Skin ADV
Martedì 02 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Buona Festa della Repubblica!

Buona Festa della Repubblica!

di Maria Rosa Marchesi



02.06.2020 Bagolino Odolo Preseglie

02.06.2020 Lavenone

31.05.2020

31.05.2020 Bagolino Valsabbia Val del Chiese

01.06.2020 Vobarno

01.06.2020 Odolo

01.06.2020 Val del Chiese

31.05.2020 Gavardo

31.05.2020 Agnosine

01.06.2020 Storo



13 Aprile 2019, 10.00
Valsabbia Garda Provincia
Ambiente

Depuratore del Garda, il tavolo tecnico

di Federica Ciampone
Convocato giovedì scorso dall’Assessore regionale al Territorio Pietro Foroni, l’incontro per fare il punto sulla situazione ha visto la presenza di numerosi attori coinvolti, ma non quella dei sindaci del bacino del Chiese 
 
L’Ufficio Territoriale Regionale di Brescia è stato sede, giovedì scorso, di un tavolo tecnico dedicato alla questione del depuratore del Garda, organizzato da Regione Lombardia con l'Assessore al Territorio Pietro Foroni.
 
L’importante incontro, richiesto fra gli altri dal Consigliere regionale valsabbino e Vice Capogruppo della Lega Floriano Massardi, ha visto la presenza dei Consiglieri regionali del territorio, del Presidente della Provincia di Brescia, dei rappresentanti di Acque Bresciane, dell’Ufficio d’Ambito e di tecnici indipendenti, ma non quella dei sindaci dell’asse del Chiese, profondamente contrariati per essere stati esclusi dall’incontro come se la faccenda non li riguardasse.
 
Obiettivo del meeting quello di analizzare il problema della depurazione del Garda esaminando i pareri dei tecnici, oltre che i dubbi e le perplessità, consapevoli del fatto che la Regione, pur non avendo competenze sul tema, possa e debba fare da tramite tra le esigenze dei territori, le comunità e le proposte dei tecnici.
 
“Affrontare la depurazione del Garda è una priorità e necessità assoluta per tutti – ha dichiarato a Teletutto Gian Antonio Girelli, consigliere regionale Pd della Commissione Ambiente - ma vi è anche la necessità di farlo nel miglior modo possibile, valutando tutte le ipotesi progettuali che siano rispettose degli impatti ambientali, dei territori e delle necessità dei cittadini. Superare i ‘campanili’, quando si affrontano temi come questo, è indispensabile”.
 
E se è vero che nel corso dell’incontro nulla di differente è stato deciso, è anche vero che c’è chi parla di un passo in avanti verso una maggiore collaborazione degli attori interessati dal progetto. “Sono soddisfatto per l’esito di un incontro da me fortemente voluto – spiega infatti Floriano Massardi. – Molto importante è stata la mediazione di Regione Lombardia e dell’assessore Foroni, che ha reso possibile il cambio di atteggiamento tenuto da Acque Bresciane che, per la prima volta, si è detta disponibile a rendere noto quanto emerso dallo studio fatto dal prof. Bertanza dell’Università di Brescia sui diversi progetti legati al depuratore. La priorità resta quella di tutelare al massimo l’ecosistema delle zone interessate, in primis la Valle Sabbia – conclude - valutando insieme le diverse alternative presenti sul tavolo. In questo senso l’incontro ha segnato un cambio di rotta certamente apprezzabile.”
 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80377 - 13/04/2019 10:23:00 (Filippo Grumi) fumo
Hanno deciso di non decidere. Acque bresciane avrebbe dovuto portare lo studio già in questa sede e per l'ennesima volta non lo ha fatto accampando una nuova scusa. Ora ci si affida alla promessa che lo farà vedere quando sarà più definito. Dato che i due consiglieri sono concordi con l'affermare che fino ad ora la questione è stata gestita male e con poca trasparenza proprio da Acque Bresciane viene da chiedersi come si possa chiedere ancora una volta all'oste se il vino è buono. Serve un ente terzo che valuti le proposte in campo e servono certezze, non si ha una data del tavolo, non si sa chi saranno i partecipanti. Fumo, appunto.


ID80380 - 14/04/2019 22:22:44 (vanpelt) Non basta volere fortemente gli incontri ...
... bisogna volere fortemente onesta' e trasparenza nel cercare e valutare le alternative allo scempio di Gavardo. Altrimenti, a forza di auspici e speranze, la vicenda finira' nell'ennesima presa per i fondelli pre-elettorale, giusto come quella recentissima dell'emodinamica, e i gavardesi sapranno di nuovo chi ringraziare, ma sara' troppo tardi.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/03/2019 17:53:00
A mediare sarà la Regione Non ha un ruolo specifico in materia, ma sarà Regione Lombardia a mettere tutti gli attori attorno a un tavolo per analizzare nei particolari una soluzione possibile alla depurazione del Garda. L'ha dichiarato l'assessore Foroni


12/05/2020 09:58:00
Ancora in fase di stallo il Tavolo tecnico Convocato a inizio marzo e rinviato a causa della pandemia, il Tavolo per la verifica della compatibilità ambientale del doppio depuratore del Garda sul fiume Chiese attende ancora una riconvocazione

05/12/2018 09:38:00
A gennaio un confronto in Regione Lo ha annunciato l’assessore regionale al Territorio che incontrerà i sindaci del Lago di Garda e del bacino del fiume Chiese e i referenti degli Ato per giungere ad un progetto condiviso

27/03/2020 09:55:00
Riconvocato il tavolo tecnico Già rimandato una volta a causa dell’emergenza coronavirus, il tavolo per l’esame della progettazione è stato riconvocato a sorpresa dal Ministero su sollecito della Regione. Indignazione e sconcerto tra i sindaci, impegnati in prima linea nel contrastare l’emergenza in corso

14/01/2019 10:29:00
«No al depuratore», al via la raccolta firme In vista del tavolo tecnico in Regione, il comitato Gaia Gavardo ha dato inizio a una raccolta firme fra la popolazione per esprimere la contrarietà all’ipotesi del nuovo depuratore del Garda fra Gavardo e Muscoline



Altre da Provincia
29/05/2020

Settore Terziario, nel 1° trimestre la fiducia crolla ai minimi storici

L’indice di fiducia delle imprese bresciane – a causa dell’impatto di COVID-19 – ha registrato una discesa a 27,0; nel 4° trimestre 2019 era pari a 110,7.

29/05/2020

In arrivo i primi fondi del post emergenza

Il 30% dei 66,7 milioni di euro stanziati nel decreto Rilancio è in arrivo in questi giorni nelle casse degli enti locali bresciani per far fronte alle spese connesse ai servizi pubblici essenziali


28/05/2020

Verona accelera, «entro dicembre il via ai lavori»

Dopo l'ultima ispezione della sublacuale Toscolano – Torri l'Ato di Verona sollecita Brescia a rispettare gli impegni presi. Comaglio: “Pressione inaccettabile, si valutino opzioni alternative”

28/05/2020

Condotte soggette a corrosione, si valuta la dismissione

L'ultima ispezione dell'Ato ha evidenziato numerose concrezioni batteriche nelle tubature sublacuali, che a lungo andare potrebbero portare a perforazioni nelle condotte. Lunedì il tavolo tecnico con il Ministero per fare il punto sulla situazione


27/05/2020

Caccia, il Consiglio approva la nuova legge regionale

Approvata la nuova legge regionale che ha introdotto la contestata norma dell’obbligo sia per le guardie venatorie, che per i cacciatori, di indossare un abbigliamento ad alta visibilità

26/05/2020

Si torna in quota, dieci regole per frequentare i rifugi

E' il “Piano rifugio sicuro” stilato dal CAI per il ritorno in montagna dopo l'emergenza Coronavirus. Necessario prenotare il pernottamento e rispettare scrupolosamente le indicazioni del gestore

26/05/2020

Documenti e adempimenti, prorogate le scadenze

A causa dell’emergenza sanitaria in corso, sono state prorogate alcune scadenze sia per alcuni documenti, come carta d’identità e patente, sia per alcuni adempiment. Ecco i principali

26/05/2020

Anche i Testimoni di Geova riprendono le riunioni

In linea con le indicazioni del ministero dell'Interno, anche la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova ha adottato un proprio protocollo per la ripresa delle attività religiose nei propri luoghi di culto

25/05/2020

Fondazione Comunità Bresciana punta sulla coprogettazione

In collaborazione con Fondazione Cariplo la realtà bresciana lancia una Call To Action per l'implementazione del lavoro e delle reti territoriali dopo l'emergenza coronavirus

25/05/2020

Uffici postali, graduale riapertura

Anche gli uffici postali ritornano con gradualità agli orari di apertura abituali, come nel caso di Paitone. Fissati i turni per il ritiro della pensione di giugno a partire da martedì 26 maggio


Eventi

<<Giugno 2020>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia