Skin ADV
Mercoledì 17 Gennaio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


New York by night

New York by night

by Ale & Dan



15.01.2018 Vestone

16.01.2018 Gavardo

15.01.2018 Giudicarie Storo

15.01.2018 Vobarno Gavardo Villanuova s/C Roè Volciano

15.01.2018 Agnosine Anfo Mura Valsabbia

15.01.2018 Vestone

16.01.2018 Provaglio VS Serle Paitone Valsabbia

15.01.2018

16.01.2018

16.01.2018 Pertica Bassa Vestone Vobarno Bagolino Vallio Terme Valsabbia






13 Gennaio 2018, 06.38
Pertica Alta
Terza pagina

Il Carnevale di Livemmo

di Giuseppe Biati
Si parla già di Carnevale. Il professor Biati ci manda questa riflessione sulla tradizione a lui più cara, quella di Livemmo, che però abbraccia anche tutte le altre

Nelle comunità agricole, come la Pertica, dopo la specifica festa di S. Antonio abate, che termina generalmente con l’inizio della Quaresima, il gruppo abbandona  la norma, cioè il quotidiano, decretando un periodo di “caos”, di mondo alla rovescia, nel quale il buffone può diventare re e viceversa, invertendo così l’ordine sociale costituito.

Decade ogni tipo di gerarchia.
Attraverso il mascheramento, arriva il Carnevale: si esce dal quotidiano, ci si disfa del proprio ruolo sociale (soprattutto se basso) e, negando la propria identità a se stessi, si può diventare qualsiasi altro.
Ci si inoltra nel sovvertimento, nell’eccesso, nella lotta o rivalità tra entità e/o ceti diversi, quasi opposti: bene-male, bello-brutto, sacro-profano, maschio-femmina, contadino-allevatore, padrone –servo, ecc.

A Livemmo, nella Pertica, questa interpretazione della vita  raggiunge, nel suo Carnevale, momenti di controllato delirio nelle tre maschere fondamentali, (ma semplicistica ne è tale riduzione): la “vècia del val”, l’”omahì dal zerlo”, il “doppio”. 
Esse portano in campo, anzi in piazza, la ribellione ad uno “status” generazionale, a classi sociali rese chiuse, forse non istituzionalmente, ma da una endemica povertà e conseguente incapacità situazionale a risollevarsi, a condizioni servili umili – quale quella femminile – e di sottomissione totale.

L’uomo privilegiato, la donna asservita;
l’uno dedito alla vita sociale di ritrovo, l’altra rifugiata tra le pareti domestiche; il primo gestore del proprio patrimonio sia umano che pecuniario, la seconda dedita ai lavori dei campi, quelli più noiosi e trascurati dal maschio.

Da qui alla “ribellione” nei giorni carnevaleschi il passo è breve; poi si rientra ciclicamente nel silenzio, nel quasi tutto prestabilito e pattuito, come succede e succedeva in comunità ad economia chiusa, curtense (e non).

Accanto a queste tre maschere – date come fondamentali – pullulano una serie di personaggi della vita quotidiana, ciarliera e bigotta: la vecchia e il vecchio in chiacchierato e rinnovato amore, il contadino nei tradizionali abiti di grezzo fustagno, le vicende notturne di persone che pongono all’attenzione la vivace quotidianità arricchita di sotterfugi, gabbature, rivalse.

Presenza non meno scontata quella del diavolo, tutto rosso, cornuto e munito di forca.
A parte le leggende locali che ne dichiarano la sua nascosta presenza nei balli licenziosi, travestito da prestante giovanotto con i piedi caprini, accompagnato da avvenenti fanciulle, risulta essere il contraltare alla vita di ogni giorno, vita intrecciata di crudi risvolti lavorativi e di inesauribili espedienti per campare la giornata.

E così il carnevale, con tutto il suo gruppo di “comedie humaine”, si snoda, a suon di zufoli e di fisarmonica, di via in via, di piazzetta in piazzetta, raccogliendo, dopo il ballo, nella  momentanea frenesia, quanto la gente può offrire in termini di beni immediatamente fruibili: vino, formaggio, salame, denaro.
Il tutto deve servire ad alimentare la grande cena di carnevale, la sera, tutti in ebbrezza sfrenata e, naturalmente, tutti maschi, ormai svestiti dalle maschere della  multiforme rappresentazione.
Parlare di carnevale è parlare di maschere, le vere protagoniste dei carnevali tutti.

La “maschera” materialmente un manufatto
, di varia forma e di variegato colore, ha un valore simbolico funzionale ad esigenze individuali e sociali.
Appare, nell’uso che ne fa l’uomo, un modo ancestrale di esprimersi, di porsi, di comporsi, persino di “ri-conoscersi”.

Da vivo e, poi, un tempo almeno, anche da morto, prima della sepoltura.
Come le maschere funerarie utilizzate nella civiltà egizia e non solo avevano lo scopo di restituire ruolo pubblico, onore e qualità al defunto per il passaggio nell’aldilà, o di fissare e trattenere l’anima, anche le simboliche maschere carnevalesche fungono da amplificazione del carattere del personaggio rappresentato.
Fissità ed ieraticità sottolineano i tratti del personaggio, ed indossarla equivale ad identificarsi con questo.

Finisce, la maschera, di impersonare l’uomo stesso nel suo ruolo famigliare e sociale.
Ed è significativo come  la scuola psicanalitica adotterà il termine “persona” per indicare la “maschera” che l’individuo assume nelle sue relazioni con ciò che lo circonda.

In tal senso la “maschera”, pur frapponendosi come diaframma tra il volto (l’individuo) e gli altri, non nasconde, ma rivela aspetti della psiche e della personalità, magari tenute nascoste da chi la indossa.
Allora “maschere” e “persone”  coesistono nelle rappresentazioni carnevalesche come subliminali messaggi di vita.

Sono “persone” che ti attraversano con i loro artistici suoni (“per-sona” = attraverso i suoni), ti ammaliano e ti stregano.
Sono “maschere” che attraverso l’atavica “masca” (“masca” significa anche “strega”) hanno l’incanto della magia: una moderna stregoneria, diremmo oggi!

Alla fin fine appare che il Carnevale non è solo gioco di un affascinante sentiero etimologico, dove “maschera” e “persona” semanticamente coincidono, ma, andando ad “essere oltre”, una armoniosa espressione di un non troppo recondito volto dell’animo umano.

In questo senso non vi sarà un grande stacco tra la fantasmagorica messa in scena del martedì grasso e l’approssimarsi dell’incipiente e grigio mercoledì, quello delle Ceneri, “memento” per tutti di caducità e di fragilità.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/02/2017 14:40:00
Il Carnevale di Livemmo Avrà luogo nel pomeriggio di domenica 19 febbraio, quest'anno, il Carnevale di Livemmo. Sul quale pubblichiamo volentieri un contributo del professor Biati, profondo conoscitore dei luoghi e della loro storia

27/01/2008 00:00:00
Va in scena il Carnevale di Livemmo Oggi torna protagonista, in Valle Sabbia, il carnevale di Livemmo, una delle più interessanti manifestazioni popolari della montagna bresciana.

07/02/2010 22:05:00
Maschere, fra agricoltura e metallurgia Il carnevale di Livemmo è una delle più interessanti manifestazioni popolari valsabbine che hanno luogo in questo periodo dell'anno.

28/01/2016 14:30:00
Le maschere alla conquista di Livemmo Domenica il primo assaggio con la tradizione carnevalesca delle Pertiche e le tipiche maschere "doppie" dello storico Carnevale di Livemmo

04/02/2015 08:00:00
Le maschere alla conquista di Livemmo Sabato e domenica il primo assaggio con la tradizione con le tipiche maschere "doppie" dello storico Carnevale di Livemmo




Altre da Terza Pagina
12/01/2018

Utenti e prestiti in continua crescita

Continua la crescita costante degli utenti e dei prestiti della biblioteca civica di Salò: per la prima volta superati i 20.000 prestiti

11/01/2018

«Brescia sotto le bombe»

L'esposizione, che verrà allestita in città da ottobre a novembre, abbinerà alla ricerca storica la possibilità, per i cittadini, di partecipare condividendo con la comunità fotografie, filmati e reperti del quinquennio 1940-1945

10/01/2018

La preistoria di Vallio Terme

Nell’ultimo numero degli “Annali del Museo” di Gavardo anche la ricerca dedicata al sito di culto protostorico e romano di Oriolo, posto su un piccolo dosso lungo la strada che porta sul monte Ere di Vallio

10/01/2018

«Non occorre più andare in Svizzera per morire con dignità»

Marina Ripa di Meana prima di morire ha lasciato un video-messaggio in cui ha voluto avvertire tutte le persone malate e in condizioni di estrema sofferenza che... (5)

09/01/2018

Alla scoperta di stelle e costellazioni

Si apre con una serata dedicata alle stelle e ai pianeti la mostra itinerante “Cielo, che mostra!” ospitata dalla biblioteca comunale di Vallio Terme dal 10 al 20 gennaio

09/01/2018

La vera storia di Nedo Fiano protagonista della Memoria

Il racconto di storytelling “Il coraggio di vivere, la storia vera di Nedo Fiano”, di e con Emanuele Turelli, verso i 20 mila spettatori e la data numero 100 in nove stagioni di cartellone (1)

07/01/2018

Un grande successo per il Vittoriale

Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani, annuncia su Twitter che la casa – museo di D’Annunzio ha superato, nel 2017, quota 250mila visitatori

05/01/2018

Indignazioni (di plastica)

Indignazione è parola difficile, ma non desueta. Indignarsi è un dovere quando la situazione lo richiede. Un popolo che non sa farlo, finirà col diventare un manipolo di sudditi, e non più una società di cittadini (9)

05/01/2018

La notte della Stella

Stasera all’imbrunire risuoneranno per le contrade della Valle Sabbia i Canti della Stella, per annunciare l’arrivo dei Tre Re.

04/01/2018

Il meglio di Cannes a Vestone

Avrà inizio mercoledì 17 gennaio la rassegna «Mercole-di-Cannes», che per 5 mercoledì porterà i migliori film del 70° Festival di Cannes sullo schermo del Cinema di Vestone

Eventi

<<Gennaio 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia