19 Dicembre 2014, 07.23
Valsabbia Val del Chiese Garda
Animali

Gattone di montagna

di Redazione

Dopo l'orso, il lupo e l'aquila reale, a fare la sua comparsa sugli altopiani tra la valle di Ledro e Tremosine è stata questa volta la lince


A finire nelle inquadrature delle foto-trappola sistemate nei boschi bresciani a ridosso del confine con la provincia di Trento è stato infatti "B132", il felide immigrato in Trentino dalla Svìzzera ancora nel 2008 e che sui versanti montani compresi tra la vai di Daone e la destra orografica del fiume Chiese, nelle Giudicarie esteriori, negli ultimi due anni aveva individuato i luoghi ideali in cui vivere.

La conferma, che segue numerose voci ed avvistamenti senza però aver mai trovato prima d'ora prove oggettive della presenza dell'animale negli ultimi 13 mesi in questa zona, arriva da alcune immagini catturate a fine ottobre di quest'anno che ritraggono in modo nitido la lince inlenta a banchettare con la carcassa di un camoscio.

«Si tratta di un evento eccezionale e rarissimo - spiegano dal settore faunistico della Provincia di Brescia - che si è presentato ora dopo 168 anni dall'ultimo abbattimento di Vezza d'Oglio, avvenuto nel 1845».
Un evento che testimonia un ulteriore spostamento del felino - un maschio di otto anni, unico esemplare accertato sul territorio trentino proveniente dalla piccola popolazione svizzera del Canton San Gallo, appartenente a una specie se possibile ancora più schiva e sfuggente rispetto all'orso bruno - che dopo quattro anni di permanenza nell'area del Brenta-Gazza nel corso dello scorso anno si era spostato a sud-ovest, portandosi sui monti della vai di Daone e verso il confine bresciano meridionale.

«Tra le ipotesi avanzate per spiegare l'abbandono della zona del Brenta da parte della lince dopo diversi anni di stazionamento nella stessa - si legge nel Rapporto Orso del 2013 dell'Ufficio faunistico della Provincia autonoma di Trento - la più verosimile pare essere quella legata alla costante e concomitante presenza negli stessi luoghi dell'orso, che avrebbe condizionato non poco l'attività di caccia, o meglio, di consumo delle prede, da parte del felide.

È infatti noto il fenomeno del cleptoparassitismo attuato dai plantigradi, che si alimentano delle prede della lince, non consentendo loro di consumarle interamente (recenti studi lo hanno documentato bene, soprattutto in Slovenia).
È dunque possibile che "B132" abbia cercato zone più tranquille rispetto all'area del Brenta dove, dal 2008 al 2012, la densità degli orsi è quasi raddoppiata, trovandole non molto lontano, ossia nelle Giudicarle esteriori».

Zone dove, grazie ai dati raccolti tramite il radiocollare di cui il carnivoro è stato dotato, la lince ha trascorso tutto il 2013 e buona parte del 2014. Fino allo scorso ottobre.

Fonte: Paola Malcotti da L'Adige




Commenti:
ID52966 - 19/12/2014 22:34:12 - (Tc) - ...

l'introduzione dell'orso valutata e studiata da professoroni...ha portato a questi risultati...bene...chissa' quali altre ca...te saranno in grado di fare negli anni a venire...che manega...

Aggiungi commento:
Vedi anche
31/01/2020 06:40

Ma che bel gattone La lince B132, esemplare unico sulle Alpi Centrali italiane, difficilissima da scorgere, è stata immortalata nel parco Alto Garda da una fototrappola di "Hidden"

01/08/2015 23:03

Epicentro a Molina di Ledro Alle 22:47 di questo sabato sera la terra ha tremato fra la Valle Sabbia, le Giudicarie e l'Alto Garda. Precisamente nella zona del lago di Ledro.

27/02/2016 10:05

A Ledro per il cross Il 2016 sportivo della Val di Ledro sarà inaugurato questa domenica 28 febbraio con il Cross dell'Alto Garda e Ledro, che per la prima volta verrà proposto a Molina di Ledro, in località Besta

22/08/2012 07:11

Con Asar sui luoghi della grande guerra Domenica 26 agosto riprendono le escursioni Asar. L'itinerario, nella zona al confine tra i Comuni di Tremosine, Limone e Ledro, si snoda intorno al Monte Carone, tra i laghi di Ledro e di Garda.

22/04/2012 10:25

Scolpire in Val di Ledro Scolpire in Valle di Ledro, un angolo sospeso e quasi nascosto sull’Alto Garda che riserva piacevoli sorprese.



Altre da Garda
24/09/2020

Depuratore, la Cabina di Regia conferma Gavardo

Il maxi depuratore sul fiume Chiese si farà, a cominciare dall'impianto di Gavardo. È quanto deciso dalla Cabina di Regia, che non avrebbe rilevato criticità tali da compromettere la validità del progetto

24/09/2020

Sabato la Caminàa Storica Trail

Ci sarà anche il “nostro” campione Alessandro “Rambo” Rambaldini a difendere titolo e record alla corsa in montagna di Navazzo

23/09/2020

La salute al primo posto

Le “Mamme del Garda” sollecitano i sindaci che fanno parte della Conferenza dei Comuni dell’Ato a non perdere di vista i veri problemi del lago, contrastando il progetto di trasferire i reflui nell’alveo del Chiese

22/09/2020

Al via il progetto «Una Montagna di Botteghe»

Questo giovedì a Puegnago del Garda un convegno pubblico per l’avvio ufficiale del progetto di cooperazione interterritoriale promosso dal Gal GardaValsabbia2020 in partenariato con altri Gal

22/09/2020

Gaia scrive alle istituzioni bresciane

Il comitato Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) ha scritto una lettera aperta per chiedere al Governo i 45 milioni di euro perché la depurazione continui a Peschiera

21/09/2020

Vela, Antonio Squizzato si riconferma campione

L'atleta paralimpico della Canottieri Garda si riconferma vincitore assoluto nella classe 2.4mR al Campionato Italiano Classi Olimpiche. Tris per la società con l’argento per Di Maria e il bronzo di Torchio nel 49er

21/09/2020

Fronte del «no», i sindaci raccolgono adesioni

In vista della riunione della Cabina di regia i sindaci dell'asta del Chiese puntano ad un ulteriore aumento delle adesioni per la convocazione della conferenza dei sindaci nell'Ufficio d'Ambito

19/09/2020

Nessuna sterile polemica, ma proposte costruttive

«Nessuna sterile polemica, ma proposte costruttive». Le mamme del Chiese controbattono nuovamente al presidente di Ato Aldo Boifava, col pieno sostegno delle associazioni e dei comitati che si battono per la difesa del fiume Chiese

18/09/2020

Depuratore, nuova mozione in Provincia

L'ha presentata il consigliere Marco Apostoli di “Provincia Bene Comune”, chiedendo al Consiglio provinciale di bocciare il progetto dei due nuovi depuratori a Gavardo e Montichiari. Continuano, nel frattempo, le adesioni al fronte del “no”

15/09/2020

Slitta la Cabina di regia

La riunione sul maxi depuratore, indetta in videoconferenza per oggi, è stata rimandata a martedì prossimo. Sindaci del Chiese e Comitati ambientalisti continuano a lottare per avere risposte concrete e per la valutazione di un progetto alternativo