01 Luglio 2020, 07.00
Gavardo Valsabbia Garda
Depuratore del Garda

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

di Cesare Fumana

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago


«Fa piacere constatare che due studi distinti, il nostro e quello commissionato dai Comuni di Gavardo e Montichiari, dati alla mano, forniscano le medesime conclusioni».

È quanto espresso da Filippo Grumi, ingegnere gavardese, portavoce del Comitato Gaia Gavardo, che ha coordinato un team di ingegneri per redigere lo studio per conto dei comitati e delle associazioni ambientaliste contrarie alla realizzazione del progetto dei due depuratori per i reflui dei Comuni gardesani a Gavardo e Montichiari.

Anche questo documento è stato mandato al ministro dell’Ambiente, come considerazioni per il tavolo tecnico per il sistema di depurazione del Garda.

Con Grumi hanno collaborato gli ingegneri Marco Pietropoli, Christian Grazioni e Stefano Guarisco: «unicamente a titolo gratuito», ha sottolineato Piera Casalini, incaricata dai comitati a relazionare, insieme con Grumi, alla conferenza stampa di ieri.

«Questo documento – ha riferito la portavoce – spiega in maniera esaustiva e incontrovertibile tutte le implicazioni negative che il progetto di Acque Bresciane può causare alla comunità e al territorio e del Chiese, già fortemente penalizzato dai numerosi problemi ormai noti, e che risulta completamente inadeguato a risolvere gli altrettanto gravi problemi del lago di Garda».

«Lo scopo principale dei comitati e delle associazioni – ha sottolineato – è  stato ed è   quello di porre la massima attenzione nell’approfondimento degli aspetti ambientali della questione depurazione del Garda  che, messi nero su bianco, dimostrano quanto il progetto preliminare che contestiamo sia irricevibile da ogni punto di vista».

Entrando nel dettaglio degli argomenti trattati nel dossier presentato dai comitati e dalle associazioni, la portavoce ha elencato «gli aspetti per noi essenziali e che ci fanno ribadire con sempre maggiore forza il nostro NO alla realizzazione di questo progetto lungo l’asta del fiume Chiese, perché annoso per l’ecosistema Chiese, oltre che totalmente inefficace per la salute del Garda».

Lo studio effettuato – affermano i comitati ambientalisti – dimostra senza alcuna ombra di dubbio con fatti e dati oggettivi, comprovati anche dal parallelo studio effettuato dai tecnici incaricati dai Comuni, che:

-    il bacino del fiume Chiese presenta una situazione ambientale critica che ha già avuto pe-santi ricadute sulla salute delle popolazioni ivi residenti;

-    il bacino del Garda bresciano e veronese non presenta criticità ambientali, l’impatto del depuratore di Peschiera del Garda sul fiume Mincio è noto e accettato;

-     il bacino del Mincio, nonostante si faccia carico da oltre 35 anni dello scarico depurato dei reflui della sponda bresciana del lago di Garda, presenta un ambiente protetto e conserva-to sia realmente che formalmente;

-    il progetto di Acque Bresciane, (e prima quello di Garda Uno) evidenziano in modo assolu-to che la scelta migliore è quella con recapito a Peschiera del Garda (con o senza condotta sub lacuale);

-    i tempi di realizzazione, non essendo assolutamente reale l’emergenza sub lacuale, sono compatibili con la realizzazione della circumlacuale con recapito Peschiera del Garda;

-     la tutela del lago di Garda necessita di una visione più estesa, sovra regionale.

In merito alla depurazione con recapito a Peschiera del Garda, lo studio evidenzia che la colletta-zione gardesana con unico recapito il depuratore di Peschiera del Garda è la scelta migliore perché:

1) Peschiera del Garda è lo sbocco naturale del lago di Garda, verrebbero rispettati e mantenuti separati i due bacini imbriferi;

2) a Peschiera del Garda esiste già un depuratore efficiente e funzionale;

3) il depuratore di Peschiera del Garda può essere ampliato nella sua capacità depurativa semplicemen-te cambiando la tecnologia utilizzata;

4) il depuratore di Peschiera del Garda è già al 50% di proprietà del gestore bresciano;

5) i costi di realizzazione del progetto di cui allo scenario 1 “tutto a Peschiera” del progetto di Acque Bresciane sono inferiori a quelli previsti per il progetto di Acque Bresciane con depuratori a Gavardo e Montichiari con recettore il fiume Chiese;

6) i costi di manutenzione e gestione dello scenario 1 “tutto a Peschiera” sono inferiori a quelli previsti per il progetto di Acque Bresciane con depuratori a Gavardo e Montichiari con recettore il fiume Chiese;

7) i tempi di realizzazione dello scenario 1 “tutto a Peschiera” sono inferiori se non uguali a quelli pre-visti per il progetto di Acque Bresciane con depuratori a Gavardo e Montichiari con recettore il fiume Chiese;

8) la soluzione 1 “tutto a Peschiera” utilizza il miglior corpo recettore (fiume Mincio) con portata mag-giore e regolare rispetto al fiume Chiese, come evidenziato dai due studi redatti dall’Università di Brescia;

9) la soluzione 1 “tutto a Peschiera” è soluzione migliore come evidenziato dallo studio dell’Università di Brescia nel rispetto del regolamento regionale 6/2019 relativo alla depurazione.

«Attendiamo quindi ora la risposta scritta dal Ministro dell’Ambiente che siamo certi, dati alla mano, non potrà che escludere il fiume Chiese dal progetto di collettazione della sponda bresciana del lago di Garda».

In foto:
. manifestazioni delle associazioni ambientaliste contrarie al progetto dei depuratori sull'asta del Chiese
. la copertina del dossier inviato al Ministro dell'ambiente, che evidenzia i diversi e distinti bacini del Chiese e del Garda




Vedi anche
28/02/2020 09:05:00

Nessuno studio alternativo a Gavardo e Montichiari Una doccia gelata quella uscita ieri dall’incontro della Cabina di regia per il depuratore dei Comuni del Garda. Unica concessione uno studio ambientale sulle ricadute per il Chiese

06/09/2019 10:46:00

I dubbi degli amministratori Sono ancora tanti i nodi da sciogliere sulla questione della realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari. A breve l’incontro tecnico in Ato con Acque Bresciane

11/12/2018 08:00:00

Quale depuratore per il Garda? Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia

26/11/2019 15:48:00

Circoli del Pd: «Nuovo studio di fattibilità indipendente» Duro affondo dei Circoli del Partito Democratico della Valle Sabbia e della Bassa Orientale nei confronti del presidente e dei consiglieri provinciali che hanno bocciato la mozione Apostoli, con la richiesta di un nuovo studio da un ente terzo

03/02/2019 09:56:00

Un depuratore «per» il Garda Gentilissimo Direttore, con la presente sono a condividere con Lei e con i suoi lettori la mia grande preoccupazione per la piega che ha ormai assunto il dibattito attorno al tema della depuratore “per il Garda” (non del depuratore “del Garda”!)...



Altre da Garda
07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

05/07/2020

Sopralluoghi anti assembramento

Anche i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno effettuato numerosi controlli per verificare il rispetto della normativa sul Covid-19. Dieci giorni di chiusura comminati dalla Prefettura per un bar di Ponte Caffaro

03/07/2020

Marmo rosso per l'anfiteatro

Saranno inaugurati questo sabato i lavori di completamento della coperura in marmo rosso di Verona dell'anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera, secondo il desiderio di d’Annunzio e il progetto originale degli anni Trenta

03/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Dopo questo periodo di pausa riprendono, con le dovute misure di sicurezza, gli appuntamenti estivi. Torna “Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone” che cercherà di farvi compagnia e segnalarvi gli appuntamenti principali dell'estate

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

30/06/2020

Terza settimana per il Festival della Sostenibilità sul Garda

Altre numerose iniziative della rassegna messa in campo dall’Associazione di Operatori Culturali Gardesani L.A.CU.S.(Lago Ambiente CUltura Storia) in collaborazione con enti e associazioni benacensi

30/06/2020

Vela Day 2020, tutto esaurito alla Canottieri Garda

Più di cento persone, tra adulti e bambini, nel weekend, hanno provato a turno per un’ora l’ebbrezza di condurre una barca nel Golfo di Salò, rispettando i protocolli di sicurezza

27/06/2020

Perdono il sentiero, raggiunti e portati in salvo

La disavventura è capitata ad un gruppo familiare composto da cinque persone. Fra loro dei bambini. Ed è finita bene

24/06/2020

Riapre il MuSa «Sotto il segno dell'Arte»

Dopo sei mesi di chiusura, sabato 27 giugno, riapre al pubblico il MuSa, il moderno e interdisciplinare museo della Città di Salò