01 Dicembre 2012, 10.33
Fotovoltaico

Tecnologia LSC

Pochi giorni fa Eni ha inaugurato la prima pensilina fotovoltaica basata su una tecnologia innovativa che sfrutta l'energia solare attraverso concentratori solari luminescenti


La pensilina fotovoltaica Eni e’ stata sviluppata da Eni presso il proprio Centro Ricerche per le Energie Non Convenzionali – Istituto Eni Donegani di Novara, dedicato alle fonti energetiche non convenzionali, comprese fonti rinnovabili.
Al progetto partecipa anche Enipower, societa’ Eni che opera nella generazione di energia elettrica e nella produzione di celle e moduli fotovoltaici.
 
L’impianto sarà posizionato all’aperto per essere testato, e in questa fase verrà dedicato al parcheggio di mezzi a mobilità elettrica, consentendo la ricarica delle batterie proprio attraverso l’energia elettrica generata dai pannelli.
 
Ma come sono fatti questi innovativi pannelli?
I pannelli, o concentratori solari luminescenti (LSC, Luminescent Solar Concentrators), sono costituiti da lastre di materiale trasparente (plastico o vetroso), all’interno del quale sono dispersi coloranti fluorescenti.
Questi ultimi assorbono parte della luce solare e la riemettono all’interno della lastra. La radiazione emessa viene poi condotta verso i bordi della lastra e concentrata su piccole celle solari, in grado di trasformarla in energia elettrica.
La pensilina fotovoltaica Eni e’ in grado di produrre circa 500 Watt nominali di energia elettrica generati da 192 lastre fotovoltaiche trasparenti gialle.

Le possibili applicazioni previste a breve termine
Secondo quanto dichiarato dal Presidente e Amministratore Delegato di Enipower Giovanni Milani, i principali utilizzi sono previsti nel settore edilizio perchè questa nuova tecnologia andrebbe a sostituire le lastre di plexiglass o vetro degli edifici.
Un’altra applicazione potrebbe essere quella che va a sostituire le pensiline delle soste degli autobus oppure le barriere insonorizzanti delle autostrade e delle ferrovie delle centrali di produzione elettrica.
 
La tecnologia degli LSC offre vantaggi significativi
Rispetto ai tradizionali pannelli al silicio e ai concentratori solari basati su specchi o lenti, le lastre sono in grado di catturare sia la radiazione solare diretta che quella diffusa, risultando efficienti anche in condizioni di cielo nuvoloso e la loro installazione non pone problemi di orientamento.
Un’altro aspetto vantaggioso è il basso costo che contraddistingue i materiali costitutivi e la minore superficie di silicio richiesta per la realizzazione, a parita’ di potenza.
Infine possono essere utilizzate per realizzare pannelli fotovoltaici trasparenti e finestre fotovoltaiche, rendendo la nuova tecnologia ideale per il suo impiego negli edifici o altri contesti idonei.

Caterina Leo - da classmeteo.com




Commenti:
ID25609 - 01/12/2012 11:54:50 - (Dru) - Queste

sono belle notizie.

Aggiungi commento:
Vedi anche
14/03/2017 16:13:00

«Accelerazione» d'impresa Dall'Aperitivo con il futuro allo spiedo alla bresciana, passando per il Cern di Ginevra. Ecco il "viaggio" nell'innovazione targato Aib Zona Valle Sabbia - Lago di Garda

30/03/2015 07:01:00

Internet ancora sottovalutato dalle imprese in Valle Sabbia Sono  pochissime in Valle Sabbia le aziende che riconoscono il web come strumento di vendita comunicazione ed un reale valore aggiunto nelle strategie di comunicazione

18/09/2010 12:00:00

Autunno energetico Lunedì ad Agnosine un convegno sul fotovoltaico, per conoscerne meglio la tecnologia ma anche gli incentivi e il ritorno economico.

09/06/2014 07:42:00

Stampanti 3D, il sogno americano è al Perlasca di Vobarno La scuola torna ad essere un passo più avanti dell'industria e succede qui, a Vobarno, con le stampanti 3D "autocostruite" nel laboratorio di meccanica. Un'innovazione per ora solo sognata dalla potente America di Obama

27/10/2015 10:53:00

Digitalmente abili, la tecnologia come ausilio alla vita quotidiana Si terrà questo mercoledì sera presso la biblioteca civica di Gavardo un incontro aperto al pubblico dedicato all’alfabetizzazione digitale e alla cultura dell’innovazione



Altre da Scienza e Tecnologia
27/06/2020

Rischi d'impresa: quali sono i più temuti e come affrontarli

Chi apre un’impresa sa perfettamente che si va incontro all’ignoto, e che i rischi fanno parte del mestiere

16/06/2020

Mente valsabbina nello studio della NSC12

Si chiama Arianna, è di Idro, ricercatrice alla Statale di Brescia. Nei giorni scorsi è salita alla ribalta internazionale per una scoperta che potrebbe portare a realizzare un farmaco contro il mieloma multiplo

16/05/2020

Un nuovo Data Center per i servizi del futuro

Comune di Brescia e Comunità montana di Valle Sabbia uniscono le forze per progettare le infrastrutture tecnologiche e i servizi Smart per i prossimi dieci anni

17/04/2020

Esperimento riuscito

Fra i primi Comuni a sperimentare il Consiglio comunale in teleconferenza c'è Lavenone. L'assemblea è stata anche "socializzata" in diretta coi cittadini su facebook

12/04/2020

Due (o tre) pensieri sul coronavirus...

Un’analisi “a posteriori” delle prime settimane di emergenza, a cura del prof. Germano Bonomi, valsabbino, docente di Fisica Sperimentale presso l’Università degli Studi di Brescia

16/02/2020

L'influenza dei social

I social sono ormai una parte integrante della nostra società: da WhatsApp a Facebook, da Snapchat a Instagram. Quasi tutti possediamo almeno una di queste applicazioni sopra elencate, ma ci siamo mai domandati veramente cosa possano causare se utilizzati scorrettamente?

02/02/2020

Attenti al lupo...

Come molti cittadini partecipo ad alcuni gruppi WhatsApp "sei del tal paese se". Da alcuni giorni su questi social alcuni utenti, credo in buona fede...

12/12/2019

Sostegno alla creatività

All'Itis di Vobarno è arrivato un banco prova con gli ultimi ritrovati nel campo dell'automazione industrale, dono di Aignep spa. «La scuola da sola non avrebbe mai potuto permetterselo» dice la preside Maurizia Di Marzio. VIDEO

05/12/2019

Grandi elettrodomestici, come risparmiare sui consumi

In molti, da ragazzini, si sono sentiti (giustamente) ricordare dai genitori di spegnere la luce. Ma in verità, nelle case moderne, l'illuminazione non è certamente la principale fonte di consumo energetico.

30/11/2019

Aspettiamo il Natale con i corsi del FabLab

Aperte le iscrizioni ai corsi di dicembre del FabLab Valle Sabbia: molti sono legati al Natale, con il proposito di coniugare artigianato e tecnologia