20 Maggio 2010, 11.00
Idro Bagolino Anfo Lavenone
Lettere

Chi rema e come attorno al lago.

«Se passa il ricorso contro l'accordo la galleria si fa lo stesso e l'escursione torna a 3 metri e 25».

 
Caro Direttore,

ritorno alle questioni del nostro Lago entrando in quei dettagli tecnici che avevo rimandato a ulteriori sviluppi del dibattito.
Come ben sai oltre agli inviti ripetuti per un pronunciamento delle parti, soprattutto rivolti al sindaco del comune di Idro, si è inserita una richiesta specifica dell’ex sindaco di Anfo Gianfranco Seccamani inerente il chiarimento sul futuro dei cosiddetti livelli di escursione delle acque.
La questione è estremamente delicata perché trattasi di materia abbastanza complessa.

Saltando alcuni passaggi per brevità, ma elencando i momenti fondamentali, si può dire che fino allo scadere nel 1987 della concessione in carico alla SLI (Società del Lago d’Idro), l’escursione era posta tra le quote 363 m s.l.m. (minima) e 370 m s.l.m. (massima), pertanto di ben 7 metri (dicasi 7 metri per chi non si ricordasse bene). In seguito su richiesta di comuni e C.M.V. si parlò di nuove regole di gestione che favorissero la salvaguardia del lago con escursioni sperimentali dai 2,5 ai 3,5 m, sperimentazione che durò dal 1992 al 2002.
Nel marzo 2002 vennero fissate le nuove regole che prevedevano un’escursione di 3,25 m a fronte di un nuovo livello massimo di regolazione indicato in 369,25 m s.l.m., questo per evitare precauzionalmente allagamenti conseguenti a piene.
L’importanza del regolamento del 2002, oltre alle cose citate, sta comunque nel recepimento ed inserimento del deflusso minimo vitale del fiume Chiese, come previsto dalle nuove norme sulla tutela delle acque.
Contestualmente, in seguito al movimento della paleofrana e alle indagini regionali relative, il Registro Italiano Dighe, nel luglio 2003 fissa (in via provvisoria) la quota massima di regolazione a 367 m s.l.m., che diventeranno 368,50 m in seguito al piano di emergenza predisposto dalla Provincia di Brescia.
Il resto è noto, cioè con l’Accordo dell’agosto 2008 si è fissata un’escursione di 1,30 m riferendosi alla quota massima 368,50 del R.I.D. e alla quota minima di 367,20 m riferita alla soglia fissa della traversa (367 m s.l.m.), per garantire il deflusso minimo vitale.

Ora, facendo un passo indietro per chiarezza, il 19 maggio 2008 l’avvocato Mellaia deposita due ricorsi al Tar del Lazio e al Tribunale Superiore delle Acque di Roma contro il decreto di Bernardo De Bernardinis, commissario all’emergenza idrica dell’Italia Settentrionale, che propone di utilizzare la galleria Mori Torbole (Adige Garda) per regolare i livelli del lago di Garda; in pratica il tunnel scolmatore concepito ad uso esclusivo di grandi piene dell’Adige, secondo questa ipotesi verrebbe utilizzato anche per scopi di sfruttamento delle acque.
Per analogia il ricorso, dato che nella sua formulazione estende l’impugnativa ad ogni atto procedimentale connesso e conseguente, se viene riferito alla situazione del lago d’Idro, in caso di accoglimento dello stesso, profilerebbe il possibile decadimento dell’Accordo che ho citato in precedenza tra Regione Lombardia e comuni rivieraschi.
Se questo avvenisse si potrebbe rimettere in discussione (ed è questa la cosa assurda della vicenda), l’indicazione dei livelli previsti contenuta nell’accordo stesso, ma, udite udite, non l’ipotesi di costruzione della terza galleria e della nuova traversa che seguono l’iter della legge “Obbiettivo” e pertanto escono nella sostanza da questa controversia legale, potendo essere rimesse in discussione solo da una V.I.A. contraria o dall’eventuale mancanza di fondi.

Allora in conclusione ipotizzando un decadimento delle quote previste nell’Accordo, varrebbe solo il regolamento del 2002 che nell’art. 2 prevede appunto un’escursione di 3,25 m e partendo dalla quota massima fissata dal R.I.D. a 368,50 m s.l.m., si avrebbe una quota minima posta a 365,25 m s.l.m., questo tanto per gradire.
Sicuramente anche l’Accordo stesso prevede il termine dei suoi effetti a conclusione delle opere previste (art. 16), ma avrebbe il vantaggio di dimostrare un’escursione consolidata dei livelli su cui discutere le nuove regole, dando un vantaggio contrattuale evidente ai comuni rivieraschi e questo, scusatemi, non è poco.

Alla luce di quanto sostengo sarebbe opportuno che i comuni coinvolti svelassero per intero le loro intenzioni, in particolare ribadisco, il comune di Idro le cui azioni sono di difficile interpretazione.

Cordiali saluti
Riccardo Corradini


Commenti:
ID2180 - 20/05/2010 18:28:00 - (g.v.p@libero.it) -

Rimango in paziente attesa: come la Folaga della foto. Seccamani Gianfranco

ID2182 - 21/05/2010 00:30:00 - (ric) - lago d Idro 1

complimenti riccardo vedo che chi si chiama cosi dimostra intelligenza e buon senso. Condivido pienamente quanto hai scritto, con una piccola differenza. Che se salta l accordo il lago torna ad avere una escursione da 367,00 a 363,75. A lavori finiti invece visto che nel 2002 era stata fatta una sperimentazione nessuno impedisce una escursione addirittura di 7 metri come avveniva negli anni passati. Vero e che ci sono leggi che devono garantire il DVM ecc. ecc. ecc. ma altrettanto vero come poi riporta sempre qualcuno che in alcuni casi e magari su alcuni laghi ci sta sempre l eccezione. L accordo deve andare avanti fino a quando c e un accordo tra le parti c e sempre la possibilita di discutere e trovare una soluzione che valorizzi gli interessi di tutti cosa che ad oggi e sotto gli occhi di tutti e lo sara anche in futuro. Capito Gianfranco. Da ultima va segnalato il federalismo demaniale. Il che vuol dire accordo certo tra Regione Lombardia e Provincia di Trento e

ID2183 - 21/05/2010 00:31:00 - (ric) - lago d Idro 2

visto che entrambi sono stati denunciati al tribunale superiore delle acque nulla di buono mi puo passare per la mente. Al contrario ognuno restera sulle sue, tornando cosi ad avede un lago finoto in via definitiva.

ID2184 - 21/05/2010 09:06:00 - (Ricard53) - Per Ric.

Il regolamento 2002 parla chiaro e non è aggirabile, per cui avendo il R.I.D. fissato un livello massimo di regolazione a 368,50 m recependo il piano d'emergenza della Provincia di Brescia, in caso di nullità dell'Accordo le quote sarebbero da 365,25 , a 368,50 m. L'unica variante possibile potrebbe essere la stipula di un nuovo Accordo che recepisse quanto indicato nella motivazione della sentenza, sempre che questa preveda considerazioni o riferimenti normativi espliciti ad una situazione analoga a quella del lago d'Idro.

ID2185 - 21/05/2010 18:35:00 - (maurizio) - maurizio

IL PRESENTE ACCORDO TERMINERA' AL COMPLETAMENTO DELLE OPERE PREVISTE per cui ipotizzando un decadimento delle quote previste nell’Accordo, varrebbe solo il regolamento del 2002 che nell’art. 2 prevede appunto un’escursione di 3,25 m e partendo dalla quota massima fissata dal R.I.D. a 368,50 m s.l.m, in aggiunta il progetto definitivo prevede un abbassamento dell'incile naturale del Lago di un metro e 15 per il dmv. Parliamo del DMV possibile che ancora si parli della possibilità di un ritorno al passato NON E' COSI, NON SARA' PIU'COSI .. senza il dmv si perde la concessione dell'ENEL e il concessionario non perde la sua concessione per tutelare l'interesse di altri.. chi non comprende cosa significhi questo per gli utilizzatori irrigui (1,30) non ha speranze di capirci qualcosa di quello che succede.

Aggiungi commento:
Vedi anche
19/07/2013 09:00:00

Livelli del lago, ricorso presentato «Fuori tempo massimo» E' stato giudicato irricevibile il ricorso presentato dal Comune di Idro al Tribunale superiore delle Acque contro il rifiuto della Regione di modificare il progetto previsto dall'Accordo di programma

12/05/2010 11:41:00

Dibattito sul lago Su "Parliamo di...", il forum che tra l'altro si occupa del lago d'Idro, ferve la discussione sull'Accordo di programma del 2008. Può essere utile la ripubblicazione dello stesso.

27/02/2012 22:38:00

Belotti: «Avanti lo stesso» Questo pomeriggio a Milano (lunedì) c'è stata una riunione del Collegio di Vigilanza. I sindaci di Anfo e di Idro hanno negato la loro firma ed è saltato il Piano Integrato d'Ambito.

24/01/2020 16:48:00

Contro un camion in galleria Lunghe code in entrambi i sensi di marcia per un incidente avvenuto in galleria, quella corta che passa sotto la seriola, dove comincia la tangenziale per la valle Sabbia

27/12/2016 07:22:00

A che «livello» sta il nuovo ingresso di Idro? «"Sto zitto che è meglio", questo è il senso che si può dedurre dalle risposte alle nostre domande poste al sindaco Nabaffa durante il consiglio comunale del 22 Dicembre...



Altre da Anfo
09/07/2020

Cacciatori e Alpini, connubio perfetto per l'ambiente

Due giornate di lavoro per ripulire e sistemare l’area verde ad Anfo in località Gatole a Baremone

04/07/2020

Sull'Eridio a gonfie vele

Con alcune accortezze per ottemperare al distanziamento, è ripartita anche l’attività del Circolo Vela Eridio di Anfo

03/07/2020

Sconti e promozioni per i turisti

Anche quest’anno la Comunità montana di Valle Sabbia ripropone l’iniziativa di valorizzazione della rete dei servizi e dei ristoranti per i visitatori della Rocca d’Anfo. L’adesione entro oggi, venerdì 3 luglio

02/07/2020

Torna la «Rocca by Night»

Dopo il successo dello scorso anno, tornano anche in quest'estate 2020 le visite serali in occasione delle notti di plenilunio, con alcune modifiche dovute al post Covid -19

21/06/2020

(E)state in Rocca, aperta la stagione 2020

Presentate in anteprima, ieri mattina, le novità della fortezza napoleonica di Anfo, che nonostante il ritardo causato dall'emergenza coronavirus riapre ai visitatori con nuovi imperdibili tour

19/06/2020

Rocca d'Anfo, si alza il sipario sulla nuova stagione

Doppia inaugurazione questo sabato alla fortezza napoleonica con il via alle visite guidare e l’apertura del nuovo ufficio informazioni turistiche presso la Caserma Zanardelli

07/06/2020

Anfo, ripartenza col piede giusto

Il piccolo centro valsabbino affacciato sull’Eridio prova a lasciarsi alle spalle l’ansia da virus e già nei primi fine settimane post lockdown ha fatto il pieno di turisti

13/05/2020

In memoria alla cara sorella Ada Liberini

Riceviamo e pubblichiamo il ricordo che Eleonora Liberini ha scritto per la scomparsa della sua cara sorella Ada, suora laica delle Angeline di Sant’Angela Merici

12/05/2020

Lettera anonima ad Anfo, la minoranza scrive al sindaco

«Egregio signor Sindaco, vengo a Lei per chiedere un Suo intervento, anche se dubito verra’ fatto...»

11/05/2020

Quando ipocondria fa rima con idiozia

Lettera anonima con minacce, per nulla velate, quella arrivata ieri al Camping Pilù di Anfo. Una vigliaccata sul tema “Covid” della quale i carabinieri cercheranno il responsabile