Skin ADV
Domenica 17 Novembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








16.11.2019 Sabbio Chiese

15.11.2019 Odolo

16.11.2019 Sabbio Chiese

15.11.2019 Bagolino

16.11.2019 Valsabbia

15.11.2019 Bione

15.11.2019 Roè Volciano

15.11.2019 Sabbio Chiese

15.11.2019 Garda

15.11.2019 Gavardo






07 Febbraio 2016, 22.38
Valsabbia
Blog. Come se dis?

Il Carnevale? Ecco come lo festeggiavano i nostri nonni

di Tatiana Mora
Dalla ricerca di Tatiana Mora

La ricorrenza del Carnevale veniva festeggiata un po' in tutti i paesi della Valle e, in quei giorni, chi voleva/poteva indossava semplici travestimenti e maschere e andava in giro a fare scherzi; ovviamente, essendo una festa che di religioso non aveva praticamente nulla, non era così ben vista dal parroco; i dolci caratteristici erano le latűghe o frètol.

«Un tempo il Carnevale non era molto sentito, sia per impossibilità economiche che per paura di essere ripresi o puniti dall'autorità religiosa. Solo qualche giovane osava travestirsi con abiti di fortuna e festeggiare facendo scherzi o all'osteria».

«Il carnevale è tutt'altro che un fenomeno semplice e a senso unico. Il termine riunisce sotto un unico concetto una serie di festività locali di origine diversa, che cadevano in date differenti […], infatti le diverse forme della festa popolare, scomparendo e degenerandosi, lasciavano al carnevale alcuni loro elementi: rituali, attributi, immagini, maschere.
Così il carnevale è diventato in effetti il depositario di tutte quelle forme della festa popolare che non avevano più un'esistenza propria».

Nel piccolo borgo di Bagolino, in particolare, questa festività era molto sentita e vantava origini davvero antiche; documenti conservati nell'archivio comunale affermano che già nel XVI secolo il Carnevale ricopriva un significato particolare per gli abitanti di Bagolino.
Esso è animato da due categorie di figure principali: i balarì e i màscher.

I balarì
sono i ballerini e sicuramente i protagonisti più spettacolari per i costumi ricchissimi che indossano ma anche per le danze che mettono in scena dall'alba del lunedì prima delle Ceneri (quando, con una celebrazione antelucana, viene dato il via a una messa alla quale prendono parte tutti loro) fino alla sera del giorno successivo; al suono di violini, chitarre, mandolino e basso continuo (detto scherzosamente vedèl cioè vitello), disposti su file parallele, danzano guidati da un capo principale che ha il compito di annunciare i titoli delle suonate, di mettere in ordine i ballerini e di dare loro ordini ad alta voce.

Come dicevo poco fa, il costume dei balarì è davvero particolare; composto da giacca e pantaloni al ginocchio di colore scuro e decorato con passamaneria colorata, è caratterizzato da ricami presenti sull'avambraccio, sulle spalline, sulla tracolla e sulle calze.
Sicuramente il tocco di classe è dato dal cappello «interamente rivestito da una fettuccia rossa arricciata, sulla parte sinistra porta un fiocco enorme di nastri di seta colorati e ritorti e in tutta la parte restante, ricami d'oro, ottenuti con spille, catene, anelli: prezioso pegno per un costume che deve essere il migliore.

Per completare l'abbigliamento, sulle spalle viene fissato uno scialle di seta coloratissimo che, muovendosi durante il ballo, offre meravigliose fantasie di forma e colore.
Elemento spersonalizzante e doppiamente dissimulante, la maschera bianca con bautta nera, uguale per tutti». Le origini di questo copricapo possono essere ricercate nei carnevali ladini delle valli trentine, a Grauno, in Valsugana, in Val di Fassa e in Val di Fiemme.

Raramente i gioielli appartengono tutti alla famiglia del ballerino ma vengono spesso presi in prestito da famiglie amiche; il tradizionale lavoro di vestire il cappello, come si dice a Bagolino, viene svolto dalle donne della famiglia del ballerino o dalla sua fidanzata e inizia un paio di settimane prima del Carnevale.
Una volta terminato, «il cappello viene svestito, i nastri sono avvolti su rocchetti, per evitare che si sciupino, e i gioielli vengono restituiti alle famiglie proprietarie».

Ascoltando la musica che accompagna i loro movimenti, è possibile trovare analogie con i suoni tradizionali dell'Europa continentale e settentrionale; strutturalmente i balli di Bagolino e la musica dei violini sono vicini a forme in uso nei paesi di lingua tedesca: questo fatto può essere collegato alla collocazione geografica del borgo che lo ha sempre portato ad essere maggiormente legato a Trento piuttosto che a Brescia e non dimentichiamo che, per lungo tempo, è stato persino parte della diocesi trentina.

Accanto ai balarì, ci sono i maschèr che, però, non hanno un ruolo ben definito e nemmeno un costume caratteristico (se non la maschera); normalmente sono vestiti da contadini e impersonano il Vecchio e la Vecchia con, ai piedi, gli sgàlber (nel caso delle donne, i söpei), calzature con la suola di legno che permette di sentire il loro arrivo e riconoscerli tra la folla.

La loro funzione è quella di muoversi a coppie, a piccoli gruppi o anche in modo autonomo con un caratteristico passo strascicato (come se pattinassero), fare dispetti, divertire attraverso scherzi e battute goliardiche, cogliere alle spalle l'incauto visitatore e ghermirlo con una voce in falsetto.




Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID64268 - 08/02/2016 13:53:32 (Gaudeamus)
Perché tanti improvvisati storici si improvvisano a scrivere di Storia?Come si fa a definire "piccolo borgo" Bagolino?E' demenziale pensare a Bagolino nel 1500 come un piccolo comune...Nella prima metà del '500, quando Brescia aveva 20mila abitanti e Roma solo 37mila, Bagolino, Città della montagna, contava ben 5mila cittadini...Quando non si sa sarebbe meglio tacere... men che meno scrivere...Che i cieli abbiano a perdonare tanta ignoranza!!!


ID64270 - 08/02/2016 14:13:09 (comesedis) Tatiana
Guardi, penso che sia la SUA ignoranza riguardo a certi argomenti a farla parlare in questo modo; forse non sa (perché non segue il blog) ma la mia ricerca nasce da seri studi universitari e poggia su testimonianze che mi sono state raccontate dalla gente stessa. Di certo Bagolino non è passato alla storia per essere stato una grande città nonostante il numero di abitanti che lei cita ma, semmai, come un PAESE della Valsabbia bellissimo e ricco di storia e tradizioni.


ID64274 - 08/02/2016 17:57:48 (Diogene)
Concordo con Gaudemus, Bagolino è stata una potenza, basta visitare la parrocchiale per capirlo


ID64284 - 09/02/2016 08:13:49 (Giacomino) Inoltre
Bagolino non era neanche considerato parte della Valsabbia in quanto autonomo nelle sue necessità e nel suo governo, i paesi della V.Sabbia erano quelli che in un certo senso dipendevano dal mercato dalla Nozza, i malghesi di Bagolino per i loro traffici, e parliamo del 6-700 preferivano già il mercato di Rovato, in pianura dove gli stessi passavano con le loro mandrie i mesi dell'inverno. Dice bene Diogene, basta vedere la cattedrale, e si era agli inizi del 600.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/02/2013 07:00:00
Scatti di Carnevale Foto di gruppo, da soli o male accompagnati, alla festa, per la strada oppure sulla neve, purchè siano immagini che ritraggono il Carnevale. Inviatele a vallesabbianews che ve le pubblichiamo. Aggiornamento domenica 10 h 23:30

13/01/2018 06:38:00
Il Carnevale di Livemmo Si parla già di Carnevale. Il professor Biati ci manda questa riflessione sulla tradizione a lui più cara, quella di Livemmo, che però abbraccia anche tutte le altre


01/02/2017 14:40:00
Il Carnevale di Livemmo Avrà luogo nel pomeriggio di domenica 19 febbraio, quest'anno, il Carnevale di Livemmo. Sul quale pubblichiamo volentieri un contributo del professor Biati, profondo conoscitore dei luoghi e della loro storia

14/02/2018 08:56:00
La rivincita della tradizione La tradizione più vera del Carnevale di Bagolino, nei due giorni di baldoria accompagnata dall'esibizione dei balarì, ha fatto il paio con un'aumentata percezione di sicurezza


03/02/2010 08:00:00
Livemmo e il suo carnevale Il carnevale in Valsabbia prende avvio questo fine settimana dal borgo di Pertica Alta con tre appuntamenti fra cultura e divertimento.



Altre da Valsabbia
16/11/2019

Due valsabbini al mondiale

Ci siamo. A Villa La Angostura, in Patagonia, con la squadra azzurra, ci sono anche i nostri Alessandro Rambaldini e Luca Merli

15/11/2019

Mozione bocciata, avanti con il doppio depuratore

Con voto favorevole del centrodestra e voto contrario del Pd, la mozione di Marco Apostoli è stata respinta. L’Ato potrà ora avviare l’iter di autorizzazioni per la realizzazione del progetto di Acque Bresciane


15/11/2019

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia


14/11/2019

Il bello fa bene... a Sabbio di Sopra

Appuntamento questo sabato sera a Sabbio di Sopra, alle 20, con una introduzione storica ed il concerto per chitarra e violino "Danze e virtuosismi", per rendere omaggio ai tesori ritrovati nella chiese dedicata a San Martino


14/11/2019

Doppio impianto e niente scarichi a lago

Gavardo e Montichiari rimarrebbero “la soluzione migliore” per la depurazione del Garda. Ferma l’opposizione dei comitati e dei Comuni coinvolti. Oggi si vota la mozione di Marco Apostoli


13/11/2019

Testimonianze di affido in Valle Sabbia

Questo venerdì, 15 novembre, a Odolo un incontro in cui verranno raccontate alcune esperienze di affido familiare nel territorio valsabbino. Un’occasione utile per conoscere più da vicino questa realtà


13/11/2019

Felicemente in cammino

Una serata interessante quella che si è svolta a Bagolino per la rassegna “FeliceMente”. Roberto Bruzzone ha parlato ai presenti della sua esperienza di camminatore sportivo e di come, dopo aver subìto un’amputazione, ha continuato le sue imprese “gamba in spalla”


13/11/2019

Artistica Dafne, grandi risultati al Campionato Italiano

Le 23 ginnaste della società valsabbina sono rientrate dalla trasferta a Cesenatico con cinque titoli nazionali e ben ventidue medaglie


12/11/2019

«Tocca al Garda depurare le sue acque»

«Ogni bacino idrologico-imbrifero deve provvedere alla depurazione dei propri reflui fognari, così come sancito dal T.U. Ambiente» afferma Legambiente intervenendo sulla questione Garda-Valsabbia (2)

12/11/2019

«Insieme noi», soci in festa con la Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella

Domenica 17 novembre a StoroE20 e sabato 23 novembre a Sabbio Chiese presso il Cinema Teatro “La Rocca”

Eventi

<<Novembre 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia