12 Marzo 2014, 07.04
Vestone Valsabbia
Punti di vista

Un Valsabbino Doc

di Aldo Vaglia

Chi è il dott. Alberto Vaglia, scrittore, medico, prima a Brescia poi a Vicenza, che conclude la sua carriera professionale come Primario della Divisione di Malattie Infettive a Treviso Veneto?


È prima che un eccellente professionista della scienza, una persona di umanità ed intelligenza non comuni. La valle recupera un suo figlio e non può che andarne fiera.
È la missione che si è dato che lo fa ritornare alle origini per riprendere e ridefinire  l’opera del padre: l’insigne storico Ugo Vaglia.  
Prima gli studi  poi la professione, hanno lasciato sullo sfondo l’immane attività di archiviazione, scrittura e pubblicazione di libri, articoli e politica, del poliedrico padre, a cui è dedicata la Biblioteca Civica di Vestone.

Si parlava prima di missione, è la parola che più si addice al dottore fervente cristiano.
L’apologeta di San Domenico, è stato sicuramente aiutato anche nel lavoro dalla fede che, ha dato  alla sua scienza quell’umiltà, quel rispetto per la sofferenza, che la specializzazione e la continua vicinanza con la morte spesso toglie agli operatori della salute che lottano in prima linea con le malattie che non danno scampo.

Lui aveva scelto i “virus” perché erano in un periodo di tregua e gli avrebbero consentito più spazio alla meditazione.
Si è invece trovato ad affrontare la più subdola di tutte le forme di contagio che oltre alle implicazioni fisiche è da sempre vista come un castigo di Dio.
Quella che  vede nei rapporti sessuali non codificati la punizione come salvifica, e  riporta in auge tutti i fantasmi del passato.
La lotta all’AIDS è stata così la sua croce e la sua instancabile abnegazione. (Sono sicuro che pensa che lo zampino del soprannaturale non sia mancato).

La pensione gli ha tolto il peso o il privilegio della responsabilità e il rapporto umano con i pazienti, non certo il vulcanico attivismo che l’ha contraddistinto per tutta la vita lavorativa. 
Noi abbiamo avuto la fortuna di intercettarlo nel momento giusto, la sua iperefficienza ci ha contagiato, la sua amorevole disponibilità coinvolto.
È diventato così l’animatore di un gruppo che il Sindaco e la giunta di Vestone hanno riconosciuto con delibera del 17/12/ 2013 e con la denominazione: “Gruppo di Studio Aggregato alla Civica Biblioteca UGO VAGLIA”:

Con questi scopi: “Si costituisce così , presso la biblioteca civica di Vestone, con l’obiettivo di esserne un supporto di studio e di divulgazione, IL CENTRO VALSABBINO di RICERCHE STORICHE, avente come finalità principale lo studio, la ricerca, la pubblicazione di approfondimenti storici riguardanti la Valle Sabbia, l’organizzazione di convegni  e seminari tematici ed ogni altra iniziativa ritenuta utile per approfondire i diversi aspetti della storia e della società valligiana”..

Il gruppo ha una sua articolazione organizzativa con coordinatore il dott. Alberto Vaglia, ma è aperto a tutte le persone che desiderano dare il loro contributo nell’ambito delle indicazioni espresse nell’atto costitutivo.

Una delle prime iniziative è la presentazione dei tredici volumi  in copia anastatica dei fratelli Zani, il 5 Aprile 2014 alle ore 15 presso la biblioteca di Vestone. Alle opere già visionate nella serata di Sabbio Chiese e alle due prefazioni, una del prof. Alfredo Bonomi, l’altra dello stesso Ugo Vaglia, scoperta di recente dal figlio Alberto, si è aggiunta la trascrizione, in linguaggio corrente, dei diari ottocenteschi.

. Nella foto: Alberto Vaglia




Commenti:
ID42712 - 12/03/2014 13:48:55 - (Leretico) - Un valsabbino prezioso

Non posso che sottoscrivere quanto Aldo ha ben descrittto in questo articolo. Potrei solo aggiungere che sia l'umiltà di Alberto Vaglia, che il suo pragmatismo ne fanno un valsabbino prezioso, da appoggiare e da seguire, possibilmente con la stessa umiltà. Se si è capaci di tenerne il passo, ovviamente, cosa che, per la sua grinta, può essere molto difficile.

ID42714 - 12/03/2014 14:24:04 - (Dru) - La scienza all'opera

Intuitivo e intelligente è un piacere ascoltarlo, perché ascoltarlo é ascoltarci. Proprio come per una visita medica il dottore ci dice cosa siamo, con Alberto e la sua preziosa ancorchè minuziosa biblioteca, visitiamo noi stessi e quanto di sconosciuto è dei nostri luoghi, senza enfasi e decorazioni, come scienza vuole.

Aggiungi commento:
Vedi anche
04/10/2012 08:00:00

Provinciale e provincialismo Coltivare il culto delle celebrit, pensare che tutto ci che viene da fuori bello, stigmatizzare come poveracci quelli che fanno cultura locale, provincialismo

20/01/2016 18:13:00

Punti di vista, il libro Vestone. Esattamente un anno fa, il 20 gennaio 2015, ci lasciava Aldo Vaglia, collaboratore tra i più apprezzati del nostro giornale telematico

19/04/2013 07:00:00

Bersani il Surrealista Un assaggio si era gi avuto in campagna elettorale. Mentre una parte prometteva di restituire l'IMU, un'altra di dare a tutti un reddito di cittadinanza di 1000 euro, Bersani sognava di smacchiare il giaguaro.

20/03/2013 07:00:00

La politica tra rottamazione e restauro Non una questione di destra o sinistra e nemmeno di antichit e modernit, un buon restauro a volte migliore della sostituzione con prodotti di bassa qualit

19/12/2012 07:29:00

Economia ed Ecologia Pur avendo la stessa radice Eco=Oikos= casa, le due scienze sono una contro l'altra armate. La diatriba tra ecologia ed economia una guerra fratricida destinata all'infinito.



Altre da Vestone
07/07/2020

Un poco di luce rischiara la montagna

Due escursioni per i ragazzi del Cai di Vestone: il Cai Giovanile sul monte Stino e quelli dell’Alpinismo giovanile sul Manos

30/06/2020

Valsabbina, utile in crescita, Barbieri confermato presidente

L’assemblea dei soci svoltasi attraverso il Rappresentante Designato ha approvato il bilancio 2019: in crescita utile (20,3 milioni, +33,7%), raccolta (+17,61) e territori presidiati. Confermati anche i consiglieri in scadenza Gnutti e Pelizzari

27/06/2020

Freno rotto, sbatte contro il muro

La disavventura è capitata ad un ragazzino sedicenne, è andato a sbattere con la sua bici uscendo dal cancello di casa

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

22/06/2020

A Vestone al via l'estate dei ragazzi

Dopo l'emergenza coronavirus il Comune di Vestone, in collaborazione con associazioni e cooperative, riparte con alcune attività estive per garantire a bambini e ragazzi un'estate di divertimento in sicurezza

16/06/2020

Anche la Banda di Vestone per la solidarietà

Tra i gruppi musicali che hanno contribuito con generosità alla raccolta fondi per l’emergenza coronavirus anche la Banda valsabbina, che non smette di suonare, anche se per ora solo da remoto

13/06/2020

Tutto da solo

Stava pedalando da Lavenone in direzione di Vestone quando, forse a causa di una buca, è volato gambe all’aria

12/06/2020

Messa d'argento per don Bernardo

Gli auguri delle comunità di Vestone, Nozza e Lavenone per il loro parroco, don Bernardo Chiodaroli, che quest’anno festeggia il venticinquesimo di ordinazione sacerdotale

10/06/2020

LAFRE, vent'anni a lavorar lamiere

Un traguardo, quello della famiglia Freddi, da festeggiare progettando il raddoppio del capannone, quello che apre su via Penella a Vobarno


10/06/2020

Le 80 primavere di nonna Luisa

Tanti auguri a nonna Luisa, di Vestone, che oggi, 10 giugno, raggiunge le 80 primavere