15 Maggio 2020, 08.23
Valle del Chiese

Lavori nuovi, vecchi vizi

di red.

Alex Marini: «Quanto accaduto nel Comune di Pieve di Bono-Prezzo è un esempio lampante di tutto quello che non funziona in Trentino a livello di appalti».


«C’è un edificio pubblico che attende da anni di vedere la luce. Il bando viene vinto da una ditta che a sua volta subappalta parte delle lavorazioni a un'altra ditta la quale fa lavorare in distaccamento un’ulteriore impresa composta da lavoratori che però lamentano di non venire pagati e per l’esasperazione salgono sul tetto dell’edificio a protestare.
Il tutto a fronte di un ente pubblico che ha versato regolarmente gli stati di avanzamento lavori al subappaltatore».

Così il consigliere della Pat Alex Marini
(M5S) nel descrivere le ore di tensione vissute nella giornata di ieri nella vicina Valle del Chiese, a Pieve di Bono, dove alcuni lavoratori sono saliti tetto del cantiere arrivando addirittura a minacciare di buttarsi di sotto.

«In un ginepraio simile non stupisce affatto che si verifichino problemi. Questo avviene oggi quando ancora ci sono controlli che permettono di far emergere e risolvere le criticità - ha aggiunto Marini -. Domandiamoci cosa potrà accadere domani se per velocizzare le pratiche verranno rimossi tutti gli istituti di verifica e garanzia che permettono di evitare almeno gli abusi peggiori, come da più parti si chiede a gran voce di poter fare».

«Lo scorso ottobre avevo ottenuto l'approvazione di un ordine del giorno per attuare finalmente il regolamento a verifica della correttezza delle retribuzioni delle imprese che operano negli appalti pubblici - conclude Alex Marini -. Con dispiacere sono costretto a constatare che nonostante questo permangono ancora numerose zone d'ombra sulle quali è assolutamente necessario intervenire con tutti gli strumenti possibili.
Chi lavora onestamente ha il diritto di venir pagato altrettanto onestamente».

Per la cronaca, il cantiere è quello del Centro di aggregazione giovanile di Pieve di Bono e sul posto sono intervenuti anche vigili del fuoco, forze dell'ordine e sindaco.

Per fortuna nel primo pomeriggio gli operai sono scesi volontariamente dal tetto, convinti dai loro delegati sindacali, dopo di che si è aperto un confronto con i datori di lavoro.
Non sono mancate forti tensioni.

.foto presa da "Il Dolomiti".




Vedi anche
23/12/2017 10:26:00

A Natale il Concerto d'Inverno Il concerto di Natale della banda di Pieve di Bono chiude un anno di grande impegno e tante soddisfazioni per il corpo bandistico

31/07/2014 16:53:00

Calcio dei grandi stasera a Pieve di Bono Stasera alle 18, sul campo neutro di Spiazzo Rendena, il Pieve di Bono calcio terrà la sua prima uscita di stagione. Avversaria di lusso il Brescia, che milita nel campionato di serie B

09/03/2019 13:55:00

Avis comunale in assemblea

Gli avisini di Pieve di Bono si sono riuniti per fare il punto sull'attuale situazione del sodalizio e programmare le attività future, dedicando un momento anche alla consegna di alcuni riconoscimenti

24/12/2019 10:30:00

160 anni di musica con la Banda Musicale di Pieve di Bono Nel giorno di Natale un "concerto spaziale" della banda di Pieve di Bono dedicato ai 50 anni del primo sbarco dell'uomo sulla luna, nel 160° di fondazione

16/10/2018 14:59:00

Al Pieve di Bono il Trofeo «Esperia» La quinta edizione del torneo per Pulcini è stata disputata la scorsa domenica a Rovere della Luna. Il Pieve di Bono ha vinto ai rigori contro il Levico 



Altre da Politica e Territorio
12/07/2020

«Piano Marshall», i progetti per Villanuova

Il Comune di Villanuova utilizzerà i 350mila euro stanziati in tre soluzioni da Regione Lombardia per la ripresa post Covid per realizzare opere pubbliche riguardanti sicurezza, viabilità e scuole

11/07/2020

Depurazione a Muscoline, quale la priorità?

Lo chiede il sindaco Giovanni Benedetti ad Ato e Acque Bresciane in una lettera. Come possono conciliarsi l'urgenza del superamento della procedura di infrazione con i tempi di realizzazione del nuovo depuratore del Garda?

10/07/2020

Pubblicato l'elenco aggiornato delle associazioni gavardesi

Sono una settantina le realtà associative e di volontariato attive a Gavardo: ora sul sito del Comune c’è l’elenco completo con referenti e recapiti

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

08/07/2020

Sanità, Girelli: «Un voto che vale una sfiducia a Gallera»

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd con primo firmatario il consigliere regionale valsabbino del Pd che chiede trasparenza sui fondi pubblici dati ai privati

07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque