04 Giugno 2020, 09.38
Valsabbia Garda Provincia
Depuratore del Garda

«Compatti, determinati e in prima linea per contrastare l'opera»

di Federica Ciampone

Questa la dichiarazione d'intenti dei sindaci del Chiese dopo la riunione post tavolo tecnico con il Ministro dell'Ambiente Costa sul progetto del doppio depuratore del Garda. In preparazione i documenti da inviare a Roma


Dopo il tavolo tecnico dello scorso lunedì, svolto su richiesta dei sindaci del Chiese al Ministro dell'Ambiente Costa, l'impressione ricevuta dai primi cittadini intervenuti – il sindaco di Gavardo Davide Comaglio, quello di Muscoline Giovanni Alessandro Benedetti e quello di Montichiari Marco Togni – non è stata affatto positiva.

“Quello che doveva essere un momento di analisi ambientale degli impatti delle nuove opere sui corpi recettori da parte di tutti gli enti coinvolti – ha commentato Comaglio - per consentire al Ministero una valutazione più approfondita della questione è diventato poco più che una formalità, che secondo le intenzioni del proponente si doveva addirittura chiudere in quelle due ore. Poca attenzione dei funzionari, nessuna voglia di approfondire e sgradevoli sorrisini di cui abbiamo ottenuto le scuse.

Il fatto oggettivo e preoccupante, anche in prospettiva futura, è che nessun Ente invitato, esclusi i Comuni e il rappresentante delle associazioni ambientaliste, ha espresso una sola nota negativa riguardo ai depuratori sul Chiese.

Non è stato permesso illustrare le ragioni che dimostrano, a nostro avviso, che la scelta di Gavardo non è la migliore per il lago di Garda perché non previsto nell’ordine del giorno.

La motivazione che l’acqua in uscita dal depuratore serva a rimpolpare la scarsità di acqua nel Chiese (a fini irrigui) è più volte stata citata dagli organi preposti. Dopo che è stata sollevata la solita questione della sublacuale e dei Comuni in infrazione europea ho chiaramente detto che sono problemi che con la soluzione Gavardo (Chiese) vengono procrastinati nel tempo di almeno dieci anni, con grave rischio per tutti. Quindi, se queste sono le motivazioni della fretta, si sostituisca immediatamente la sublacuale. Chiaramente nessuna risposta”.

“Una giornata incolore – ha aggiunto il sindaco di Muscoline Benedetti. - Esprimiamo profonda gratitudine per la disponibilità mostrata dal Ministro nel suo voler dar voce a noi sindaci e, dunque, ai cittadini che rappresentiamo, ma non possiamo nascondere la nostra amarezza nell’aver constatato che la quasi totalità degli enti coinvolti è decisa a proseguire l’iter ormai avviato per la realizzazione del depuratore.

Il progetto, calato dall’alto senza il doveroso coinvolgimento delle amministrazioni comunali interessate, ha di fatto escluso, almeno fino ad oggi, i cittadini e non ha minimamente considerato oltre all’impatto ambientale, anche le problematiche che potrebbero emergere a livello economico e sociale.

Auspichiamo che questo tavolo rappresenti davvero la possibilità di rivedere l’attuale progetto e non costituisca, invece, una messinscena creata ad arte per metterci a tacere”.

A seguito del tavolo tecnico i sindaci e i tecnici incaricati si sono riuniti nel tardo pomeriggio di ieri in videoconferenza per analizzare la situazione: compatti, determinati e in prima linea per contrastare l’opera sia durante l’attuale tavolo ministeriale sia durante l’iter successivo, se dovesse proseguire.

“Adesso bisogna preparare le carte da inviare a Roma – conclude Comaglio - ma bisogna anche capire cosa sia utile in questo momento e cosa servirà per l’iter procedurale futuro, anche in funzione di una non improbabile azione legale a tutela del nostro territorio”.


Vedi anche
03/06/2020 11:07:00

Entro dieci giorni istanze e osservazioni al progetto E' la decisione presa dopo la videoconferenza con il Ministero dell'Ambiente. La preoccupazione dei sindaci del Chiese: “Per ora nessuna reale apertura, speriamo nel prossimo tavolo tecnico”

10/03/2020 10:08:00

Rinviato il primo incontro del tavolo tecnico La riunione avrebbe dovuto svolgersi ieri in teleconferenza, ma all’ultimo momento è stata rimandata, accogliendo la richiesta dei sindaci del Chiese, in questo momento troppo impegnati a fronteggiare l’emergenza coronavirus per prepararsi adeguatamente

03/03/2020 10:16:00

Gaia: «Progetto imposto e inaccettabile, continuiamo a lottare» La proposta di un tavolo tecnico che non valuti soluzioni alternative ma solo le ricadute ambientali sul Chiese lascia sgomenti sindaci, associazioni e comitati. Nel frattempo Peschiera si oppone all’eventuale potenziamento del proprio collettore per smaltire i reflui bresciani

06/03/2020 10:14:00

Sindaci: «Incontro al ministero da rinviare» È stato convocato per lunedì prossimo, 9 marzo, a Roma il tavolo tecnico sull’impatto ambientale del maxidepuratore del Garda sul Chiese, ma i sindaci chiedono un rinvio per l’emergenza Coronavirus

13/04/2019 10:00:00

Depuratore del Garda, il tavolo tecnico

Convocato giovedì scorso dall’Assessore regionale al Territorio Pietro Foroni, l’incontro per fare il punto sulla situazione ha visto la presenza di numerosi attori coinvolti, ma non quella dei sindaci del bacino del Chiese 



Altre da Provincia
08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

05/07/2020

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province

04/07/2020

In Lombardia la prima edizione della «Festa delle montagne»

Domenica 5 luglio si celebra la prima edizione della 'Giornata regionale per le montagne lombarde', istituita da Regione Lombardia per promuovere e valorizzare i territori montani

03/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Dopo questo periodo di pausa riprendono, con le dovute misure di sicurezza, gli appuntamenti estivi. Torna “Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone” che cercherà di farvi compagnia e segnalarvi gli appuntamenti principali dell'estate

03/07/2020

Furto al minimarket, denunciati

Due ragazzini sono stati identificati dai Carabinieri di Nuvolento e denunciati dopo aver rubato l'incasso di un supermercato a Paitone. I genitori hanno ringraziato i militari per il loro operato

02/07/2020

Anche questa estate c'è Acque&Terre Festival

Con tutte le limitazioni del caso, torna anche questa estate la rassegna di concerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago, giunta alla sedicesima edizione. Ecco i primi due appuntamenti

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

30/06/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”