Skin ADV
Sabato 25 Gennaio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Tramonto autunnale a Cimarest

Tramonto autunnale a Cimarest

di Roberta Zanoni



24.01.2020 Roè Volciano

23.01.2020 Valtenesi

23.01.2020 Val del Chiese

23.01.2020 Storo

23.01.2020 Bione

23.01.2020 Preseglie

24.01.2020 Valsabbia Garda Valtenesi

23.01.2020

24.01.2020 Villanuova s/C Valtenesi

24.01.2020 Val del Chiese






26 Settembre 2009, 10.47
Gavardo
Amministrazioni

Riguardo bipartisan per Garibaldi

di Ubaldo Vallini
Chi l'ha detto che la Lega Nord ha il dente avvelenato contro Garibaldi, reo di aver fatto tanto per unire l'Italia? I leghisti gavardesi vanno controcorrente
 
Una minoranza che fa proprie le linee progetturali della maggioranza arricchendole di proposte costruttive? E’ il sogno e l’auspicio di ogni amministratore, bravo quando sa cogliere l’occasione per valorizzare questa disponibilità.
Così è successo a Gavardo dove la minoranza di “Gavardo al Centro”, riferendosi al proposito di favorire il recupero del centro storico, ha indicato fra gli oggetti di interesse storico e monumentale anche il cippo che commemora il passaggio da quelle parti dell’eroe nazionale Giuseppe Garibaldi.
 
Una stele che sormontata da una fontana, marmoree memorie che versano davvero in cattive condizioni.
“Quel monumento rappresenta un biglietto da visita del nostro paese per i molti passanti che attraversano Gavardo – scrivono sulla loro mozione i consiglieri Maria Paola Pasini e Simonetta Tebaldini -. Chiediamo l’impegno di sindaco e giunta perché in previsione delle cerimonie per ricordare l’Unità d’Italia venga ripulito il manufatto e si rendano nuovamente leggibili le alate parole con cui i nostri antenati gavardesi celebrarono il passaggio dell’eroe dei due mondi”.
 
E la mozione passa, all’unanimità, nel Consiglio di giovedì scorso.
A favore anche i rappresentanti del Carroccio, elemento che ha stupito non poco le due promotrici dell’iniziativa: “Siamo riuscite a convertire all'unità d'Italia anche gli amici della Lega”.
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID1027 - 26/09/2009 11:21:00 (Matteo) Italia unita e xenofobia
Certo, è positivo che i leghisti accettino questa proposta... ma ormai per loro (ed evidentemente anche per l'amministrazione comunale di Gavardo, che - bontà sua - ha fatto una bandiera dei valori cristiani) il nemico numero uno sono tutti coloro che italiani non sono. Al punto che, dopo aver tolto le panchine da piazza Marconi, hanno pensato bene di rendere inutilizzabile anche l'ultimo punto della piazza in cui chiunque si poteva sedere senza obbligo di consumazione: delle splendide (...) fioriere in ferro sono comparse intorno all'albero davanti all'ingresso del Municipio, e se devo dire la mia mi hanno ricordato quegli spilloni che si mettono sui monumenti e sui cornicioni delle grandi città per impedire ai piccioni di posarsi... come dire: "impediamo a questi parassiti di sporcare il nostro sacro suolo"... ora sarà contento il nonnino (simpaticissimo e italianissimo!) che ogni mattina si sedeva sulle panchine, poi si era spostato sotto l'albero, e adesso dovrà forse portarsi una sedia da casa!


ID1028 - 26/09/2009 17:32:00 (peneleo) Ma quale xenofobia
A me l'idea piace e molto. Ricordo che il Sindaco di Padova (esponente di riguardo del Partito Democratico e non il solito fascista di centro destra) ha fatto togliere da buona parte del centro storico della sua citta ogni panchina e ogni arredo per evitare, causa la maleducazione e non causa il razzismo, che la gente (bianca o nera che sia) utilizzasse l'arredo urbano, più che per sedersi per vociare sotto le finestre di chi abita e lavora giorno e notte, senza un minimo di attenzione al tono della voce. E proprio delle lamentele circa gli schiamazzi e il disturbo notturni si è fatta portavoce anche la lista di sinistra della signora Pasini che di certo non è xenofoba e leghista!! Quindi piantiamola con la solita e facile accusa di razzismo a chi interviene decisamente per rendere più vivibile un centro storico degradato dove le buona educazione e le regole di civiltà sono assai fuori moda. Avanti così, era ora!


ID1029 - 26/09/2009 23:12:00 (Matteo) E' proprio questo il punto!
Esatto! Quando provvedimenti come questi vengono da una compagine politica che ha impostato gran parte della campagna elettorale su certi argomenti, al grido di "Nessuno straniero in piazza la sera", allora almeno il dubbio è lecito, no? Tra l'altro personalmente nutro forti perplessità sull'utilità di combattere il degrado di un centro aumentando il numero di parcheggi o eliminando i punti di aggregazione, e questo anche se l'idea venisse da "Gavardo al Centro" (che, come dice anche il nome, è evidentemente una lista di sinistra...)


ID1030 - 27/09/2009 08:19:00 (peneleo) Siamo alle solite!
Io non so quale programma il Sig. Matteo abbia letto e a quale campagna elettorale abbia partecipato, ma io non ho trovato una sola parola esagerata e non ho sentito alcun grido nel programma di questo sindaco e la sintesi che ne da Matteo è farina ideologica del suo sacco. Come sempre però quando le idee o le scelte vengono dai soliti soloni e dai soliti "politicamente corretti" allora sono più o meno da discutere, mentre quando vengono dalla lega o dalla destra, devono essere solo xenofobe e balle varie. Se vogliamo discutiamo nel merito e circa l'efficacia, ma lasciamo perdere la solita accusa di razzismo che è solo un modo per porre ideologicamente il problema. Non mi pare che chi ha governato - certamente non lega e pdl - il paese negli ultimi dieci anni abbia saputo creare questa oasi di aggregazione, anzi la situazione è ben peggiorata. Prima di giudicare, lasciamo almeno il tempo a chi governa di provare strade diverse, senza il solito perbenismo benpensante che non risolve proprio nulla.


ID1031 - 27/09/2009 08:56:36 (assenzio) A peneleo
Se vogliamo discutere nel merito e circa l'efficacia, tralasciando le solite accuse di razzismo, mi pare che si fa piu alla svelta a mandare via tutti quelli che ci danno fastidio, far finta di non vederli, nasconderli o ammazzarli (a scelta in base alle incazzature di ciascuno). Dici di voler discutere, ma sulla base di che cosa. Senza porre ideologicamente il problema. Senza il solito perbenismo benpensante. Ma che vuol dire.


ID1034 - 27/09/2009 20:42:00 (peneleo) Ad Assenzio
Il centro storico è degradato. Sporcizia, vicoli usati come gabinetti, disturbo sino a tarda notte, traffico disordinato e rumoroso, gente spesso alticcia e, non dimentichiamolo, tre omicidi in pochi anni legati alla realtà dello spaccio. Via vai di materassi e di gente ad ogni ora della notte per il mercato nero del posto letto, e qualche serio segnale di sfruttamento della prostituzione. Questo è il nostro centro storico! Certo, tante persone lavorano nelle nostre fabbriche e hanno tutto il diritto di vivere la loro vita, ma tanti, troppi, sono senza alcuna occupazione e vivono di espedienti quando non trattasi di vero crimine. Se si giunge ad uccide per droga vuol dire che il traffico è florido, non crede? Chi ha governato sino a ieri (diciamo il centro - sinistra) non è riuscito a ridare vivibilità, sicurezza e piacevolezza al centro storico. Io penso che nessuno, neppure questo sindaco, si metta a buttare gente nel fiume, e voglio sperare che ciò che non si è riusciti a fare ieri possa essere fatto oggi e domani. Fra cinque anni tireremo le somme: il passato lo abbiamo visto e giudicato, il futuro lo speriamo migliore, per tutti i gavardesi. E in tutto questo non mi pare si possa parlare di razzismo e xenofobia. Non crede?


ID1035 - 28/09/2009 00:11:04 (assenzio)
Questo è parlar chiaro, peneleo. Apprezzo e... staremo a vedere se cambia qualche cosa e e soprattutto se cambia in meglio.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/07/2016 11:28:00
Sulla strada di Garibaldi Doppio appuntamento a Storo con la storia e in particolare con Giuseppe Garibaldi a 150 anni (1866) dal suo passaggio in Valle del Chiese

30/10/2007 00:00:00
Garibaldi raccontato dai suoi contemporanei Secondo appuntamento dedicato a Garibaldi, nel bicentenario della nascita, quello proposto per stasera presso la Biblioteca di Vobarno, con la presentazione del libro «Qui si fa l’Italia» di Roberto Maggi.

16/01/2019 10:00:00
Floriano Massardi commissario della Lega Nominato dal segretario provinciale Bertagna, Massardi assume la guida dei leghisti gavardesi dopo la decadenza del precedente direttivo 

13/07/2016 13:27:00
Il Garibaldi di Casa Donati Verrà inaugurata questo mercoledì sera a Darzo un'epigrafe che ricorda quando Garibaldi qui fissò il suo quartier generale, dopo la battaglia di Monte Suello, per la prima volta in terra trentina


06/04/2011 17:00:00
Wanted Garibaldi Venerdì sera a Odolo il doppio appuntamento con la presentazione del libro “Il garibaldino nella foto” e con lo spettacolo “Wanted Garibaldi”.



Altre da Gavardo
24/01/2020

Al via il Cineforum Cai

Questo venerdì sera la prima serata della rassegna ideata dal Cai di Gavardo con il film “Road 47”, appuntamento nell’ambito dei Giorni della Memoria

22/01/2020

Mozioni consegnate al Prefetto

I primi cittadini di Gavardo, Muscoline, Prevalle e Montichiari hanno consegnato le mozioni approvate da numerosi consigli comunali dell’asta del Chiese contro il progetto dei due maxi depuratori e lanciano un invito ai colleghi del Garda


22/01/2020

La speranza. E con quella la vita

Nel dare risposta a bisogni primari c'è anche un'Italia che funziona, quella che grazie alla solidarietà e alle Istituzioni è capace in pochi mesi di strappare un essere umano da un'esistenza di miseria, per ridargli la dignità che merita. E' successo a Gavardo


21/01/2020

Alberto è tornato a casa

E noi siamo andati a trovarlo in negozio, curiosi di sentirlo dal vivo. Abbiamo anche registrato un pezzo del dialogo. VIDEO
Dossier Alberto alla Dakar


21/01/2020

La lunga ricostruzione di Gavardo

Questo il tema della conferenza che la giornalista Maria Paola Pasini terrà questo giovedì, 23 gennaio, per la rassegna dedicata ai Giorni della Memoria. Ad aprire la kermesse ieri – lunedì 20 – Alberto Veneziani con il suo monologo teatrale


20/01/2020

Visita alla mostra Divina Creatura

La Biblioteca comunale di Gavardo in occasione del mese di marzo dedicato alle donne ha organizzato una visita guidata alla mostra di Palazzo Martinengo a Brescia

20/01/2020

Impegno culturale

Quanto spendono i comuni valsabbini in attività e strutture culturali? Openpolis ha rielaborato i dati ufficiali del Ministero dell'Interno

19/01/2020

Ecomuseo del Botticino, la linea guida è la passione

Quella per il territorio, per l’arte e per l’ambiente. Per i prossimi tre anni il progetto “Appassionarsi” darà voce ai ricordi e ai racconti della comunità, valorizzando la cultura locale e costruendo una memoria collettiva


18/01/2020

Gavardo ricorda il bombardamento

Nel 75° anniversario della strage, che coincide con i Giorni della Memoria, l’Amministrazione comunale gavardese organizza una serie di iniziative per ricordare quel 29 gennaio 1945, una data che ha segnato indelebilmente la storia del paese


18/01/2020

Volontari in missione dai bimbi Saharawi

La settimana scorsa un gruppo di volontari di Rio de Oro Gavardo Onlus e Fondazione SIPEC è partito per la prima missione del 2020 nei campi profughi del deserto del Sahara. Obiettivo il monitoraggio dei progetti avviati




 
Eventi

<<Gennaio 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia