Skin ADV
Lunedì 19 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Il carciofo

Il carciofo

by Matteo



17.08.2019 Vobarno

18.08.2019 Vobarno

17.08.2019

17.08.2019 Sabbio Chiese

17.08.2019 Vestone

18.08.2019 Bagolino

18.08.2019 Vestone Valsabbia

18.08.2019

18.08.2019 Bione

17.08.2019 Preseglie






13 Maggio 2019, 18.31
Valsabbia
Economia

Come perdere soldi lasciandoli sul conto corrente

di Roberto Trevisani
Impariamo a conoscere e combattere il nemico numero uno dei risparmi non investiti

L'articolo si collega a due recenti pubblicazioni dove parlavo di come mercati finanziari negativi potessero creare disagio negli investitori e di come tale disagio possa manifestarsi in vari modi tra cui la tentazione di spendere.
Quest ultimo è il tema di oggi ed in particolare cercheremo di capire le conseguenze per chi ha deciso di abbandonare le vesti di investitore per quelle di risparmiatore.

Non investire permette sicuramente di sfuggire allo stress della gestione degli investimenti ma presenta un effetto collaterale non di poco conto causato dall'azione di un nemico del denaro che opera in modo subdolo e nascosto, esattamente come un tarlo che aggredisce la mobilia.

Di cosa parlo?
Il tarlo in questione si chiama inflazione, un termine che molti vedono distante e noioso, associandolo a libri di economia e argomento da professori ma che invece merita la nostra attenzione.

Cos’è l’inflazione?
Evitando ogni tipo di definizione tecnica l’inflazione si può semplicisticamente spiegare come l’aumento nel tempo dei prezzi dei principali beni e servizi che normalmente acquistiamo.
Ad esempio si parla di inflazione se per una spesa di generi alimentari che oggi pago cento euro, l’anno prossimo ne dovrò spendere centodue.

Conseguenze
I miei cento euro varranno meno poichè non mi permetteranno di acquistare le stesse cose del passato.
Se la differenza di due euro dell’esempio può sembrare minima lo è solo perchè è calcolata su un importo limitato e per un periodo di un solo anno.

Per meglio comprendere la reale portata di questo fenomeno, proviamo ad ipotizzare una perdita di valore del 2% annua ed un capitale di 100.000 euro. Dopo dieci anni ci troveremmo con un valore di nemmeno 82.000 euro lasciando per strada il denaro con cui si potrebbe acquistare un’auto!
Se il capitale fosse di 1.000.000 euro la perdita del potere d’acquisto sarebbe di oltre 180.000 euro, importo con il quale si potrebbe acquistare un bell’appartamento…

Per correttezza d'informazione l'inflazione potrebbe avere tassi minimi o addirittura essere negativa (deflazione).

Ricapitoliamo
Ricapitolando, se investo corro il rischio di possibili perdite mentre se non investo le perdite divengono certe.

Soluzioni
Il miglior modo di affrontare questo nemico è la buona e sempre valida pianificazione che ci può aiutare a capire per cosa e quando vorremo utilizzare i nostri risparmi.

Potremo decidere di mantenere sul conto corrente, come male minore, ciò che ci servirà per le spese previste nei prossimi mesi, la quota di denaro che ha la funzione di fondo emergenza o la quota di liquidità legata a strategie di investimento.
Concettualmente si potrebbe non investire l’intero capitale se i nostri risparmi dovessero essere ben maggiori rispetto ai nostri obiettivi presenti e futuri ma si tratterebbe di una scelta che andrebbe valutata con attenzione.

I risparmi legati a bisogni lontani nel tempo dovrebbero invece essere “protetti” investendoli con l’obiettivo di ottenere rendimenti almeno vicini al tasso di inflazione.

Purtroppo oggi questa sfida risulta persa in partenza utilizzando strumenti finanziari prudenti ma ciò non dovrà essere motivo per assumere maggiori rischi di quelli che potremmo essere in grado di tollerare. In queste situazioni l’equilibrio potrebbe essere trovato con la consapevolezza di dover accantonare maggiori risparmi per raggiungere determinati obiettivi.

La soluzione basso rischio e maggiori risparmi è consigliabile anche per obiettivi particolarmente importanti il cui mancato raggiungimento potrebbe avere conseguenze per noi molto negative.

Investire è sempre la soluzione?
Investire per combattere l’inflazione può sembrare una soluzione controintuitiva dopo anni come il 2018 dove l’aver deciso di star lontano dai mercati finanziari avrebbe limitato le perdite, ma sono tutte considerazioni col senno del poi.
Peraltro chi ha avuto la coerenza di non modificare i propri investimenti quest'anno ha potuto godere di uno strepitoso (fin troppo) rimbalzo.

Cosa fare per il futuro
Non essendo possibile prevedere puntualmente i rendimenti che otterremo in futuro dai nostri investimenti e quanto ci verrà eroso dall’inflazione, l’unica certezza è che ogni euro risparmiato è un mattoncino per la costruzione del nostro futuro e non occuparsi delle proprie finanze credo oggi sia una non scelta.

Roberto Trevisani
 
Via Quarena 145 - Gavardo (BS)
telefono 328 6457362
mail: studio@robertotrevisani.com
pagina facebook: Studio Roberto Trevisani
-----------------------------------------------
 
Abbiamo chiesto a Roberto Trevisani di aiutarci ad affrontare i piccoli e grandi problemi che le famiglie o le aziende possono incontrare ogni giorno in campo finanziario ed economico.
 
Lo potete leggere, ma anche chiamare o gli potete scrivere, ha promesso che vi risponderà.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80540 - 13/05/2019 20:22:09 (criticone) Vallo a dire....
...agli azionisti della valsabbina....


ID80544 - 14/05/2019 07:05:41 (cardinale) Redazionale?
Ha il sapore tutto redazionale e pubblicitario e per niente pro cittadino.Esaltazione immotivata dell'investimento con ridimensionamento inspiegabile dei rischi elevati. Esagerazione voluta della svalutazione del denaro non investito data come perdita certa, cosa che non corrisponde assolutamente a verità. Ciò che è stato illustrato pare d'essere più d'interesse ad un direttore di filiale o ad un consulente privato...


ID80548 - 14/05/2019 11:05:43 (RobertoTrevisani) Risposta parte 1
La ringrazio per aver dedicato del tempo a leggere l’articolo ed averlo commentato poiché ritengo l’interazione sempre positiva e sintomo di interesse sull’argomento.Ci tengo a sottolineare che opero in forma totalmente indipendente, quanto scritto è frutto di mie opinioni e ricerche e non vedo cosa l’articolo possa pubblicizzare a livello commerciale o essere considerato non pro cittadino.Lo scopo è fornire spunti di riflessione che ognuno puo' decidere se considerare o meno.Per quanto riguarda l’esaltazione dell’investimento vedo piuttosto l’esaltazione alla pianificazione e ad una accurata gestione delle proprie risorse.Sul fattore rischi temo le sia sfuggita qualche frase dell’articolo, ne ho parlato più volte anche negli articoli linkati ed in ogni altro articolo pubblicato da VSN: l’attenzione deve essere altissima.


ID80549 - 14/05/2019 11:06:52 (RobertoTrevisani) Risposta parte 2
Sulle ipotesi di svalutazione da lei ritenute esagerate le ricordo che si tratta di un esempio, peraltro non troppo irrealistico. La invito a ricercare su internet i dati storici dell’inflazione italiana degli ultimi 20 anni e considerare che la Bce ha l’obiettivo di un inflazione del 2%.In modo assolutamente costruttivo mi piacerebbe chiederle un ‘e quindi?’, cosa farebbe lei? Cosa sarebbe pro cittadino?Puo’ rispondermi anche in privato sulla mail dello studio se preferisce.


ID80555 - 14/05/2019 19:08:53 (robixxx) info
una sua opinione da esperto sui BTP ? sono ancora da considerare o sono troppo rischiosi ? L'italia ha un debito veramente elevato


ID80556 - 14/05/2019 20:09:34 (el capelà)
Mi aggancio al commento sopra...le obbligazioni governative elleniche, come le vedi? Riuscire ad acquistarle nel secondario sotto 100 sono un buon investimento?


ID80557 - 14/05/2019 20:16:03 (VENTONORD11) Inflazione
Caro Cardinale , lei commette un errore ,purtroppo come moltissime persone , ed e' un errore molto grave che costa tanti soldi. Tenere i propri risparmi in investimenti a tasso zero , significa che ha fine anno , se l 'inflazione e' il 2% lei ha avuto una perdita del potere di acquisto dei suoi risparmi del 2% Cioe' e' come se a prezzi invece invariati ( inflazione a zero ) lei avesse investito al tasso negativo del - 2% . Quindi il consiglio di cercare delle forme di investimento uguali all'inflazione e cioe' al 2% per mantenere intatto il potere di acquisto dei risparmi e' una cosa assolutamente corretta. Che poi oggi non sia facilissimo ottenere a rischio zero rendimenti netti del 2% e' vero. E guardi che non voglio sponsorizzare chi ha scritto l' articolo , in quanto non lo conosco. Poi e' evidente , che quel signore fa' il consulente finanziario , pero' lei non e' obbligato ad andare da lui, faccia suoi pero' i consigli gratuiti che le vengono dati.


ID80558 - 14/05/2019 20:25:40 (RobertoTrevisani) Btp
Faccio fatica a rispondere in poche righe e non ho informazioni per dirle se l'investimento in btp sia adeguato ai suoi obiettivi. Considerando che prima del rendimento è utile analizzare il rischio, provi ad ipotizzare cosa potrebbe succedere ai suoi obiettivi in caso di eventi avversi come ad esempio il mancato rimborso o l'allungamento delle scadenze (rischi presenti in ogni titolo di stato o obbligazione). In linea generale preferisco scegliere soluzioni più diversificate come fondi (o meglio etf) rispetto a titoli singoli.


ID80559 - 14/05/2019 21:26:46 (PETER72) Il nocciolo della questione forse è un altro...
Se posseggo 100 e non investo e l'inflazione è al 2% a fine anno mi resta 98; se invece investo 100 e il prodotto finanziario rende 3 ma a fine anno mi vengono sottratti 2 per commissioni sul prodotto, 2 per costi dell'intermediario, 2 per spese blablablá, quanto mi resta a fine anno?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/01/2013 09:22:00
Serate informative sull’economia Prendono il via stasera a Sabbio Chiese delle serate informative promosse dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella per parlare di crisi, economia e finanza

06/12/2017 06:56:00
Soldi in paradiso, colpevoli intoccabili e risparmiatori rimandati... a settembre Qualche consiglio forse scontato ma non banale per sopravvivere alla malafinanza

07/04/2015 09:20:00
Imprese in Valsabbia, un 2014 di sofferenza Ad inizio anno le imprese valsabbine al lavoro erano 5.870, all’incirca una ogni 10 abitanti della valle

22/01/2019 11:41:00
Uno sguardo allo stato d'animo degli investitori Si è appena concluso un anno particolarmente negativo per i mercati finanziari. Le reazioni ad un 2018 ballerino 

30/03/2014 18:52:00
Suicida a 24 anni Militare della Guardia di Finanza, il giovane si è ucciso nel suo alloggio in una caserma di Chivasso, dove prestava servizio da 3 anni.
Era di Gavardo, mercoledì i funerali in Santa Lucia a Sopraponte




Altre da Valsabbia
19/08/2019

Decreto «insicurezza» bis

Proseguire l'analisi di Valsabbin* Refrattar* sulle politiche securitarie approvate dal governo gialloverde dopo la conversione in legge del Decreto Sicurezza bis

18/08/2019

Controlli serrati

In due mezze giornate gli agenti della locale della Valle Sabbia, piazzatisi a Vestone, hanno rilevato numerose contravvenzioni

16/08/2019

La Fanfara Alpina Tridentina a Mosca

Ci saranno anche alpini valsabbini e gardesani della “Monte Suello” fra i componenti della Fanfara in partenza per la capitale russa per partecipare al XII Festival internazionale di musica militare «Spasskaya Tower»

16/08/2019

La difesa del lago val bene... una corsa

Si tratta della “Corsa per la vita del lago d’Idro e del suo fiume Chiese”, proposta degli Amici della Terra giunta alla sua terza edizione

16/08/2019

«L'intesa è solo per poter sfruttare la risorsa idrica»

Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone
(1)

15/08/2019

«Broken» chiude il tris di Ferragosto

A conclusione della rassegna di eventi promossa in Rocca d’Anfo questo venerdì sera – 16 agosto – la proiezione del film vincitore del FilmFestival del Garda 2019 

14/08/2019

Aspettando Memorie di Terra

Terminati i “Viaggi d’acqua”, la prima parte di Acque e Terre Festival, ecco pronta la seconda parte, che quest’anno andrà in scena dal 30 agosto al 4 ottobre

14/08/2019

Una premessa sbagliata

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto (4)

14/08/2019

Ecco il progetto di Acque Bresciane

Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese (17)

12/08/2019

120 mila euro per le associazioni del territorio

Aperti fino al 16 settembre i nuovi bandi per il sostegno di investimenti materiali e per il sostegno di progetti in ambito formativo-culturale e sociale

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia