Skin ADV
Lunedì 09 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Prima neve a Faserno di Storo

Prima neve a Faserno di Storo

di Gianni Cortella



07.12.2019 Barghe

07.12.2019 Bione

07.12.2019 Bione Odolo Preseglie Valsabbia

09.12.2019 Bagolino

07.12.2019 Barghe

07.12.2019 Valsabbia

08.12.2019

08.12.2019 Gavardo Garda

07.12.2019 Prevalle Provincia

09.12.2019






10 Giugno 2019, 08.00

Blog - Genitori e figli

La disperazione infinita di Noa

di Giuseppe Maiolo
Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

La morte a questa età ci appare incomprensibile
e lo è per davvero. Ma l’incapacità di trovare risposte che spieghino lo sconforto dell’anima quando questa è stata profondamente ferita, ci fa alterare le narrazioni e ci consegna improbabili ipotesi con le quali, però, possiamo spostare l’attenzione da un’altra parte e attenuare per un poco lo sgomento. E così che la fake news dell’eutanasia di Noa è frutto non solo di cattivo giornalismo, ma anche di quel potente meccanismo della rimozione che accompagna da sempre ogni forma di violenza e in particolare lo stupro.

Quella scelta definitiva pubblica e violenta come è stata la violenza subita da Noa bambina, appare come la denuncia spietata della disperazione che inchioda al palo chi subisce violenza e non sa trovare che il baratro della depressione. Chiediamoci prima di tutto se questa morte non sia un gesto che ci accusa tutti per non essere stati capaci di proteggerla e aiutarla a ricostruire quella la vita che qualcuno le ha spezzato. Ma è sempre così ogni volta e per tutti quelli che subiscono violenza. Non è una narrazione nuova il suicidio di chi, in particolare, ha subito l’oltraggio dell’abuso soprattutto da piccoli quando non si conosce la vita né il male che la circonda. Non ci tiene più all’esistenza chi si trova con un mondo interno frantumato e distrutto.

Come dopo un massacro, la depressione sopraggiunge e dilaga, la disperazione invade la mente e non ci sono altre idee se non quelle della morte, né altri pensieri al di fuori del suicidio che sembra l’ unica e possibile via di uscita. Noa si è lasciata morire e ha chiuso con quella vita che era diventata troppo insopportabile, dove nessuna luce poteva filtrare dentro il suo tunnel. Forse però la sua esistenza si era già conclusa prima. Forse quella ragazza aveva smesso da tempo di immaginare la vita e il suo sviluppo. La rinuncia potrebbe essere cominciata quando alla bambina violata non sono state date le forze necessarie per ricostruire un territorio interno a tal punto devastato che nemmeno il più potente farmaco antidepressivo poteva curare.

Ne ho incontrate anch’io di queste disperazioni infinite. Ho viste donne, ma non solo, vittime sconfitte dall’abuso sessuale e paralizzate dalla vergogna e dalla colpa, incapaci di alzare la testa e riconoscere il diritto esserci. Ho sentito ad ogni incontro con quel dolore nato dalla violenza, che il tarlo spaventoso della pulsione di morte poteva prevalere in ogni istante e azzerare tutto.Perché la disperazione porta continuamente sulla strada della morte e la psicoterapia, unica possibile risorsa a quel buio totale, ha il compito di mantenere acceso almeno un piccolo lume di fiducia con cui è possibile lentamente ricostruire dalle macerie una nuova esistenza.

Il problema però, è che la cura di un dolore così sotterraneo e profondo, è percorso lungo e complesso dove il rischio rimane costante. Spesso non si riesce a trasformare la sofferenza se non offriamo aiuto immediato dopo la violenza. Così si può morire in diversi modi. È possibile con il suicidio reale e determinato come ha fatto Noa Pothoven, ma anche con il ritiro dalla vita, con il rifiuto del proprio corpo come accade nell’anoressia o col terrore continuo delle relazioni e la rinuncia a un mondo affettivo.

Allora, come diceva Ungaretti, “La morte si sconta vivendo”. Perché si muore anche quando non c’è chi si mette all’ascolto del nostro dolore.

Giuseppe Maiolo
Psicoanalista - Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/05/2019 08:45:00
Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

03/04/2018 08:10:00
La violenza «assistita» Oggi parliamo della violenza di chi vive violenza. E del disagio di una generazione di bambini che crescono lasciati a loro stessi


29/09/2019 13:47:00
Adolescenti, suicidio e social Qualche mese fa una ragazza di 16 anni della Malaysia si lancia dal terzo piano della sua abitazione dopo aver postato su Instagram una domanda “Aiutatemi a scegliere D o L”

24/11/2018 15:00:00
Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 

18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.



Altre da Genitori e Figli
09/12/2019

Lo sguardo distante della trascuratezza

La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


25/11/2019

Coltivare la tolleranza

La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza

18/11/2019

Parole di odio e controparole

“Le parole fanno più male delle botte” diceva Carolina Picchio, forse la prima adolescente italiana vittima di cyberbullismo

02/11/2019

Hallowen, una festa da capire

Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento

28/10/2019

La povertà educativa e i comportamenti a rischio dei giovani

“Il tempo dei bambini” è il titolo del nuovo Atlante di Save the Children Italia presentato pochi giorni fa a Roma. Il report, corposo, fotografa la situazione italiana, dove negli ultimi dieci anni i minori in povertà assoluta sono oltre 1,2 milioni


21/10/2019

Come si cresce oggi tra like e follower?

“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato

18/10/2019

Hikikomori. Quei ragazzi ritirati in casa

“A casa mia sto bene, ho la mia camera, il mio pc, il mio mondo!”. Così dicono quelli che piano piano se ne vanno da scuola e dalla vita di tutti i giorni richiudendosi in casa. Via da tutto


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

29/09/2019

Adolescenti, suicidio e social

Qualche mese fa una ragazza di 16 anni della Malaysia si lancia dal terzo piano della sua abitazione dopo aver postato su Instagram una domanda “Aiutatemi a scegliere D o L”

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia