virus stanno combattendo contro la tecnologia, cercando di capire come si gestisce una classe quando gli studenti sono un’icona sul computer, come attirare la loro attenzione quando ti stanno seguendo in pigiama dal letto oppure mangiando dei crackers.
Tutto questo è surreale anche per i professori che nonostante ai nostri occhi appaiano come supereroi della cultura hanno ancora molto da imparare.

Vogliamo ringraziarli anche perché stanno in tutti i modi cercando di aiutarci a continuare nei migliori dei modi questo breve tratto della nostra vita che è stato interrotto da un ostacolo.
Un grazie sincero a loro che in questo momento sono per noi come degli eroi, e che da sempre ci aiutano a rialzarci quando cadiamo.

Un grazie anche a tutto il personale delle istituzioni scolastiche che da dietro le quinte si adopera per rendere possibile la vicinanza nella lontananza facendo della tecnologia un alleato in questa “battaglia”.

Un ultimo grazie va a medici, infermieri e a tutto il personale sanitario che sono i veri “guerrieri” che si battono per salvarci.
In un batter d’occhio si sono ritrovati coinvolti in una “battaglia” dove non si sentono colpi di cannone bensì battiti di cuore che aumentano al pensiero di non poter intervenire in questa “guerra”.
Speriamo che tutto questo finisca molto presto cosi da poterci riabbracciare tutti quanti.

Ricordiamoci che l’unione fa la forza
, e che in fondo al tunnel c’è sempre la luce.
Sembra strano detto da noi ragazzi ma ci manca molto la scuola; solo ora, forse, ci rendiamo conto dell’importanza di un’escursione, di una mattinata passata sui banchi o di un semplice abbraccio che d’ora in poi durerà qualche secondo in più, secondi per pensare a chi un abbraccio non potrà darlo mai più. Solo quando ci manca qualcosa scopriamo la sua vera importanza.

Ricordiamo che a noi è stato chiesto di stare in casa, mentre ai nostri nonni è stato imposto di andare in guerra. Con una differenza: noi se usciamo di casa abbiamo la paura di prendere il virus, ma sappiamo di poter ritornare dalla nostra famiglia; loro invece avevano paura di non poterci più ritornare, a casa.
Ogni battaglia va combattuta insieme non dobbiamo scordarci però di ringraziare chi ci aiuta maggiormente a combattere facendoci sentire al sicuro.

Dobbiamo ritenerci fortunati perché al momento c’è chi la guerra la sta combattendo davvero a colpi di cannone, chi a causa di sbagli altrui non potrà più riavere la propria vita.
Non vediamo l’ora che tutto torni come prima di poterci riabbracciare  e continuare il percorso della nostra vita insieme.

In quel momento tutto sarà finito e la “guerra” sarà vinta.
#andràtuttobene  #stiamoacasa #rimaniamouniti
                                                      
Vi vogliamo bene,
Leyla, Sofia
(con il contributo di Hind e Alice)
(classe 3B – Istituto Comprensivo “A. Belli” di Sabbio Chiese)

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
30/10/2019 08:27:00
Festa dei santi e dei morti Esiste una vita dopo la morte? Cosa succede dopo la morte? Possiamo fare qualcosa per i nostri cari che ci hanno lasciato? Che senso ha la morte di un giovane? Se Dio è buono perché ci sono la malattia e la morte?

23/12/2012 10:08:00
Letto di Stelle Nerino Mora, acuto osservatore delle cose del mondo, ci ha mandato questa sua poesia come augurio natalizio. La condividiamo volentieri con voi, nostri cari lettori.

19/03/2020 06:48:00
Andrà tutto bene In questi giorni di coronavirus e di reclusione domestica è aumentato il tempo per pensare e quindi non possiamo esimerci dal proporvi una nostra riflessione...

13/07/2011 18:31:00
Io gioco, tu giochi, noi giochiamo.... Nella vita di tutti i giorni tra lavoro, impegni, cose da fare, viviamo di fretta e questo vivere di fretta spesso si riflette nei nostri rapporti.

21/11/2017 15:05:00
Lettera aperta al futuro anziano Al termine degli incontri dedicati alla terza età, tenuti a Villanuova sul Clisi con il titolo “Pensionati esperti di vita”, ci è stato trasmesso questo testo, frutto di quanto è stato condiviso. Un bel messaggio di positività



Altre da Lettere
02/04/2020

Le urgenze sono tante, serve gioco di squadra

Passano i giorni di questa quarantena forzata e si cominciano a vedere parecchie problematiche che emergono in tutta lo loro crudezza

02/04/2020

L'emergenza, l'Italia e l'Europa

Una riflessione sull’Italia e sugli italiani, sul loro modus operandi in questo periodo di emergenza sanitaria e sui possibili scenari futuri in rapporto all’Europa

01/04/2020

A spasso, una bianca e una nera

«In strada neanche un cane, a Vestone noi però abbiamo le pecore»

30/03/2020

«Servono soldi subito»

Leggiamo con preoccupazione del braccio di ferro in corso nelle varie Istituzioni europee, in particolare tra i paesi del nord Europa e del sud Europa, per le modalità e gli strumenti al fine di fronteggiare la crisi da coronavirus.

30/03/2020

Agnosine in lutto per Mirco

Caro Mirco, oggi Agnosine porta un velo di tristezza. Te ne sei andato in silenzio, in questa guerra atroce…

30/03/2020

Gli angeli delle Rsa

Una lettera di ringraziamento a chi ogni giorno si dà da fare fra le stanze e le corsie delle residenze per anziali. In particolare la Passerini di Nozza. Pubblichiamo volentieri


29/03/2020

Per Mirco

Le parole in queste circostanze rischiano di diventare retoriche, ma condividere un ricordo può aiutare ad accettare una perdita...

27/03/2020

L'uomo e il virus

Rinchiuso in casa da giorni penso a come tutto questo si stia evolvendo, alla nostra evoluzione, al cambiamento e al fatto che questa è la nostra era: l’era dell’uomo

26/03/2020

E ci sono anche le storie, non solo quelle tristi

Storie di solidarietà, di attezione all'altro, di ingegno e fantasia... Filippo Grumi, impegnato con Gaia a a fare la propia parte per rifornire l'ospedale di casa di ciò che ha bisogno, ce ne racconta un paio. Pubblichiamo volentieri


23/03/2020

«Tutti sotto la stessa bandiera nel nome dell'emergenza»

Vengo accusato di essere divisivo in un momento tanto importante, perché rifiuto la retorica del tricolore...

Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia