08 Aprile 2020, 08.00
Blog - Genitori e figli

Coronavirus e genitori separati

di Giuliana Beghini Franchini

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento


Va da sé che in questo periodo la maggiore preoccupazione sia la salute fisica, ma non vi è dubbio che genera ansia anche quella psicologica. in particolare quelli separati. Fare i genitori in questo momento è molto complesso. Per i genitori separati lo è ancora di più, perché devono contenere la paura e l’angoscia, e cercare di mantenere un equilibrio emotivo che si rifletta beneficamente sui figli.

Non è la cosa più facile ora mantenere certezze e fiducia, speranza e capacità di guardare al futuro, ma è necessario sforzarsi. I bambini ci guardano sempre, ma adesso,la forzata convivenza in casa li porta ad osservare di più come si comportano gli adulti. Con le loro potentissime “antenne” sanno intercettare immediatamente le reazioni della mamma o del papà.

In parte sono consapevoli di cosa stia accadendo, ma i più piccoli faticano a capire perché si debba stare a casa e non essere in vacanza, non poter andare al parco e non stare con i loro amici. In questo tempo sentono le pareti domestiche più significative ed importanti di prima. E' allora necessario che i genitori separati sappiano contenere le incomprensioni e i litigi, i loro conflitti e le vecchie o laceranti rivendicazioni.

La priorità nelle famiglie separate va data all’equilibrio affettivo ed emotivo. Questo dovrebbe spingere i genitori a cercare prima di tutto accordi utili alla loro crescita in un periodo problematico come quello che stiamo vivendo. Più di ieri è necessario fare in modo che sentano la casa dove abitano come luogo rassicurante in cui ci sono persone che li amano e garantiscono sicurezza e tranquillità.

Sperimentare una vicinanza fisica 24 ore su 24 è decisamente una novità per tutti. Proprio per questo ai genitori separati serve una buona dose di creatività. Il benessere dei figli passa attraverso una continuità affettiva che deve essere garantita.

Ricordiamoci che non esiste un divieto di spostamento per il diritto alla bigenitorialità. Per cui, fatta salva la sicurezza dei bambini in modo da non esporli a rischi, si potrebbe ad esempio allungare il periodo che i bambini passano a casa di uno o dell’altro genitore, per non costringerli a un andirivieni continuo o alla mancanza di contatto fisico con il genitore con cui vivono di meno.

Di certo si possono sfruttare adeguatamente le risorse tecnologiche disponibili come il contatto con la cam del telefonino che, almeno, consente continuità della comunicazione con il genitore distante. Dal momento che i piccoli hanno bisogno di ritmi precisi e invariati, adesso è ancora più importante mantenere, sia a casa con la mamma che con il papà, le solite abitudini come l’andare a letto e risvegliarsi sempre alla stessa ora.

Aiuta molto il creare dei rituali, come quello di mandare un regolare messaggio al mattino del genitore distante e una videochiamata al pomeriggio. Non farlo regolarmente può favorire la fantasia che il genitore che non si fa sentire non esiste più.

Aiuta molto passare un tempo quotidiano a guardare insieme le fotografie dei luoghi dove si è stati in vacanza e raccontare del passato. Ma anche fare progetti, come dire dove si potrà andare una volta che l’emergenza sarà finita. È un modo per lasciare che i bambini costruiscano un ponte tra il prima, quello che ci sta succedendo adesso e il dopo.

Queste cose servono per aiutare i bambini a sanare la “frattura” del tempo che si è generata d’un colpo con il coronavirus. Di certo, a noi come a loro, adesso non servono continue visioni catastrofiche e negative della vita e del futuro, quanto immagini di fiducia e di speranza.
In tutti noi esistono le paure di non farcela, di morire o di andare incontro alla miseria. Ma i grandi hanno il compito di tenerle sotto controllo. La sfida per i genitori è quella di riuscire a stare con se stessi in modo creativo.


Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress



Altre da Genitori e Figli
30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.

15/03/2020

Cosa fare con i bambini

Molti possono essere impauriti e allo stesso tempo disorientati. Assorbono e fanno loro l’angoscia degli adulti, ma anche faticano a comprendere quello che accade