05 Ottobre 2009, 06.12
Bagolino
Incidente

Morto dopo un volo di 400 metri

di Ubaldo Vallini

E' stata ricomposta nella camera mortuaria dell'ospedale di Gavardo, la salma dello sfortunato motociclista bergamasco che ieri ha perso la vita a Bagolino

 
“Me lo sono visto venire dritto addosso e ho avuto la netta sensazione che non stesse guardando dalla mia parte, tanto che mi sono messo a gridare attento, ma cosa fai, spostati. Eppure io credo di aver avuto il tempo persino di fermarmi, sennò come avrei fatto a restare in piedi. Quando poi sono riuscito a girarmi ho visto solo la sua moto in terra. Lui non c’era più”.
 
Altri testimoni diretti non ce ne sono stati, per l’incidente moto contro moto che ieri mattina è costato la vita ad un trentacinquenne di Zogno, comune bergamasco della bassa Val Brembana.
Lo sfortunato motociclista un punto peggiore per finire fuori strada non poteva trovarlo, lungo la Provinciale 669 che da località Sant’Antonio di Anfo sale verso Bagolino: dopo essere stato sbalzato di sella, infatti, ha superato in volo un muretto alto una sessantina di centimetri ed è piombato in un canalone che precipita per quattrocento metri prima, di incontrare l’alveo del torrente Caffaro.
Sbalzato da una roccia all’altra, l’uomo l’ha percorso tutto quanto e c’è voluta più di un’ora e mezza solo per riuscire ad individuarlo, ormai privo di vita sul greto del torrente.
 
L'ultima uscita in moto
Mancavano pochi minuti alle 10 di quella che sarebbe stata l’ultima uscita domenicale della stagione, invece lo è stata per sempre.
In sella alla sua potente naked, un KTM 990 praticamente nuova, in compagnia di un paio di amici sulle rispettive motociclette, Giovanni Astori aveva da una manciata di chilometri lasciato la 237 del Caffaro per infilare la Provinciale che sale verso Crocedomini.
L’intenzione del gruppo di motociclisti bergamaschi era quella di raggiungere la Valle Camonica. Abbandonata la vista del lago, quando dall’altra parte del vallone si intravede l’abitato di Riccomassimo, la strada disegna una serie di curve e controcurve alternate a brevi rettilinei: uno spasso in motocicletta.

Quella curva che inganna
Fino a quella svolta lunga a sinistra che anticipa una curvetta secca a destra. La dinamica esatta dell’incidente è al vaglio della Stradale, che è intervenuta sul posto con una pattuglia da Salò, ma ci sono pochi dubbi su come sia potuto accadere: lì, se non la conosci, la strada ti trae in inganno perché ti sembra di avere un’ottima visibilità su chi scende dall’altra parte, ma non è così, non sempre.
Non lo sai, ma se tagli la curva per anticipare quella successiva, come viene naturale, lo fai praticamente al buio e ci sono solo pochi metri per correggere la traiettoria.
 
Nel caso di ieri, la KTM si è trovata faccia a faccia con la Bmw GS 1200 sulla quale un motociclista 48enne di Pisogne stava scendendo verso l’Eridio. Giovanni Astori forse aveva l’occhio sul contagiri, oppure controllava una spia, non lo sapremo mai.
Fatto sta che i freni li ha utilizzati solo dopo aver urtato la Bmw, quando ha dovuto raddrizzare la moto di colpo, troppo tardi per riuscire a finire la svolta. Così è finito a terra.
Mentre la sua moto è andata a sbattere contro il muretto ed è rimbalzata in mezzo alla strada, lui è finito di sotto.
 
Praticamente illeso l'altro
Per il motociclista di Pisogne solo una ferita all’anulare sinistro, schiacciato dal paramani andato in frantumi come un paio di fari: se fosse stato colpito solo una spanna più in là le conseguenze sarebbero state anche per lui ben diverse.
Ai soccorritori arrivati sul posto con l’ambulanza e con l’elicottero subito è stato chiaro che sarebbe stato assai difficile prestare soccorso al centauro finito di sotto.
 
Così è stato chiesto l’aiuto degli esperti del Soccorso Alpino della valle Sabbia, che sono intervenuti insieme ai colleghi del vicino Trentino, oltre ai Vigili del Fuoco da Bagolino e da Vestone.
Vane le ricerche con le calate dall’altro. Fino a quando, poco prima di mezzogiorno, il corpo del motociclista è stato individuato dall’eliambulanza scesa a dare un’occhiata in fondo al canalone ed il medico di bordo ha potuto constatarne il decesso.
Per il recupero del corpo, il Soccorso Alpino ha lavorato ore: alle 15 e 30 sono riusciti ad issarlo con un elicottero tipo "Lama", col verricello baricentrico e quindi più adatto a lavorare in quelle condizioni. Solo allora la salma ha potuto essere traslata nella camera mortuaria dell’ospedale di Gavardo.


Aggiungi commento:
Vedi anche
04/10/2009 18:41

Mortale a Bagolino E' successo questa mattina alle 10 e solo alle 15 e 30, con l'aiuto di un elicottero, stato possibile recuperare la salma di un motociclista che ha perso la vita cadendo in un canalone.

13/06/2015 13:45

Mortale a Bagolino Stava scendendo lungo la provinciale numero 669, in prossimità di Ponte Prada, quando sull'asfalto viscido ha perso il controllo della motocicletta. E' caduto ed è morto
Aggiornamento ore 15:45

02/09/2014 17:27

Scontro mortale contro un'auto Incidente mortale oggi pomeriggio a Salò sulla strada Panoramica che da Campoverde sale a Cunettone. Nulla da fare per un centauro di Manerba del Garda

23/03/2013 01:37

Mortale a Vobarno C' l'ombra di un pirata all'origine dell'incidente che ha causato la morte di un 66enne di Botticino Mattina, schiantatosi ieri sera alle 23 lungo la tangenziale nei pressi dello svincolo per Pompegnino

14/06/2015 06:00

Era un motociclista esperto Cesare Zennaro, il motociclista morto per incidente ieri a Bagolino, stava partecipando alla "20.000 Pieghe" e faceva parte dello staff di venti giornalisti al seguito della manifestazione.
• VallesabbianewsTV



Altre da Bagolino
07/08/2020

Arte e cultura a San Giacomo

Domenica pomeriggio presso la chiesetta e il borgo di Ponte Caffaro una mostra d’arte di pittura, scultura e fotografica e momenti dedicati alla storia locale

06/08/2020

Sul lago il Covid sta lasciando il segno

Non mancano le proposte per un turismo consapevole sul lago d'Idro e in Valle Sabbia. Mancano però un bel po' di turisti

04/08/2020

Una ciclopedonale per l'Eridio

Un tracciato sicuro per ciclisti e pedoni per girare attorno al lago. Un progetto ormai storico e futuristico insieme, che con gran fatica comincia a prendere corpo

03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Chitarra, violino e anche una viola per San Rocco in Musica

Strepitoso anche il concerto del Duo Piercarlo Sacco e Andrea Dieci andato in scena sabato a Bagolino, terzo appuntamento della rassegna estiva

02/08/2020

La prova della prova per il coro di Bagolino

Dopo il lungo periodo di astinenza canora, il Coro di Bagolino si è ritrovato per le prove di canto nella Chiesa di San Rocco, ma solo dopo aver effettuato una prova della prova vera all'aperto, per verificare quanto i cinque mesi di sospensione dell'attività corale avessero inciso sulla padronanza della voce
•VIDEO


30/07/2020

Piercarlo Sacco e Andrea Dieci interpretano Piazzolla

Questo sabato sera nella chiesa parrocchiale di Bagolino il terzo concerto di San Rocco in Musica con i classici del grande musicista argentino e l’ultima produzione tanguera influenzata dalla musica contemporanea

29/07/2020

Alla scoperta della Valle Sabbia

Per iniziativa dell’Agenzia territoriale per il turismo della Valle Sabbia e del Lago d’Idro, sono state effettuate la scorsa settimana le riprese di Cremona1 Tv per quattro nuove puntate dedicate alla nostra valle

27/07/2020

A solo, col basso e con un violino fuori programma

La presenza di Paolo Bonomini a "San Rocco in Musica" attribuisce alla rassegna musicale di Bagolino un notevole credito qualitativo, ponendola tra le proposte musicali più interessanti della provincia

27/07/2020

Solo la celebrazione religiosa per San Giacomo

La ricorrenza del santo protettore di viandanti e pellegrini, a cui è dedicata la chiesetta vista lago di Ponte Caffaro, ha visto solo la celebrazione della messa e non la tradizionale sagra