15 Novembre 2017, 06.14
Blog - Figurine di provincia

Uomo (non identificato) di fascia

di Luca Rota

Stagione 2001-2002. Tra i nuovi approdi nella massima Serie, un quartiere di Verona, il Chievo. Quattro quattro due solido, tanta corsa, concretezza e pochi nomi noti...


Difesa solida e versatile, attacco standard per i tempi, centrocampo tutto fatica e gioco, fasce veloci dai piedi buoni ed intercambiabili.
Destra o a sinistra fa poca differenza. Spesso mister Del Neri li inverte per mandare in confusione le marcature avversarie.

Da una parte il mancino Manfredini, treccine alla Gullit e maglia numero sedici.
Dall’altra la numero quindici e un nome scritto sopra: Eriberto. Proviene dal Bologna, dove non ha pienamente convinto.

Brasiliano tutto corsa e poca tattica, si danna l’anima e spesso segna pure. Qualcuno li soprannomina le “frecce nere”. Al primo anno in A, il Chievo (poi ribattezzato “Miracolo Chievo”) arriva quinto e va in Coppa Uefa.
Eriberto impressiona maggiormente, sembra fatto su misura per gli schemi dell’allenatore friulano. Accade così che sul giocatore piomba l’interesse della Lazio.

Trattativa semplice a primo acchito,
ma nemmeno il tempo di esultare che subito arriva il colpo di scena. Eriberto dichiara di chiamarsi Luciano Siqueira, di tre anni più vecchio rispetto a quelli dichiarati sulla sua carta d’identità (‘79). Ha barato ai tempi del provino col Palmeiras, dove per limiti di età sarebbe stato scartato.
Confessa dice, per amore del figlio, perché soffre sapendo che non potrà mai portare il suo cognome. Il gesto è coraggioso e senza precedenti. Eriberto, o per meglio dire Luciano, viene severamente punito con una robusta ammenda e sei mesi di squalifica.

Nonostante si pensi ad una carriera finita, ecco che succede un alto colpo di scena.

A squalifica terminata, arriva l’offerta e il conseguente approdo a Milano, sponda Inter, dove Hectro Cuper è alla disperata ricerca di ali per decollare verso lidi importanti.
Sulle fasce di San Siro però, Luciano non sembra essere ai livelli di Eriberto, e dopo sole cinque partite all’attivo in nerazzurro, ritorna a in quel Chievo dove ancora i suoi compagni fanno fatica a capire quale sia la sua vera identità. Favola finita? Inutile dirlo, no.

Dieci stagioni consecutive (tra A e B), record di presenze secondo soltanto all’intramontabile Pellissier, corsa e sostanza inesauribili su quella fascia destra che lo vede ancora padrone e sempre operaio.
Una grande presenza la sua nella mediana clivense, dove gioca anche da interno, e che gli vale l’offerta di rinnovo a trentasette anni suonati.
Offerta che però declina, decidendo di ritornare in Brasile, da dove quasi vent’anni prima era partito Eriberto, per ritornarvi Luciano.

Ad oggi è ancora in Italia, dove studia da allenatore, lui che è stato uomo di fascia veloce ed intraprendente, sia che si trattasse di puntare il fondo, sia tagliare verso l’area o addirittura tornare in ripiego.
Uno di quelli come quasi non ne esistono più, vuoi perché il calcio è cambiato, vuoi perché oggi si punta molto su caratteristiche diverse nell’interpretazione del ruolo.

Ma di Luciano (fu Eriberto) credo si ricorderanno in tanti, sia per la storia personale, sia perché uno dei più forti uomini di fascia che la provincia calcistica e l’intera serie A abbiano mai visto.

Luca Rota


Commenti:
ID74166 - 15/11/2017 20:47:19 - (delirio) - BEI RICORDI

A proposito di Chievo Verona voglio ricordare che molti anni faal comunale di Vobarno (campionato serie D girone B 1977-78)il Chievo Verona è stato battuto per 4 a 2 dalla squadra di casa. Forza Vobarno

Aggiungi commento:
Vedi anche
17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

14/01/2020 10:00

El Mago Il quarto ed ultimo appuntamento con le storie “dal mondo ed oltre”, ci pone al cospetto di una figura calcistica di elevato spessore, un talento cristallino che ha deliziato i palati della massima serie nella seconda metà degli anni Novanta per poi svanire come d’incanto

20/12/2018 10:27

Il più anziano di sempre La serie A non l’ha mai conosciuta, di B ne ha fatta a più tornate e in anni diversi, di C1 tanta, per poi terminare nuovamente in cadetteria coi colori del suo Cittadella 

22/05/2017 17:15

Dalla Nuova Valsabbia al Chievo Verona Il portiere dei Giovanissimi della squadra valsabbina nella prossima stagione vestirà la maglia numero 1 del Chievo Verona Under 16

10/02/2020 08:00

Il ribelle Proseguendo sul filone delle storie “d’altri tempi” delineiamo un profilo sui generis, mediano e militante politico che ha calcato i campi della serie A per una sola stagione (con sole 21 presenze) negli anni Settanta



Altre da Sport
24/09/2020

Sabato la Caminàa Storica Trail

Ci sarà anche il “nostro” campione Alessandro “Rambo” Rambaldini a difendere titolo e record alla corsa in montagna di Navazzo

24/09/2020

Giro-E: Valsir c'è

L’azienda valsabbina non ha perso l’occasione per dare il suo contributo allo spirito ecosostenibile che anima l’evento

23/09/2020

Illuminazione e vialetti nuovi al Centro sportivo

Sono stati completati i lavori di riqualificazione del Centro sportivo di Serle promossi dal Comune, che comprendono un rinnovato impianto di illuminazione e la sistemazione dei vialetti

23/09/2020

Razionalità e inganno

Un viaggio nel tempo attraverso la storia per scoprire e riscoprire l’attacco al cronometro

22/09/2020

Brescia-Napoli al via

La popolare manifestazione per moto d’epoca giunge alla sua quinta edizione. Filo conduttore di questa avventura sono lo spirito di gruppo e l'arte dell'arrangiarsi

21/09/2020

Vela, Antonio Squizzato si riconferma campione

L'atleta paralimpico della Canottieri Garda si riconferma vincitore assoluto nella classe 2.4mR al Campionato Italiano Classi Olimpiche. Tris per la società con l’argento per Di Maria e il bronzo di Torchio nel 49er

16/09/2020

Ricominciano i corsi di Atletica leggera giovanile

Da martedì 22 settembre riprendono presso la pista di atletica di Vobarno le iniziative della Libertas Vallesabbia per i bambini della scuola primaria, delle medie e delle superiori

15/09/2020

Monte Tesio, giudice, guardiano e maestro

Il Monte Tesio è il custode del paese di Gavardo. Con la sua mole importante veglia sul paese e da sempre è di riferimento per gli abitanti del luogo...

13/09/2020

Taglio del nastro per il campo in sintetico

Con la Fiera di Gavardo e Vallesabbia è stato ufficialmente inaugurato anche il nuovo campo in sintetico del Centro sportivo comunale, finalmente pronto ad accogliere i giocatori dopo mesi di lavori

12/09/2020

La squadra femminile di Casto cerca nuove leve

In vista della nuova stagione sportiva il “GSP Casto”, squadra di calcio femminile a 7, cerca nuove atlete da inserire nel suo team