Skin ADV
Venerdì 28 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




26.02.2020 Bione Casto

27.02.2020 Bione Casto Valsabbia

26.02.2020 Bagolino

26.02.2020 Casto

28.02.2020 Valsabbia

27.02.2020 Bione

26.02.2020 Gavardo

26.02.2020 Pertica Alta Valsabbia

27.02.2020 Gavardo Provincia

27.02.2020 Vestone Valsabbia Provincia



07 Gennaio 2019, 08.00

Blog - Racconti del lunedì

La scuola materna San Giorgio

di Ezio Gamberini
“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

Siccome Grazia era una bambina brava, buona, gentile e paziente, mentre io già allora ero un terremoto perenne, suor Guglielmina mi aveva obbligato a sedere accanto a lei, così con mansuetudine mi avrebbe guidato nell’incredibile impresa di maneggiare chicchi di riso da incollare su un cartoncino, una sorta di mosaico ante litteram, per poi colorarli con perizia al fine di ottenere un “lavoretto” con i fiocchi!
 
Non ci credete? Chiedete, chiedete pure a Grazia, vi do l’indirizzo: grazia.cady@migliormoglieviventedieziogambero.com. Vi confermerà l’assoluta veridicità delle mie affermazioni.
 
Ma, dico io, suor Guglielmina non poteva farsi i cavoli suoi in quella stagione scolastica del 1965? Evidentemente però il nostro destino era segnato, perché poi ci siamo persi per qualche tempo, ma a diciassette anni ci siamo ritrovati, e l’avventura continua tuttora; insomma, per spiegarci, è un po’ come i film di “Ritorno al futuro”: “To be continued!”.
 
La scuola materna San Giorgio… 
 
Ci furono anni, nella prima metà del ‘900, in cui i bambini ospitati erano trecento! Questa istituzione ha servito la nostra comunità per più di un secolo, in ogni periodo e in qualunque condizione, e la stragrande maggioranza dei vobarnesi, dopo averne vissuta l’esperienza in prima persona, non può che riservarle gratitudine, oltre a un’indelebile caro ricordo.
 
Poi i tempi sono cambiati e le iscrizioni si sono ridotte anno dopo anno: troppa la differenza con le rette di altre scuole, e nonostante lo sforzo enorme di persone generose che da anni prestano il loro servizio silenziosamente e gratuitamente, di questo passo la chiusura appare inevitabile.
 
Sarebbe facile cercare di risolvere il problema, come avviene magicamente in un accattivante spot pubblicitario, prendendo in mano il cellulare e dire a voce alta: 
 
“Ok Google, trova una soluzione per non chiudere la scuola materna!”
 
La cosa è complicata e non può essere soltanto un singolo soggetto, o un’unica istituzione, a sanare una situazione a dir poco drammatica per la futura sopravvivenza della scuola materna San Giorgio di Vobarno.
 
E non dovrebbero essere soltanto le famiglie dei piccoli ospiti a sostenere il peso maggiore, dovuto alla sensibilissima differenza delle rette tra le varie scuole, ma anzi queste disuguaglianze dovrebbero essere ridotte attraverso l’intervento della comunità intera, dell’amministrazione comunale, che da sempre eroga un corposo contributo annuale alle scuole paritarie, ma con la quale sarebbe interessante concordare ulteriori e proficue sinergie, della parrocchia, che è proprietaria dell’immobile, ma soprattutto, a mio parere, è importante iniziare a immaginare la possibilità, per tutte le scuole materne paritarie della zona, di consorziarsi per ridurre i costi di gestione, utilizzare il personale in modo più razionale, flessibile ed efficace, valutare l’opportunità di proporre nuove offerte educative e formative, per essere in grado di occupare gli spazi in tutta la loro potenzialità.
 
E perché, ci si può lecitamente chiedere, tutti questi “soggetti” dovrebbero occuparsi della sopravvivenza della scuola materna San Giorgio e impedirne la scomparsa?
 
Perché impegnarsi per conservare e tramandare le migliori tradizioni, specialmente quelle radicate profondamente nella storia, contribuisce a mantenere l’identità non solo famigliare, ma soprattutto collettiva, rafforza il senso di appartenenza a un paese e a una comunità di persone che vivono nello stesso luogo; perché per più di un secolo questa realtà è stata a nostra diposizione e ci ha accompagnato, noi, i nostri trisavoli, bisnonni, nonni, padri, i nostri figli e i figli dei nostri figli… perché il fine dell’uomo non è soltanto occuparsi di numeri e bilanci da far quadrare, faccenda che comunque è ovvia e indispensabile; noi siamo fatti anche di cuore, sentimenti, ricordi, emozioni, speranze, e più s’invecchia, maggiore è la percezione che queste ultime contino più dei primi, e per concludere, perché se la scuola materna San Giorgio fosse costretta a chiudere i battenti, ne sono certo, alla fine saremmo tutti, indistintamente, sconfitti, più poveri e delusi.
 
Nella prima fotografia io sono seduto sulla panchina, al centro (ho le ginocchia unite, composto, sembro un angioletto…), mentre nella seconda Grazia (com’è carina, eh?) è la prima seduta in basso a destra.
In entrambe le foto è presente Suor Irene.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/02/2020 09:27:00
Una Brooklyn Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…


09/04/2018 07:00:00
Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

20/01/2020 08:00:00
Il tappo, una cornice e la cartolina Rafael, Filipe e Joaquim si prendevano cura amorevolmente e con infinita pazienza dei loro splendidi sugheri, sulle colline portoghesi che si affacciano sull’Atlantico…


23/04/2018 08:50:00
La sindrome di Capitan Uncino Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…



Altre da Racconti del Lunedì
24/02/2020

Una Brooklyn

Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…


20/01/2020

Il tappo, una cornice e la cartolina

Rafael, Filipe e Joaquim si prendevano cura amorevolmente e con infinita pazienza dei loro splendidi sugheri, sulle colline portoghesi che si affacciano sull’Atlantico…


23/12/2019

Un Natale nella Bassa

Ebano Taldini era l’ultimo di cinque figli. Prima ancora di imparare a camminare dovette apprendere la tecnica della corsa, e di quelle veloci...

09/12/2019

Quando muore un fratello

Caro Elio, caro fratello mio… mi sembra già di sentirti: “Non tirarla troppo per le lunghe e non raccontare troppe balle!”, orso che non sei altro…


25/11/2019

Quanta fede!

“Oggi il nostro confratello ha lasciato R. per andare a B. nella nostra infermeria. Sai che ha novantatré anni. Speriamo in un rapido recupero e così un veloce ritorno qui da noi”…

28/10/2019

Il mitico «Gerosa»

“Ma sì, portalo pure a fare un giro, va’”, mi disse il signor Renato, suo papà. Così infilai il piccolo Luca nella cesta davanti al manubrio, ingranai la prima e diedi una brusca "sgasata" al mitico Gerosa!...

30/09/2019

007 a Matera

“Dai, magari lo incontriamo…”, dico a Grazia, entusiasta della prospettiva di poter imbattersi in Daniel Craig a Matera.
Abbiamo prenotato una camera sei mesi fa, quando ancora non si conosceva la data del primo ciak…

02/09/2019

La vecchia radio

"Allora, vuoi venire a riprenderla la tua vecchia radio, sì o no?", mi dice l'amico che l'ha ritrovata in solaio, dopo più di mezzo secolo

29/07/2019

Mi ricordo montagne verdi

Ho appena finito di leggere "Prove tecniche di resurrezione - Come riprendersi la propria vita" di Antonio Polito, vicedirettore del Corriere della Sera, che narra di come, a sessant'anni, si possa rinascere a nuova vita. Una lezione "folgorante"!

01/07/2019

Qualche fetta di prosciutto

E’ mai possibile che uno debba arrivare alla soglia dei sessant’anni senza mai aver assaggiato prosciutto e melone?

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia