Skin ADV
Sabato 29 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








27.02.2020 Bione Casto Valsabbia

28.02.2020 Valsabbia

27.02.2020 Bione

29.02.2020 Valsabbia Bione Casto Mura

27.02.2020 Gavardo Provincia

27.02.2020 Vestone Valsabbia Provincia

29.02.2020 Bagolino

28.02.2020 Gavardo Valsabbia Garda

27.02.2020 Gavardo

28.02.2020 Gavardo Valsabbia Garda






13 Febbraio 2020, 17.49
Vobarno Valsabbia
Lettere

«Sono indignato per quanto è stato scritto»

di Paolo Maggi
Gentile redazione di “Valle Sabbia News”, mi sia permesso rispondere alla triste "Lettera firmata", del giorno 11 c.m., attribuita ad “alcuni ragazzi” e, secondo me, attribuibile anche ad alcuni suggeritori che ragazzi non sono più
 
Sono indignato per quanto è stato scritto perché offende, a mio avviso, la memoria di Giuseppe Cernecca, padre della signora Nidia alla quale Vobarno ha voluto conferire la cittadinanza onoraria, trucidato il 3 ottobre 1943 durante torbidi a Pisino (Istria).

I “ragazzi” scriventi si scagliano contro la distorsione dei fatti storici.
Bene, sappiano che essa viene realizzata quando, come hanno fatto loro, i fatti storici non vengono circostanziati. Scarnissimi sono, ad esempio, nella lettera i riferimenti documentali e ciò non depone a favore della verità storica.

Cominciamo con una disamina che vorremmo puntuale: viene scritto che l'uccisione del povero Cernecca è, a detta di storici (chi?) inverosimile. Vi fa, tuttavia, riferimento il Presidente Mattarella nel suo discorso ufficiale per il Giorno del Ricordo appena trascorso.
E' anche lui male informato? Crede in cose inverosimili contraddette dagli storici? E sì che ho sempre pensato che le massime cariche del nostro Stato disponessero di fonti autorevoli. Evidentemente mi sbagliavo.

Si sviluppano poi quattro punti ai quali rispondo così:

1) Si fa capire che i partigiani titini
non odiassero gli italiani in quanto tali, dal momento che soccorsero nostri militi che stavano per essere deportati in Germania nel settembre 1943.
In quell'episodio formazioni partigiane non si mostrarono avverse agli italiani, ma in tanti altri episodi sì e ciò era funzionale ad un disegno di azzeramento della presenza italiana in quelle zone, fortemente voluto e perseguito dal maresciallo Tito.

Deliri di un nostalgico? Non direi, visto che la Commissione congiunta storico-culturale Italiano-Slovena, che ha lavorato dal 1993 al 2000, scrive: ”Tali avvenimenti ... appaiono in larga misura il frutto di un progetto politico preordinato” (Rapporto finale dei lavori 1993-2000; R.Pupo, La tragedia delle foibe).

Tra l'altro, a sostegno di una certa tendenza ad “amare” gli italiani, a guerra finita i nostri militari che fuggivano dalla Germania passando dalla Jugoslavia vennero arrestati di nuovo e costretti a lavorare duramente.

2) Si parla di punti assolutamente improbabili
nella narrazione della Cernecca, ma non li si evidenzia e ciò non appartiene al lavoro dello storico.

3) Si afferma che la Cernecca non può essere definita una teste
perché a quei tempi era piccola (è nata nel 1936).
Questo, a mio giudizio, è un bene perché almeno non ebbe a vedere di persona lo scempio che venne fatto al corpo del padre, il cui cadavere venne disperso.
A dir il vero qualcuno la denunziò anche per diffamazione e falsa testimonianza, accuse da cui venne prosciolta il 23/10/2007.

4) Si tenta di mettere in cattiva luce la Cernecca suddetta dicendo che quando venne a Gargnano durante la RSI un suo zio era al seguito del Duce e una sua zia faceva la maestra ai figli del dittatore.
E' questa una colpa? In un'Italia che era stata largamente fascista per tutto il Ventennio?
Penso che si debbano vergognare d'essere stati fascisti quegli italiani che si macchiarono d'atrocità e non chiunque avesse a quei tempi professato il fascismo.
La zia maestra, tra l'altro, a guerra finita verrà epurata per due anni con l'interdizione dalla docenza.

Si dice, aggiungo,
nella lettera che la Cernecca è faziosa perché nelle scuole presenta i fatti a partire dal 1943 e non dalle “politiche di segregazione fasciste e [di] pulizia etnica adottata sistematicamente dagli italiani contro quelle popolazioni nel 23 anni precedenti”.
Non si considera che la signora in questione è parte offesa ed è esule.
Penso si possa perdonare ad un esule di trattare le cose con un occhio più puntato su ciò che ebbe a patire e, comunque, l'Italia non realizzò pulizie etniche di nessun genere ai confini orientali.

Posso accettare la critica di una certa politica semi-segregazionista in alcune zone istriane e giuliane.
Il nazionalismo, il fascismo e una certa voglia di revanscismo per le “truffe” subite dalla nostra diplomazia a Londra (ricordo che all'Italia erano stati promessi molti territori jugoslavi che poi entrarono nel Regno dei Serbi, Croati e Sloveni della dinastia Karageorgevic) non agevolarono i rapporti tra i vari gruppi e tnici dello scenario balcanico.

Si accusa, ancora, la Cernecca
di essere stata sempre strumentalizzata e si cita una sua letterina infantile di auguri al Duce.
Caspita, i “ragazzi” della lettera sono molto ben imboccati, pardon... informati!
Da quando è parte del lavorìo di ricostruzione storica la lettera augurale di una bimba al capo del fascismo?
Se ne scrivevano a tonnellate in Italia! (G. Raucci, Caro Duce).
Che valore vogliamo attribuirvi?

