Skin ADV
Domenica 18 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






A Belprato

A Belprato

by Eliana



17.08.2019 Vobarno

17.08.2019

17.08.2019 Sabbio Chiese

16.08.2019 Val del Chiese

16.08.2019 Val del Chiese

16.08.2019 Valsabbia Val del Chiese Provincia

16.08.2019 Val del Chiese

17.08.2019 Vestone

16.08.2019 Salò Valsabbia Garda

17.08.2019 Pertica Alta






05 Aprile 2008, 00.00
Valsabbia - C
I tesori della nostra Valle

¬ęGiornate FAI di Primavera¬Ľ

di red.
Domenica 6 aprile sar√† una giornata speciale per la Valle Sabbia, perch√© i suoi tesori artistici e il suo paesaggio saranno tra i protagonisti delle “Giornate FAI di Primavera”.
Domenica 6 aprile sar√† una giornata speciale in Italia, perch√© si potranno visitare luoghi e paesaggi unici al mondo. Tornano infatti anche quast’anno le “Giornate FAI di Primavera”, diventate ormai un appuntamento fisso, un’occasione di incontro per tutti coloro che amano l’arte, la cultura, il paesaggio dell’immenso patrimonio italiano. E sar√† una giornata speciale anche per la Valle Sabbia perch√®, per la XVI edizione della coinvolgente iniziativa, la delegazione di Brescia ha voluto valorizzare proprio la vostra valle inserendola tra i due temi conduttori del 2008, per le visite guidate gratuite a ben 16 siti aperti: “I Luoghi della Musica bresciana” e “I tesori dell’Alta Valle Sabbia”.

Per conoscere “I tesori dell’Alta Valle Sabbia” il FAI propone escursioni guidate a piedi di due o quattro ore (sul lungolago di Idro- che tante segnalazioni ha ricevuto come “Luogo del cuore”-, nella Rocca d’Anfo –da poco restituita alle visite-, al borgo di Bagolino).

Gli itinerari Valsabbini proposti dal FAI per l'edizione 2008 delle "Giornate di Primavera" sono i seguenti:

1) Idro: il lago e la pieve di Santa Maria ad Undas

Il lago: panorama dal terrazzo dell’Istituto “Perlasca”, via Treviso Bresciano.
Passeggiata sul lungolago.
Orario: domenica ore 10.00-12.30; 14.30-17.30
Ciceroni: gli studenti dell’Istituto Perlasca

Scheda dell’itinerario:
Il Lago di Idro, √® stato uno dei “Luoghi del cuore” pi√Ļ segnalati nell’ultima campagna promossa dal FAI, a salvaguardia delle bellezze del paesaggio italiano dimenticate o in pericolo.
Il lago, di origine glaciale, contornato da una corona frastagliata di bellissime montagne, rappresenta una delle aree pi√Ļ suggestive della valle Sabbia ed √® meta di un importante turismo estivo, bresciano e straniero, soprattutto olandese e tedesco. Sul sulla riva sud-orientale del lago di Idro si trova l’omonimo paese, antico borgo che vanta un passato di tutto riguardo: abitato fin dalla preistoria conserva tracce delle antiche popolazioni retiche e della successiva conquista romana; alla fine degli anni ’70 del secolo scorso sono stati individuati i resti di un villaggio retico romano in localit√† Castello Antico, un’altura fortificata in tempi remoti. I reperti archeologici pi√Ļ interessanti rinvenuti sul territorio sono oggi conservati nel museo archeologico valsabbino di Gavardo.
Idro √® costituito dalle frazioni di Tre Capitelli, Pieve Vecchia, Lemprato, Crone e Vesta, caratterizzati da tipologie architettoniche diverse fra loro. A Crone le case si stringono una all’altra formando un borgo che ancora oggi ha le caratteristiche del borgo rurale antico. Lemprato si sviluppa in alto, con vaste dimore che sanno di nobilt√† e di storia. (Recentemente le spiagge di questi borghi sono state collegate mediante una passerella di legno in alcuni tratti costruita a palafitta ed alternata a parti sovrastanti il lago). Ogni epoca storica ha lasciato segni del suo passato che si possono ammirare sia passeggiando nei suoi antichi borghi sia visitando le sue quattro chiese: Santa Maria ad Undas, San Sebastiano, San Michele e San Rocco. La pi√Ļ antica √® quella di Santa Maria ad Undas, cos√¨ chiamata poich√© anticamente sorgeva sulle rive del lago, sull’antica strada per il trentino e per i territori tedeschi.
La Chiesa, carica di storia e di significato religioso, emblema di gran parte della storia dell’Alta Valle Sabbia, oggi si presenta nelle forme assunte nel XV secolo, quando venne ricostruita nel corpo della navata, conservando l’antica abside circolare; il campanile, innalzato su un basamento del XIII secolo, svetta alto sopra la costruzione.
Per chi ha interesse ad un ambiente ancora suggestivo ed a testimonianze storiche da scoprire il Lago di Idro e il suo paesaggio riservano emozioni e sorprese.

2) Anfo: la Rocca

Strada Provinciale 235 del Caffaro
Due percorsi a scelta: della durata di due ore (partenza ad ogni ora dalle 10.00 alle 15,00) o di quattro ore (partenza ore 9, 10, 13, 14) guidati dal Gruppo Sentieri Attrezzati di Idro. Scarpe da ginnastica e abbigliamento comodo; per la visita lunga di 4 ore: attrezzarsi con torce elettriche, necessarie per il percorso nei sotterranei.

Scheda dell’itinerario:
Anfo √® sovrastato dalla presenza della Rocca, suggestiva ed imponente sia per la bellezza del luogo sia per l’importanza storica che ricopre: un complesso di costruzioni militari disloccati in una fascia di terreno compresa tra il lago e il versante orientale del Monte Censo.
Edificata in epoca viscontea, secondo alcuni su una preesistente fortezza longobarda, la Rocca fu ricostruita nel 1450-90 per la Serenissima dal conte Gianfranco Martinengo. Nel 1515 fu danneggiata dal passaggio dei lanzichenecchi, ma subito rimessa in sesto, e nel 1521 dalle truppe imperiali del Frundsberg. Nel 1796 Napoleone ne ordinò la parziale demolizione lasciando solo il caseggiato inferiore, adibito in seguito a caserma. Nel 1813 la Rocca era già nuovamente ricostruita, con una trincea verso Anfo e con una serie di batterie e casematte sovrapposte verso Trento.
Nella roccia sono scavati gallerie e pozzi che si spingono in profondit√† all’interno del Monte Censo. Assediata nel 1848 e nel 1849, fu difesa da Giuseppe Garibaldi.
La zona appare oggi nettamente divisa dalla strada statale in una parte superiore, “Rocca Alta”, con sottopassaggi, depositi di munizioni, punti di osservazione; ed una inferiore, “Rocca Bassa”, con alloggi per militari, stalle, muli. In tempi recenti l’amministrazione comunale √® riuscita ad ottenere dal Demanio il permesso di curare la pulizia del complesso che nel corso dei decenni √® stato assediato dai rovi; da poco √® stato possibile ripristinare la strada carrabile che permette di raggiungere la base della parte pi√Ļ alta della fortezza.

Per l’occasione il Gruppo Sentieri Attrezzati accompagner√† i visitatori che possono scegliere fra due percorsi guidati; il primo della durata di due ore (partenza ad ogni ora dalle 9.30, 10.00 e poi ad ogni ora fino alle 15,00) il secondo di quattro ore (partenza ore 9, 10, 13, 14). Scarpe da ginnastica e abbigliamento comodo; per la visita di 4 ore: attrezzarsi di torce elettriche necessarie per il percorso nei sotterranei.

All’interno della Rocca, al coperto, saranno proiettate delle immagini del luogo commentate da Romeo Seccamani e Giancarlo Marchesi.

3) Bagolino: il borgo, “citt√† fra le montagne”

Piazza Marconi
Percorso di due ore, con partenze alle ore 10.00, 11.00, 14.30, 15.30.

Scheda dell’itinerario:
La caratteristica peculiare della localit√† √® la disposizione, tipicamente medioevale, delle case di notevole altezza, addossate una all'altra con elementi architettonici e decorativi di non poca importanza: portici, sottopassaggi, piccole terrazze, ballatoi, inferriate in ferro battuto, solai in legno e la copertura con tegole in cotto o raramente con ardesia "sc√†e". Le vie "piastroi" che percorrono il borgo sono strette, selciate con acciottolato e porfido, interrotte, spesso, da numerose scalinate che conducono alla parte alta del paese, sovrastato dalla monumentale cattedrale. Non mancano i portici, con archi caratteristici, che fanno del paese un'attrattiva tutta particolare, quasi magica. Bagolino possiede una notevole quantit√† di affreschi su case e cascine, eseguiti come valore protettivo contro le calamit√† e le malattie, o su santelle edificate ai crocicchi di strade o sentirei. Pi√Ļ era importante l'incrocio e pi√Ļ ricca era la struttura della santella.
Bagolino oggi si presenta come un centro isolato, da raggiungere di proposito, lontano dalle strade di comunicazione pi√Ļ importanti: eppure la sua origine √® dovuta proprio alla viabilit√†. Per tutta l'epoca romana e dell'alto medio Evo per andare da Brescia a Trento i viandanti dovevano passare in questa localit√†; Augusto nel XI d.C. fece costruire la strada del Gaver: al bivio che si era formato per esigenze di traffico, sorsero alcune case, in piccolissimo villaggio (pagulinus). Intorno al mille alcuni abitanti di Condino si portarono a Bagolino e fondarono una "vicinia" libera con proprie leggi. Per mantenere la propria autonomia i bagossi con astuzia si legarono politicamente alla Repubblica di Venezia, che governava a Brescia, ma ecclesiasticamente restarono vincolati al principe-vescovo di Trento. Li aiut√≤ molto in questo la posizione geografica.
Forse per la possibilit√† di lavoro e per la libert√† Bagolino fu, dopo Brescia e Chiari, il paese pi√Ļ popolato del bresciano e pot√® godere di privilegi e di un non indifferente prestigio. Testimonianza di tanto glorioso passato restano le numerose opere d'arte presenti nelle chiese (gli edifici pubblici per eccellenza per una comunit√† libera e indipendente). Spicca per maestosit√† la parrocchiale di S. Giorgio (terza per grandezza nel territorio bresciano), scrigno di parecchie opere d'arte di insigni maestri: Tiziano, Tintoretto, Palma il Giovane, Torbido, Sandrini, Lucchese, ecc. Accanto alla parrocchiale, purtroppo in una recente veste architettonica (1926), c'√® la chiesa di S.Lorenzo antica cappella cimiteriale; il primo edificio religioso di Bagolino. Integra ed interessante √® la chiesa di s. Rocco per il ciclo di affreschi di Giovanni Pietro da Cemmo (eseguiti tra il 1483/86) esempio di pittura Lombarda che passa dal gotico internazionale al rinascimento. Attira l'attenzione la chiesetta dei Santi Gervasio e Protasio, edificio della met√† del XVI sec., che dall'alto delle montagne fa da sentinella all'abitato.
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/03/2016 18:47:00
Bagolino mette in mostra i suoi gioielli Per le Giornate del Fai di Primavera in programma il prossimo fine settimana, anche il borgo montano valsabbino propone delle visite guidate a cura dell’associazione "Habitar in sta Terra"

18/03/2016 11:52:00
Che F.A.I. questo fine settimana? Quest'anno il F.A.I. (Fondo Ambiente Italiano) arriva anche a Bagolino per svelare alcuni di quegli inestimabili tesori che il mondo intero ci invidia

20/09/2017 08:00:00
Il museo racconta le radici del cibo Nella cornice delle Giornate Europee del Patrimonio, il Museo Archeologico della Valle Sabbia di Gavardo organizza una domenica culturale dedicata all’alimentazione ai tempi delle palafitte

28/03/2018 07:48:00
Milano e Villa Necchi, sulle tracce del FAI Area Viaggi organizza un viaggio in giornata alla scoperta dei tesori artistici e culturali ancora poco conosciuti del capoluogo lombardo

23/03/2018 07:30:00
Tornano le Giornate di Primavera In questo primo fine settimana primaverile saranno 1000 in tutta Italia, di cui 45 nel bresciano, i luoghi d’interesse culturale aperti al pubblico, alcuni anche in Valtenesi e sul Garda¬†



Altre da Valsabbia
16/08/2019

La Fanfara Alpina Tridentina a Mosca

Ci saranno anche alpini valsabbini e gardesani della “Monte Suello” fra i componenti della Fanfara in partenza per la capitale russa per partecipare al XII Festival internazionale di musica militare ¬ęSpasskaya Tower¬Ľ

16/08/2019

La difesa del lago val bene... una corsa

Si tratta della “Corsa per la vita del lago d’Idro e del suo fiume Chiese”, proposta degli Amici della Terra giunta alla sua terza edizione

16/08/2019

¬ęL'intesa √® solo per poter sfruttare la risorsa idrica¬Ľ

Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone
(1)

15/08/2019

¬ęBroken¬Ľ chiude il tris di Ferragosto

A conclusione della rassegna di eventi promossa in Rocca d’Anfo questo venerd√¨ sera – 16 agosto – la proiezione del film vincitore del FilmFestival del Garda 2019¬†

14/08/2019

Aspettando Memorie di Terra

Terminati i “Viaggi d’acqua”, la prima parte di Acque e Terre Festival, ecco pronta la seconda parte, che quest’anno andr√† in scena dal 30 agosto al 4 ottobre

14/08/2019

Una premessa sbagliata

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto (3)

14/08/2019

Ecco il progetto di Acque Bresciane

Dopo pressanti richieste l’Autorit√† d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese (17)

12/08/2019

120 mila euro per le associazioni del territorio

Aperti fino al 16 settembre i nuovi bandi per il sostegno di investimenti materiali e per il sostegno di progetti in ambito formativo-culturale e sociale

12/08/2019

Vestone-Idro, lavori nella primavera 2020

L’annuncio del consigliere delegato alle infrastrutture della Provincia di Brescia Antonio Bazzani, che nell’ultimo consiglio provinciale ha ripercorso il travagliato iter dell’opera (24)

09/08/2019

Cogess e la Rurale

Da socio sovventore a sostenitore semplice: il ruolo della Giudicarie Valsabbia Paganella nei confronti della Cooperativa Cogess non cambia poi di molto


Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia