Skin ADV
Sabato 30 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Orchidea maggiore

Orchidea maggiore

by rabisbar



28.05.2020 Agnosine Odolo

28.05.2020 Agnosine Odolo

28.05.2020 Val del Chiese

28.05.2020 Vobarno Gavardo Serle

28.05.2020 Gavardo Valsabbia Garda Provincia

29.05.2020 Muscoline

29.05.2020 Vestone Mura Valsabbia

28.05.2020 Gavardo Valsabbia Garda Provincia

28.05.2020 Valsabbia Garda Valtenesi

28.05.2020 Serle



28 Marzo 2007, 00.00
Valsabbia - C
Strade ferrate

Da Brescia a Vestone: ferrovia o tram? /2

di Sergio Re
Oggi pubblichiamo il secondo di tre capitoli che costituiscono una sintesi degli eventi che portarono la nostra provincia a possedere una strada ferrata, che arrivò poi anche a Idro.
Oggi pubblichiamo il secondo di tre capitoli che costituiscono una sintesi degli eventi che portarono la nostra provincia a possedere una strada ferrata, che arrivò poi anche a Idro.
Riguarda soprattutto le discussioni che sorsero quando si decise di dotare di "guidovia" anche il centro della cittĂ .


2. La battaglia municipale, cavallo di Troia della cittĂ .
La richiesta avanzata dalle due compagnie che avevano l’appalto dei trasporti provinciali di stendere a sud – fuori dal baluardo delle mura venete ancora esistenti lungo il perimetro della cittĂ  – un reticolo di binari per l’interconnessione delle reti tranviarie appena realizzate, offrì alla municipalitĂ  cittadina l’occasione per riprendersi quella centralitĂ  nell’ambito provinciale che in antico regime non le era mai venuta meno. Il responso del Municipio fu immediatamente favorevole, ma subordinato alla condizione di far entrare il tram nel centro della cittĂ . Anzi, secondo un primo progetto piuttosto miope a onor del vero, tutta la rete avrebbe dovuto far capo ad uno Chalet da costruire in Piazza Duomo dove, oltre alla funzione di biglietteria, si sarebbe dovuto accentrare il coordinamento dell’intero traffico merci e passeggeri.

La questione non era di poco conto. Le vie cittadine erano anguste, fatte su misura per un traffico limitato a piccole carrozze trainate da cavalli, ma le due concessionarie non avevano intenzione di scontentare la municipalitĂ , dalla quale si aspettavano la concessione per la posa della nuova rete di raccordo. Entrambe si limitarono quindi ad avanzare timidamente remore tecniche, suggerendo di spostare il centro di coordinamento presso la stazione ferroviaria, da dove poteva partire un omni-bus trainato da cavalli, per servire il centro cittadino. Le autoritĂ  però s’impuntarono e vennero allora redatti alcuni progetti dettagliati, seguendo diverse vie di accesso e secondo diverse soluzioni tecniche. Ma il programma restava arduo sia che si trattasse di tram a cavalli, sia che si puntasse sulla piĂą avveniristica, ma per molti aspetti disagevole trazione a vapore, contro la quale deponevano le anguste vie cittadine, i ridotti raggi di curvatura dei binari da posare nelle svolte e soprattutto l’eccessiva velocitĂ  di servizio delle vetture.

Su queste basi i consigli comunali che si susseguirono tumultuosamente divennero infuocati, tra progressisti e conservatori si venne alle ingiurie (un vezzo democratico – come si vede – praticato da lungo tempo), furono scambiate accuse di ignoranza, di incompetenza e di oscurantismo. Insomma nessuno voleva cedere e si arrivò a proporre l’improponibile. I fautori della trazione meccanica, abbarbicati al loro obiettivo, proposero addirittura di far avanzare le vetture a passo d’uomo e di farle precedere da un guardiano incaricato di richiamare l’attenzione della popolazione. La soluzione evidentemente non avrebbe fatto onore agli ingenti investimenti del tram a vapore, mortificato in sede operativa da una velocitĂ  che si poteva ottenere con spese molto minori.

Dopo alcuni mesi di litigi, il Consiglio Comunale arrivò ad un accomodamento e – ripreso l’originale progetto della ditta concessionaria – votò (16 voti contro 6) la realizzazione di una guidovia a cavalli per il collegamento della stazione ferroviaria con Piazza Duomo. Il servizio incominciò regolarmente il 2 giugno del 1882, con sedici corse giornaliere distribuite tra le 6 e 30 del mattino e le 19 e 30. Partendo dalla stazione ferroviaria la vettura trainata da un solo cavallo attraversava (i nomi delle vie sono ovviamente quelli odierni) Piazzale Roma, Corso Martiri della LibertĂ , Corso Palestro, Corso Zanardelli, Via Mazzini e Via Cardinal Querini, per giungere al capolinea in Piazza Duomo e quindi ritornare alla stazione lungo lo stesso percorso.
I punti dolenti del servizio erano però due: il costo del biglietto (15 centesimi in prima classe e 10 in seconda), che praticamente escludeva dall’utilizzo le classi popolari, e la ridottissima velocitĂ  (20 minuti per l’andata e 20 per il ritorno). Il servizio risultò insomma deludente, gli entusiasmi si smorzarono rapidamente tanto che le entrate non coprivano nemmeno le spese di gestione.

La societĂ  concessionaria chiese allora di sopprimere il tratto tra il Teatro Grande e Piazza Duomo, dove la salita del Dosso faceva veramente sudare il cavallo e la stretta curva di accesso alla piazza creava continui problemi al servizio. Ma ne approfittò contemporaneamente per caldeggiare il suo progetto originale, riproponendo di prolungare la linea dal Teatro Grande fino a Porta Venezia, realizzando così finalmente la saldatura con la sua linea Vobarno/Salò. Contemporaneamente suggerì l’opportunitĂ  di realizzare un nuovo collegamento tra Canton Stoppini e l’attuale Piazza Garibaldi.
Il consiglio Comunale finalmente si convinse della ragionevolezza di questo progetto e giĂ  il 4 novembre dello stesso anno la nuova linea entrava in servizio mentre, nel gennaio del 1883, venne realizzato il collegamento tra Piazza Garibaldi e Borgo San Giovanni.

A questo punto la cittĂ  si poteva dir servita egregiamente da due linee; la prima collegava la stazione ferroviaria con Porta Venezia e la seconda raccordava Porta Venezia con Borgo San Giovanni fuori dalla Porta Milanese. Unico nodo irrisolto, per difficoltĂ  oggettive a districare il servizio nel dedalo di viuzze a nord della cittĂ , era quello di Porta Trento – dove si trovava il capolinea della tratta verso Gardone Valtrompia – che restava isolato da tutto il resto della rete cittadina.
Come si chiamarono le due linee? Con numeri o lettere, 1 e 2 o A e B? NĂ© l’uno, nĂ© l’altro, perchĂ© l’alto tasso di analfabetismo aveva consigliato (come le metropolitane moderne!) di distinguere le due tratte con i colori: un disco rosso per le vetture che coprivano la tratta Stazione – Porta Venezia e un disco verde per quelle che raccordavano Porta Venezia con Borgo San Giovanni.

(Continua)
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/03/2007 00:00:00
Da Brescia a Vestone: ferrovia o tram? /1 Iniziamo con oggi a pubblicare il primo di tre capitoli che costituiscono una sintesi degli eventi che portarono la nostra provincia a possedere una strada ferrata, che arrivò poi anche a Idro.
30/03/2007 00:00:00
Da Brescia a Vestone: ferrovia o tram? /3 Ed eccoci al terzo e ultimo capitolo in cui abbiamo suddiviso la sintesi degli eventi che portarono la nostra provincia a possedere una strada ferrata, che finalmente arrivò anche a Idro.

10/06/2014 14:24:00
Il regalo di compleanno I ricordi sono esili, quelli di un primo viaggio in tram, per un regalo di compleanno ambito...

08/10/2009 10:01:00
Col Cai alla Ferrata degli Alpini SarĂ  la Ferrata degli Alpini al Medale, in provincia di Lecco, per domenica prossima, la meta di soci Cai di Vestone e dei loro simpatizzanti

07/05/2014 14:00:00
La ferrata Sasse sul lago d'Idro La seconda gita stagionale di domenica prossima del Cai di Vestone è alla ferrata a sviluppo orizzontale lunga la sponda orientale dell’Eridio



Altre da Valsabbia
30/05/2020

L'ultimo giorno del condottiero

Davide Donati ha lasciato ieri quella che può essere considerata “la sua creatura”, almeno per come si presenta oggi, la Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Glielo impongono le condizioni di salute

29/05/2020

Maniglie antibatteriche Dnd: da toccare con mano, sempre

La ricerca applicata alle nanotecnologie, col coinvolgimento del mondo universitario, permette all’azienda valsabbina di rendere sicuro l’antico gesto quotidiano di impugnare una maniglia

29/05/2020

Tre bandi sociali

Sono stati pubblicati dall’Ambito Distrettuale 12 di Valle Sabbia tre bandi sociali per vita indipendente, a sostegno della disabilitĂ  e per il mantenimento dell’alloggio in affitto

29/05/2020

In arrivo i primi fondi del post emergenza

Il 30% dei 66,7 milioni di euro stanziati nel decreto Rilancio è in arrivo in questi giorni nelle casse degli enti locali bresciani per far fronte alle spese connesse ai servizi pubblici essenziali


28/05/2020

Egato ed Acque Bresciane associazione oscurantista?

In merito alla tenuta o meno della condotta sublacuale e alle ipotesi di soluzione prospettate, intervengono congiuntamente anche Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia - Comitato Gaia – Comitato Visano respira – Acqua e Aria pulite- Futuro Ambiente Lombardia

28/05/2020

Verona accelera, «entro dicembre il via ai lavori»

Dopo l'ultima ispezione della sublacuale Toscolano – Torri l'Ato di Verona sollecita Brescia a rispettare gli impegni presi. Comaglio: “Pressione inaccettabile, si valutino opzioni alternative”

28/05/2020

Condotte soggette a corrosione, si valuta la dismissione

L'ultima ispezione dell'Ato ha evidenziato numerose concrezioni batteriche nelle tubature sublacuali, che a lungo andare potrebbero portare a perforazioni nelle condotte. Lunedì il tavolo tecnico con il Ministero per fare il punto sulla situazione


27/05/2020

Caccia, il Consiglio approva la nuova legge regionale

Approvata la nuova legge regionale che ha introdotto la contestata norma dell’obbligo sia per le guardie venatorie, che per i cacciatori, di indossare un abbigliamento ad alta visibilitĂ 

27/05/2020

«Il centro di Gavardo, di qua e di là dal fiume»

Questo il tema di “FotografiAMO Gavardo”, il primo concorso fotografico promosso dall’Assessorato alla Cultura per scoprire e conoscere il paese con sguardi sempre nuovi


26/05/2020

«Una dote rara: saper ascoltare»

Per me un fulmine a ciel sereno: Davide Donati, direttore generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, ha rassegnato le sue dimissioni!

Eventi

<<Maggio 2020>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia