13 Febbraio 2018, 10.00
Bagolino
Carnevale di Bagolino

Il fascino della ritualità

di Cesare Fumana

Due comunità in festa per il carnevale in questi due giorni a Bagolino e Ponte Caffaro con l’arrivo sulla scena delle eleganti maschere dei Balarì


Il carnevale di Bagolino non è una semplice festa in maschera: è un mondo a sé. Basta sentire parlare i bagossi del loro carnevale per rendersene conto. Io l’ho già definito anni fa un sentimento.

Un sentimento che sentono in modo particolare gli abitanti di Bagolino e Ponte Caffaro che ai due giorni finali del carnevale dedicano impegno e passione, perché l’evento sia vissuto al meglio, seguendo quelle ritualità che da centinaia d’anno accompagna la manifestazione.

Un sentimento che si percepisce anche partecipando da esterni, ammirando i ballerini ballare con i loro eleganti costumi, dando vita a figure diverse a seconda delle musiche suonate dai suonatori. Un’eleganza che è connotata abitualmente anche negli abitanti di questa “città della montagna”, uomini e donne.

Il carnevale di Bagolino si svolge ogni anno con una ritualità che viene scandita nel tempo, a cominciare con l’uscita dei mascher il lunedì e il giovedì a partire da dopo l’Epifania, con i gruppi di suonatori che si ritrovano negli stessi giorni nei diversi locali del paese.

Ma sono i due giorni finali, il lunedì e martedì ultimi di Carnevale, quando entrano in scena i balarì, che si manifesta con tutto il suo splendore.
Anche in questi giorni si segue un rituale scandito nel tempo, dalla Messa all’alba per i balarì nella splendida parrocchiale di San Giorgio, al primo ballo come omaggio al parroco, il quale a sua volta ringrazia offrendo la colazione con brodo di gallo e molto altro.

E poi inizia il giro del paese, lunedì a Cavrìl, martedì a Osnà, per omaggiare con i balli le famiglie, le mogli, le fidanzate che hanno aiutato a preparare il costume e hanno offerto i gioielli che adornano il tipico cappello rosso addobbato da fiocchi colorati.

Una manifestazione seria, ma non seriosa: è carnevale, e quindi non possono mancare gli scherzi, la “palpata”, e i dolci tipici della festa, frittelle e lattughe, del buon vino, che vengono offerti a ballerini e suonatori in diverse soste durante la lunga giornata.

E tutto questo aiuta a mantenere la comunità più unita: una ricchezza di questi tempi.


Aggiungi commento:
Vedi anche
22/02/2017 09:30

Maschèr, balarì e sonadùr Tutto è pronto da tempo per il Carnevale di Bagolino, nel capoluogo e nella frazione di Ponte Caffaro. Una tradizione che affonda le radici.., nel dna dei bagossi

10/02/2018 08:00

In attesa delle danze dei balarì Domenica l’anteprima con i “balarì picoi”, mentre negli ultimi due giorni di carnevale entrano in scena le compagnie di ballerini e suonatori sia nel capoluogo sia nella frazione a lago, con qualche novità

05/02/2015 08:00

Le musiche del rito carnevalesco Sarà presentato questo sabato, 7 febbraio, al borgo di San Giacomo a Ponte Caffaro, un cd documento dedicato ai due suonatori più anziani del Carnevale di Bagolino, Andrea Bordiga e Pietro Fusi

22/01/2018 09:21

Dopo Nadal... A Bagolino già impazza il Carnevale, il lunedì e il giovedì, quando per le strade escono i "maschèr" e nelle osterie tornano a vibrare basso, violino e chitarra dei  "sonadur"

20/01/2016 11:04

Carnevale, tradizione da tramandare Per ridare nuovo slancio alla tradizione dei “Mascär”, a Bagolino scendono in campo l’oratorio, la Pro loco e il comitato Voci del Carnevale con un corso di dialetto bagosso per incentivare soprattutto i più giovani a riscoprire il loro Carnevale, già entrato nel vivo nei giorni di lunedì e giovedì con le esibizioni dei Sonadùr nei locali del paese



Altre da Bagolino
26/09/2020

La Carica dei 101

È passato un anno dal centenario del 2019, e la signora Deodata Melzani di Ponte Caffaro ha varcato la soglia dei 101 anni come se fosse trascorso un giorno anziché i 365 che l'hanno portata, in piena forma, all'invidiabile traguardo

19/09/2020

Tutte le cime benedette

Un desiderio realizzato quello di celebrare una messa in alta quota sulla cima più alta della Valle del Caffaro dove ha lasciato un’icona della Madonna di San Luca

18/09/2020

Uffici postali, da lunedì nuovi orari di apertura

Altri quattro uffici postali della provincia di Brescia, in particolare in ValsSabbia e in Val Trompia, torneranno ad essere disponibili con orari ampliati rispetto a quelli adottati a seguito dell'emergenza sanitaria

17/09/2020

Festa «in differita» per i 101 anni di nonna Pasquina

Presso la casa di riposo di Bagolino una festa con amici e parenti, con tanto di torna e uno speciale augurio da parte del Coro Beorum di cui è una grande supporter
• VIDEO

16/09/2020

Problemi col trasporto studenti da Bagolino

Si è verificato un disguido con il servizio trasporto studenti di Bagolino diretti all’Istituto Polivalente di Idro

15/09/2020

Auguri nonno Lucio

Tanti auguri a nonno Lucio, di Bagolino, che oggi, 15 settembre, compie 74 anni

07/09/2020

I venti di Jacopo

Tanti auguri a Jacopo Melzani, di Ponte Caffaro, che proprio oggi, lunedì 7 settembre, compie i suoi primi 20 anni

07/09/2020

La Polisportiva Caffarese riprende le attività

L'associazione sportiva di Ponte Caffaro e Bagolino, nel rispetto delle norme anti contagio, riparte con le sue attività sportive e sociali, in particolare quelle della sezione Calcio

02/09/2020

«Il grande flagello Covid-19 a Bergamo e Brescia» nel libro di Massimo Tedeschi

Il libro del noto giornalista e scrittore bresciano sarà presentato a Bagolino questo sabato, 5 settembre, alle 20.45 presso la Chiesa Parrocchiale di San Giorgio

02/09/2020

Alla (ri)scoperta di Brescia, la Provincia dei tesori

Al via la campagna per la valorizzazione del patrimonio culturale bresciano promossa da Visit Brescia. Tra i percorsi previsti dal progetto ce n'è uno interamente dedicato alla Valle Sabbia