10 Maggio 2009, 00.00
Agnosine
Energia

Trasformazioni discordanti

di Ubaldo Vallini

“Un grande impianto di trasformazione di energia elettrica in località Pirla? No grazie”. In questi termini, nella sostanza, si è pronunciato all’unanimità il consiglio comunale di Odolo nei giorni scorsi. Martedì se ne parlerà ad Agnosine.

“Un grande impianto di trasformazione di energia elettrica in località Pirla? No grazie”. In questi termini, nella sostanza, si è pronunciato all’unanimità il consiglio comunale di Odolo nei giorni scorsi, anche se l’area interessata dal progetto di Terna, riguarda il territorio del comune di Agnosine.
Torna così protagonista sulla scena amministrativa della Conca d’Oro quella parte di territorio agnosinese compresa fra la circonvallazione di Odolo e i capannoni della Iro.
La stessa che qualche anno fa, a causa di scelte non condivise dalla maggioranza in consiglio comunale, provocò la resa dell’allora sindaco Santino Campagnoli.

Allora si trattava di un insediamento produttivo e la querelle fu tutta interna all’amministrazione odolese.
Questa volta a mettere i puntini sulle “i” sono i vicini di casa di Odolo: “Ci hanno parlato di 30 mila metri quadrati di impianto e quella zona, pur essendo assai distante dal paese di Agnosine, è immediatamente a ridosso delle nostre aziende e dell’abitato di Odolo” chiarisce il sindaco odolese Fausto Cassetti, che aggiunge: “Il territorio di Odolo è tra i più piccoli degli oltre duecento Comuni bresciani ed è già gravato, anche in virtù della realtà industriale presente, da numerosi attraversamenti di elettrodotti.

Una sottostazione di trasformazione è già presente in prossimità del centro del paese.
Da quanto abbiamo capito, questo nuovo impianto appare come una integrazione, un aumento di potenza, senza che si preveda alcun intervento di sostituzione dell’esistente. Insomma: temiamo per un ulteriore e pesante degrado ambientale, per un territorio che ci appare già parecchio compromesso.
Confidiamo nel fatto che l’amministrazione di Agnosine, impegnata per altro nell’estensione del nuovo Pgt che in bozza auspicava una stretta sinergia con i Comuni limitrofi, nel prendere delle decisioni voglia tenere conto anche della posizione dell’intero consiglio comunale odolese”.

Se questa è la posizione di Odolo, qualche cosa dev’essere andato storto nel processo di condivisione del progetto che, avanzato da Terna e da a2a, è già stato positivamente vagliato a livello di amministrazione provinciale e di Comunità montana.
Prova a metterci una pezza il sindaco di Agnosine Giorgio Bontempi: “Martedì 12 alle 20:30 l’intera questione verrà dibattuta in municipio. Un confronto al quale abbiamo invitato anche gli amministratori odolesi, perché possano rendersi conto per filo e per segno di cosa si tratta. Quella sarà la sede nella quale tutti quanti avranno modo di fare le loro considerazioni – ci ha detto -. Sia chiaro che sul tema noi non abbiamo ancora preso alcuna decisione e che lo faremo solo dopo aver sentito tutti e valutato attentamente sia gli eventali rischi per la salute pubblica sia l’impatto ambientale di un impianto di questo tipo. Abbiamo già incaricato un tecnico di parte perchè il tutto possa essere valutato con il massimo dell’attenzione”.

Poche e frammentarie, al momento, le specifiche tecniche di questo impianto di trasformazione che, mediante scambiatori e deviatori, permetterebbe di migliorare la distribuzione sul territorio dell’alta tensione.
Miglioria che garantirebbe condizioni ottimali di utilizzo dell’energia soprattutto alle aziende che ne fanno uso in grandi quantità. I 30 mila metri quadrati dell’impianto comprenderebbero anche l’area di rispetto al di fuori della quale i rischi per l’esposizione ai campi elettromagnetici, secondo i tecnici che hanno redatto il progetto, sarebbero nulli.
Gli amministratori odolesi, ma a questo punto anche quelli di Agnosine, vogliono vederci chiaro.


Commenti:
ID407 - 11/05/2009 00:00:00 - (esperanto) -

I demagoghi falsi eredi di Alberto da Giussano stanno di nuovo servendo il (popolo bue) con le loro balle padane,la realtà è: l'ampliamento per gli inquinatori IRO, inquinamento elettromagnetico per elemosinare un pò di soldi da tamponare le casse comumali che hanno svuotato con le loro (utili a fini elettorali) regalie a pioggia. Comunque il (popolo bue) sarà ricompensato con qualche aiuola supplementare e con la grande conquista dell'insegna stradale che indica Agnosine e per i VERI PADANI Gnusegn.
Nel frattempo: produzione industriale -23%, entrate fiscali -4,3%- disoccupazione e chiusura di fabbriche, viva la lega di chi se ne frega.

Aggiungi commento:
Vedi anche
13/05/2020 07:50

Al via i lavori per la sottostazione della Pirla Il vecchio progetto, rimodernato, servirà a razionalizzare la distribuzione di energia elettrica. Un nuovo elettrodotto interrato porterà elettricità anche alla Ferriera Valsabbia

12/08/2007 00:00

Fotovoltaico? Si grazie... ma Se siamo interessati ad installare un impianto fotovoltaico per produrre energia elettrica per la casa, l'azienda o anche per diventare produttori di energia elettrica, è opportuno prima verificare che disponiamo dei requisiti di base.

12/08/2007 00:00

Ma quanto è conveniente il «Conto Energia»? Il Conto Energia è il decreto che stabilisce un incentivo 20ennale per quanti installano un impianto solare fotovoltaico.
L'incentivo è proporzionale all'energia elettrica prodotta.

14/05/2009 00:00

Un sistema valsabbino più efficiente E' servito per capire meglio di cosa si tratta, l'incontro pubblico fra gli amministratori di Agnosine e di Odolo, sul tema della stazione di smistamento la cui edificazione è prevista in località Pirla, a due passi dal confine odolese.

01/05/2009 00:00

Lotta all’inquinamento anche elettromagnetico L’Amministrazione comunale odolese è sul piedi di guerra contro i nuovi progetti di Terna di realizzare una mega sottostazione di trasformazione per l’elettrodotto in località Pirla. Il Consiglio comunale ha anche approvato il bilancio consuntivo.



Altre da Agnosine
04/08/2020

Chiosco abusivo

Uno spazio ben attrezzato per la somministrazione di bevande e di gelati, ma senza alcuna autorizzazione. Poi sono arrivati i Vigili

01/08/2020

Infortunio sul lavoro

Un boscaiolo può darsi un colpo d’accetta in un ginocchio, lui fa la guardia giurata e si è sparato in una gamba con la calibro 9. Poteva andargli peggio

01/08/2020

9 candeline per Mattia

Tantissimi auguri di buon compleanno a Mattia di Agnosine che oggi, 1 agosto, spegne 9 candeline

29/07/2020

Alla scoperta della Valle Sabbia

Per iniziativa dell’Agenzia territoriale per il turismo della Valle Sabbia e del Lago d’Idro, sono state effettuate la scorsa settimana le riprese di Cremona1 Tv per quattro nuove puntate dedicate alla nostra valle

28/07/2020

Ancora da chiarire

L’intenzione è quella di andare fino in fondo e di chiarire ogni aspetto di ciò che è successo alla Geiger di Agnosine, dove ad andare a fuoco sarebbe stato del solfato d’alluminio

27/07/2020

E il sistema antincendio?

Le telecamere a circuito chiuso hanno rivelato che già alle 6:40 il fumo usciva dal capannone della Geiger, ad Agnosine. Ne abbiamo già scritto ieri. «Come mai non è scattato nessun allarme?» si chiede il sindaco Bontempi

26/07/2020

Incendio alla Geiger

Un fumo denso è fuoriuscito per almeno un paio d'ore dallo stabilimento di trattamento rifiuti della Geiger, nei Fondi di Agnosine. In azione carabinieri, Vigili del fuoco e Arpa.
Aggiornamento ore 11

18/07/2020

I primi 8 di Giulia

Tanti auguri a Giulia, di Agnosine, che oggi, 18 luglio, compie 8 anni

18/07/2020

7 candeline per Arianna

Tantissimi auguri ad Arianna, di Agnosine, che oggi, 18 luglio, spegne 7 candeline

16/07/2020

Scoccano i 41 per Alan

Tanti auguri ad Alan, di Binzago, frazione di Agnosine, che proprio oggi, giovedì 16 luglio, compie 41 anni

Agnosine, il paese la sua gente

Il Santuario della Madonna di Calchere

14/04/2020

Il nuovo municipio di Agnosine è stato inaugurato nel 2006. Lo stabile, 340 metri quadri di nuovi uffici sistemati assieme ad un vasto complesso abitativo che ospita negozi ed appartamenti

14/04/2020

E’ stata l’azienda che per più di 50 anni, fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, più di altre ha tracciato la storia italiana del mobile multiuso (2)

14/04/2020

E' la chiesa parrocchiale di Agnosine, tempio dalle antiche origini, già citata in un documento del 1037.
L’edificio attuale risale al 1771


14/04/2020

Col suo campanile domina la valle.
L’attuale costruzione risale al 1674 ed è stata eretta su una struttura precedente