Skin ADV
Venerdì 17 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




16.08.2018 Roè Volciano

16.08.2018 Val del Chiese Storo

15.08.2018 Serle

17.08.2018 Idro Bagolino Anfo

16.08.2018 Bagolino Val del Chiese Storo

15.08.2018 Bagolino

15.08.2018 Valsabbia Provincia

15.08.2018 Sabbio Chiese Gavardo Odolo Serle

16.08.2018 Idro Treviso Bs Capovalle

16.08.2018 Garda



29 Luglio 2018, 08.27

Blog - Genitori e figli

Adolescenti e social

di Giuseppe Maiolo
I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente
 
Sono interrogativi che nascono dalla difficoltà degli adulti di capire come possano i ragazzi starsene per lunghe ore incatenati agli smartphone e chattare con gli amici, magari chiusi in una stanza o a poca distanza gli uni dagli altri.

Hanno sovente paura della dipendenza dai social e da internet, così insistono nel sostenere che l’unico modo per proteggerli, oltreché per farsi ubbidire, è quello di sottrarre loro i dispositivi e impedire che li usino.

È fuor di dubbio che sia necessario regolamentarne l’uso.
Tuttavia da sempre penso che non sia educativo esercitare la forza per far capire come bisogna rapportarsi con i nuovi strumenti della comunicazione, soprattutto ora che appartengono alla vita comune di tutti.

Di certo i “pollicini” o nativi digitali, che con i cellulari di nuova generazione hanno grande familiarità, sono quelli che fanno maggior uso della tecnologie di comunicazione e, per dirla tutta, ne sono talmente immersi che per loro rappresentano quasi l’unica modalità di interazione.
Togliere loro il PC e più ancora lo smartphone, anche se per un tempo limitato, è un’azione molto simile a quella che facciamo quando, per cambiarla, togliamo l’acqua dalla boccia dei pesci rossi!

Questo non vuol dire negare il fatto che vi siano adolescenti che hanno una relazione malata con la tecnologia. Ci sono eccome!
Significa però che dobbiamo comprendere cosa vuol dire per i ragazzi e le ragazze del terzo millennio comunicare e interagire.

In un tempo in cui gli spazi pubblici per gli adolescenti si sono notevolmente ridotti ed è mutato in modo significativo l’utilizzo dei luoghi di incontro, i social rappresentano il posto previlegiato dove i giovani possono incontrarsi e conoscersi, familiarizzare e confrontarsi.

Per gli adolescenti incontrarsi di persona è diventato difficile, i tempi per farlo sono ridotti, gli impegni scolastici e extrascolastici sempre maggiori e non di rado i genitori faticano a concedere loro spazi liberi da gestire autonomamente.

Molte volte ho sentito dire da ragazzi e ragazze della fatica che fanno a frequentare i loro amici durante il fine settimana e che l’unico modo che hanno per restare in contatto tra di loro è quello di chattare e comunicare sui social.
Perché in questa fase della vita è vitale soddisfare il bisogno di amicizia ed è importante allargare la cerchia ampliando i contatti e sviluppando nuove relazioni.

Si imparano i rapporti vivendoli e si cresce confrontando il proprio modo di essere con quello degli altri.
Ancora una volta è il grande valore del gruppo e la partecipazione ad esso che conta. 

La transizione, oggi difficile e lunga, dall’infanzia all’età adulta, è caratterizzata proprio dalla costruzione dell’identità che avviene attraverso lo sviluppo di rapporti amicali tra pari. Servono per capire come ci si inserisce nel mondo più ampio delle relazioni e avere un’idea di come funzionano gli affetti. Ovviamente è fondamentale che le relazioni si sviluppino nel mondo reale, ma in questo nostro tempo sono utili anche quelle virtuali che si coltivano sui social media.

Non demonizzarli può aiutare gli adolescenti a sviluppare con equilibrio la vita relazionale.
Solo se la frequentazione dei social sarà complementare e non sostituiva di altri rapporti, servirà a questa fase dello sviluppo.
In fondo gli stessi adolescenti sono i primi a sostenere che di gran lunga preferirebbero vedersi e conoscersi di persona.
Se dall’amicizia virtuale si passa, pur con le dovute attenzioni e precauzioni, a quella reale possiamo dire di aver contribuito alla loro crescita.  

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/10/2015 16:17:00
Comunicare in famiglia, come si fa? Venerdi 16 ottobre 2015 alle ore 20,45 presso l’Auditorium comunale di Roè Volciano, per il ciclo Genitori in FormAzione. interverrà Paola Scalari, psicosocioanalista di Venezia grande esperta di famiglia e di adolescenti. Pino Maiolo l'ha intervistata per noi


24/02/2016 08:40:00
Adolescenti e pornografia Il "nostro" Giuseppe Maiolo su questo argomento è intervenuto anche l'altro giorno a Rai Uno Mattina in famiglia. I dati per certi versi sconcertanti di una ricerca condotta da Telefono Azzurro


18/03/2014 10:01:00
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

29/03/2016 10:09:00
Adolescenti. Fragili supereroi Gli adolescenti vivono la fase della vita in cui avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni...

06/10/2014 11:45:00
Uno sconosciuto per casa Prenderanno il via questo giovedì 9 ottobre a Prevalle, nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte", tre serate rivolte ai genitori sui temi dell’adolescenza



Altre da Pillole di Psicologia
08/06/2018

Apertura estiva per San Bartolomeo

La chiesa e il complesso dell’ex monastero di San Pietro in Monte Orsino a Serle riapre domenica a visite guidate e iniziative culturali che si protrarranno per tutta l’estate

11/04/2018

Limbo virtuale

Un film dai mille messaggi profondi che sfortunatamente accomunano la nostra società, un opera cinematografica che è in grado di farci riflettere su tutto quello che al giorno d'oggi molte persone sono costrette a vivere

23/01/2018

Terza sconfitta consecutiva al tie break

In uno scontro diretto per la zona salvezza il Tecnoace non riesce a completare la rimonta e si arrende dopo due ore e cinque minuti di gioco al Bruzzano

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

04/03/2017

Paura della diversità e routine del pensiero

L’antropologo Ernesto De Martino diceva che “la routine è noiosa ma dà sicurezza, questa nostalgia dell’identico è molto difficile da modificare”. Insomma la tendenza è quella di "andare in cerca del simile", perchè ogni novità fa paura

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia