01 Agosto 2016, 09.16
Val del Chiese
Antichi mestieri

L'arte del pojat

di Elisa Pasquazzo

Anche personale del Muse e ricercatori dell’Università di Trento ieri a Malga Alpo per la Festa del carbonaio per un lavoro di ricerca sui vecchi carbonér


Nel 1951, anno del censimento, Bondone e Baitoni contavano complessivamente 850 abitanti di cui il 60 per cento degli uomini facevano come lavoro i carboner. Dalla primavera all’autunno, in compagnia delle mogli, erano disseminati in zone più disparate avvolti dalla fuliggine e stremati dalla fatica per produrre quel materiale vegetale.

Ebbene, ieri, alla Festa del Carboner, Dario e Manuseto Scalmazzi, i soli che ancora sanno fare quel mestiere, erano lì nella jal per mostrare alla gente la pratica e segreti di quell’arte oramai in via d’estinzione.

“Ogni cinque quintali di legna fuoriesce un quintale di carbone che per espletarne la procedura servono due giorni e una notte” ammonivano ambedue.

Guarda caso a malga Alpo (a quota 1.450 metri) ad approfondire procedure e tempi di lavoro c’erano stavolta docenti universitari e personale del Muse interessati a dar vita ad una scuola estiva su archeologia di montagna con riferimento a quel mestiere.

Diego Angelucci docente universitario: “Siamo qui per raccogliere informazione e storia sul lavoro del carbonaio affinchè quella pratica lavorativa non abbia a disperdersi per sempre. Con l’aiuto dei due Scalmazzi e di qualcun altro ancora cerchiamo di catalogare il tutto in modo poi da inventariarlo su carta”.

Le condizioni meteo ieri non erano certamente delle migliori, con tanta pioggia e anche qualche sventagliata di grandine.

Dentro lo stallone di una volta almeno 400 e più persone hanno trovato riparo e un posto per consumare un pranzo casereccio comprendente polenta e spiedo. Tra loro anche il cappuccino padre Giorgio Anesi giunto all’ultimo da Trento per salutare la sua gente di cui un tempo era stato parroco interinale.

“Direi che il comitato promotore si è dato da fare e ha lavorato bene sia nell’allestire il pojat come nel predisporre il servizio ristorazione”, avvertivano sia il sindaco Gianni Cimarolli che il suo vice Giacomo Valerio.

Prima ancora, nella vicina cappella, il reverendo arciprete decano don Andrea Fava aveva celebrato la Messa. All’omelia il sacerdote ha ricordato il sacrificio di quella gente e, prendendo spunto dal vangelo del giorno, puntualizzava che le ricchezze vanno perseguite e accumulate per mettere il tutto a disposizione del prossimo”.

In foto Dario e Mansueto Scalmazzi alle prese con il pojat


Aggiungi commento:
Vedi anche
27/07/2016 13:48

A malga Alpo un omaggio ai carbonai La tradizione del pojat sarà rivissuta domenica a malga Alpo, sopra Bondone, per l’annuale Festa dei carbonai, l’antico mestiere un tempo molto praticato dai bondonesi

29/07/2019 09:58

Ieri all'Alpo tradizionale Festa del Carbonaio In tanti questa domenica sono saliti alla malga a monte di Bondone dove è stato riproposto il pojat per fare il carbone

28/07/2014 11:30

Coi «carboner» a Malga Alpo Domenica a malga Alpo, a Monte di Bondone, non sono una festa, ma l’occasione per vedere all’opera il mestiere del carbonèr. Un'attività che da quelle parti un tempo era considerata un’arte e quasi tutti la praticavano

29/07/2017 09:16

A malga Alpo al «Festa del Carboner» È in programma questa domenica a Bondone la partecipata manifestazione dedicata all’antico mestiere del carbonaio organizzata dall’associazione culturale “I Carboner”

31/07/2018 07:00

La festa del Carbonaio La scorsa domenica a Malga Alpo è stata riproposta la tradizionale procedura del pojat. Oltre 600 i presenti 



Altre da Val del Chiese
10/08/2020

Ciao «gabi» Luciano

Se n'è andato all'improvviso, dopo aver accusato un malore, Luciano Fusi, contadino di Baitoni. Si stava rimettendo da un grave incidente stradale. Il ricordo di un amico

08/08/2020

In cammino al passo del Chiese

Prenderà il via lunedì 10 agosto da Acquanegra sul Chiese per giungere domenica 16 agosto in Val di Fumo il percorso a tappe di Mirko Savi e altri 4 suoi amici per lanciare un messaggio di salvaguardia del fiume Chiese

07/08/2020

Sagra di San Lorenzo ridotta causa coronavirus

Per la prima volta dopo le due guerre mondiali quest'anno la ricorrenza, molto sentita a Storo e Condino, subirà alcune modifiche a causa delle misure restrittive anti Covid-19

06/08/2020

Lista unica, programma ambizioso

A Castel Condino è ormai ufficiale la presentazione alle prossime elezioni di una sola lista, “Insieme per Castello”, guidata dal sindaco uscente Stefano Bagozzi e dal suo vice Ivan Pozzi

05/08/2020

Al via il primo Festival del «Formai da mont»

Fino a settembre a Sella Giudicarie la nuova iniziativa che si abbina a “Malghe aperte” per apprezzare valori e tradizioni della realtà di montagna

04/08/2020

Nuovo corso per la Pro loco di Roncone

È Ian Bazzoli il nuovo presidente dell’ente di promozione turistico del paese di Sella Giudicare che per il periodo ferragostano metterà in campo alcune iniziative nonostante le limitazioni post pandemia

03/08/2020

Sindaci in corsa o in cerca di conferme

In vista dell'imminente presentazione delle liste cominciano a delinearsi gli schieramenti in campo nei Comuni della Valle del Chiese in vista delle elezioniamministrative, ma ci sono ancora diverse incertezze

03/08/2020

Il ricordo di don Ezio Marinconz, ora in dvd

Recentemente “Capelli Videotecnica” di Condino ha realizzato un Dvd in ricordo di Don Ezio Marinconz

02/08/2020

Fiume Chiese e Lago d'Idro, per un uso sostenibile dell'acqua

E' stata approvata qualche giorno fa, a firma del consigliere trentino del Movimento 5 Stelle Alex Marini, la proposta per un progetto di ricerca applicata per assicurare un uso sostenibile delle risorse idriche dei territori trentini e bresciani

01/08/2020

Ricordando Graziano Lombardi

Ho partecipato al funerale di Graziano Lombardi, tenutosi nella chiesa di Lodrone ieri, venerdì 31 luglio. Graziano è deceduto a Tione giovedì scorso