02 Novembre 2009, 14.02
Pertica Bassa
Antichi mestieri

L'autunno dei carbonai

di Giancarlo Marchesi

Autunno, tempo di rientro al paese per i carbonai che nei mesi primaverili ed estivi vivevano in baite di fortuna in mezzo al bosco.

 
«Fino agli anni Cinquanta del secolo scorso - ci racconta Battista Butturini - i cacciatori che in questa stagione si addentravano nei boschi per seguire la selvaggina potevano incontrare lungo il loro percorso gli ultimi carbonai, che si accingevano a lasciare i loro ripari di fortuna (“baite”) per rientrare in paese, dopo lunghi mesi d’assenza».
Butturini, classe 1935, nativo di Ono Degno di Pertica Bassa, ha ben vivo questo ricordo, perché proviene da una famiglia di carbonai e lui stesso, prima di trovare impiego in fabbrica, si era dedicato fin da bambino all’arte di trasformare la legna in carbone.
 
Era un lavoro duro, quello del carbonaio, fatto di fatica, impegno, passione e solitudine.
«All’aprirsi della primavera, durante il periodo pasquale, - prosegue Butturini - le famiglie dei carbonai prendevano la via della montagna. Gli uomini, le donne, i ragazzi erano accompagnati in questo viaggio nel bosco da capre, galline, che garantivano loro latte e uova».
 
«Dopo aver allestito la «baita», una piccola costruzione rettangolare realizzata con spesse ramaglie e cortecce, che li avrebbe ospitati fino ad autunno inoltrato, per settimane tagliavano il bosco e preparavano la legna: tutti avevano il loro compito anche i bambini, che ben presto imparavano a sfrondare i tronchi».
«Successivamente individuavano uno spiazzo (“aial”) sul quale edificare la carbonaia (“poiat”).
 
Questa piazzola doveva avere particolari caratteristiche: essere esposta al sole, al riparo dal vento e non doveva presentare avvallamenti, per facilitare la costruzione della catasta di legna da carbonizzare».
«Ogni settimana – continua Butturini – la mia famiglia realizzava dai 3 ai 4 “poiat” che una volta accesi dovevano essere sorvegliati continuamente, senza alcuna interruzione. La nostra giornata lavorativa andava “dalle stelle alle stelle”, perché la catasta, una volta accesa, doveva cuocere lentamente senza bruciare: se la legna prendeva fuoco era una tragedia, perché eravamo pagati in base alla quantità di carbone prodotto e non in relazione alle ore di lavoro effettuate».
 
Nei boschi delle Pertiche, di Idro e Treviso Bresciano, l’attività di carbonizzazione era ripetuta per lunghi mesi sino all’autunno, quando i carbonai e le loro famiglie calavano in paese per trascorrervi l’inverno, pronti a tornare nel bosco allo sciogliersi delle nevi.
 
 
Giancarlo Marchesi
 
. nella foto: carbonai a Bione
 
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
27/07/2016 13:48

A malga Alpo un omaggio ai carbonai La tradizione del pojat sarà rivissuta domenica a malga Alpo, sopra Bondone, per l’annuale Festa dei carbonai, l’antico mestiere un tempo molto praticato dai bondonesi

01/08/2016 09:16

L'arte del pojat Anche personale del Muse e ricercatori dell’Università di Trento ieri a Malga Alpo per la Festa del carbonaio per un lavoro di ricerca sui vecchi carbonér

14/09/2019 08:00

«Da Bondù a Biù», storia di una carbonera È quella di Maddalena Cimarolli, che con il marito Andrea nel 1959 si trasferì da Bondone, dove facevano i carbonai, a Bione, in Valle Sabbia

12/09/2018 09:45

Il duro mestiere dei carbonai Un lavoro estremamente faticoso, svolto dalla maggior parte della popolazione di Bondone fino agli anni Settanta. A cura di Gianpaolo Capelli, un excursus storico sulla vita dei "carboner"

24/07/2019 07:22

I 25 anni della Festa del Carbonaio Era il 23 luglio 1995 quando a Malga Alpo, nel comune di Bondone (1470 metri) si tenne la prima edizione. Il ricordo dei carbonai di Bondone si rinnoverà questa domenica, 28 luglio



Altre da Pertica Bassa
05/08/2020

Fondi per le strade agro-silvo-pastorali

Dalla Regione oltre 500 mila euro per le strade agro-silvo-pastorali della Valsabbia e dalla Val Trompia

01/08/2020

Punto dalle vespe

Soccorso alpino in azione ai Fienili di Po per soccorrere un 31enne aggredito da alcuni insetti. Lieve, per fortuna, lo shock anafilattico

25/07/2020

Punto da un insetto a Po

Un uomo di 51 anni è stato soccorso sulle pendici della Corna Blacca. Sul posto medico e Soccorso alpino con l’elicottero partito da Milano

20/07/2020

Pertica Bassa, primi fra i colpiti, ma primi Covid-free

In rapporto alla popolazione il piccolo paese risulta fra i più colpiti dalla pandemia in Valsabbia, ma è stato fra i primi ad uscirne bene

17/07/2020

Nonna Albina fa 90

Tanti auguri a nonna Albina, di Forno d'Ono di Pertica Bassa, che giovedì 16 luglio ha compiuto 90 anni

17/07/2020

Centri estivi alle Pertiche

Si svolgeranno in varie sedi ma con un’unica organizzazione affidata alle parrocchie con il contributo delle amministrazioni comunali e il coinvolgimento di ragazzi maggiorenni come animatori e di genitori volontari

23/06/2020

Simone e la maggiore età

Tanti auguri a Simone Bacchetti di Forno d'Ono di Pertica Bassa che proprio oggi, martedì 23 giugno, compie 18 anni

03/06/2020

I primi tredici di Matteo

Tanti auguri a Matteo Dusi di Fondo D'Ono, Pertica Bassa, che ieri, martedì 2 giugno, festa della Repubblica, ha compiuto tredici splendidi anni

30/05/2020

Grave dopo il volo nel Degnone

Grave incidente quello occorso ad un milanese di 51 anni che in sella alla sua Triumph stava scendendo lungo la Provinciale 55 fra Forno d’Ono e Vestone

30/04/2020

Giro del Monte Zovo e Sunset Bike rinviate al 2021

Anche due dei principali eventi sportivi organizzati dalla Polisportiva Pertica Bassa fra maggio e giugno sono stati annullati e rinviati al prossimo anno