19 Dicembre 2014, 07.25
La Nostra Valle online

Testimonianze belliche

di Redazione

Vallesabbia, oltre 35 mila euro per valorizzare i manufatti della Grande Guerra, il 50 per cento a fondo perduto arriva da Regione Lombardia


Poco meno di 18 mila euro a fondo perduto per la valorizzazione dei ruderi della Grande guerra in Vallesabbia.
Sono stati concessi da Regione Lombardia in seguito alla partecipazione della locale Comunità montana (che ha sua volta ha messo sul piatto la stessa cifra) al bando di selezione per progetti e interventi di promozione e valorizzazione del patrimonio storico della prima guerra mondiale in Lombardia.

Il progetto – al quale ha partecipato attivamente anche il Sistema interbibliotecario della Valsabbia - è stato seguito da Saef, società bresciana specializzata in questo tipo di pratiche, che ha declinato, fino a finanziamento, i passaggi necessari all’acquisizione del contributo.

Gli interventi finanziati da Regione Lombardia, per un contributo totale di 17.870 euro, prevedono azioni di riqualificazione e rivalutazione dei manufatti bellici che sorsero durante la Grande guerra.
In particolare sul sistema fortificatorio che si estende in quota sopra il lago d’Idro con l’intenzione di strutturare un vero e proprio “museo diffuso” che contempli tali reperti storici.

Si tratta del sistema difensivo delle truppe italiane conosciuto come il “Valchiese” composto da sentieri, trincee, gallerie e manufatti.
Le azioni prevedono la pulizia di tali sentieri con il ripristino degli itinerari tematici, la realizzazione di segnaletica specifica fino alla creazione di un’applicazione per smartphone che possa guidare il visitatore all’interno del percorso con adeguate informazioni storiche. 

Non solo: sarà un percorso ad anello che avrà come elemento accomunante lo sfondo del lago d’Idro, teatro di guerra negli anni che andarono dal 1915 al 1918.
Nello specifico verrà realizzato un percorso ad anello sulle quote intorno al lago d'Idro, concepito per un trekking di più giorni ma fruibile anche in giornata grazie al facile accesso stradale alle tappe principali, ovvero:

• Idro – Forte di Valledrane – Treviso BS – Cavallino della Fobbia (percorso alla principale roccaforte dello sbarramento di fondovalle);
• Cavallino della Fobbia – Cocca Veglie – Capovalle – Mandoal - Monte Stino (Linee fortificate di raccordo con Alto Garda e complesso del Forte di Monte Stino; visita al Museo Reperti Bellici di Capovalle);
• Monte Stino – Parole – Ponte Caffaro (complesso fortificato Monte Stino, mulattiere di guerra di collegamento tra lago e alte quote, sentiero dei contrabbandieri tra gli antichi confini di Stato);
• Ponte Caffaro – Monte Breda – Cima Ora – Passo Baremone – Rifugio Rosa del Baremone (ponte sul fiume Caffaro già confine di stato, dorsale fortificata del monte Breda, complesso fortificato di cima d'Ora);
• Rifugio Rosa del Baremone - Monte Censo – Santa Petronilla – Monte Paghera – Pieve – Idro (linee fortificate di raccordo tra cima d'Ora e rocca d'Anfo, sentiero di arroccamento a Monte Censo).

Il progetto sarà, per altro, coordinato con le iniziative analoghe in merito alla valorizzazione dei manufatti storici della Grande Guerra nei territori confinanti.
L’evoluzione delle azioni prevede lo sviluppo nel corso dei 12 mesi del 2015 con un cofinanziamento del 50 per cento della Comunità montana di Vallesabbia, a raddoppiare il contributo di Regione Lombardia, per un totale di oltre 35 mila euro.

“Siamo fieri di questo riconoscimento regionale – ha sottolineato G.Maria Flocchini, presidente della Comunità montana di Vallesabbia -; perché va nella direzione della valorizzazione del nostro territorio.
Le testimonianze belliche sono elementi che non vanno lasciati nel dimenticatoio ma mostrati e resi fruibili affinché ci si possa rendere conto di quanto cruenti siano stati i momenti di guerra del passato”.

Non solo: il finanziamento di questo progetto va a rafforzare una collaborazione preziosa: “Da sempre – conclude – la nostra comunità montana cerca la collaborazione dell’ente regionale per progetti di sviluppo emblematici e da sempre abbiamo trovato positivi riscontri in Regione Lombardia, a dimostrazione di una collaborazione fattiva in direzione del territorio”.

Fonte: comunicato stampa



Aggiungi commento:
Vedi anche
29/09/2016 17:18

Un'escursione inaugura l'Alta Via dei Forti Sarà inaugurato domenica 2 ottobre al Forte di Valledrane il progetto ideato per valorizzare sentieri e manufatti della Grande Guerra attorno al lago d’Idro

03/08/2016 07:00

Turismo e viabilità, nuovi fondi dalla Regione Ulteriori fondi per la Valle Sabbia e un’opera di coordinamento da parte di Regione Lombardia per i progetti di valorizzazione in chiave turistica, per la viabilità e per opere di regolazione del lago d'Idro

29/04/2015 10:15

Recupero trincee sullo Stino Una quarantina di volontari fra alpini, protezione civile della “Monte Suello” e del Museo Reperti bellici Capovalle hanno ripulito sentieri e sistemato i camminamenti risalenti alla Grande Guerra

07/10/2016 10:49

Dalla Regione fondi per i sentieri Saranno otto i sentieri rimessi a nuovo in Valle Sabbia grazie a un contributo regionale destinato ai Comuni attraverso la Comunità montana

02/11/2015 09:40

97mila euro per i sentieri montani Regione Lombardia ha messo a disposizione delle Comunità montane fondi per progetti di manutenzione e riqualificazione dei sentieri montani



Altre da Politica e Territorio
24/09/2020

Depuratore, la Cabina di Regia conferma Gavardo

Il maxi depuratore sul fiume Chiese si farà, a cominciare dall'impianto di Gavardo. È quanto deciso dalla Cabina di Regia, che non avrebbe rilevato criticità tali da compromettere la validità del progetto

23/09/2020

Illuminazione e vialetti nuovi al Centro sportivo

Sono stati completati i lavori di riqualificazione del Centro sportivo di Serle promossi dal Comune, che comprendono un rinnovato impianto di illuminazione e la sistemazione dei vialetti

23/09/2020

Molte riconferme e qualche novità

Nei comuni di Pieve di Bono – Prezzo e Castel Condino riconfermati i sindaci uscenti. Un grande ritorno a Borgo Chiese. A Bondone, dove non si era presentata alcuna lista, è arrivato il commissario

23/09/2020

Nicola Zontini nuovo sindaco di Storo

L’ex presidente della Pro loco succede all'avvocato Luca Turinelli: «Un successo elettorale del genere non ce l’aspettavamo» ha detto da subito il neo primo cittadino

23/09/2020

La salute al primo posto

Le “Mamme del Garda” sollecitano i sindaci che fanno parte della Conferenza dei Comuni dell’Ato a non perdere di vista i veri problemi del lago, contrastando il progetto di trasferire i reflui nell’alveo del Chiese

22/09/2020

«Pessimi segnali»

Di "pessimi segnali" per quanto riguarda l'operato dell'Amministrazione comunale di Serle, in questa lettera inviata alla redazione, scrive la minoranza di "Serlesi per il Bene Comune"

22/09/2020

Al via il progetto «Una Montagna di Botteghe»

Questo giovedì a Puegnago del Garda un convegno pubblico per l’avvio ufficiale del progetto di cooperazione interterritoriale promosso dal Gal GardaValsabbia2020 in partenariato con altri Gal

22/09/2020

Fondi ai piccoli comuni per le imprese del territorio

Anche buona parte dei comuni valsabbini riceverà i contributi del decreto «Comuni marginali» per sostenere il tessuto produttivo

22/09/2020

CoSI' in Valsabbia

Abbiamo estrapolato i dati Comune per Comune per vedere come hanno votato i valsabbini, come sempre con l’aggiunta di Prevalle e Muscoline, anche se non fanno parte della Comunità montana

21/09/2020

Girelli presidente della Commissione d'inchiesta sull'emergenza Covid-19

Il consigliere regionale valsabbino del Pd: «La Commissione dovrà recuperare il tempo perduto, far luce su quanto accaduto e lavorare a proposte per una riforma del sistema sanitario regionale»