26 Gennaio 2020, 09.45
Valsabbia Provincia
Alpini

Da Nikolajewka un anelito di pace

di Cesare Fumana

Nella commemorazione a Brescia del 77° della conclusiva battaglia degli Alpini sul fronte Russo, dalle Penne nere il ricordo dei reduci e del loro messaggio ribadito più volte: “Mai più la guerra”


Il 26 gennaio 1943, a Nikolajewka, gli Alpini della Divisione Tridentina scrissero l’ultimo capitolo di una delle storie militari più conosciute dell’Esercito Italiano, l’eroico ripiegamento dal fronte russo durante la 2^ Guerra Mondiale. Un’ultima battaglia per uscire dopo giorni di estenuanti combattimenti dalla sacca dentro cui erano stati chiusi i soldati dell’Asse in ritirata, che vide gli Alpini del 6° reggimento - giunti  per primi  alle porte del paese ucraino – compiere un ennesimo determinante sforzo per consentire il ritorno a casa dei superstiti dell’Armata Militare Italiana in Russia e degli eserciti alleati.

Il loro sacrificio – e quello più in generale di tutti i Caduti - è stato ricordato anche quest’anno a Brescia, presso la scuola Nikolajewka, dove l’Associazione Nazionale Alpini compie ogni anno una commemorazione ufficiale.

Per ragioni anagrafiche i reduci di quei fatti non ci sono quasi più: ce n’era solo uno presente: vigilio Bettinzoli, di 97 anni, di Lodrino.
È toccato quindi ad altri il discorso ufficiale, affidato al past president della Sezione Ana di Brescia, Davide Forlani, che ha ricordato tanti protagonisti di quella battaglia, alpini citati nei libri di memorialistica e personaggi che poi ebbero un importante impegno pubblico.
Tanti anche i valsabbini inquadrati nei battaglioni Vestone e Val Chiese, nomi citati nel libro di Mario Rigoni Stern “Il sergente nella neve”.

Nel suo intervento, il presidente dell’Ana, Sebastiano Favero, ha ricordato l’anelito di pace che è scaturito dal ricordo di quella battaglia, un afflato alla pace e alla convivenza fra i popoli ribadito a gran voce dai reduci delle Seconda guerra mondiale.

Da qui l’impegno solidale delle Penne nere nelle calamità e in progetti di solidarietà, come la stessa scuola Nikolajewka dimostra, il “monumento vivente” delle Penne nere bresciane.

Favero ha ricordato anche il legame nato con Livenka, come oggi è chiamata Nikolajewka, e con la Russia, con l’asilo Sorriso di Rossosch costruito dalle Penne nere, così come il recente ponte di Livenka, a sottolineare un legame di amicizia che deve essere un comune sentire per tutti.

In particolare per i giovani e le istituzioni, a cui gli Alpini vogliono essere da esempio, ricordando il messaggio dei reduci: "Mai più la guerra"!.


Vedi anche
26/01/2018 12:00:00

Nikolajewka, a Brescia l'anniversario solenne Si concluderanno questo fine settimana a Brescia le celebrazioni per il 75° anniversario dell’ultima eroica battaglia che consentì agli alpini in ritirata di tornare “a baita”

22/01/2016 14:05:00

Nikolajewka, sacrario degli Alpini Si terrà questo sabato, 23 gennaio, a Brescia, la commemorazione della Battaglia di Nikolajewka, l’ultimo eroico sacrificio delle Penne nere durante la ritirata di Russia nella Seconda guerra mondiale

26/04/2019 06:26:00

L'ultimo reduce Luigi Tisi è andato avanti. Aveva 99 anni, a Sabbio Chiese e forse in tutta la Valle Sabbia, era l’ultimo fra i reduci di Nikolajewka. Sabato scortato dalle Penne nere il suo ultimo viaggio

28/01/2008 00:00:00

Valsabbini in massa a Brescia per Nikolajewka Grande afflusso di alpini domenica a Brescia per la cerimonia conclusiva del 65° anniversario della battaglia di Nikolajewka. Anche le penne nere della Valle Sabbia hanno voluto essere presenti all’imponente manifestazione.

23/12/2018 07:00:00

A Nikolajewka il «Ponte degli alpini per l'amicizia» In occasione della serata di auguri degli alpini della “Monte Suello” è stato presentato il nuovo ponte donato dalle Penne nere al paese di Livenka (Russia), un tempo Nikolajewka, con un contributo valsabbino



Altre da Valsabbia
03/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Dopo questo periodo di pausa riprendono, con le dovute misure di sicurezza, gli appuntamenti estivi. Torna “Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone” che cercherà di farvi compagnia e segnalarvi gli appuntamenti principali dell'estate

03/07/2020

Sconti e promozioni per i turisti

Anche quest’anno la Comunità montana di Valle Sabbia ripropone l’iniziativa di valorizzazione della rete dei servizi e dei ristoranti per i visitatori della Rocca d’Anfo. L’adesione entro oggi, venerdì 3 luglio

03/07/2020

Audizione presidente nazionale Favero (Ana) al Pirellone

Progetto di Legge di valorizzazione alpini, con relatore il consiglire regionale valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Avvicinare i giovani al mondo degli alpini, fondamentale trasmettere storia e valori del corpo”

03/07/2020

Sanità, Girelli: «Mancati finanziamenti agli Ospedali bresciani»

Il consigliere regionale valsabbino del Pd chiede spiegazioni alla Regione in merito alla richiesta di finanziamento inoltrata al Governo dove sono assenti le strutture bresciane, fra cui l'Asst del Garda

02/07/2020

Armanini dice la sua

In merito alla lettera da noi pubblicata mercoledì che sollevava interrogativi sulla fusione fra le Rurali GVP e Adamello, ci scrive il presidente Armanini

02/07/2020

Biker caduto a Sant'Onofrio

Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane

02/07/2020

Anche questa estate c'è Acque&Terre Festival

Con tutte le limitazioni del caso, torna anche questa estate la rassegna di concerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago, giunta alla sedicesima edizione. Ecco i primi due appuntamenti

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

Fusione Rurali, fra dubbi e certezze

Ma siamo proprio sicuri che la fusione in programma fra le Rurali 'Giudicarie Valsabbia Paganella' e 'Adamello', nei tempi e nei modi, sia stata studiata bene? I dubbi di un lettore

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico