18 Marzo 2013, 07.13
Psicologia e benesssere

Per ogni mago ci vogliono tanti stolti

di Gianpiero Rossi

Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi prende spunto dall'ultimo episodio di un mago-truffatore arrestato in questi giorni in provincia di Modena per riflettere sulla stoltezza di molti nel lasciarsi abbindolare da pochi furbi, senza sapersi assumere la responsabilitŕ del proprio disagio

 
Sono almeno 6.800 i “pazienti” ricevuti a pagamento dall’ultimo mago milionario (Eleàzar) arrestato in questi giorni. Peccato che ci siano voluti 10 anni per fermare uno dei tanti truffatori dei riti con croci, acqua e sale con promesse di “curare” persino malattie gravi.
 
Per ogni furbo ci sono fin troppi stolti che lo foraggiano. Non credo sia criticabile solo il mago scaltro e considerare i troppi creduloni come delle povere vittime. A parte i pochi non in grado di intendere e volere, quanti alimentano false speranze con la loro ignoranza e superstizione? Almeno quattro su dieci si fidano di indovini e chiaroveggenti.
 
La stima arriva dallo psichiatra Tonino Cantelmi, professore di Psicologia dello sviluppo alla Lumsa, che sull'argomento ha svolto varie ricerche, e avverte: "Con la crisi anche i maghi hanno iniziato a fare offerte: due fatture al prezzo di una. E spendono meno in pubblicitĂ ". Questi dati parlano da soli.
 
Purtroppo anche la nostra provincia, Valtrompia compresa, non è senza furbi, che continuano a operare nonostante le denunce penali. Che desolazione: credulità popolare, mista a ignoranza e mancanza di coraggio per guardarsi dentro.
 
Non c’è volontà di lavorare su di sé. Si aspetta che il disagio si complichi. Si preferisce delegare a una forza esterna, senza badare se questa offre soluzioni magiche o terapie discutibili per spegnere solo i sintomi ma non le cause del disagio, come spesso succede nell’abuso di farmaci.
 
Nel migliore dei casi si rivolgono allo psicologo ma chiedendo solo scorciatoie del tipo: mi faccia un’ipnosi (che così risolvo senza dovermene occupare). Almeno con questi è più facile ragionare per far capire la soluzione più adatta.
 
Ma tutti gli altri che fine fanno? Dove finisce il recupero della consapevolezza per non insistere negli stessi errori, il coraggio di assumersi responsabilitĂ  del proprio disagio e la pazienza di un percorso di guarigione o potenziamento?
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it 


Aggiungi commento:
Vedi anche
30/01/2013 16:16:00

Il vortice d'abisso del gioco d'azzardo compulsivo Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi appronta una riflessione sul gioco d'azzardo e sul diffuso sistema di credenze che affligge in Italia 800.000 maniaci compulsivi e che sviluppano vere e proprie forme di dipendenze dal gioco

15/01/2013 07:00:00

Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La prima di due parti a cura dello psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi sul fondamentale legame tra percezione e assimilazione del cibo, con alcuni consigli su come riuscire a mangiare con piacere con effetti positivi sulla digestione

24/02/2013 08:40:00

«Death of a Shadow» per cogliere l'attimo del trapasso In corsa insieme ad altri quattro cortometraggi c'č questo film girato da Tom Van Avermaet che inquadra la storia di un collezionista di ombre colte nel momento di un omicidio o un trapasso fortuito. Arrivato a 10.000 restituirŕ la vita ai suoi aiutanti defunti

22/01/2013 12:00:00

Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La seconda parte dell'articolo con il quale lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi riflette su quanto spesso ciascuno vuole rallentare rispetto a un ritmo di vita insostenibile. Una serie di motivi per farlo almeno a tavola, quindi piů volte il giorno: per digerire meglio e perdere peso

01/11/2013 06:46:00

Come dimagrire usando la consapevolezza Nella prima parte di questo articolo (la seconda sabato 2 novembre) lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi riflette sul "come fare" per non eccedere nel nel mangiare, ascoltando in profonditŕ ciň che l'eccesso di cibo ci sta dicendo



Altre da
Psicologia e benessere
23/10/2015

Stalking, quali sono i confini dell'amore e del rispetto ?

Nelle relazioni la maggior parte delle persone è in grado di amare a tenere il confine, senza soffocare l’altro: l’amore è reciprocità e rispetto, ma nel caso dello stalking perde i confini.

31/07/2015

Cinque modi per amare il tuo corpo

Forse conosci qualcuno/a che riesce a passare davanti a uno specchio o una finestra specchiandosi in modo rapido…? Ti riconosci in questo atteggiamento?

08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

24/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

(1)
06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

(1)
01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo

19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

(2)
07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha giĂ  accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti piĂą propriamente nutrizionali