Skin ADV
Giovedì 23 Gennaio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
La cucina di una volta

La cucina di una volta

di Maria Rosa Marchesi



22.01.2020 Sabbio Chiese Odolo

22.01.2020 Gavardo Valsabbia

21.01.2020 Gavardo Valsabbia

21.01.2020 Sabbio Chiese

21.01.2020 Casto

21.01.2020 Storo

22.01.2020 Gavardo Prevalle Muscoline Garda

21.01.2020 Provaglio VS

22.01.2020 Vobarno

22.01.2020 Salò Valsabbia Garda Valtenesi






21 Ottobre 2019, 06.40

Blog - Genitori e figli

Come si cresce oggi tra like e follower?

di Giuseppe Maiolo
“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato
 
Hanno un acuto bisogno di essere pensati, cioè di stare nei pensieri dei gli adulti e in particolare dei genitori.
Perché essere pensati vuol dire sapere che c’è qualcuno che ti guarda, ti osserva e ti ascolta, che si occupa di te, qualche volta che si preoccupa, ma poco.

Vuol dire avere la consapevolezza
che i tuoi ci sono e ti sanno aiutare quando ce n’è bisogno ma allo stesso tempo ti lasciano cadere se ti capita di inciampare e poi ti spingono a rialzarti da solo per riprendere il cammino.

Oggi invece si cresce da soli,
a volte dimenticati perché abbonda la distrazione o la disattenzione degli adulti che alla fine è trascuratezza.
Oppure si diventa grandi con il mito di dover essere sempre vincenti e la convinzione che non è ammesso inciampare e sbagliare. In fondo questo accade grazie a madri e padri iperprotettivi che hanno bandito l’idea del fallimento dei figli.

Nella società dei like e dei follower si cresce così, con l’unico obiettivo di avere successo ed diventare a tutti i costi popolari e iperattivi, capaci di primeggiare e competere con tutti.

Competizione e confronto sociale sono divenute ora pressioni intense che ogni giovane vive nel tempo lungo e stressante dell’adolescenza a cui si aggiungono le aspettative elevate che i genitori indirizzano ai figli fin dalla nascita come quelle di essere belli, bravi e famosi.

Si attraversa l’adolescenza non più con gli scontri e i conflitti generazionali,
con le trasgressioni e le ostilità verso i padri, ma con la paura di non essere all’altezza delle loro aspettative.
Si affronta l’epoca dei cambiamenti epocali relativamente al corpo, alle relazioni e alla sessualità, con ansia e vergogna, ma più di tutto con delusione.
Soprattutto quella di non riuscire a realizzare gli enormi ideali e le attese costruite durante l’infanzia.

Il tempo delle “passioni tristi” si è trasformato nel tempo del corpo negato
perché in rete si può nascondere, della vergogna perché non piace e appare imperfetto e del ritiro sociale.
Gli hikikomori, che sono quei ragazzi isolati, in fuga, che scappano dal mondo e si tirano in disparte dalla società per paura di sbagliare e non andar bene per nessuno, sono giovani fermi in uno stand-by forzato per fuggire dal dolore.

Si cresce in questo modo oggi
. Si diventa grandi a fatica perché non vi sono obiettivi personali ma abbondano quelli innumerevoli dei genitori che li vogliono sempre forti e vincenti.
Sbagliare e cadere sembra non sia consentito perché queste esperienze evocano colpa e fallimento nei pensieri di madri e padri che aspirano ad essere perfetti come genitori.

Ai giovani così basta un nonnulla per sentirsi falliti su tutti i fronti.

Da bambini super, diventano adolescenti fragili, incapaci di sopportare frustrazioni e sofferenze, impreparati alla fatica e alla resilienza. Ma li abbiamo imbrogliati noi questi ragazzi, facendo credere loro che tutto è possibile senza limitazioni e freni. Tantomeno regole.

Chiediamoci se
i modelli educativi utilizzati in prevalenza non siano stati quelli di sostenere che il dolore va eliminato subito con antidolorifici pronto uso.
Domandiamoci se questa scarsa resistenza dei figli non venga proprio dalla mancanza di genitori poco autorevoli e padri mancanti che non hanno mai giocato a braccio di ferro coi figli che è un gioco per far muscoli e imparare a tenere duro.

Di certo continueremo a non farli crescere se
, come sosteneva Pier Paolo Pasolini, non educheremo “le nuove generazioni al valore della sconfitta, alla sua gestione e all’umanità che ne scaturisce”. 

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita
Università di Trento
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/10/2014 07:18:00
Adolescenza e dintorni L’adolescenza è la fase della vita in cui forse avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni.

26/02/2018 09:20:00
Adolescenza, età del rischio Gli adolescenti, alle prese con la necessità di esplorare il mondo, conoscere se stessi e mettersi alla prova, spesso forzano i limiti e si spingono continuamente verso il rischio, senza rendersi conto del pericolo che corrono 

06/10/2014 11:45:00
Uno sconosciuto per casa Prenderanno il via questo giovedì 9 ottobre a Prevalle, nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte", tre serate rivolte ai genitori sui temi dell’adolescenza

07/05/2014 07:47:00
Educare all'amicizia e all'amore L’appuntamento con GENITORI IN FORMA-zione di giovedì 8 maggio alle ore 20,30 presso la Sala consiliare del Comune di Villanuova sul Clisi, vede quale relatore la dottoressa Nicoletta Simionato. L'intervista


29/03/2016 10:09:00
Adolescenti. Fragili supereroi Gli adolescenti vivono la fase della vita in cui avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni...



Altre da Genitori e Figli
20/01/2020

Padri e figli

“I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

14/01/2020

Le avventure di Pinocchio. Attualità di una storia

Le narrazioni fantastiche resistono al tempo perché sono metafore. Pinocchio è una di queste che, a giudicare dalla popolarità, è una storia continuamente letta, raccontata e riscritta, come dimostrano le tante versioni cinematografiche e i libri che si pubblicano


05/01/2020

Regali o doni?

Il tempo delle feste è solitamente quello dei doni che il prevalere delle società dei consumi ha denominato “regali”. Ma le parole “regali” e “doni” non sono equivalenti


28/12/2019

Un'altra strage del sabato sera! Riflettiamo genitori

La tragedia di Roma nella zona di Ponte Milvio, dove Pietro, vent’anni e appena patentato, ha travolto con la sua macchina Camilla e Gaia, due sedicenni, non può che annichilirci.

23/12/2019

Servono fiabe da raccontare ai bambini

In questo periodo natalizio, farebbe bene ai bambini un po’di dieta tecnologica. Servirebbe riequilibrare con la fantasia l’esposizione eccessiva alla realtà virtuale che, secondo alcuni studi, riduce le capacità immaginative

16/12/2019

Il telefonino come regalo a Natale? Meglio di no!

La corsa ai regali di Natale è cominciata da un po’ e, al solito, molti sono i genitori che pensano al telefonino come dono da mettere sotto l’albero per i loro figli

09/12/2019

Lo sguardo distante della trascuratezza

La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


25/11/2019

Coltivare la tolleranza

La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza

18/11/2019

Parole di odio e controparole

“Le parole fanno più male delle botte” diceva Carolina Picchio, forse la prima adolescente italiana vittima di cyberbullismo

Eventi

<<Gennaio 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia