Skin ADV
Mercoledì 22 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






24 Marzo 2019, 08.00

Blog - Figurine di Provincia

Il figlio di papà

di Luca Rota
Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.

Se scrivo presidente della federazione calcistica, capitano e punta della nazionale, capitano e uomo simbolo dell’Al Ittihad, o mi starò riferendo ad un genio tuttofare, talentuoso e carismatico, o semplicemente sto parlando di Saadi Gheddafi.

Aggiungici anche diversi incarichi di governo (che guarda caso era in mano a suo padre), la quasi totale influenza nelle convocazioni della squadra nazionale e nel suo club, ed ecco che ti ritrovi davanti il vero identikit del figlio di Mu’ammar Gheddafi, con la passione per il calcio.

Di lui in Italia si ricordano due brevissime apparizioni - entrambe di una presenza - con le maglie di Perugia e Udinese, unite ad un passaggio alla Sampdoria senza mai giocare.

Inoltre è stato azionista di minoranza della Juve prima della caduta del regime del padre, ma non il primo libico a giocare in Italia.
Prima di lui Jehad Muntasser aveva rappresentato i colori del proprio paese in casa nostra, vestendo le maglie di Viterbese, Triestina e Perugia tra le altre.

La differenza tra i due però è che Muntasser calciatore professionista lo è stato, mentre Saadi Gheddafi lo si potrebbe definire un amatore, per giunta scarso, o per meglio dire, un vero e proprio figlio di papà che per anni ha gestito convocazioni e scelte federali, punendo in modo infame chi non ubbidiva.

Perché non bastano la passione, il potere, i milioni e nemmeno l’arroganza per comprare il talento, e ad oggi anche Saadi forse lo sa.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80105 - 24/03/2019 18:52:24 (mananto)
È stata una pagina da dimenticare del calcio moderno. Per di più gli venne fatto tirare un calcio di rigore con obbligo al portiere avversario di tuffarsi dalla parte opposta. Seguo con interesse tutte le squadre italiane eccetto l'Udinese per i motivi riportati nel post. Che retrocede lasciando il posto al Brescia


ID80170 - 28/03/2019 11:55:00 (Luca_Rota)
Concordo in pieno! Non ricordo la scena del rigore, ma fu comunque una vergogna vedere un individuo del genere calcare i campi della serie A. Purtroppo il denaro può questo ed altro.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

30/01/2019 08:00:00
El goleador Marcelo Alejandro Otero arriva a Vicenza nell'estate del 1995. In patria nel Penarol ha fatto bene, ma si sa che l'Italia e la serie A sono tutt'altra cosa

19/05/2019 08:00:00
Il portiere di Zeman Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A



Altre da Blog - Figurine di provincia
19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

30/04/2019

L'uruguagio salentino

Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

14/04/2019

Lo straniero

Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.

07/04/2019

Il "nipote" di Puskas

Ultimo appuntamento coi “figli di..”, per parlare di una figurina pienamente in attività, che ha vagato in lungo e in largo per la penisola, per poi trovare gloria altrove

31/03/2019

Il «figlio» di Zola

La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

17/03/2019

Il (non) figlio di papà

Terminata l’esperienza dedicata agli “inglesi”, ecco un nuovo meta-percorso, un viaggio tra la fantasia, l’estro, la malinconia, la vita sportiva e non dei “figli di..

10/03/2019

Le God

L’appuntamento con gli “inglesi” trova la sua conclusione, e stavolta lo fa parlando di un numero sette dal cognome francese, dalle giocate alla sudamericana, ma inglese “vero”

03/03/2019

Meglio di Roberto Carlos

Tempo di Carnevale, tempo di scherzi, voluti e non, tempo di storie. La figurina “inglese” di oggi fu suo malgrado, vittima di uno scherzo di cattivo gusto.

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia