07 Febbraio 2016, 13.11
Valsabbia Garda
Lettere al direttore

«La settimana corta non risolve alcun problema»

di Redazione

Sulla questione dell’intenzione di adottare la settimana corta per il prossimo anno scolastico per tutte le scuole superiori della Provincia, dicono la loro il Gruppo di genitori della rete Garda Valsabbia


Forte sorpresa e parecchia amarezza nel leggere, martedì 26, le parole del Presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, sul tema della «settimana corta» nelle scuole superiori bresciane. Prima ancora di entrare nel merito della questione, ci preme innanzitutto evidenziare il «modo» con cui viene gestito questo tema.

È vero che il Presidente, Mottinelli, afferma di volere una riforma «il più condivisa possibile», tanto che, sempre stando alle sue parole «non voglio assolutamente che sia un'imposizione». Ma i fatti sono ben lontani da queste affermazioni di principio.

Come unica «condivisione», data quasi si tratti di una gentile concessione, il Presidente Mottinelli intende ascoltare i soli dirigenti delle scuole superiori: «ho dato la disponibilità ad un incontro con tutti i dirigenti scolastici al completo» per comprendere più a fondo «le preoccupazioni dei docenti e dei diversi istituti superiori».

Nessuna considerazione, invece, nei confronti di studenti, famiglie e insegnanti che della scuola sono i fruitori e gli operatori. Anzi, finora la Provincia, proprio nella figura del Presidente Mottinelli e dell'assessore delegato, Vivaldini, si è sottratta a qualsiasi confronto con quelli che dovrebbero essere gli interlocutori privilegiati per un simile argomento.

Si chiede, dunque, un confronto con la Provincia e, per tutta risposta, ecco i proclami via giornale, con cui il Presidente Mottinelli annuncia la sua ferma e irremovibile intenzione di proseguire per la sua strada.

Oltre alla assoluta mancanza di confronto, fanno un certo effetto anche alcune affermazioni sulle motivazioni che stanno all'origine del progetto che verrebbe da chiamare «settimana corta a tutti i costi».

Tale scelta, secondo il Presidente della Provincia, nasce dalla consapevolezza che «un'innovazione culturale sia ormai necessaria. E questo è il cuore della riforma: accompagnare il rinnovamento della scuola con coscienza e coraggio» e sarebbe dettata non tanto da esigenze di risparmio bensì da «una rivoluzione culturale grazie alla quale si può cogliere una sfida, aggiornando la didattica ai tempi e ai ritmi attuali... perseguendo l'innovazione all'interno della scuola stessa».

Aldilà della vacuità e genericità di talune affermazioni (che potrebbero essere usate per qualsiasi argomento, dalla promozione dei bed and breakfast alla tutela delle marmotte), sorprende che per ben due volte, nello stesso articolo, il Presidente della Provincia si trinceri dietro motivazioni di ordine «culturale», sconfinando finanche in attenzioni di ordine «didattico».

Tutto questo da parte del rappresentante di un Ente che dovrebbe occuparsi della manutenzione degli edifici scolastici superiori e dei mezzi di trasporto pubblico e dovrebbe avere l'accortezza di lasciare la didattica e la cultura scolastica a chi della scuola è fruitore o operatore!

Abbiamo il fondato timore di essere di fronte a un'ennesima dimostrazione dell'arroganza del politico di turno, che persegue i propri disegni e progetti senza curarsi di ciò che vorrebbero i cittadini, anzi, senza nemmeno preoccuparsi di sentire la loro opinione in proposito.

A conferma di un certa pessima abitudine di far politica e di intendere il potere, purtroppo ormai invalsa ai giorni nostri, il Presidente della Provincia avanza anche la pretesa di sapere bene lui cosa è meglio fare per migliorare la didattica della nostra scuola superiore e decide lui, e lui solo, cosa si deve fare... Al che verrebbe da rispondere con un sonoro «magari bastasse adottare la settimana corta per risolvere i problemi della nostra scuola!».

Comunque, se vorrà avere qualche informazione in più su ciò che sarebbe il caso di fare, basterebbe che si degnasse di ascoltare studenti, famiglie e insegnanti.

Gruppo di genitori della rete Garda Valsabbia


Commenti:
ID64239 - 07/02/2016 14:54:22 - (Leonardo10) -

La settimana corta è adottata in motissimi paesi europei e potrebbe essere un fondamentale aiuto per tutte quelle famiglie in cui entrmbi i coniugi lavorano. Oggi, con orari che non considerano in alcun modo le difficoltà della gestione figli-lavoro, molte mamme sono costrette dopo la nascita dei figli ad abbandonare il lavoro.Forse, Voi siete più fortunati, per il livello reddito di cui disponete o per la rete di nonni su cui potete fare affidamento, ma non per tutti è così. Non tutti i genitori vivono e la pensano come Voi. Continuare a dire i problemi sono altri si traduce in un'inerzia che non affronta e non risolve alcun problema.

ID64242 - 07/02/2016 18:14:03 - (robvi) - E' inutile paragonarci

alle scuole europee; dove si fa la settimana corta, è necessarioavere un servizio di mensa interna alla scuola ... Nessuno degli istituti superiori della Provincia di Brescia è attrezzato per il pranzo dei ragazzi; quindi se Montanelli vuole fare le cose seriamente, PRIMA costruisce le mense e DOPO fa la settimana corta, non il contrario !

ID64243 - 07/02/2016 18:15:40 - (robvi) - ...scusate Mottinelli, non Montanelli...

.

ID64246 - 07/02/2016 19:06:40 - (Tc) - ...

e quando faremo la settimana corta per gli operai,come fanno in Germania?...Famoso motore d'Europa?...Pero' a stipendio pieno come lo prendon loro...e quando gli operai andranno in pensione prima,per dar posto ai giovani che finiranno prima la scuola essendo con settimane corte...e quando.........................................................

ID64248 - 07/02/2016 19:32:20 - (DODECA) - per Leonardo

seguire i figli non si tratta di livello di reddito ma di una scelta: o dedicate la vita al lavoro oppure uno dei due si dedica ai figli che vanno seguiti al mattino, all'uscita e poi coi compiti. e questo solo x la scuola. e non venire a dirmi che così non avete soldi per vivere e pagare il mutuo perchè non è vero. volere è potere

ID64249 - 07/02/2016 19:38:45 - (DODECA) -

per quanto riguarda la settimana corta ci sono pro e contro. soprattutto x i ragazzi che partono dai ns. paesini e vanno in citta. aggiungere un ora vuol dire giornate massacranti. significa alzarsi alle sei di mattino e tornare dopo le 3 di pomeriggio... però se il sabato stessero a casa si evitano una di queste giornate comunque massacranti (visto che con l'orario normale tornano comunque dopo le due. i miei figli sarebbero comunque a favore della settimana corta. a chi devo dirlo?? ma poi... interessa qualcuno la loro opinione???

Aggiungi commento:
Vedi anche
29/03/2015 07:37:00

Quella settimana corta Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico

19/04/2015 08:00:00

Firme contro la settimana corta Anche lunedì presso le sedi di Idro e Vobarno dell'I.I.S. di Vallesabbia "Giacomo Perlasca" la raccolta firme iniziata sabato mattina promossa dai rappresentanti dei genitori nel Consiglio d’Istituto e nei Consigli di classe

16/04/2015 07:34:00

Settimana corta, ma scherziamo? Sull'ipotesi avanzata dalla Provincia di distribuire l'orario scolastico su cinque giorni settimanali, ci scrive Patrick Doniselli, studente all'Itis di Vobarno. La minaccia dell'occupazione

07/09/2018 07:30:00

Alle medie come al college Sarà una rivoluzione “all’americana” quella che partirà con il nuovo anno scolastico alla scuola secondaria di primo grado di Gavardo, con l’introduzione della settimana corta e tante altre novità

16/11/2015 07:18:00

Quale scuola vogliamo? Dopo aver sentito le critiche mosse nei confronti della settimana corta in alcune scuole della Valle mi sento in dovere di esprimere un altro punto di vista



Altre da Garda
15/07/2020

Cure domiciliari, in arrivo gli infermieri di famiglia

Dopo l'emergenza coronavirus la Regione Lombardia mette in campo fondi per potenziare la sanità territoriale. All'Asst del Garda, incluso l'ospedale di Gavardo, saranno assegnati 61 infermieri di famiglia

14/07/2020

Vela, Giulia Bartolozzi terza in classifica

L'atleta della Canottieri Garda Salò ha ottenuto il terzo posto alla prima Selezione Zonale Optimist nelle acque di Campione del Garda

13/07/2020

Scopriamo il Festival serata per serata

Tra le poche iniziative in programma quest'estate di sicuro rilievo c'è il Festival di Lonato dedicato al circo contemporaneo. Questo il primo spettacolo della rassegna
• VIDEO

12/07/2020

«Gli infiniti mondi», una nuova stagione al Teatro Sociale

E' stata presentata ieri – venerdì -al Teatro Sociale la stagione 2020/2021 del CTB di Brescia, che vedrà protagonisti di una proposta di alto livello culturale i maggiori nomi del teatro nazionale

11/07/2020

Nubifragio, i danni di vento e grandine

La violenta tempesta che si è abbattuta nel bresciano oggi pomeriggio ha provocato numerosi danni, alcuni anche in Valle Sabbia

11/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Ecco gli appuntamenti di questo fine settimana tra Valle Sabbia, Garda e provincia

11/07/2020

Vela, si torna in acqua per la selezione zonale Optimist

Primo evento post-Covid per la Canottieri Garda Salò, che dopo la lunga pausa forzata organizza due giorni di regate a Campione del Garda in collaborazione con Univela Sailing

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

Ancora camminate sostenibili e appuntamenti culturali

Proseguono le iniziative del Festival della Sostenibilità sul Garda all’insegna della natura, della cultura e dei sapori del Benaco

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio