09 Dicembre 2010, 07.02
Idro Valsabbia
Superiori

Rappresentanza e formazione

di val.

Trasferta insolita, oltre le mura cittadine, per la Consulta provinciale studentesca di Brescia che ogni anno in questo periodo si riunisce per due giornate di studio.

 
Tempo dedicato alla pianificazione delle attività da svolgere nel resto dell’anno scolastico.
E per la seconda volta in pochi anni, ad accogliere i due rappresentanti per ogni Istituto superiore, ci ha pensato il “Giacomo Perlasca” con la sua sede di Idro.
Settantadue ragazzi per 36 Istituti superiori, tanti i delegati che insieme ad alcuni professori hanno potuto approfittare dell’ospitalità valsabbina garantita dall’Alberghiero.

Apertura dei lavori con dirigenti e amministratori
La mattinata del venerdì è servita per l’avvio della attività, gestite dal presidente della Consulta ultimo eletto, Alessandro Tura.
Dopo i saluti del dirigente valsabbino Alfredo Bonomi, i presenti hanno ricevuto anche quelli del dirigente Ust di Brescia Maria Rosa Raimondi, mentre la presenza del dirigente regionale prof. Giuseppe Colosio è “saltata” a causa dei tumulti studenteschi attesi per quelle ore nella capitale lombarda.
 
La Raimondi ha voluto ricordare ai ragazzi riuniti nell’aula magna come sia fondamentale, soprattutto nella scuola ma non solo, affrontare il cambiamento con lo strumento del confronto: “condizione valida anche per le recenti riforme degli ordinamenti, che possono essere più o meno condivisibili, tuttavia, in un dialogo aperto e senza pregiudizi certamente costituiscono delle opportunità”.
 
Dopo di lei hanno parlato l’Assessore all’Istruzione della Provincia di Brescia Aristide Peli, che ha invitato gli studenti della Consulta “che occupano un ruolo di responsabilità e di rappresentanza” a prendere delle decisioni importanti, ricordando che poi vanno portate a termine.
Il professor Franco Ferrante ha dato le prime indicazioni per il proseguo dei lavori e Alessandro Bianchi, dirigente del Comune di Brescia, ha chiuso l’incontro del mattino introducendo il tema dei rapporti che esistono e che ci possono essere fra la scuola e le istituzioni.
 
Come e su cosa discutere
Il pomeriggio è stato dedicato a stabilire i compiti della Consulta studentesca, le sue articolazioni e le attività da affrontare, anche a livello di commissioni permanenti che si occuperanno di sport, musica, arte e spettacolo, cultura, gestione e promozione della Consulta, educazione alla salute, legalità, orientamento e scuola-lavoro.
Fra i compiti della Consulta quello di rappresentare le idee degli studenti delle scuole secondarie superiori statali e paritarie di tutta la provincia; favorire la comunicazione fra studenti e dirigenti scolastici; creare o migliorare gli spazi e gli strumenti funzionali ai bisogni d’incontro; valorizzare il tempo libero e potenziare l’offerta formativa formulando proposte e pareri.
 
I soldi ci sono
I fondi per occuparsi di tutto quanto ci sono: almeno il 7% delle somme stanziate per i singoli Istituti statali, infatti, deve essere riservato per legge alle spese di funzionamento del massimo organismo rappresentativo studentesco.
Particolarmente interessante l’incontro del sabato mattina, con gli studenti che hanno avuto l’opportunità di assistere ad una tavola rotonda con imprenditori e dirigenti sul rapporto che intercorre fra la scuola ed il lavoro, coordinata dal loro presidente, Alessandro Tura.

A confronto con gli imprenditori
Per l’occasione sono intervenuti il dirigente del Gruppo Fondital Francesco Franzoni, che ha ripercorso le tappe della sua ascesa nel mondo del lavoro, iniziata alla fine degli anni ’70 mentre faceva l’operaio alla Lucchini e studiava alle serali; Ruggero Brunori di Ferriere Valsabbia che ha indicato fra i mali della società attuale l’estrema coflittualità in ogni campo e la conseguente incapacità a fare squadra; il direttore generale dell’azienda di servizi Secoval che ha confidato di aver dato libero sfogo a quello che molti gli contestavano essere il maggiore dei suoi difetti: la curiosità.
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
03/12/2010 17:43:00

Trasferta idrense per la Consulta provinciale Due studenti per ogni Istituto Superiore bresciano. In tutto fanno 72. Si sono ritrovati al Perlasca di Idro per una «due giorni» di formazione.

21/02/2015 11:22:00

Cala il reddito dei valsabbini Sono di Roè Volciano i contribuenti valsabbini che hanno dichiarato di più nell’ultima dichiarazione dei redditi secondo uno studio della Camera del lavoro di Brescia. Redditi in calo di oltre il 18% rispetto al periodo pre-crisi

18/08/2009 07:00:00

Borse di studio per meriti scolastici Gli studenti valliesi dalla terza media e delle superiori che hanno ottenuto buoni risultati nello scorso anno scolastico potranno ricevere una borsa di studio dal comune.

25/11/2016 07:29:00

Furti in casa Ci risiamo: si accorciano le giornate, si allungano le zampe dei ladri d'appartamento. Una costante di questo periodo dell'anno

09/12/2008 00:00:00

Riconoscimenti a undici studenti meritevoli Saranno consegnate mercoledì 10 dicembre, alle 20.15, nella sala consiliare di Vallio Terme, le borse di studio assegnate dal comune agli studenti delle scuole medie inferiori e superiori che si sono particolarmente distinti nello scorso anno scolastico.



Altre da Valsabbia
03/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Dopo questo periodo di pausa riprendono, con le dovute misure di sicurezza, gli appuntamenti estivi. Torna “Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone” che cercherà di farvi compagnia e segnalarvi gli appuntamenti principali dell'estate

03/07/2020

Sconti e promozioni per i turisti

Anche quest’anno la Comunità montana di Valle Sabbia ripropone l’iniziativa di valorizzazione della rete dei servizi e dei ristoranti per i visitatori della Rocca d’Anfo. L’adesione entro oggi, venerdì 3 luglio

03/07/2020

Audizione presidente nazionale Favero (Ana) al Pirellone

Progetto di Legge di valorizzazione alpini, con relatore il consiglire regionale valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Avvicinare i giovani al mondo degli alpini, fondamentale trasmettere storia e valori del corpo”

03/07/2020

Sanità, Girelli: «Mancati finanziamenti agli Ospedali bresciani»

Il consigliere regionale valsabbino del Pd chiede spiegazioni alla Regione in merito alla richiesta di finanziamento inoltrata al Governo dove sono assenti le strutture bresciane, fra cui l'Asst del Garda

02/07/2020

Armanini dice la sua

In merito alla lettera da noi pubblicata mercoledì che sollevava interrogativi sulla fusione fra le Rurali GVP e Adamello, ci scrive il presidente Armanini

02/07/2020

Biker caduto a Sant'Onofrio

Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane

02/07/2020

Anche questa estate c'è Acque&Terre Festival

Con tutte le limitazioni del caso, torna anche questa estate la rassegna di concerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago, giunta alla sedicesima edizione. Ecco i primi due appuntamenti

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

Fusione Rurali, fra dubbi e certezze

Ma siamo proprio sicuri che la fusione in programma fra le Rurali 'Giudicarie Valsabbia Paganella' e 'Adamello', nei tempi e nei modi, sia stata studiata bene? I dubbi di un lettore

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico