31 Dicembre 2017, 08.00
Blog - Figurine di provincia

Non un «uno» qualunque

di Luca Rota

Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi


Fisico imponente, berretto in testa e tanta precocità agonistica che lo portano dalla Trinacria a Milano, dove giovanissimo fa il terzo. Siamo agli inizi degli anni Novanta, quasi alla fine del glorioso ciclo di Sacchi. L'occasione è ghiotta, per lui che fino a pochi mesi prima, parava in B, a Licata.

A fine stagione però le presenze saranno zero, così l'anno successivo va in prestito al Como in B. Poi il Piacenza, storia di un lungo amore durato ben cinque stagioni, dove Taibi trova la sua dimensione, e da il meglio di se. Ecco però che il Diavolo, ricordatosi di lui, lo riacquista affidandogli le chiavi della porta (con un quinquennio di ritardo). L'ex terzo portiere, ora ventisettenne, sembra giunto a maturazione, è sicuro e solido tra i pali. Ma a metà stagione perde il posto da titolare, ed a gennaio va a Venezia per concludere l’annata.

Favola finita? Neanche per sogno, perché la chiamata che arriva a giugno, non è assolutamente inferiore a quella arrivata dieci anni prima da Milano. Si tratta di un’internazionale.. da Manchester. In molti allora iniziano ad interrogarsi su chi sia realmente Massimo Taibi, estremo difensore capace nonostante il flop in rossonero, di suscitare l'interesse di un grande club straniero. Di certo non è un (numero) "uno" qualunque.

Il grande United di Ferguson, Yorke, Cole, Beckham, Giggs, Scholes, Keane lo chiama a difesa dei pali per il dopo Schmeichel. È l’inizio del millennio, e sembra che per il trentenne palermitano, sia l’inizio di una nuova vita agonistica. La prima col Liverpool è da applausi (sarà "Man of the match"); poi la papera col Southampton, la vittoria dell’Intercontinentale, e le ripetute panchine. Una storia breve, anche se intensa. Purtroppo per lui dall’Old Trafford al Granillo il passo è veramente breve, così a gennaio si accasa alla Reggina, dove ha da subito un ottimo impatto col gruppo.

Riceve la fascia da capitano, e segna persino un gol in casa, di testa su calcio d’angolo nei minuti finali contro l’Udinese (prima di lui soltanto Rampulla c’era riuscito). Celebre è anche il cucchiaio parato a Simone Inzaghi all’Olimpico (sul 3a0 per la Lazio), con tanto di sfuriata polemica verso la punta biancoceleste.

Poi l'approdo a Bergamo dopo il ritorno in B dei reggini, e quattro belle stagioni condite da ottimi risultati e dall'immancabile stima di pubblico e compagni. Le parentesi a Torino ed Ascoli, sono il suo canto del cigno. Nelle Marche, quasi quarantenne, appende guanti, scarpette e berretto al chiodo.

Della sua carriera si ricorderanno tante prestazioni importanti, che lo hanno reso uno dei migliori portieri che la massima Serie abbia conosciuto. Purtroppo per lui, la presenza ai tempi di gente come Peruzzi, Pagliuca, Marchegiani, Toldo, nonché di un giovane (ma già fortissimo) Buffon, gli impedì di raggiungere la maglia azzurra. Ma giocare titolare all'Old Trafford, in quello United, non è roba da tutti. E che non sia stato un (numero) "uno" qualunque, questo Taibi credo lo sappia.


Aggiungi commento:
Vedi anche
01/04/2018 09:00:00

Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

30/01/2019 08:00:00

El goleador Marcelo Alejandro Otero arriva a Vicenza nell'estate del 1995. In patria nel Penarol ha fatto bene, ma si sa che l'Italia e la serie A sono tutt'altra cosa

27/06/2019 08:47:00

Guerrieri (pt. 1) Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

04/06/2019 15:22:00

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

14/04/2019 08:00:00

Lo straniero Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.



Altre da Blog - Figurine di provincia
30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive

28/02/2020

The corner kicker

Tanti anni fa, guardando “90° minuto” in tv, assistetti ad un gol di Roberto Baggio particolarmente estroso, che mio zio passando di là definì “alla Palanca”