Skin ADV
Mercoledì 03 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








02.06.2020 Lavenone

02.06.2020 Bagolino Odolo Preseglie

01.06.2020 Vobarno

02.06.2020 Capovalle

01.06.2020 Odolo

01.06.2020 Val del Chiese

01.06.2020 Storo

01.06.2020 Vobarno

02.06.2020 Odolo

01.06.2020 Gavardo



01 Novembre 2017, 08.30
Vobarno
Poliambulatorio Santa Maria

Progetto 3D per i ragazzi di Vobarno

di Simona Zambonardi
“Per quanto assurda e complessa ci sembri, la vita è perfetta…”

…e noi lo abbiamo potuto “ri-vivere e far vivere” ai ragazzi delle classi prime della scuola secondaria di primo grado di Vobarno.
 
Il 7 ottobre 2017 è un sabato mattina come tanti ne abbiamo vissuti in questi 12 anni: la Fondazione 3D e i suoi brulicanti volontari dalle magliette gialle sono operativi e alle 7.30, assonnati e infreddoliti, iniziano a trasformare la palestra dell’Istituto Comprensivo di Vobarno in uno “spazio di esperienza”. 
 
L’occhio vigile della Dirigente Scolastica Professoressa Raggi non ci abbandona nemmeno per un attimo, così come i suoi insegnanti che si preoccupano di chiedere e di fornirci tutto quello di cui abbiamo bisogno. 
 
Noi, come sempre, con la supervisione dell’infaticabile “nonna Elena” abbiamo tutto sotto controllo… dalle auto che sembrano contenere l’impossibile escono scatole, carrozzine, buste e bustine e in un attimo è tutto predisposto.
 
I laboratori vengono suddivisi e circoscritti secondo un ordine stabilito, la Dottoressa Marcianò organizza il percorso ad ostacoli, stabilisce tempi e modi in cui suddividere la mattinata, mostrando a destra e a manca il suo maxi orologio da polso che utilizza solo in questa occasione, perché per lei il tempo non ha nessuna importanza… lo dedica a tutti a braccia aperte e non lo calcola mai… ognuno ha bisogno del “suo” tempo e lei glielo lascia tutto… fino all’ultimo istante, fino all’ultima lacrima, fino all’ultima parola.
 
Poi ci sono io, la maestra Simona, che con il microfono in mano… faccio da coordinatrice, senza neppure sapere con esattezza dove stanno la destra e la sinistra… ma so che tutto andrà bene, che comunque vada… sarà un successo!
I ragazzi arrivano con i loro professori e si dispongono sulle gradinate. 
 
Non sanno di preciso che cosa li attende e dopo le prime indicazioni sono pronti a iniziare: formano le coppie, che non potranno dividersi mai per tutta la durata dell’esperienza: dovranno giocare e divertirsi stando sempre insieme ad un altro “diverso da sé”! Qualcuno sbuffa, altri sono incuriositi perché vengono abbinati a dei “ragazzi” che non lo sono più ormai così tanto! Qualcuno poi parla in modo strano o non parla proprio, si muove a fatica, è seduto in carrozzina… i primi momenti sono un po’ imbarazzanti, ma è solo un attimo, i visi si distendono e anche se qualcuno si lamenta perché “è faticoso!”, “fanno male le gambe” e forse “stanno meglio quelli che le gambe non le hanno!” poi tutto si sistema… c’è chi in carrozzina ci gioca per la durata di un percorso, ma vicino a lui c’è chi sulle quattro ruote ci sta da una vita o da dopo un incidente e… non potrà più rialzarsi.    
 
È strano doversi far guidare da un’altra persona perché non ci vedi, ma dura un attimo e poi la benda viene tolta e i colori riappaiono… ma c’è chi quella benda se la dovrà portare per tutta la vita e nessuno gli ridarà il colore del mondo. 
 
La mattinata trascorre tranquilla e senza intoppi… due ragazzini che si stanno divertendo a prendersi a “sinistri”… così, per gioco, vengono messi in panchina a riflettere per qualche minuto… ma sono subito riaccompagnati nella loro squadra.
 
È il momento delle testimonianze e mentre un gigante “nero” ci racconta la sua esperienza di “avvocato di colore” unico, per ora, in regione Lombardia… le formichine gialle armate di scopa e paletta riportano la palestra al suo antico splendore. Nulla sembra essere successo… dopo l’avvocato ascoltiamo le esperienze di tre famiglie … una diversa dall’altra… chi è stato colpito da un brutto incidente e non può più camminare e ha appena salvato un nonnino che non riusciva più a liberare la sua auto da un fosso!
 
Chi ha vissuto mesi di terrore per la preoccupazione che l’amata figlia non si riprendesse da una caduta terrificante… ma ecco che la splendida ragazza spunta dai volontari della Fondazione e abbraccia i suoi genitori… un altro miracolo è lì che ci guarda! 
 
Una coppia di amici ha trovato, dopo tanti anni, la forza e il coraggio di andare a vivere ”da soli” in una casa vera, dove hanno bisogno dell’aiuto degli altri per tante piccole, grandi cose quotidiane, ma dove si sentono finalmente liberi!

E il silenzio cala, quasi doloroso… le orecchie si spalancano e le bocche anche alla ricerca di carpire le parole di Fiorella, che le parole riesce a malapena a pronunciarle, ma sa scrivere meravigliose poesie e ha saputo, anche davanti agli occhi spalancati di tanti ragazzi, disegnare senza usare le mani o la bocca, come abbiamo fatto noi, ma il piede, lo stesso piede che la tiene legata al mondo con il computer anche su Facebook!
La terza famiglia ci racconta come da un’intuizione della loro mamma sia nata nel 1996, a Vobarno, una realtà a disposizione di tutti coloro che hanno bisogno di un percorso di diagnosi, cura, riabilitazione e benessere: il Poliambulatorio Santa Maria.
 
Gianna, questo è il nome della mamma, mancata troppo presto per una grave malattia, la cui opera continua con lo stesso ardore, grazie al lavoro e alla passione delle tre e dei quattro figli Bergomi.
 
Proprio per ricordare i vent’anni dalla costituzione di questa “avventura” che il Poliambulatorio Santa Maria e la Fondazione 3D, hanno unito le loro forze per regalare ai ragazzi dell’ Istituto Comprensivo di Vobarno quella che speriamo essere stata una mattinata da ricordare.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID73969 - 01/11/2017 11:32:49 (Iva) Complimenti
BELLA ESPERIENZA, bisogna far imparare ai giovani la diversità qualunque essa sia e come si sta al posto loro. Bisognerebbe ripeterla anche in altre scuole, così i ragazzi imparerebbero la convivenza con le persone



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/09/2017 08:00:00
Il Poliambulatorio Santa Maria si associa Tra le aziende che si sono associate ad AIB nel 2017 c’è anche il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno, un’istituzione importante per la sanità privata locale

04/01/2018 08:39:00
Un ricercatore da premio Si chiama Michael Tolentini, è un giovane studente di Vobarno e sono andati a lui i 5 mila euro messi in palio dal Poliambulatorio Santa Maria per il 2017

31/05/2017 06:30:00
Un bresciano ai vertici Sidemast Il prof. Piergiacomo Calzavara-Pinton, Primario al Civile di Brescia e primo dermatologo al Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno, nei giorni scorsi è stato nominato presidente di SIDeMaST

17/11/2016 07:37:00
Appropriatezza e salute Sabato 12 novembre 2016, presso il Ristorante Antica Cascina San Zago in Salò, si è tenuto il convegno organizzato dal Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno sul tema: ’”Appropriatezza e salute”

14/09/2017 10:45:00
Ecografia 3D/4D in gravidanza Da questo mese di settembre è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno



Altre da Vobarno
02/06/2020

...Finalmente è bello vederci!

«L’emergenza Covid-19, è senza ombra di dubbio un’esperienza drammatica che ha messo in ginocchio la nostra regione e della quale si parlerà negli anni a venire...». Così dalla Irene Rubini Falck di Vobarno, che sta uscendo dall'isolamento


01/06/2020

I primi 40 di Sendy

Tanti auguri a Sendy, di Vobarno che oggi, 1 giugno, compie 40 anni

01/06/2020

Nozze d'oro Enrica e Angelo

Tanti auguri a Enrica e Angelo che il 30 maggio hanno festeggiato il 50 anni di matrimonio


28/05/2020

In cammino verso il sacerdozio

Sono numerosi i giovani valsabbini presenti nel seminario di Brescia che stanno studiando per diventare sacerdoti: tre sono diventati ministri accoliti e uno ministro lettore

27/05/2020

«Venga per il test», ma a Gavardo non ne sapevano nulla

La disavventura ad una famigliola di Vobarno, invitata dalla Croce Rossa a far fare il “sierologico” al bimbo di 4 anni

27/05/2020

Tre comuni coinvolti nell'indagine sierologica nazionale

Ci sono anche tre comuni valsabbini fra quelli selezionati per individuare il campione di cittadini da sottoporre al test per l’indagine sierologica nazionale firmata ministero della Salute e Istat, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana. Ma ci sono già alcuni intoppi



 

27/05/2020

Test sierologici e tamponi

Da un paio di settimane, privatamente, i cittadini possono recarsi presso il Punto Prelievi del Poliambulatorio Santa Maria Synlab di Vobarno per eseguire i test degli anticorpi Sars-Cov-2. Poi si può fare anche il tampone

26/05/2020

«Una dote rara: saper ascoltare»

Per me un fulmine a ciel sereno: Davide Donati, direttore generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, ha rassegnato le sue dimissioni!

22/05/2020

Avviso pubblico Comune di Vobarno

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Vobarno che riguarda l'avvio di procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) della variante generale al Piano di Governo del Territorio (Pgt)


18/05/2020

«Tutti hanno fatto la loro parte»

«L’imperativo è stato di non lasciare indietro nessuno e devo dire che il paese ha risposto bene: tutti quanti hanno fatto la loro parte e se dalla fase uno ne siamo usciti, l’abbiamo fatto insieme. Non dobbiamo però dimenticare che non è ancora finita».

Eventi

<<Giugno 2020>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia