13 Novembre 2019, 07.30
Valsabbini in Regione

«Legge regionale sbagliata, abbiamo limitato i danni

di red.

Sul tema della rigenerazione urbana interviene per il Pd anche il consigliere regionale valsabbino Gianantonio Girelli


“Abbiamo limitato il danno di una legge che rimane sbagliata nell’impianto, perché non aiuta chi deve fare le bonifiche, perché non si concentra sulle aree dismesse e non tiene conto delle differenze dei diversi territori della Lombardia.
Questa legge non fa abbastanza per la rigenerazione: la Regione poteva e doveva essere più ambiziosa.

Con i nostri emendamenti approvati dall’Aula si è almeno restituita ai Comuni la possibilità di decidere la quantità di premialità, sia per i volumi che per gli oneri, al contrario di com’era la legge nella sua formulazione originaria.

Ora saranno i Comuni a decidere, in linea con i propri Piani di governo del territorio, e non la Giunta regionale con criteri imposti dall’alto.
Abbiamo anche messo un freno alla trasformazione delle cascine verso destinazioni che nulla hanno a che fare con l’agricoltura, limitando le premialità agli immobili già dismessi all’entrata in vigore della legge, evitando le interferenze con le attività agricole”.

Così Gianantonio Girelli,
consigliere regionale del Pd, dopo l’approvazione, ieri pomeriggio, in consiglio regionale, della legge sulla rigenerazione urbana, passata con i voti favorevoli di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.
Contrario il Pd, astenuti i Lombardi Civici Europeisti e Italia Viva, M5S non ha partecipato al voto.

La nuova legge, come modificata con gli emendamenti presentati dal Pd, dà la possibilità ai Comuni di assegnare bonus volumetrici fino al 20% e riduzioni di oneri fino al 60%, secondo criteri che la Giunta regionale definirà con una propria delibera, per chi recupera un’area dismessa o sostituisce un fabbricato in disuso.
Nella formulazione originale, molto contestata dal Pd, la Regione imponeva dall’alto ai Comuni incentivi e sconti degli oneri, in modo indiscriminato su tutto il territorio comunale.

Durante la discussione
è stato approvato anche l’emendamento che limita le trasformazioni del patrimonio agricolo alle aree già dismesse all’entrata in vigore della legge e non, quindi, a tutte le aree dichiarate dismesse da almeno tre anni dal proprietario: questa norma veniva contestata dal Pd in quanto incentivo di fatto a dismettere il patrimonio agricolo per ottenere la possibilità di trasformarlo, ottenendo anche i benefici volumetrici e di sconto degli oneri di urbanizzazione.

.fonte: comunicato stampa



Aggiungi commento:
Vedi anche
13/11/2019 07:22

Rigenerazione urbana La Regione ha dato il via libera alla modifica delle norme che prevedono incentivi per gli interventi di recupero abitativo

01/01/2019 08:00

Variante al Pgt per l'occupazione Recupero di aree dismesse e nuove aree produttive e artigianali nella variante al Pgt approvata dal Consiglio comunale di Villanuova sul Clisi per creare nuovi posti di lavoro

30/01/2019 11:20

Bando Emblematici provinciali 2018, fondi per la Pieve di Mura Ci sono anche la parrocchia di S. Maria Assunta e il comune di Mura fra i cinque vincitori del bando 2018 di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità Bresciana destinato alla valorizzazione e rigenerazione dei beni comuni

31/03/2011 10:00

Lavori di riqualificazione urbana Da luned 4 aprile la viabilit di accesso al centro di Vestone subir delle modifiche per l’avvio dei lavori di riqualificazione urbana.

08/01/2007 00:00

Una sfida ignorata in Europa... e in Valsabbia L’incessante sovraccrescita urbana rischia di compromettere l’equilibrio ambientale, sociale ed economico dell’Europa. quanto afferma una relazione dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA).
A noi pare stia succedendo anche nella nostra Valle.



Altre da Politica e Territorio
24/09/2020

Depuratore, la Cabina di Regia conferma Gavardo

Il maxi depuratore sul fiume Chiese si farà, a cominciare dall'impianto di Gavardo. È quanto deciso dalla Cabina di Regia, che non avrebbe rilevato criticità tali da compromettere la validità del progetto

23/09/2020

Illuminazione e vialetti nuovi al Centro sportivo

Sono stati completati i lavori di riqualificazione del Centro sportivo di Serle promossi dal Comune, che comprendono un rinnovato impianto di illuminazione e la sistemazione dei vialetti

23/09/2020

Molte riconferme e qualche novità

Nei comuni di Pieve di Bono – Prezzo e Castel Condino riconfermati i sindaci uscenti. Un grande ritorno a Borgo Chiese. A Bondone, dove non si era presentata alcuna lista, è arrivato il commissario

23/09/2020

Nicola Zontini nuovo sindaco di Storo

L’ex presidente della Pro loco succede all'avvocato Luca Turinelli: «Un successo elettorale del genere non ce l’aspettavamo» ha detto da subito il neo primo cittadino

23/09/2020

La salute al primo posto

Le “Mamme del Garda” sollecitano i sindaci che fanno parte della Conferenza dei Comuni dell’Ato a non perdere di vista i veri problemi del lago, contrastando il progetto di trasferire i reflui nell’alveo del Chiese

22/09/2020

«Pessimi segnali»

Di "pessimi segnali" per quanto riguarda l'operato dell'Amministrazione comunale di Serle, in questa lettera inviata alla redazione, scrive la minoranza di "Serlesi per il Bene Comune"

22/09/2020

Al via il progetto «Una Montagna di Botteghe»

Questo giovedì a Puegnago del Garda un convegno pubblico per l’avvio ufficiale del progetto di cooperazione interterritoriale promosso dal Gal GardaValsabbia2020 in partenariato con altri Gal

22/09/2020

Fondi ai piccoli comuni per le imprese del territorio

Anche buona parte dei comuni valsabbini riceverà i contributi del decreto «Comuni marginali» per sostenere il tessuto produttivo

22/09/2020

CoSI' in Valsabbia

Abbiamo estrapolato i dati Comune per Comune per vedere come hanno votato i valsabbini, come sempre con l’aggiunta di Prevalle e Muscoline, anche se non fanno parte della Comunità montana

21/09/2020

Girelli presidente della Commissione d'inchiesta sull'emergenza Covid-19

Il consigliere regionale valsabbino del Pd: «La Commissione dovrà recuperare il tempo perduto, far luce su quanto accaduto e lavorare a proposte per una riforma del sistema sanitario regionale»