25 Aprile 2014, 09.13
Gavardo
Energia e territorio

Biomassa, dopo Vestone ecco Gavardo

di Redazione

La cogenerazione a biomassa arriva anche a Gavardo. Una piccola rete di teleriscaldamento produrrà energia e riscaldarà l'intero plesso scolastico di Via Dossolo, il Centro per l'infanzia e la Casa di riposo

 
Un milione e ottocentomila euro. E’ quanto il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha assegnato a Gavardo per il progetto di cogenerazione a biomassa solida (cippato/pellet).

Si tratta di un contributo agevolato al tasso dello 0,25% per 120 mesi, destinato alla Gavardo Servizi Srl, Società E.S.Co partecipata al 100% dal Comune di Gavardo, per la realizzazione di un piccolo impianto (inferiore a 200 kW) di cogenerazione a biomassa che servirà a riscaldare anche il Polo dell’Infanzia e la Casa di Riposto, grazie alla realizzazione di un tratto di teleriscaldamento.

Il progetto, approvato dal Ministero all’interno del percorso intrapreso dal Comune sin dal 2010 nel Patto dei Sindaci, prevede inoltre la completa regimazione del Rio Legnago, lo stesso che crea notevoli problemi ai nuovi insediamenti residenziali ad ogni temporale o pioggia insistente.
Il progetto ha un valore complessivo di circa 2.300.000 euro e sarà ammortizzato completamente grazie agli incentivi previsti dal Conto Energia e dall’ulteriore incentivo previsto per emissioni in atmosfera inferiori ai severi limiti normativi.
La progettazione è stata oggetto di gara proprio nei giorni scorsi.

L’operazione è stata finanziata sul Fondo Kyoto e prevede, infine, la possibilità di assunzione di personale per garantire la coltivazione dei boschi a filiera corta (quelli comunali e di valle), in deroga ai severi vincoli cui sono sottoporti i Comuni, al fine di alimentare l’impianto stesso.

Questo in linea con quanto è già stato fatto recentemente anche a Vestone e con gli intendimenti degli altri Comuni valsabbini, intenzionati ad individuare, anche con la nascita di un consorzio forestale, il modo migliore per sfruttare le riserve boschive della valle.

«Le emissioni in atmosfera saranno monitorate 24h/24 e comunicate al pubblico in tempo reale – assicurano dal municipio gavardese -. L’impianto, che non avrà oneri per il Comune, assicurerà un risparmio di spesa di circa 150.000 euro annui per i prossimi 20 anni.
Un apposito gruppo di lavoro, al quale verranno chiamati esperti indipendenti, seguirà da vicino la fase progettuale al fine di poter mettere a gara, tra alcuni mesi, la realizzazione di un impianto all’avanguardia nella  tecnica e di massima garanzia per la qualità dell’ambiente urbano».

Ne avevamo già scritto qui






Commenti:
ID44057 - 25/04/2014 19:07:02 - (astrolabio) -

Ottimo progetto.Una amministrazione concreta, efficace. Di poche chiacchiere e tanto lavoro.

ID44067 - 26/04/2014 06:53:04 - (bob63) -

Per pura cultura, se vengono risparmiati circa 150.000 euroall'anno, quanto costa il riscaldamento di queste tre strutture? capisco gli incentivi (se durano), tassi agevolati, ma 2.300.000 euro assunzione di personale manutenzione, mi da da pensare.

ID44068 - 26/04/2014 08:52:05 - (olati) - OLATI

Caro bob 63...tu pensa pure....ma gli altri intanto lavorano e fanno sul serio concretamente..... olati

ID44072 - 26/04/2014 09:44:06 - (sonia.c) - io stò con bob ..

perchè ha pensato. giusto o sbagliato non lo voglio discutere.. ma ha pensato. lo capisci quanto è terribile il concetto espresso da questi due post?pensaci bob ...cosa vuol dire per certa gente il "fare"? quello che uno fa è giusto a prescindere"?o bisogna invece guardare anche con il criterio del "bene o male"? tu hai fatto questo bob. bravo. e adesso domandati che cosa ti hanno chiesto questi due..poi fammi sapere ,grazie..

ID44076 - 26/04/2014 11:16:08 - (astrolabio) -

Condivido il concetto di bob 63. E' un impianto ecosostenibile,adottato in tutta Europa da paesi con sensibilità ecologiche indiscutibili.Hanno pensato valutato e realizzato.Altri sono giustamente dal loro punto di vista nella fase del pensiero.

ID44077 - 26/04/2014 11:19:10 - (astrolabio) -

naturalmente condivido il commento di olati.e non bob63.

ID44079 - 26/04/2014 11:59:23 - (bob63) - critiche fuori luogo

Mi sembrava chiaro che il mio fosse solo un punto di vista,non stavo assolutamente criticando il progetto, se avete letto ho chiesto, sempre che qualcuno lo sappia, quanto costa il riscaldamento di questi 3 stabili, solo allora si puo' valutare l'investimento, punto niente di piu'.

ID44083 - 26/04/2014 14:48:07 - (RIFLETTO) - Pensandoci bene

Ma qualcuno ha pensato agli effetti dell'inquinamento per le emissioni in atmosfera (dato che il cippato non si sa da dove proverrà, visto che la filiera ancora non è stata individuata, sempre che poi di cippato si tratti) oltre che per l'inquinamento acustico, data l'azione delle ventole di raffreddamento delle torri? Sembra che le centrali saranno ubicate in pieno centro abitato e non mi pare un scelta azzeccata. Non sempre il fare è sinonimo di positività, soprattutto se assume i connotati del "a tutti i costi".

ID44084 - 26/04/2014 14:49:37 - (RIFLETTO) - Sapete come funziona?

Chi tanto elogia il progetto, Sto arrivando! Come funzione una centrale di cogenerazione a biomassa?

ID44088 - 26/04/2014 14:56:31 - (RIFLETTO) - Come funziona

Basti sapere che queste centrali devono funzionare 365 giorni all'anno e quindi, durante la chiusura estiva delle scuole, tutta l'energia e il calore non utilizzati e prodotti sono riversati in atmosfera, compresi fumi e polveri sottili. Per far funzionare le centralu servono tonnellate di combustibile al gioorno: immaginate il traffico di tir per il rifornimento? E tutto avverrebbe in pieno centro abitato

ID44089 - 26/04/2014 15:02:52 - (bob63) -

Insomma qualche dubbio e' lecito, sarebbe buona cosa intervenisse qualcuno che ne sa di piu' del progetto, ovviamente senza preconcetti.Buona domenica a tutti.

ID44090 - 26/04/2014 15:07:03 - (RIFLETTO) - Se non si ammortizzasse?

Supponiamo che le centrali si inceppino o che comunque non diano la resa ipotizzata (già verificatosi in impianti simili): come si rientrerà del finanziamento ottenuto? I cittadini di Gavardo vedranno inasprirsi le contravvenzioni, oltre a subore un aumento della tassazipne. Mi auguro un ripensamento e il ricorso ad una fonte di energia davvero a zero emissioni e a costi poù contenuti (acqua-vento-sole). Penso che la salute dei cottadini debba essere salvaguardata contro ogni interesse economico e politico

ID44105 - 26/04/2014 20:12:03 - (astrolabio) -

Stiamo discutendo di centrale con produzione di gas tramite pellet (procedimento di pirolisi)la potenza equivalente a 8 caldaiette di casa.la combustione delle tanto decantate stufe a pellet produce molti piu inquinanti,sia in termini di polveri sottili e non,oltre una discreta quantità di incombusti considerato il rendimentodi combustione medio stagionale medio basso.

ID44117 - 27/04/2014 00:05:03 - (gevvscom) -

data la "modesta" potenza istallata della "centrale termica", 200kw che scenderanno inesorabilmente, poco piu poco meno, ai 160 kw effettivi, non si potrebbe(scrivo da inesperto in finanziamenti europei)convogliare quei soldi alla realizzazione della già paventata centralina idroelettrica al Mulino dove le opere di regimazione delle acque erano già state completate qualche anno fa? Produrrebbe energia elettrica pulita, silenziosa e lontano da abitazioni.

ID44136 - 27/04/2014 09:53:12 - (astrolabio) -

200 KW effettivi. Per la centralina idroelettrica dipendesse solo dall'amministrazione sarebbe cosa fatta.Ma si lavora.

ID44230 - 29/04/2014 17:31:00 - (Gattoandy) - diamo i numeri ?

Per installare l'equivalente di 8 caldaiette si spendono (e dovremo restituirli !!) 2.200.000 euro ?A parte la propaganda elettorale non spariamo numeri.La scelta della pirolisi in ambiente domestico, o para domestico, sicuramente originale e fantasiosa ma di certo non oculata dal punto di vista logistico e del ritorno dell'investimento.

Aggiungi commento:
Vedi anche
05/09/2014 11:55

Risparmio energetico e biomassa, parliamone Appuntamento al Mulino di Gavardo, alle 20 e 30 di questo sabato 6 settembre, per un incontro che ha per tema il progetto di una centrale a biomassa, ma anche il risparmio energetico

20/10/2014 13:25

«Non la facciamo più» L'Amministrazione comunale di Gavardo e la società Gavardo Servizi srl, hanno deciso di sospendere il progetto di realizzazione dell'impianto di cogenerazione a cippato

24/11/2016 07:18

Teleriscaldamento valsabbino Progetto, permessi e risorse ci sono. Potrebbero presto prendere il via i lavori per la realizzazione di una rete di teleriscaldamento "targata" Raffmetal per Casto e Vestone. E ce n'è anche per i laghetti del Parco delle Fucine

12/08/2013 07:00

Cogenerazione a biomassa solida Grazie ad un finanziamento europeo, a Gavardo verranno realizzate due centrali che forniranno energia elettrica e calore per gli edifici pubblici. Verr "sistemato" anche il Rio Legnago

18/08/2014 10:22

Quella centrale merita un referendum Una consultazione referendaria. E’ quanto chiede Gaia, il Comitato spontaneo di cittadini che vuol vederci chiaro sulla centrale di cogenerazione a biomassa che l’Amministrazione di Gavardo prevede di costruire



Altre da Gavardo
10/08/2020

Nuovi stanziamenti per gli ospedali lombardi

Pioggia di milioni sulla sanità pubblica bresciana, la maggior parte destinati al Civile per il nuovo Ospedale dei Bambini, ma una fetta spetta anche al nosocomio di Gavardo

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Tutti al mare... e a Livemmo!

Chiudo gli occhi e cerco di ricordare. Istanti della mia infanzia dorata, attimi di felicità. Dopo la scuola, l’inverno e la nebbia, d’improvviso l’estate arrivava, come un fremito del cuore...

07/08/2020

Gavardo entra nell'Aggregazione

Con la minoranza contraria, qualche giorno fa, il Consiglio comunale di Gavardo ha deliberato di affidare alla Comunità montana di Valle Sabbia i servizi di polizia municipale ed amministrativa

05/08/2020

Al cinema d'estate

Domani, giovedì 6 agosto, la prima delle tre proiezioni di cinema all'aperto organizzate dall'assessorato alla Cultura del Comune di Gavardo. Appuntamento, fino ad esaurimento posti, alle 21 in piazza De Medici

05/08/2020

Appello per reperire plasma iperimmune

L'Avis di Gavardo cerca donatori idonei per la raccolta di plasma iperimmune attivata dall'Asst del Garda per la cura dei malati affetti da Covid-19

05/08/2020

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso

Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri

03/08/2020

La banda torna a suonare

Prima esibizione dopo il lockdown per il corpo musicale "Viribus Unitis" di Gavardo ieri mattina in piazza De' Medici per augurare buona estate

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

31/07/2020

Tavolo tecnico rinviato a settembre

È giunta proprio stamattina la lettera del ministero dell’Ambiente che accoglie la richiesta dei sindaci del Chiese di rimandare la riunione conclusiva del tavolo tecnico per il progetto depurazione del Garda