28 Maggio 2020, 19.00
Agnosine Odolo
Ambiente

Il bianco del Carfio

di val.

Tre imponenti discariche di rifiuti d’acciaieria situate nel Comune di Agnosine sono state sottoposte a sequestro dai Carabinieri Forestali di Vobarno. Nei guai quattro imprenditori


Il provvedimento su disposizione del gip del tribunale di Brescia, al termine di una lunga e complessa indagine coordinata dal Sostituto procuratore della Repubblica dott. Mauro Leo Tenaglia ed iniziata nel febbraio dello scorso anno, quando i militari si sono imbattuti in un torrente le cui acque erano diventate completamente bianche per un tratto di circa 600 metri, con alveo ricoperto da abbondanti depositi di fanghi dello stesso colore e da incrostazioni di aspetto calcareo.

Ne parla una nota diffusa in giornata dai Carabinieri forestali.
Partendo dagli indizi qui sopra esposti, i Forestali di Vobarno sono riusciti ad individuare la causa di tale fenomeno: centinaia di migliaia di tonnellate di scorie prodotte da tre acciaierie del limitrofo Comune di Odolo – di cui solo una ancora attiva, la IRO – tombate negli anni ‘80 in altrettante discariche, che insieme occupano una superficie di oltre 5 ettari e che sono ubicate a ridosso del torrente Carfio, oggi celate dalla vegetazione boschiva, senza che venisse predisposto dai rispettivi proprietari un idoneo sistema di raccolta e gestione del percolato, obbligatoriamente previsto sia dalle norme dell’epoca sia da quelle attuali.

«Ed è proprio tale omissione ad aver comportato, per quattro soggetti, l’accusa di aver commesso – con condotta permanente dal 1987 fino ad oggi – il reato di inquinamento ambientale aggravato, punito con la reclusione da due a sei anni e con la multa da 10.000 a 100.000 euro» fanno sapere i Forestali.

La mancanza di un sistema di raccolta del percolato, caratterizzato da un pH elevatissimo in quanto contenente massicce dosi di idrossido di calcio derivante dal dilavamento delle scorie, ha fatto sì che questo andasse a finire per decenni nel torrente colorandolo appunto di bianco.

«Pur essendo questa la manifestazione più evidente dell’inquinamento, non è certo la conseguenza che desta maggior preoccupazione – affermano i militari, che insieme ai tecnici di Arpa Lombardia hanno effettuato campionamenti sui sedimenti del corso d’acqua che hanno infatti consentito di accertare «come il continuo rilascio di percolato di discarica abbia determinato l’inquinamento e la compromissione di tale ecosistema fluviale, con superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione per metalli pesanti quali Piombo, Zinco e Cadmio, nonché per inquinanti persistenti di riconosciuta cancerogenicità quali i Policlorobifenili (PCB)».

Tre degli indagati, dirigenti dell’acciaieria ancora attiva, sono inoltre accusati di aver commesso anche il delitto di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, punito con la reclusione da due a sei anni: «Evidentemente consapevoli delle caratteristiche inquinanti del percolato prodotto dalla propria discarica, a partire dal 2008, lo hanno abusivamente raccolto e miscelato con le acque di raffreddamento degli impianti aziendali mediante un sistema di vasche, pompe e tubazioni, con lo scopo di diluire le sostanze inquinanti ed abbassare il pH grazie all’aggiunta di acido solforico, per poi scaricare il tutto nel torrente e risparmiare così i costi che una corretta gestione e smaltimento di tale rifiuto avrebbero comportato» si legge nella nota.

Oggi i Forestali sono intervenuti in forze per accedere alle aree in sequestro, perchè possano essere realizzati tempestivi ed opportuni interventi di messa in sicurezza finalizzati ad impedire ulteriori sversamenti di percolato, a cui faranno seguito le necessarie attività di bonifica e di ripristino ambientale che i responsabili saranno tenuti ad eseguire a proprie spese.



Vedi anche
28/05/2020 19:11:00

Il bianco del Carfio/2 Abbiamo chiesto ai responsabili della IRO, l’unica acciaieria rimasta fra quelle che negli anni ’80 hanno utilizzato le tre discariche dismesse, di offrirci il loro punto di vista

07/07/2018 06:49:00

Emergenza alla IRO, ecco cosa è successo Una lunga notte di preoccupazione quella trascorsa a Odolo fra giovedì e venerdì, dopo che in serata uno dei sensori posizionati a controllo dei fumi dell’acciaieria della IRO ha segnalato un “preallarme” per la presenza di radioattività

26/03/2016 10:33:00

Leali Steel acquisisce l'impianto di Borgo Valsugana Il gruppo svizzero Klesch, già proprietario dell’ex acciaieria Leali di Odolo, ha acquisito anche l’impianto trentino del gruppo odolese

09/12/2013 06:54:00

Discarica alla Fratta Le fotografie sono state scattate da un nostro lettore venerdì scorso e documentano la presenza di materiale da discarica abbandonato fra i boschi di Sabbio

27/06/2008 00:00:00

L’ex discarica «salvata» dai bambini A Odolo nella discarica di Vergomasco troveranno posto le piste per monopattino e bob, il campo di pallavolo, i giochi per bambini, le aiuole fiorite, uno scivolo, i distributori di sacchetti per i bisogni dei cani, una teleferica ed altro ancora.



Altre da Agnosine
05/07/2020

Le 7 candeline di Riccardo

Tantissimi auguri al piccolo Riccardo di Agnosine che proprio oggi, domenica 5 luglio, compie i suoi primi 7 anni

28/06/2020

Caduto da fermo

E’ finito in ospedale con codice giallo, un 58 enne di Agnosine caduto a terra mentre aspettava che si alzasse la saracinesca del garage

22/06/2020

Fabio Lozito capogruppo dell'anno

È stato assegnato al capogruppo di Agnosine il premio “Milesi” per il 2019. Premiato anche un alpino di Moniga e il gruppo di Valvestino

11/06/2020

L'urto poi le fiamme

Sequenza terribile per un frontale avvenuto sotto la prima delle gallerie che da Agnosine portano al Passo del Cavallo. Le due persone coinvolte sono state salvate dai primi ad accorrere

10/06/2020

Di Roberto vive ancora il sorriso

Saranno celebrati questo venerdì a Prevalle i funerali di Roberto Taroli, il 21enne travolto e ucciso dalla sua stessa auto lunedì scorso a Binzago di Agnosine

09/06/2020

Muore travolto dalla sua stessa auto

L’incidente è avvenuto a Binzago, frazione di Agnosine. La vittima è un 21enne di Prevalle che si trovava in compagnia della fidanzata

09/06/2020

«No, non si può morire così, a 21 anni»

Roberto Taroli aveva frequentato l'Itis Castelli a Brescia e da un pao d'anni lavorava nel reparto tecnico dell'Ivar di Prevalle

31/05/2020

Per Mario sono 66

Tantissimi auguri a Mario di Agnosine che proprio oggi, domenica 31 maggio, festeggia il suo 66° compleanno

28/05/2020

Il bianco del Carfio/2

Abbiamo chiesto ai responsabili della IRO, l’unica acciaieria rimasta fra quelle che negli anni ’80 hanno utilizzato le tre discariche dismesse, di offrirci il loro punto di vista

22/05/2020

Gli 87 di nonna Margherita

Tantissimi auguri a Margherita di Agnosine che proprio oggi, venerdì 22 maggio, festeggia 87 primavere

boxlat.inc.html
Agnosine, il paese la sua gente

Il Santuario della Madonna di Calchere

14/04/2020

Il nuovo municipio di Agnosine è stato inaugurato nel 2006. Lo stabile, 340 metri quadri di nuovi uffici sistemati assieme ad un vasto complesso abitativo che ospita negozi ed appartamenti

14/04/2020

E’ stata l’azienda che per più di 50 anni, fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, più di altre ha tracciato la storia italiana del mobile multiuso (2)

14/04/2020

E' la chiesa parrocchiale di Agnosine, tempio dalle antiche origini, già citata in un documento del 1037.
L’edificio attuale risale al 1771


14/04/2020

Col suo campanile domina la valle.
L’attuale costruzione risale al 1674 ed è stata eretta su una struttura precedente