21 Ottobre 2019, 06.40
Blog - Genitori e figli

Come si cresce oggi tra like e follower?

di Giuseppe Maiolo

“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato

 
Hanno un acuto bisogno di essere pensati, cioè di stare nei pensieri dei gli adulti e in particolare dei genitori.
Perché essere pensati vuol dire sapere che c’è qualcuno che ti guarda, ti osserva e ti ascolta, che si occupa di te, qualche volta che si preoccupa, ma poco.

Vuol dire avere la consapevolezza
che i tuoi ci sono e ti sanno aiutare quando ce n’è bisogno ma allo stesso tempo ti lasciano cadere se ti capita di inciampare e poi ti spingono a rialzarti da solo per riprendere il cammino.

Oggi invece si cresce da soli,
a volte dimenticati perché abbonda la distrazione o la disattenzione degli adulti che alla fine è trascuratezza.
Oppure si diventa grandi con il mito di dover essere sempre vincenti e la convinzione che non è ammesso inciampare e sbagliare. In fondo questo accade grazie a madri e padri iperprotettivi che hanno bandito l’idea del fallimento dei figli.

Nella società dei like e dei follower si cresce così, con l’unico obiettivo di avere successo ed diventare a tutti i costi popolari e iperattivi, capaci di primeggiare e competere con tutti.

Competizione e confronto sociale sono divenute ora pressioni intense che ogni giovane vive nel tempo lungo e stressante dell’adolescenza a cui si aggiungono le aspettative elevate che i genitori indirizzano ai figli fin dalla nascita come quelle di essere belli, bravi e famosi.

Si attraversa l’adolescenza non più con gli scontri e i conflitti generazionali,
con le trasgressioni e le ostilità verso i padri, ma con la paura di non essere all’altezza delle loro aspettative.
Si affronta l’epoca dei cambiamenti epocali relativamente al corpo, alle relazioni e alla sessualità, con ansia e vergogna, ma più di tutto con delusione.
Soprattutto quella di non riuscire a realizzare gli enormi ideali e le attese costruite durante l’infanzia.

Il tempo delle “passioni tristi” si è trasformato nel tempo del corpo negato
perché in rete si può nascondere, della vergogna perché non piace e appare imperfetto e del ritiro sociale.
Gli hikikomori, che sono quei ragazzi isolati, in fuga, che scappano dal mondo e si tirano in disparte dalla società per paura di sbagliare e non andar bene per nessuno, sono giovani fermi in uno stand-by forzato per fuggire dal dolore.

Si cresce in questo modo oggi
. Si diventa grandi a fatica perché non vi sono obiettivi personali ma abbondano quelli innumerevoli dei genitori che li vogliono sempre forti e vincenti.
Sbagliare e cadere sembra non sia consentito perché queste esperienze evocano colpa e fallimento nei pensieri di madri e padri che aspirano ad essere perfetti come genitori.

Ai giovani così basta un nonnulla per sentirsi falliti su tutti i fronti.

Da bambini super, diventano adolescenti fragili, incapaci di sopportare frustrazioni e sofferenze, impreparati alla fatica e alla resilienza. Ma li abbiamo imbrogliati noi questi ragazzi, facendo credere loro che tutto è possibile senza limitazioni e freni. Tantomeno regole.

Chiediamoci se
i modelli educativi utilizzati in prevalenza non siano stati quelli di sostenere che il dolore va eliminato subito con antidolorifici pronto uso.
Domandiamoci se questa scarsa resistenza dei figli non venga proprio dalla mancanza di genitori poco autorevoli e padri mancanti che non hanno mai giocato a braccio di ferro coi figli che è un gioco per far muscoli e imparare a tenere duro.

Di certo continueremo a non farli crescere se
, come sosteneva Pier Paolo Pasolini, non educheremo “le nuove generazioni al valore della sconfitta, alla sua gestione e all’umanità che ne scaturisce”. 

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita
Università di Trento
www.officina-benessere.it




Aggiungi commento:
Vedi anche
22/10/2014 07:18

Adolescenza e dintorni L’adolescenza è la fase della vita in cui forse avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni.

26/02/2018 09:20

Adolescenza, età del rischio Gli adolescenti, alle prese con la necessità di esplorare il mondo, conoscere se stessi e mettersi alla prova, spesso forzano i limiti e si spingono continuamente verso il rischio, senza rendersi conto del pericolo che corrono 

06/10/2014 11:45

Uno sconosciuto per casa Prenderanno il via questo giovedì 9 ottobre a Prevalle, nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte", tre serate rivolte ai genitori sui temi dell’adolescenza

07/05/2014 07:47

Educare all'amicizia e all'amore L’appuntamento con GENITORI IN FORMA-zione di giovedì 8 maggio alle ore 20,30 presso la Sala consiliare del Comune di Villanuova sul Clisi, vede quale relatore la dottoressa Nicoletta Simionato. L'intervista

29/03/2016 10:09

Adolescenti. Fragili supereroi Gli adolescenti vivono la fase della vita in cui avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni...



Altre da Genitori e Figli
11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

04/08/2020

La scuola del dopo Covid -19

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa

27/07/2020

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani

Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato

21/07/2020

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti

La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)