10 Settembre 2017, 08.00
Gavardo
Lettere al Direttore

Interpellanza sulla cava nel Tesio, il Comitato ancora deluso

di Erica Pollini

Insufficiente per il Comitato di volontariato per la salvaguardia del Tesio la risposta data dal vicesindaco Bertoloni all’interrogazione sulle mitigazioni per la cava sul monte Tesio


Gentile direttore,
il 6 settembre scorso, l’amministrazione comunale di Gavardo è stata chiamata a rispondere ad una interpellanza delle minoranze tesa ad avere aggiornamenti precisi, promessi tra l’altro dal vicesindaco Sergio Bertoloni nel precedente Consiglio del 1° marzo, sullo sviluppo della vicenda della cava sul monte Tesio.

Il vicesindaco
ha comunicato all’assemblea di avere avuto un contatto in febbraio/marzo 2017 sia con Fassa che con la Provincia, proponendo delle ulteriori mitigazioni alla convenzione originariamente stipulata.

A tale proposito non ha dato indicazioni precise sul contenuto analitico di tali mitigazioni, salvo un paio di veloci esempi fatti dall’arch. Baronio in veste di responsabile dell’area gestione territorio, quali evitare il passaggio dei mezzi pesanti nelle ore coincidenti con inizio/fine scuola e posticiparne il passaggio mattutino. Attenzione: i due esempi non comportano alcuna riduzione relativa al numero dei passaggi quotidiani, che resterebbero i trenta originariamente contrattati.

Fassa si è presa del tempo per rispondere, ma non ha più contattato il Comune ed il Comune non ha più contattato Fassa per valutarne le intenzioni definitive. Ricordo che sono passati più di sei mesi da quell’incontro!

Il vicesindaco ha poi comunicato che la ditta ha fatto effettuare ad un’impresa specializzata un’operazione di carotaggio della strada che giunge alla cava, i cui risultati sono contenuti in una perizia depositata presso il Comune: sembra - così ha accennato il sig. Bertoloni - che buona parte del percorso possa sostenere il passaggio dei mezzi pesanti. Peraltro, come gli esperti del settore ci hanno confermato, con il carotaggio si esaminano gli strati profondi del terreno che - naturalmente, trattandosi di zone rocciose - è palese non siano fragili. Il problema invece, come il Comitato ha più volte evidenziato, riguarda il manto stradale superficiale (tappetino d’usura) che non può sostenere tale carico.

In ogni caso,
che la strada sostenga o meno il passaggio dei mezzi pesanti è un problema prettamente economico mentre il cuore della vertenza – il Comitato non si stancherà mai di ricordarlo – è la sicurezza, che non può essere in alcun modo garantita con un percorso così stretto e ripido.

Il vicesindaco ha aggiunto che il Comandante della polizia locale ha fatto i suoi rilievi sulla vicenda, mandati poi in Provincia. Ma anche su questo punto non abbiamo avuto alcuna spiegazione sui contenuti della relazione, decisamente interessanti in termini di sicurezza e viabilità.

Sembra che al momento
Fassa non abbia alcun interesse ad avviare l’attività in quanto - così avrebbe lasciato intendere – non desidera gestirla personalmente ma affidarla ad operatori economici terzi, che al momento non si trovano. Probabilmente perché non ci sono trasportatori disposti ad effettuare un percorso stradale così impervio, con tutti i relativi pericoli in termini di incidenti stradali e considerevoli costi di manutenzione del mezzo pesante (ad esempio continue riparazioni all’impianto frenante sempre surriscaldato). Il che ci preoccupa ulteriormente perché è molto probabile che solo imprese poco affidabili accetteranno l’incarico. In ogni caso la Provincia ha dato al vicesindaco la garanzia che, prima di dare l’autorizzazione definitiva alla ditta Fassa, avviserà il Comune.

In sostanza, la tecnica adottata dal vicesindaco è quella dell’attesa, il che per noi abitanti della zona è decisamente preoccupante. Alcuni di noi, io in prima persona, stanno valutando seriamente di cambiare residenza e lavoro, a causa della difficile vita quotidiana che la riapertura della cava comporterebbe. Ma questa tecnica adottata dal Comune di limitarsi ad attendere senza incalzare la controparte crea grandi interrogativi sul nostro futuro e sulle pesanti scelte di vita da fare.

È indubbio che il Comune ha commesso una gravissima negligenza nell’approvare la convenzione con Fassa - lo stesso vicesindaco nel precedente consiglio comunale tenutosi nel marzo 2017 lo ha espressamente riconosciuto, scusandosi con la comunità - ma ad oggi il problema rimane invariato.

Molto deludente anche la chiusura dell’intervento del vicesindaco - “…Abbiamo tante, tante, tante altre cose da fare oltre alla cava sul Tesio” - che conferma la mancanza di una fattiva volontà di risolvere la questione a favore della cittadinanza. In ogni caso il Comitato continua a vigilare. Un’altra occasione persa per l’amministrazione comunale.

Erica Pollini
Promotrice del Comitato di volontariato per la salvaguardia del Tesio


Commenti:
ID73508 - 10/09/2017 18:08:52 - (turk182) - Occupato

Se il vicesindaco prof. Bertoloni ha così tante cose da fare da non riuscire a seguire bene una vicenda come questa può anche dimettersi ed andare a casa. I gavardesi sono senza sindaco, rimarranno anche senza vicesindaco e non è detto che sia un male.

ID73509 - 10/09/2017 20:14:21 - (minkia) - x turk82

sicuramente il prof. Bertoloni seguirà il tuo suggerimento, e si dimetterà già domani mattina, ora che tu glielo hai consigliato.

ID73540 - 12/09/2017 11:45:13 - (Mafalda) - NON MOLLATE!!!!!

Erica capisco la tua/vostra delusione per le mancate risposte di "Pilato"Bertoloni ma sperare in una retromarcia era pura illusione.Chi sbaglia paga e i cittadini gavardesi stanno sperimentando sulla loro pelle l'errore commesso in cabina elettorale, sperando che se ne ricordino alla prossima occasione.SIETE NEL GIUSTO E SE POTETE RESISTETE!!!!!

Aggiungi commento:
Vedi anche
28/12/2017 17:00:00

Cava sul Tesio, le perplessità di Gaia Il comitato ambientalista Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) espone il suo punto di vista su quanto è stato detto al Consiglio Comunale dello scorso giovedì, 21 dicembre

05/01/2017 07:04:00

Il Comitato e le azioni legali Il "Comitato di volontariato per la salvaguardia del Tesio" deluso per come si è svolto il Consiglio comunale a fine dicembre, deposita cinque esposti contro le decisioni approvate a maggioranza

06/12/2016 17:05:00

Interpellanza cava, ecco la risposta Il vicesindaco gavardese Sergio Bertoloni ci ha inviato il testo della risposta data in Consiglio comunale alla interpellanza sulla cava del Tesio. Pubblichiamo integralmente

22/12/2017 09:40:00

Cava sul Tesio, nessuna novità Al primo punto dell’ordine del giorno del Consiglio Comunale di Gavardo di ieri, 21 dicembre, una richiesta di risposte in merito alla vertenza sulla riapertura della cava sul Tesio

20/12/2017 09:50:00

Cava sul Monte Tesio, la posizione di Gaia Il comitato ambietalista Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) dice la sua in merito alle dichiarazioni del Comandante della Polizia Locale relativamente all’apertura nella Cava sul Monte Tesio e il suo impatto sulla viabilità



Altre da Gavardo
14/07/2020

«I Dimenticati», la replica

Gentile Direttore, è necessario fare chiarezza in merito alla lettera della sig.ra Garcia Patricia Flores pubblicata in data odierna sul Suo giornale

14/07/2020

«I Dimenticati»

Mi rivolgo  al Vostro giornale con il tentativo di smuovere un po' le coscienze! Sto scrivendo da Gavardo una cittadina dove vi sono due strutture per anziani. Qui, come in molti altri luoghi, da febbraio gli anziani sono letteralmente prigionieri

14/07/2020

Ancora mascherine per tutti

Grazie alla disponibilità dei volontari di Protezione civile e degli Alpini e un'azienda locale che ha donato una cospicua fornitura, una nuova distribuzione casa per casa di mascherine a Gavardo

11/07/2020

Falso invalido, denunciato

Scoperto dai Carabinieri di Gavardo a seguito di una lite scoppiata in un bar del paese, un 57enne di Flero deve ora rispondere di truffa aggravata ai danni dell'Inps

10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

10/07/2020

Pubblicato l'elenco aggiornato delle associazioni gavardesi

Sono una settantina le realtà associative e di volontariato attive a Gavardo: ora sul sito del Comune c’è l’elenco completo con referenti e recapiti

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

08/07/2020

Letture all'aperto

Questo giovedì, 9 luglio, la Biblioteca di Gavardo propone alcune divertenti letture in giardino per bambini dai 4 ai 9 anni. Prenotazione obbligatoria

08/07/2020

Frontale sulla 45 bis, morto 53enne di Sabbio Chiese

È Flavio Bianchi la vittima del grave incidente che si è verifica ieri pomeriggio sulla tangenziale della Valle Sabbia in territorio di Gavardo

07/07/2020

Scontro sulla 45 bis, una vittima

Nello scontro fra un’auto e un autoarticolato lungo la superstrada tra Gavardo e Prevalle ha perso la vita un 53enne