01 Marzo 2018, 07.15
Blog - Figurine di provincia

Capitano tuttofare

di Luca Rota

Ogni storia calcistica ha un percorso a sé, e ogni carriera vive i suoi alti e bassi. Quelle di Marco Rossi e del Genoa hanno in comune molte similarità, essendo due storie di risalita, di duttilità… e di corsa


Classe ’78, lascia Lucca per Salerno dove ventenne fa il suo esordio in A agli ordini di Delio Rossi. È di scena all’Arechi anche l’anno successivo, prima di unirsi alla Fiorentina a millennio iniziato. Coi viola conosce l’Europa, e prende confidenza col calcio d’alta classifica, prima di partecipare “attivamente” al declino del clan Cecchi Gori, chiedendo la rescissione del contratto per mancati pagamenti.  
 
Dopo il fallimento della Viola, si trasferisce al Como, di passaggio nel massimo campionato, per poi approdare in quella che sarà la squadra della sua vita: il Genoa di Enrico Preziosi. Retrocede però tra i cadetti, e nella sua prima stagione non sfigura affatto, mettendo persino a referto otto reti in 38 incontri disputati. L’anno successivo il Grifone risulterà primo a fine stagione, ma verrà retrocesso in C1 per illeciti sportivi.
 
Inevitabile è l’esodo che coinvolge i volti più noti dei quella forte compagine; inevitabile per molti, ma non per lui, che decide di ripartire coi colori rossoblù cuciti addosso, diventandone capitano ed uomo simbolo. 
 
Da lì ben 8 stagioni di corsa e sostanza, che lo vedranno artefice di due promozioni (in due stagioni) e di quasi 300 presenze condite da trenta gol. Fa il terzino, il terzo di difesa, l’interno di centrocampo e l’ala. Gioca persino da attaccante esterno, e si rivela uomo congeniale ai moduli di mister Gasperini. 
 
Al Marassi ritrova persino l’Europa, nel frattempo diventata “League” e non più Coppa Uefa, continuando a correre, macinando chilometri e sacrificandosi, come sa far bene. Nella stagione 2012-2013, decide che arrivato il momento di appendere le scarpette al chiodo, e di lasciare il posto sulla fascia a chi ne ha di più. Lascia così anche “la fascia”, quella da capitano, ma non la sua numero 7, ritirata dalla società proprio in suo onore. 
 
Ad oggi lavora nel settore giovanile del Grifone, perché immaginarlo in un posto diverso non sarebbe possibile, né avrebbe avuto senso. Tornante, ala, esterno d’attacco, terzino, persino centrale o interno; Marco Rossi, calciatore tutto corsa e sudore, elemento duttile fino all’inverosimile, generoso e costante. Un esempio vero. 
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
22/05/2018 08:55

Un grande capitano Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

22/10/2018 09:07

Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

21/10/2019 09:07

El capitàn Una nuova storia “dal mondo e oltre” che ci racconta di un capitano, col nome da eroe cavalleresco, un ruolo classico in campo e una carriera che di volgere al termine non ne vuole proprio sapere



Altre da Blog - Figurine di provincia
07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei