25 Marzo 2017, 08.46
Glocal

Mercati settimanali e commercio ambulante, un mondo in trasformazione

di Valerio Corradi

Le novità normative sul commercio ambulante e i mercati portano a riflettere su come questo settore sia ancora importante a livello economico e sociale e su come stiano cambiando i suoi protagonisti


Nel territorio bresciano il commercio ambulante e al dettaglio al di fuori di negozi, storicamente, riveste un ruolo importante non solo dal punto di vista economico ma anche sociale. Quello ambulante è per definizione un commercio fondato su un rapporto diretto tra venditore e acquirente che si costruisce nel tempo.

Basti pensare alla funzione dei venditori ambulanti, anche della Valle Sabbia, che si recano, a cadenza settimanale fissa nelle località e nelle frazioni “meno comode” dove scarseggiano o sono assenti servizi e punti vendita, il tutto per vendere prodotti alimentari, frutta e verdura, vestiti o altri beni. Gli ambulanti sono il retaggio di un mondo fatto di appuntamenti fissi, di poca mobilità e poche comodità e di fiducia reciproca che, malgrado tutto, stenta a scomparire.

Luogo di elezione degli ambulanti è da sempre il mercato settimanale. Spazio per eccellenza dell’incontro ed evento settimanale che fa vivere piazze altrimenti, spesso, deserte o spente. Oggi anche il commercio ambulante sta conoscendo importanti trasformazioni. Ad esempio, sotto il profilo normativo è in atto un tentativo di introdurre novità nel settore.

La legge regionale della Lombardia n. 10/2016, prevede che entro il 4 luglio 2017 i mercati dovranno essere riorganizzati e ammodernati ad esempio, riassegnando tutte le concessioni tramite bando, garantendo una corretta concorrenza fra gli operatori e tutelando così il consumatore finale. In provincia di Brescia le piazzole interessate saranno circa 7 mila tra le quali spiccano quelle dei mercati di Desenzano del Garda (259 piazzole), Iseo (143), Leno (112), Montichiari (159), Orzinuovi (157), Palazzolo sull’Oglio (165), Rovato (141) e Salò (203).

Non desta ormai scalpore, l’osservare che buona parte di queste attività commerciali siano passate di mano e vedano, in alcune situazioni, una prevalenza numerica di titolari di origine straniera. Questi ultimi hanno comprato o preso in affitto banchi nei mercati soprattutto in settori come la bigiotteria e l’abbigliamento, un po’ meno nella vendita di prodotti ortofrutticoli e nel commercio di pesce e di carne. Essi rappresentano i “nuovi” ambulanti e testimoniano la sempre più marcata connotazione multietnica di alcuni settori della nostra economia.


Aggiungi commento:
Vedi anche
21/01/2011 08:00

Crisi anche ai mercati settimanali La crisi del commercio si fa sentire anche nel comparto degli ambulanti con un calo di circa il 20% delle vendite nel 2010.

19/05/2020 10:48

Coldiretti, a Brescia oltre 540 ambulanti nell'alimentare La fase due prevede ancora diversi vincoli per il commercio ambulante di cibi e bevande, i cui operatori a Brescia sono un punto di riferimento importante per consumatori e produttori agricoli

27/02/2020 09:30

Mercati settimanali, ambulanti sul piede di guerra Gli ambulanti denunciano una disparità di trattamento rispetto ai supermercati. Contestata la delibera della chiusura del mercato di mercoledì a Gavardo. A Villanuova confermato quello di venerdì. Intanto i bar riaprono alla sera

15/09/2009 11:00

Eugenio, barbiere ambulante Da ragazzo lo conoscevo bene il barbiere ambulante che era un amico per tutti. Eugenio Bresciani bussava sempre con discrezione. Di Nerino Mora.

04/07/2015 07:00

I mercati valsabbini Storicamente i mercati hanno avuto un’importanza decisiva nella vita economica della nostra montagna



Altre da Economia e Lavoro
08/08/2020

Un nuovo corso per Oss a prezzo agevolato

Il prossimo 24 agosto al via il nuovo corso di formazione per Operatori socio sanitari promosso da CMVS, Valle Sabbia Solidale, Solco Brescia e Consorzio Laghi presso l'ex centrale di Barghe, un’iniziativa a sostegno della ripartenza occupazionale post Covid-19

06/08/2020

L'inglese per ottenere un buon lavoro

Imparare l’inglese è diventato un must per qualsiasi lavoro che si affaccia al panorama economico internazionale

06/08/2020

Sul lago il Covid sta lasciando il segno

Non mancano le proposte per un turismo consapevole sul lago d'Idro e in Valle Sabbia. Mancano però un bel po' di turisti

03/08/2020

Valsir, controllo totale

Non solo in Valsir, ma anche per Oli, Marvon e Alba, è stata messa in pratica una massiccia operazione di controllo e prevenzione del rischio Covid

01/08/2020

Presidio alla Tematrade

Operai in agitazione nel sito produttivo di Prevalle. Sul tavolo delle trattative l'erogazione del fondo antiusura, la cassa integrazione, le paghe arretrate ed un'istanza di fallimento. VIDEO

30/07/2020

Facebook no grazie

Banca Valsabbina aderisce alla campagna di sensibilizzazione contro i fenomeni di odio sempre più diffusi sul web e sospende gli investi pubblicitari sul più popolare dei social

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

25/07/2020

Inglese, arabo e cinese: le lingue da conoscere per aumentare gli affari nel 2020

Oggi fare affari significa muoversi in un mercato globale: il 40% degli scambi commerciali a livello mondiale avviene tra paesi esteri con continue opportunità su larga scala.

23/07/2020

Dalla Scandinavia a Brescia, in arrivo 12 tour operator

Per la prima volta dopo il lockdown una delegazione proveniente da Svezia, Danimarca e Norvegia sarà ospite di Visit Brescia per un viaggio tra le attrazioni turistiche, culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche di città e provincia

23/07/2020

Produzione, ambiente ed energia

952,6 milioni di euro. E’ il fatturato del Gruppo Silmar nel 2019. Bene anche la ripresa nel “dopocovid”. In tre anni investiti dal Gruppo più di 200 milioni di euro