03 Giugno 2019, 07.00
Racconti del lunedì

I miti greci

di Ezio Gamberini

Grazia ed io torniamo dalla camminata serale e giunti davanti al cancello incontriamo una nostra vicina che arriva in macchina; si ferma, abbassa il finestrino ed esclama: “Ecco i miei miti, altro che quelli greci!”…


“Ah… quando vi vedo… una volta avevo i miti greci, adesso invece… voglio diventare come voi!”, prosegue la bellissima ragazza, che ha una stupenda famiglia (quando li incontri, ti luccicano gli occhi!), e splendidi figli, tra i quali l’autore di quell’autentica genialata che ho descritto nel racconto “Una ‘i’ di cinquanta metri” . 
 
Il suo ingegnoso figliolo, che allora aveva nove anni, con un gessetto disegnò sul viale una “i” lunga cinquanta metri e larga quattro; quest’impresa resterà per sempre indelebile nella mia memoria.
 
“Ah, ah, ah, - le rispondiamo, spanciandoci dal ridere – per diventare come noi devi diminuire venti centimetri in altezza e aumentare un numero considerevole di chilogrammi (questi ultimi soprattutto nei miei confronti)”.
 
Recentemente, e in controtendenza con il mondo in cui viviamo che appare sempre più arrabbiato e deluso, con Grazia c’è capitato di sbellicarci dalle risate in più occasioni: l’ultima volta è successo quando siamo andati a mangiare una quintalata di sushi (dai, in fondo è riso… ); dopo aver consegnato il cartoncino del tavolo al signore seduto dietro la cassa, gli ho chiesto:
 
“Quant’è?”.

“Mhh…mhh… tlentatle e tlenta!”.

“Come?”.

“TLENTATLE E TLENTA!”.
Grazia ed io ci siamo guardati negli occhi, abbiamo resistito, ma non appena saliti in macchina, siamo esplosi e per infilare la chiave nel cruscotto ci sono voluti dieci minuti.
 
Sembrava di essere in un film di Stanlio e Ollio, oppure in un cartone animato di Gatto Silvestro, quando Titti, dalla sua gabbietta, vedendo che si avvicinava con passo felpato, esclamava preoccupato:
 
“Oh, oh, mi è semblato di vedele un gatto!”.
 
Qualche tempo fa invece, in occasione di una “scappata” alle terme (entrambi amiamo sguazzare nell’acqua calda, soprattutto quando fuori fa freddo), c’è capitato di nuotare sott’acqua e risalire nello stesso istante con le nostre fronti che si sono toccate appena, sfiorando per un soffio la “capocciata”.
 
Grazia ha esclamato, appoggiando la sua fronte alla mia:
 
“Facciamo i mufloni?”.
 
I maschi di questa specie, nella stagione degli amori, per la conquista delle femmine si danno sonore capocciate che risuonano a chilometri di distanza. A questa sua affermazione ho cominciato a sganasciarmi dalle risate, e ridendo anche sott’acqua, nella convulsione beffeggiatoria, ne ho bevuto almeno mezzo litro. Ma è salso-bromo-iodica, fa bene…
 
Ah, che ci sia concesso di poter godere ancora di questi momenti, con i propri cari, i figli, i famigliari, gli amici, i vicini del mio villaggio: cinque minuti di relazioni umane valgono più di una giornata davanti alla tv, sui social o nelle chat. 
 
E la speranza di poterne vivere in futuro anche uno soltanto, seppur breve e piccolo, come diceva Charlie Brown, lo straordinario personaggio creato da Charles M.Schulz, non sarà mai eguagliata da una montagna di ricordi.
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
24/02/2020 09:27:00

Una Brooklyn Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…

07/01/2019 08:00:00

La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

09/04/2018 07:00:00

Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

20/01/2020 08:00:00

Il tappo, una cornice e la cartolina Rafael, Filipe e Joaquim si prendevano cura amorevolmente e con infinita pazienza dei loro splendidi sugheri, sulle colline portoghesi che si affacciano sull’Atlantico…

23/04/2018 08:50:00

La sindrome di Capitan Uncino Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…



Altre da Racconti del Lunedì
06/07/2020

Una confessione imbarazzante

È dura dover confessare al proprio coniuge un’azione indegna, alla soglia dei sessant’anni: non mi era mai accaduto fino ad ora un evento così spregevole...

08/06/2020

Il tubetto del dentifricio

Non riesci mai a capire quando è finito il dentifricio, con questi tubetti di plastica che riprendono sempre la loro forma iniziale, anche se li spremi...
AUDIO

18/05/2020

Si riparte

Oggi comincia una nuova fase, in cui la maggior parte di aziende e negozi riprenderà la propria attività, rispettando le dovute prescrizioni...

04/05/2020

A modo mio

Non si tratta della famosa macchinetta del caffè, bensì della maniera in cui trascorro l’ultimo fine settimana, prima di riprendere il lavoro a tempo pieno, lunedì 4 maggio…
AUDIO

28/04/2020

Nei giardini che nessuno sa

Coronavirus, bufale o realtà? “Inutile salvare obesi e fumatori…”, e ancora: “Gli ottantenni esclusi dalla terapia intensiva”...

20/04/2020

Una Pasqua sorprendente

E’ il giorno di Pasqua. Grazia ed io siamo a casa da soli. A mezzogiorno esatto, con una giornata meravigliosa, cielo azzurrissimo e sole splendente, apro tutte le porte e le finestre e “sparo” al massimo volume l’Hallelujah di Händel…

13/04/2020

Mamma

In occasione della scomparsa della loro mamma, dedico questo ricordo, pubblicato sette anni fa, al nostro direttore Ubaldo Vallini e alle sue sorelle Eliana e Nunzia. AUDIO

06/04/2020

Due fedelini al burro

Quando la mamma si alzava al mattino, ci metteva un secondo a capire che la sera prima ti eri cucinato due fedelini al burro…
AUDIO

17/03/2020

La lezione di Giovannino

“Non muoio neanche se mi ammazzano”, affermò quando lo internarono in un campo di concentramento, e due anni dopo, dimagrito di venti chilogrammi, il sottotenente Giovannino Guareschi mantenne la promessa e ritornò a casa… AUDIO

24/02/2020

Una Brooklyn

Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…