30 Giugno 2013, 10.15
Bagolino Valsabbia
Briciole di cultura

Bagolino «città della montagna bresciana»

di Alfredo Bonomi

L'appellativo di "città della montagna bresciana" per Bagolino è pienamente giustificato dalla storia del paese, dalla sua rilevanza artistica, dalla conformazione urbana dell'abitato che è un evidente "valore aggiunto".


Più semplicemente è l’inscindibile insieme di questi elementi che fa di Bagolino un centro dove storia, arte, architetture religiose, civili e rurali, bellezze paesaggistiche formano un “unicum” degno di essere annoverato non solo tra le rilevanze della provincia di Brescia ma tra quelle della montagna lombarda.
 
Bagolino è un emblema di tutto rispetto della “montanità” e quindi della civiltà dei montanari, che nel corso dei secoli si è consolidata in una “civiltà locale”, dove le norme giuridiche degli antichi “statuti”, rivisti e stesi in forma scritta elegante e solenne nel 1473, hanno fissato una tradizione di abitudini e di saggezza tali da essere alla base di quel sentimento degli abitanti, ben radicato e profondo, di percepirsi come parte attiva di una comunità.
 
Per comprendere bene questi aspetti e per gustare dal vivo la “rappresentazione scenica” della concreta realtà, della bellezza, delle particolarità di Bagolino, bisogna portarsi all’elegante porticato della facciata della chiesa parrocchiale di S. Giorgio, vera “cattedrale nei monti”, la cui costruzione iniziata il 15 luglio del 1624 ha prodotto uno scrigno di opere d’arte che spaziano dalle sculture alle pitture, agganciando influssi artistici di vasto raggio per meglio significare che il “locale” non era per gli abitanti di Bagolino, e non è nemmeno ora, visione corta o chiusura mentale.
 
Osservando dall’alto il grande borgo si presenta in una armonica “cartolina” dove l’integrazione dell’abitato con i paesaggio è perfetta; nemmeno gli interventi edilizi degli ultimi anni hanno turbato questa armonia sostanziale.
La grande mole della chiesa: simbolo religioso e civile della comunità, sovrasta dall’alto il paese che sembra tutto raccolto ai suoi piedi a semicerchio con le due estremità formate dai due quartieri: Ösnà dalla parte destra della chiesa e Cävril da quella sinistra.
Le dimore, quasi un migliaio, strette le une alle altre, si sviluppano in altezza e, nelle loro tipologie edilizie abbondano due elementi: il legno ed il granito.
 
Hanno quella “rusticità” elegante che non ha voluto copiare gli schemi o “disegni” cittadini ma che ha invece coniugato, secondo le esigenze dell’economia locale, materiali reperibili in luogo. Nel corso dei secoli i nemici più accaniti del legno, gli incendi, hanno colpito il paese più volte sino a quello distruttivo del 1779 che l’ha totalmente incenerito.
Risorto in brevissimo tempo, a dimostrazione delle capacità della Serenissima Repubblica di Venezia di rispondere alle calamità anche negli ultimi anni del suo dominio, è giunto sino ai nostri giorni quasi intatto.
 
Lo sfondo delle montagne per l’osservatore è una salutare “provocazione di bellezza” ma anche l’occasione per una lezione di storia.
La superba vegetazione della zona del Maniva, che va progressivamente riducendosi sino a lasciar posto al pascolo alla sommità del valico, ricorda il passaggio praticato da secoli per giungere più velocemente a Brescia dal Trentino ed anche la via del commercio del ferro.
Infatti proprio attraverso il passo del Maniva veniva portato a Bagolino il materiale ferroso delle miniere di Collio per essere trasformato nel celebrato “azzale” di Bagolino.

Dalla chiesa di S. Rocco, voluta dalla fede degli abitanti per scongiurare la pestilenza al termine dell’abitato dove Giovanni Pietro e Pasoto da Cemmo nel 1486 hanno lasciato una superba testimonianza della loro arte, la strada si inoltra per la Valle del Caffaro, verso il Gaver, ed il passo di Croce Domini.
Questa strada, oggi conosciuta in tutta Europa come la delizia dei gitanti motorizzati, oltre a percorrere una zona tra le più rinomate nell’arco alpino per la particolarità della flora e dei pascoli che danno al formaggio locale un sapore unico, è la stessa che nel corso dei secoli ha collegato la valle del chiese con la Valle Camonica. E’ stata uno snodo importante di commerci e di esperienze umane.
 
Visitando senza fretta il centro del paese, inoltrandosi nelle caratteristiche strade acciottolate, magari negli ultimi giorni di carnevale quando l’atmosfera è ingentilita dalle melodie delle musiche che i suonatori si tramandano gelosamente da padre in figlio per donarle alla comunità in quel carnevale che, a ragione, è considerato uno dei più genuini tra quelli che ancora rimangono nell’arco alpino, gustando qualche prodotto tipico o sostando in collaudate trattorie o in locali gestiti con fantasia ed intraprendenza, si sente veramente “battere il tempo della storia”.
 
L’antico municipio, ora palazzo della cultura con la biblioteca civica, il museo dedicato al maestro Antonio Stagnoli, con le sale per le conferenze, di imponente architettura, è un “motore culturale” di tutto rispetto.
La piazza Consiglio con la fontana che sembra chiacchierare con i passanti è proprio l’ambiente ideale per le riunioni dei capi famiglia, così come piazza Mercato, con le tipiche architetture delle case che la circondano, richiama proprio il ruolo economico.
E poi vengono l’antica via Portici, cioè il tragitto delle botteghe, l’elegante dimora dove la “Repubblica di Bagolino” ospitava gli “ospiti politici” inviati dal Potere Centrale.
 
Si potrebbe continuare a lungo, ma una visita al piccolo ma bellissimo museo dell’associazione “habitar in sta terra” offre tutti gli elementi per comprendere la quotidianità della vita di questa “città della montagna”, fatta di duro lavoro ma anche di amore del sapere, di rispetto dei ruoli, di paziente e saggia regia amministrativa.
 
Dopo una giornata trascorsa con un ritmo che rifiuti la scansione frenetica del “mordi e fuggi”, completata da una tappa in valle, verso il Gaver, o nella zona del Maniva, si ritorna arricchiti perché si è avvertito il ritmo della “civiltà della montagna”.
 
Alfredo Bonomi


Commenti:
ID33538 - 30/06/2013 20:06:04 - (gioica) -

Si, Bagolino e' tutto questo e molto di più , qualcosa che non ho mai saputo spiegare bene, nemmeno a me stessa... Una sorta di calore che si percepisce camminando tra i vicoli, un abbraccio delle pietre e dei muri, quasi fossero esseri viventi e caldi. Una sensualità diffusa, emanata dai luoghi e dagli abitanti, dal semplice "malghes" al dotto commerciante. Un senso di paese che non ho (quasi) mai colto, nemmeno nel mio di paese, che non è molto lontano... E questa sensazione trova il suo culmine nei giorni del carnevale in cui tutto ciò si rivela all'ennesima potenza...... Come sarà non so dire, ma mi piace.

ID33548 - 01/07/2013 13:04:32 - (genpep) -

gioica esprime perfettamente il concetto di Bagolino e degli amici bagossi. secondo me è il comune più bello e caratteristico della valle. Oserei dire unico

ID33550 - 01/07/2013 14:12:45 - (Giacomino) - Grazie

amico Peppino.

ID33551 - 01/07/2013 14:19:03 - (Leretico) - Mi associo

Sono stato recentemente a Bagolino e mi sono confermato nella mia opinione: è un bellissimo paese dove si respira aria di magia, anche lontano dal carnevale. Insomma mi piace molto.

ID33563 - 01/07/2013 20:32:58 - (Giacomino) - Perché non trovarci

e bere una birra insieme?

ID33588 - 02/07/2013 13:43:34 - (gioica) -

CI STO ! e come ci riconosciamo? idea: qualcosa di arancione addosso.opsss....... l'invito era rivolto anche a me ?? ; ))

ID33607 - 02/07/2013 20:52:46 - (Giacomino) - E certo

ci mancherebbe, come riconoscerci? basterebbe darci appuntamento in un qualche locale come una volta ci si dava appuntamento fuori dalla chiesa dopo la messa. Saluti a tutti.

ID33669 - 03/07/2013 22:57:55 - (genpep) -

e vada per la birra. aspetto un cenno

Aggiungi commento:
Vedi anche
28/03/2008 00:00:00

«Tre testimoni della storia di Bagolino» Stasera alle 20.45, presso la sala riunioni della Pro Loco di Bagolino, la Biblioteca comunale organizza una conversazione dedicata alla ricca e lunga storia di Bagolino, antica «città» della montagna bresciana.

30/07/2013 12:02:00

Cori, canti, mostre e corse per i Piaströi Dalla Casa museo organizzata da "Habitar in sta terra" all'esibizione del coro di Bagolino, passando per lo sport. Fervono le inziative nella "città della montagna" di Valle Sabbia

25/07/2018 09:28:00

Domenica la Bagolino Alpin Run Tutto pronto a Bagolino per la nona edizione della corsa in montagna di 16 km organizzata dalla Società Sportiva Bagolino e dall’Avis Bagolino, ultima prova del Grand Prix di corsa in montagna Valle Sabbia

02/03/2007 00:00:00

Un 2006 ricco di soddisfazioni Dalla montagna al piano. È la nostrana «via del ferro» che dalla Valle Sabbia scende alla città.

23/07/2014 09:15:00

Record d'iscritti per la «5 Ponti» di Bagolino Domenica 27 luglio la gara di corsa in montagna di 16 km organizzata dall’Avis e dalla Sportiva Bagolino, quinta e ultima prova del Grand Prix Valle Sabbia e Alto Garda



Altre da Bagolino
15/07/2020

Cambio della guardia alla Famiglia Cooperativa

L’assemblea del bilancio, in utile e migliore di quello dell’anno precedente, ed il successivo cda, hanno sancito il passaggio del testimone alla presidenza della Cooperativa

15/07/2020

Sicurezza sanitaria e diritti umani

Datata 23 giugno, ma giunta in redazione tre giorni fa, pubblichiamo come ci viene richiesto la lettera scritta da alcuni familiari degli ospiti nella rsa Beata Lucia Versa Dalumi di Bagolino

13/07/2020

«San Rocco in Musica» in San Giorgio, buona la prima

È andata bene a Bagolino la prima serata della rassegna musicale "San Rocco in Musica", svoltasi in una sede più spaziosa per le note esigenze di distanziamento sociale

10/07/2020

Bagolino Alpin Run, al via l'edizione speciale 2020

La corsa in montagna organizzata dalla Società Sportiva Bagolino e dall'Avis locale quest'anno si correrà con una formula speciale, adatta a tutti

08/07/2020

«San Rocco in musica» ora in San Giorgio

La rassegna musicale organizzata dalla Pro Loco di Bagolino con “Habitar in sta terra” e la Parrocchia riprenderà questo sabato, 11 luglio, in una sede più spaziosa per rispettare le norme di sicurezza anti Covid-19

05/07/2020

Sopralluoghi anti assembramento

Anche i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno effettuato numerosi controlli per verificare il rispetto della normativa sul Covid-19. Dieci giorni di chiusura comminati dalla Prefettura per un bar di Ponte Caffaro

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

25/06/2020

Visite protette in Fondazione

Alla Beata Versa Dalumi di Bagolino l’infezione è da tempo sotto controllo: sono possibili visite in sicurezza, separati dai familiari da uno schermo di plexiglass

24/06/2020

L'iperico, nel bene e nel male

A Ponte Caffaro, dopo la tradizionale raccolta, all’erba di San Giovanni, nell’erboristeria Bolandini dedicano anche una mostra

24/06/2020

Sull'Eridio con Idra

Ha ripreso a solcare le acque del lago d’Idro il battello turistico che effettua il giro dello specchio d’acqua valsabbino