Da ultimo, non si intende accettare l'accostamento
tra la signora Cernecca e la senatrice Segre, ma lo si fa nella lettera contrapponendole come bambine perché una scrisse gli auguri al Duce mentre l'altra ha tenuto poco tempo fa un impressionante, e commovente aggiungo io, discorso al Parlamento Europeo.

Allora chiedo
: se dite che è inqualificabile accostare le due donne perché qui lo fate? Voi potete, altri no?
O gli accostamenti sono inqualificabili quando non vi fanno comodo e diventano, invece, accettabili quando corroborano le vostre tesi?

Non obietto nulla su quella che viene definita “inopportuna”, cioè la contestuale attribuzione della cittadinanza onoraria vobarnese a Cernecca e Segre solennizzando così Giorno della Memoria e Giorno del Ricordo.
Questo è un giudizio squisitamente politico e, si sa, ognuno la vede a modo suo. Non condivido, ma comprendo e rispetto.

La vostra lettera, cari “ragazzi”,
si tinge molto di rosso, un rosso ideologico che non ha nulla di cui vantarsi nei confronti del nazismo e del fascismo se non per averli sconfitti entrando a Berlino nel maggio 1945 e per il numero di morti che ha fatto, purtroppo di molto superiore a quello delle due dittature europee che ci precipitarono nella Seconda guerra mondiale. Benedetta anche dai Russi comunisti che la vinsero, con gli Alleati, ma la iniziarono anch'essi attaccando la Finlandia e la Polonia nel 1939 e privando di un'indipendenza da pochissimo raggiunta gli stati baltici.

Ah, dimenticavo, massacrando anche i quadri dell'Armata Nazionale Polacca (foresta di Katyn) incolpandone i nazisti.

Cordiali saluti. Prof. Paolo Maggi, Vallio Terme

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
02/07/2018 05:41:00
Per un’amica “Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”…

06/05/2017 13:25:00
Tipi da bar Il “Millemiglia”, il “Medaglia”, il “Sette bellezze”, il “Maratona”: sono alcuni dei personaggi da bar che una curiosa indagine commissionata dall’azienda di un famoso aperitivo ha individuato. Voi a quale assomigliate?


18/05/2014 12:27:00
STAI ZITTA! Mi chiamo Sabina Ettacani e sono la moglie di Federico Ferroni che, qualche giorno fa, ha chiesto di pubblicare su Vallesabbianews la lettera intitolata “Ma quanto vale un lago?”

10/04/2018 08:24:00
Lettera a don Lorenzo Milani Come rispondere a “Lettera a una professoressa”, se non con una “Lettera a don Milani”? Così devono aver pensato Quelli del Teatro di Gavardo, allestendo uno spettacolo in ricordo e onore di don Lorenzo Milani a 51 anni dalla morte


14/07/2016 14:11:00
Partenze e arrivi in Valle Sabbia Grazie al Programma di Scambio del Rotary, anche quest’anno alcuni ragazzi valsabbini potranno usufruire di un’esperienza di studi all’estero, mentre sono attesi alcuni ragazzi stranieri ospiti in valle



Altre da Vobarno
25/02/2020

La banda musicale di Vobarno piange il suo Adolfo

Adolfo Dini, a lungo saxofonosta nel sodalizio, è scomparso prematuramente all'età di 55 anni. Gli amici della banda, causa ordinanze restrittive per salvaguardare la salute dei cittadini, non possono accompagnarlo come vorrebbero, in musica


23/02/2020

Falsa traccia

Segue una traccia, ma non è un sentiero. E quando arriva ad un traliccio è quasi buio e non sa più da che parte andare. L’hanno ritrovato gli uomini del Soccorso alpino

21/02/2020

«Le stagioni in città»

Andrà in scena questo sabato, 22 febbraio, al Teatro comunale di Vobarno la lettura teatrale di Viandanze Teatro, nell’ambito della stagione teatrale organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura



 

21/02/2020

Alcione Tours 2, con AIB per formarsi e fare rete

Da circa due anni tra le realtà associate ad AIB c’è anche la nota agenzia di viaggi di Vobarno, che vede nell’appartenenza al circuito un’opportunità di formazione, crescita e creazione di nuovi contatti


21/02/2020

Quattro candeline per Marta

Buon compleanno a Marta Boninsegna, di Collio di Vobarno, che oggi, 21 febbraio, spegne 4 candeline


20/02/2020

Alimentazione e nutrizione

Alla Cascina San Zago di Salò, questo sabato 22 febbraio, un convegno "Ecm" dedicato a medici di medicina generale e specialisti. "Targato" Synlab Santa Maria


20/02/2020

Egregio signor sindaco

In merito alla serata di conferimento della cittadinanza onoraria vobarnese alla signora Nidia Cernecca, ci scrivono alcuni cittadini vobarnesi. Una lettera aperta che chiede al sindaco di prendere posizione


16/02/2020

E la rotonda?

Che quello sia un punto pericoloso è risaputo. Dal Comune più progetti, l’ultimo un mese fa, ma a dare l’ok, che non arriva, dev’essere Anas

14/02/2020

Polisportiva Vobarno, il derby è valsabbino

Le ragazze della Nuova Bstz Omsi Polisportiva Vobarno si sono fatte valere sabato scorso, a Caionvico, contro la formazione dell'Atlantide

13/02/2020

Girone d'andata, la parola al coach

Al termine del girone d’andata la Nuova Bstz- Omsi Polisportiva Vobarno si piazza al 5° posto del girone G della Serie D regionale. Il punto dell’allenatore Luca Taiola

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia