Skin ADV
Venerdì 28 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


26.02.2020 Bione Casto

27.02.2020 Bione Casto Valsabbia

26.02.2020 Bagolino

26.02.2020 Casto

28.02.2020 Valsabbia

27.02.2020 Bione

26.02.2020 Gavardo

26.02.2020 Pertica Alta Valsabbia

27.02.2020 Gavardo Provincia

27.02.2020 Vestone Valsabbia Provincia



02 Novembre 2019, 07.51

Blog - Genitori e figli

Hallowen, una festa da capire

di Giuseppe Maiolo
Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento

“Dolcetto o scherzetto?” il tormentone di questi giorni, è il motto globalizzato di Hallowen che ormai è ricorrenza accreditata anche da noi. Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento.

Di provenienza celtica, Hallowen serviva a rappresentare il momento angosciante della perdita e il passaggio dalla vita alla morte che, in questo periodo autunnale, la natura mostra vistosamente con la fine dell’estate e l’inizio dell’inverno dove  alla ricchezza si sostituisce la carenza delle risorse e la mancanza dei prodotti della terra.
È proprio in questo momento che la psiche incontra in maniera ravvicinata la morte, ne percepisce il contatto e si confronta con l’angoscia.

Non a caso la religione cristiana ha sostituito nello stesso periodo il culto dei morti e la festa dei santi.
Così i riti, anche quelli leggeri e scherzosi di questa tradizione, possono avere un senso se hanno la funzione di affrontare simbolicamente la morte e la paura ma anche di spiegarle e esorcizzarle.

Le tante zucche svuotate in forma di teschio che circolano servono proprio a ridurre la paura di questo avvicinamento che secondo i Celti proprio in questo momento dell’anno metteva il mondo dei vivi a contatto con quello dei morti.

Buona lezione questa. Soprattutto se usata come strumento educativo capace di permettere a grandi e piccini di fare i conti con le angosce della perdita e la necessità di trovare una linea di continuità tra passato e futuro.

Probabilmente il valore di Hallowen stava però nella narrazione che accompagnava il rito, nel raccontare antiche leggende popolari come quella di Jack, il fabbro ubriacone che in Irlanda ha ispirato la festa divenuta popolarissima negli Stati Uniti da dove l’abbiamo importata.
Storia, come tante altre, che serviva per parlare ai bambini del bene, del male e della vita che cambia. 

Narrazioni che purtroppo oggi si sono perse. Perché non si raccontano più storie di nessun tipo, e di questa in particolare è rimasto solo il gioco e lo scherzo, la struttura commerciale e quel tormentoso ritornello svuotato di ogni valore simbolico.

Resta una festa che travolge l’infanzia con la follia del mascheramento e coinvolge gli adulti solo come osservatori distratti e inconsapevoli, quando invece dovrebbero essere educatori capaci di narrare ai figli storie di vita passata che i bambini non conoscono e racconti di persone scomparse a cui dobbiamo memoria per ciò che hanno rappresentato.
Altrimenti la morte resta fuori dal ciclo dell’esistenza e non ci appartiene più. Soprattutto chi si trova a crescere in questo momento storico rischia di cogliere solo gli aspetti spettacolarizzati o banalizzati dalla cultura dei videogiochi.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/10/2017 11:50:00
Dolcetto o scherzetto? È tutto pronto per Halloween, la notte più paurosa dell’anno. In Valle Sabbia sono in programma diverse iniziative per grandi e piccini

05/11/2010 07:00:00
Holyween contro Halloween? C'è chi si lamenta di Halloween, tradizionale festa americana che però non sarebbe tanto distante da certe pratiche scaramantiche tutte nostrane.

31/10/2011 08:00:00
Le origini di Halloween In Italia lo festeggiamo da pochi anni e forse non ne conosciamo davvero la storia, ma Halloween ha radici antichissime e venne istituito dalla Chiesa nel VIII secolo

28/10/2011 12:00:00
Halloween Party a Ottobre in festa L'ultimo appuntamento al Polo Fieristico Enogastronomico del Garda comincia sabato 29 per concludersi lunedì 31 con la festa di Halloween.

29/10/2009 16:00:00
Party al Plaza con ValleyBeat Valley Beat e Plaza Disco hanno organizzato un Halloween party e predisposto un bus navetta da Storo alla discoteca



Altre da Genitori e Figli
10/02/2020

Per un'educazione digitale

Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


27/01/2020

La paura del diverso che alimenta il razzismo

Il razzismo, per la verità, dovremmo chiamarlo xenofobia, che in greco è “paura del diverso”. Ci aiuterebbe di più a capire, non a giustificare, un comportamento in crescita e un disturbo psicologico che può essere devastante. E il Giorno della Memoria, tristemente ce lo ricorda!

20/01/2020

Padri e figli

“I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

14/01/2020

Le avventure di Pinocchio. Attualità di una storia

Le narrazioni fantastiche resistono al tempo perché sono metafore. Pinocchio è una di queste che, a giudicare dalla popolarità, è una storia continuamente letta, raccontata e riscritta, come dimostrano le tante versioni cinematografiche e i libri che si pubblicano


05/01/2020

Regali o doni?

Il tempo delle feste è solitamente quello dei doni che il prevalere delle società dei consumi ha denominato “regali”. Ma le parole “regali” e “doni” non sono equivalenti


28/12/2019

Un'altra strage del sabato sera! Riflettiamo genitori

La tragedia di Roma nella zona di Ponte Milvio, dove Pietro, vent’anni e appena patentato, ha travolto con la sua macchina Camilla e Gaia, due sedicenni, non può che annichilirci.

23/12/2019

Servono fiabe da raccontare ai bambini

In questo periodo natalizio, farebbe bene ai bambini un po’di dieta tecnologica. Servirebbe riequilibrare con la fantasia l’esposizione eccessiva alla realtà virtuale che, secondo alcuni studi, riduce le capacità immaginative

16/12/2019

Il telefonino come regalo a Natale? Meglio di no!

La corsa ai regali di Natale è cominciata da un po’ e, al solito, molti sono i genitori che pensano al telefonino come dono da mettere sotto l’albero per i loro figli

09/12/2019

Lo sguardo distante della trascuratezza

La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia