Skin ADV
Venerdì 28 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



06 Gennaio 2018, 08.15

Blog - Figurine di provincia

Working class player

di Luca Rota
Ci sono storie così vere che sembrano scritte apposta per coinvolgere il lettore. Quando invece scopriamo che sono realmente accadute, allora lì comprendiamo che dietro a ciò che vediamo si nascondono sacrificio e sofferenza, nonostante i lauti contratti e le vite da sogno

La storia di Riccardo Zampagna è una di queste. Padre operaio nelle acciaierie umbre, lui impiegato di tappezzeria che, quando non lavora, segna per l’Amerina in Eccellenza.

Un bel dì succede che, ricevuta la chiamata dal Pontevecchio in D, gli tocca sacrificarsi tantissimo pur di continuare a lavorare e ad allenarsi. Non vuole saperne di mollare il calcio così, aiutato dal padre, fa la spola tra Terni e il Perugino, e nonostante i chilometri e la stanchezza accumulata, continua a segnare con costanza. 
 
Tutto ciò gli vale un biglietto per Trieste in C2, dove a venticinque anni diventa professionista. Da lì finisce prima all’Arezzo e infine al Catania. Ironia della sorte, quella etnea è una “succursale” dell'odiato Perugia di Gaucci (storica è la rivalità tra le due città), che l’anno successivo lo fa esordire in Intertoto, anche se non in A. Poi il prestito in B al Cosenza e il ritorno in Toscana a Siena, prima dell’approdo sullo Stretto, sponda sicula. A Messina Zampagna segna tanto, e i siciliani decidono di acquisirne le prestazioni sportive. 
 
La stagione successiva veste il neroverde di casa e, finalmente approdato nella sua Terni, segna 21 reti, contribuendo all’ottimo campionato delle Fere, ogni volta salutando a pugno chiuso sotto quella curva che lo ha visto onnipresente. La Figc lo mette sotto inchiesta per il “gesto” e lui, non ripreso da alcuna telecamera, interrogato conferma tranquillamente, pur conscio di beccarsi 20mila euro di multa, sostenendo che lo rifarebbe. 
 
Nel frattempo suo padre non c'è più, portato via da un male "ereditato" proprio dal lavoro, mentre il Messina neo promosso in A lo riscatta alle buste. Così, dopo la tristezza, Zampagna inizia a segnare anche nel massimo campionato. Due stagioni sullo Stretto, condite da gol ed acrobazie, ripetute poi in quel di Bergamo, città amica e da sempre gemellata coi colori ternani. Anche lì diventa idolo dei tifosi e pur di rimanere alla Dea rifiuterà molte offerte importanti; ma lui è uno che viene dalla working class, e sa che i soldi, anche se fondamentali, non sono tutto. 
 
Dopo un passaggio in B al Vicenza, prova a contribuire alle ambizioni del Sassuolo di Squinzi, prima di concludere la carriera tra i marmi di Carrara. Ma non c'è solo il calcio nella sua vita, perché Zampagna tra un gol e l’altro scende anche in piazza, a favore delle proteste operaie riguardanti la Thyssen, lì dove suo padre ha lavorato una vita, per poi lasciarla sconfitto da un tumore, presunta eredità delle acciaierie. 
 
Lui che non esitava a salutare i tifosi in curva (che conosceva uno per uno) a pugno chiuso, più che per ideologia, per cortesia, perché sapeva che avrebbe fatto loro piacere; e che non ha negato nemmeno quando avrebbe potuto risparmiare una multa da 20mila euro.

Un working class player, tutto istinto e acrobazie, votato al lavoro e ai rapporti interpersonali, innamorato della sua terra e dei suoi colori, beniamino delle curve e delle piazze. Chapeau.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74742 - 07/01/2018 12:08:38 (bernardofreddi)
20.000 euro di multa per aver salutato con il pugno chiuso? allora a fascio-Di Canio che dovevano fare? Pignorargli i genitali?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

03/03/2019 08:00:00
Meglio di Roberto Carlos Tempo di Carnevale, tempo di scherzi, voluti e non, tempo di storie. La figurina “inglese” di oggi fu suo malgrado, vittima di uno scherzo di cattivo gusto.

21/09/2019 09:00:00
Il samurai Nuovo appuntamento, vecchie storie, sempre al gusto “d’Oriente”, che raccontano di traiettorie velenose provenienti da calci da fermo, di sinistri paragonabili a sentenze, di accelerazioni improvvise e di tanto altro.

19/05/2019 08:00:00
Il portiere di Zeman Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

27/06/2019 08:47:00
Guerrieri (pt. 1) Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine



Altre da Blog - Figurine di provincia
28/02/2020

The corner kicker

Tanti anni fa, guardando “90° minuto” in tv, assistetti ad un gol di Roberto Baggio particolarmente estroso, che mio zio passando di là definì “alla Palanca”

10/02/2020

Il ribelle

Proseguendo sul filone delle storie “d’altri tempi” delineiamo un profilo sui generis, mediano e militante politico che ha calcato i campi della serie A per una sola stagione (con sole 21 presenze) negli anni Settanta


29/01/2020

Scarpa d'oro

Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione


14/01/2020

El Mago

Il quarto ed ultimo appuntamento con le storie “dal mondo ed oltre”, ci pone al cospetto di una figura calcistica di elevato spessore, un talento cristallino che ha deliziato i palati della massima serie nella seconda metà degli anni Novanta per poi svanire come d’incanto

13/12/2019

L'acheo troiano

I poemi epici narrano le gesta di eroi che, con o senza l’ausilio della benevolenza divina, riuscivano in imprese che in seguito sarebbero rimaste nel mito e nella leggenda


10/11/2019

Captain Fantastic

Continuando la gita per il “mondo e oltre”, passiamo da un grande capitano ad un altro, cambiando però continente ed emisfero.

21/10/2019

El capitàn

Una nuova storia “dal mondo e oltre” che ci racconta di un capitano, col nome da eroe cavalleresco, un ruolo classico in campo e una carriera che di volgere al termine non ne vuole proprio sapere


09/10/2019

'U picciriddu

Le storie al gusto “d’Oriente” lasciano spazio alle nuove rubriche, raccontando del più giovane esordiente e marcatore della J. League giapponese

21/09/2019

Il samurai

Nuovo appuntamento, vecchie storie, sempre al gusto “d’Oriente”, che raccontano di traiettorie velenose provenienti da calci da fermo, di sinistri paragonabili a sentenze, di accelerazioni improvvise e di tanto altro.

07/09/2019

Il talentuoso

In principio fu Hidetoshi Nakata, col cognome da leggersi con l'accento sulla "a" finale

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia