Skin ADV
Lunedì 21 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.01.2019 Vestone Casto

19.01.2019 Gavardo Villanuova s/C

20.01.2019 Gavardo

20.01.2019 Odolo Villanuova s/C Roè Volciano

19.01.2019 Vobarno Bagolino Pertica Alta Valsabbia

19.01.2019 Prevalle

20.01.2019 Val del Chiese Storo

21.01.2019 Valsabbia

20.01.2019 Storo

20.01.2019 Vestone






16 Gennaio 2019, 08.40

Terza pagina

Sentinella, a che punto è la notte?

di LoStraniero
“Dietro le nubi d’oro/ scende l’occiduo sol”
Così, da piccolo, recitavo cantando questi versi nel “Menestrello della morte”, una piccola opera lirica per ragazzi...

Era quell’ “occiduo” che mi turbava un po’ non conoscendone allora il significato.

Più tardi seppi che si tratta di un aggettivo che significa “occidentale” e che, a volte si usa anche come sostantivo per designare l’occidente cioè la parte di mondo dove il sole tramonta.

Il termine Occidente, (scritto con l’iniziale maiuscola) è però un’altra cosa.


Leggo da Internet:
“Come termine storico: l'Occidente, l'ambito definito dall'appartenenza alla civiltà e cultura europea, precisamente romano-germanica e cristiana, contrapposta a quella dei popoli del Medio ed Estremo Oriente; nel periodo della guerra fredda, i paesi a democrazia parlamentare e a economia liberistica in contrapposizione ai paesi comunisti dell'Europa orientale e dell'Asia e ai loro caratteri culturali, economici e sociali”.

Insomma, i termini occiduo, occidentale, occidente e Occidente e direi anche occaso, hanno un minimo comune multiplo che è “tramonto” o “Tramonto”, che in questo scritto può essere declinato come “il tramonto del Tramonto” o più chiaramente il “tramonto dell’Occidente”.

Ogni giorno si registrano accadimenti di varia natura che confermano che questa parte di mondo è afflitta da una crisi che sembra ormai irreversibile e che forse lo è davvero.

Eventi catastrofici,
in prevalenza imputabili direttamente all’uomo o provocati dal suo dissennato comportamento, allarmano e rattristano il mondo occidentale.

Femminicidi, omicidi di massa, suicidi, stupri di gruppo, bullismo diffuso, stragi nelle vie, nelle piazze, nelle scuole, nelle chiese, attentati, incendi devastanti, cicloni, tornado, frane, nubifragi, trombe d’aria, esondazione di corsi d’acqua, alluvioni di paesi e città, naufragi, crollo di ponti e di edifici, eccetera, eccetera, eccetera.

Il tutto con una frequenza tale che ci si domanda se questo non sia l’inizio della fine del mondo.
A fronte di questa catastrofica prospettiva vengono convocate riunioni, raduni, assemblee, conferenze, convegni, meeting di responsabili dei vari paesi.
Risultato? Un immenso cincischio.

Mi viene il sospetto che
i vari partecipanti, prima di intervenire a queste sceneggiate, abbiano forse frequentato qualche corso di apprendimento del perfetto cincischio.

Quali sono o possono essere le cause di queste sciagure?
Enumero un piccolo, non esaustivo, elenco.

Essiccamento delle virtù cristiane e loro graduale sostituzione con i vizi.

Oggi i vizi sono stati promossi al rango di virtù.
Così la superbia, l’avarizia, la lussuria, l’invidia, la gola, l’ira e l’accidia hanno preso il sopravvento sulla fede, sulla speranza e sulla carità, nonché sulla prudenza, sulla giustizia, sulla fortezza e sulla temperanza.

Questo fenomeno è molto preoccupante perché riguarda il tessuto profondo della struttura sociale.
Esso genera una proliferazione ossessiva ed opprimente di norme tendenti a regolamentare ogni comportamento della vita umana.

La proliferazione di provvedimenti legali e amministrativi provoca però la loro generale inosservanza con tutte le conseguenze negative sulla nostra vita di ogni giorno.

Aumento delle differenze sociali


I trend caratteristici del nostro tempo sono: pochi ricchi, molti poveri e pauroso assottigliamento del ceto medio che tende a sparire del tutto.

I sistemi fiscali non funzionano

Non riescono a tassare i ricchi, non possono tassare i poveri per mancanza di imponibile, allora, con una mostruosa intelligenza, tassano il ceto medio.

Gli occidentali non fanno figli a sufficienza

Questo è risaputo da tempo e le statistiche confermano continuamente la tendenza negativa.
Basterebbe solo questo punto per decretare inesorabilmente la definitiva decadenza del mondo occidentale.

Gli occidentali rivendicano sempre solo diritti, ma negligono sistematicamente i doveri.


Potrei continuare ulteriormente il triste elenco, ma non voglio infliggervi ulteriori tormenti.
Leggendo la Storia si scopre però che i nemici della nostra civiltà in effetti siamo noi.

I germi della disgregazione non provengono da fuori, ma sono generati all’interno e minano gradualmente tutte le strutture di base sulle quali si regge la società.

Dalle ceneri dell’Impero Romano, dopo una lunga notte, spuntò un’alba che scoperchiò solamente macerie.
Roma, che nei migliori anni dell’impero contava un milione di abitanti, negli anni successivi alla caduta finì per contarne solo ventimila.

In Occidente il sole è tramontato da tempo. Siamo in piena notte.
Però, da che mondo è mondo, dopo la notte spunta sempre l’alba.
Spunterà anche stavolta? 

Facciamo un salto all’indietro.
Vi porto alla fine dell’8° secolo a.C.
Siamo ai tempi di del profeta Isaia
Alleati dei Filistei, sconfitti da Sargon II, gli Edomiti subiscono a loro volta il gioco assiro.

Dal libro di Isaia riporto la Profezia contro Edom o Duma:

Mi si grida da Seir:
«Sentinella, a che punto è la notte?
Sentinella, a che punto è la notte?»
La sentinella risponde:
«Viene la mattina, e viene anche la notte.
Se volete interrogare, interrogate pure;
tornate un'altra volta»
. (Isaia 21,1-12)
Seir è l’antico nome di Edom.

In questo passo la sentinella risponde e praticamente rassicura che la notte passerà e che verrà il mattino.
Ma la notte dell’Occidente passerà?
Quanti patimenti si devono ancora sopportare?

Per avere un filino dell’ormai reietta speranza occorrerebbe un nuovo umanesimo.
Allora, nel buio della notte, aguzzo gli occhi verso oriente per scoprire qualche chiarore, anche tenue, anche lieve, qualche flebile segno, uno spiraglio, lo spiraglio dell’alba.

Ciò mi ricorda una poesia di Cesare Pavese.
Eccola
 In the morning you always come back
Lo spiraglio dell'alba
respira con la tua bocca
in fondo alle vie vuote.

Luce grigia i tuoi occhi,
dolci gocce dell'alba
sulle colline scure.

Il tuo passo e il tuo fiato
come il vento dell'alba
sommergono le case.

La città rabbrividisce,
odorano le pietre
sei la vita, il risveglio.

Stella sperduta
nella luce dell'alba,
cigolio della brezza,
tepore, respiro
è finita la notte.

Sei la luce e il mattino


Cari lettori senza il ritorno alla poesia non si potrà mai realizzare un nuovo umanesimo.

.LoStraniero

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID79216 - 16/01/2019 19:00:09 (delirio) Shomèr ma mi llailah
https://www.youtube.com/watch?v=EnULVmq_NE4



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/08/2013 08:26:00
Agosto: Abduzioni o abluzioni? Qualcuno in questi giorni d’agosto potrebbe obiettare che sarebbe meglio parlare di “abluzioni” invece che di “abduzioni”...

25/01/2017 07:28:00
Il più piccolo paese della provincia Il grande studioso di geografia economica, il cremonese Primo Lanzoni, descrive la sua “peregrinazione” sui monti sabbini sul quotidiano “La Provincia di Brescia” del 16/08/1898. Il quadretto che ne scaturisce è ancora per certi versi attuale

24/12/2014 09:39:00
«Da domani mi allaccio il casco, giuro» “Sì, indietro non si torna, cari ragazzi, e quando l’evento avrà incominciato a prendere forma, a nulla serviranno i buoni propositi o le imprecazioni, l’accaduto sarà “accaduto” e il “prima” sarà già diventato “dopo”. E noi, noi ci siamo ritrovati “altri"

17/04/2014 08:00:00
L'ultimo dei trovatori 3 di 3 Presi la via “Amor che move il sole e l’altre stelle”: un verso che mi emoziona sempre.
Pernottai più in basso in una specie di rifugio simile alla locanda della Malanotte di manzoniana memoria.

29/05/2017 06:40:00
Mamma e papàSono il Genio della Lampada!”, esclamo con voce baritonale, sotto il cielo stellato. “Allora fai venire qua la mia mamma e il mio papà!”, ribatte con enfasi il piccolo folletto di cinque anni, che ho rinominato “Duracell”, come le pile che non si scaricano mai… 




Altre da Terza Pagina
14/01/2019

Dal cartaceo al touch screen

È il processo di riattivazione culturale del patrimonio codicologico del MuSa all’interno del progetto “I graduali del Museo di Salò: un bene da riscoprire” 

11/01/2019

Corsi serali al «Perlasca»

Sono numerosi anche quest'anno i corsi serali di lingue straniere, barman, informatica e altro presso le due sedi di Idro e Vobarno proposti dall'IIS della Valle Sabbia


11/01/2019

Un anno con il Museo di Salò

Il 2018 è stato, per il MuSa, un anno ricco di novità, dalle collezioni permanenti – che hanno visto anche nuove acquisizioni – alle mostre temporanee, con interessanti convenzioni per i visitatori 

11/01/2019

Vent'anni senza Fabrizio De André

Oggi, 11 gennaio 2019, sono trascorsi esattamente venti lunghi anni da quando Fabrizio De Andrè è scomparso

10/01/2019

«Storie da suonatori»

È stato presentato a Bagolino il libro a cura di Daniele Richiedei, che racconta la tradizione musicale del carnevale di Bagolino e Ponte Caffaro 

09/01/2019

Stefania Zorzi a «Kunst zu Recht»

L’artista valsabbina parteciperà alla mostra internazionale d’arte contemporanea che inaugurerà giovedì 17 gennaio al Centro di Giustizia di Vienna 

08/01/2019

«Il lato opposto della pelle»

Il libro dell’autore valsabbino Luca Bonini, responsabile dei consultori familiari della Cooperativa Area, verrà presentato questo sabato, 12 gennaio, alla Libreria Tarantola di Brescia 

07/01/2019

Un cappuccio anti-avversità

Spesso i nomi nascondono storie antiche. Quella che segue è una di queste storie, emergenti dall’appellativo assegnato ad un’osteria di Bione Pieve
(53)

07/01/2019

Le prossime feste

Terminate le festività natalizie, uno sguardo al calendario 2019 per scoprire le prossime ricorrenze e festività e scovare eventuali ponti da sfruttare per brevi vacanze


07/01/2019

Da dove trae forza l'individualismo nella società

Fin da principio l’uomo desidera sapere per cosa accade ciò che l’esperienza gli mostra. Fin da subito quando scivoliamo su una buccia di banana ci chiediamo, perché è lì quella buccia, chi o cosa l’ha posta lì? (21)

Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia