04 Novembre 2019, 09.26
Bagolino
Storia

240 anni dopo l'incendio

di Marisa Viviani

“A 240 anni dall'incendio che distrusse Bagolino, che senso ha ricordare quell'evento, e fino a quando ricordare?”


Con questo quesito lo storico locale Flavio Richiedei ha aperto la serata dedicata alla ricorrenza del catastrofico incendio del 30 Ottobre 1779, la cui memoria è ancora presente tra la gente di Bagolino che continua a commemorarne le vittime, secondo la delibera del Consiglio della Comunità, che il 9 Ottobre 1780 aveva stabilito si dovesse celebrare ad ogni anniversario un ufficio funebre e fare una processione in suffragio dei morti: perpetuamente.

Da allora, l'impegno morale, civile e religioso preso dall'antica comunità è stato mantenuto. Anche nella ricorrenza del 240° anniversario dell'incendio di Bagolino la popolazione ha assistito alla messa celebrata dal Parroco don Paolo Morbio nella Chiesa di San Rocco, partecipando poi alla processione, che si è snodata attraverso il paese fino alla Santella delle Povere Anime per la benedizione finale della cerimonia e l'accensione di un simbolico falò.

Alla luce di questa costante affezione alle vicende del proprio paese, suona assolutamente coerente la risposta data dallo stesso Flavio Richiedei alla domanda, secondo il quale “il ricordo avrà senso fino a quando la comunità moderna si sentirà figlia di quell'antica comunità, se pensiamo che le famiglie di oggi sono ancora le stesse di quel tempo”. Così il legame con le antiche genti di questa terra continua, attraverso la memoria e le iniziative che la consolidano.

Nell'occasione dell'importante anniversario,
l'Associazione Culturale Habitar in sta terra, con il patrocinio del Comune di Bagolino, della Fondazione Civiltà Bresciana e della Parrocchia di San Giorgio, ha presentato la pubblicazione dell'opera "L'incendio occorso nella Terra di Bagolino", comprensiva del saluto dell'Assessore alla Cultura Irene Melzani, dell'introduzione di Luca Ferremi, del saggio storico di Giancarlo Marchesi, di immagini d'archivio, e in appendice dell'Orazione del nobile bresciano Durante Duranti, rivolta al Consiglio Generale della Città di Brescia, a favore degli abitanti di Bagolino "nel grave danno dell'incendio sofferto" (10 Gennaio 1780); sono seguite letture a cura di Paola Bettini.

L'opera presentata è interessantissima, ricca di informazioni storiche e di elementi di riflessione, che richiamano prepotentemente al paragone con il tempo presente. L'incendio di Bagolino fu una delle maggiori calamità del '700, la peggiore del Bresciano, "più grande nel numero de' danneggiati, più estesa nella qualità del danno e più funesta nelle conseguenze di quella patita dalla città di Brescia nell'anno 1769." (relazione del magistrato dei deputati al doge di Venezia, 26 Gennaio 1780)

644 case distrutte, 300 morti, interi casati estinti, approvvigionamenti per l'inverno bruciati insieme ai patrimoni personali e pubblici (abiti, biancheria, coperte, attrezzi da lavoro, libri, archivi, denaro), superstiti privi di mezzi di sostentamento e riparo in pieno inverno e traumatizzati: " (..) alla prima ora della notte la vasta e popolosa terra di Bagolino esisteva, e ella non fu più alla seconda. Caso singolare, di cui difficilmente trovar si potrebbe esempio consimile nella verità della storia: salvo solo di qualche città, o terra dalla militare licenza ed avidità appostamente incendiata." (Orazione di D. Duranti)

La gravità della tragedia fece scattare subito gli aiuti e la solidarietà da tutta la Valle Sabbia, dalle altre vallate, da Brescia e da Venezia, sia per le emergenze immediate come la sepoltura dei trecento cadaveri, e per i bisogni urgenti dei sopravvissuti, sia per la ripresa della vita nella comunità. "(..) per il decoro ed interesse pubblico non mai bastevolmente si spende" sentenziava il conte Durante nella sua Orazione, perorando generosi aiuti per Bagolino: "Tutti gli uomini adunque, se vogliono essere riputati tali, debbono usar compassione; all'esperimento della quale tutti hanno legittimo diritto, massimamente gli afflitti. Fra quelli in particolare quelli però sovra i quali senza veruna colpa, e più pesanti insieme piombano le disavventure."

La causa patrocinata dal Durante nel Consiglio della Comunità di Brescia porterà all'approvazione degli aiuti con 242 voti favorevoli su 281, mentre vari notabili benestanti contribuiranno con donazioni personali anche cospicue.

Il piano di interventi previsto dalle autorità per la ricostruzione del paese, del tessuto sociale e delle attività economiche sorprende per la tempestività e oculatezza delle scelte effettuate. Nel volgere di dieci anni infatti il paese era sostanzialmente riedificato e la comunità aveva ripreso la sua configurazione abituale, grazie ad uno sforzo collettivo enorme e prestiti finanziari elargiti in virtù delle buone relazioni intrattenute dalla comunità di Bagolino con Brescia e con Venezia e già saldati nel 1787. Fa perciò rabbrividire il confronto con analoghe catastrofi verificatesi ai tempi attuali per la mediocrità degli interventi, i cui degli esiti finali sono sotto gli occhi di tutti.

Il filo rosso che lega le due comunità, antica e moderna, dunque non si è ancora spezzato; agli abitanti di oggi spetta il dovere di onorare gli antichi predecessori non solo con la memoria, ma soprattutto con la tutela del patrimonio di beni, saperi, etica pubblica e rigore personale che ci hanno lasciato attraverso il loro lavoro, la fermezza e la dignità dimostrate nei gravissimi momenti della tragedia e della ricostruzione.
L'opuscolo "L'incendio occorso nella Terra di Bagolino" è un prezioso documento di notizie storiche, ma soprattutto di buona amministrazione della cosa pubblica e del senso morale che la sosteneva, e se la storia è maestra di vita, la sua lettura sarebbe un valido insegnamento per tanti.

Nella foto di Luciano Saia: La presentazione dell'opera "L'incendio occorso nella Terra di Bagolino"; da sx: Giancarlo Marchesi, Flavio Richiedei, Luca Ferremi, Paola Bettini, il sindaco Gianzeno Marca, l'assessore Irene Melzani (30 Ottobre 2019)


Vedi anche
30/10/2017 09:30:00

Il ricordo del grande incendio Ottemperando a un voto espresso dalla comunità bagossa dopo il grande incendio del 1779, questa sera si terrà una messa e una commemorazione delle vittime della tragedia che segnò la storia di Bagolino

29/10/2014 10:15:00

In ricordo dell'incendio di Bagolino Giovedì sera, nell'anniversario della tragedia che 235 anni fa segnò la storia di Bagolino, nella chiesa parrocchiale una celebrazione accompagnata dalla Missa pro defunctis di Orlando di Lasso, a cui seguirà una processione al capitello delle Povere anime

08/10/2014 08:23:00

Quale senso dare al ricordo? Ha avuto luogo martedì la commemorazione dell'eccidio di 10 giovani avvenuto 70 anni fa a Valle Dorizzo. Vi proponiamo l'intervento integrale pronunciato per l'occasione dal segretario generale dello Spi Cgil di Brescia. • Photogallery

16/09/2019 10:30:00

«La Corona di Diamante» Questo venerdì, 20 settembre, a Salò la presentazione del volume di rime e prose della poetessa valsabbina Diamante Medaglia Faini (1724-1770), curato da Riccardo Sessa ed edito da Liberedizioni 

06/10/2014 07:00:00

L'eccidio di Valle Dorizzo Sono passati settant'anni da quell'orrenda notte in cui vennero torturati e arsi vivi dieci giovani in un fienile nella Valle del Caffaro. Una triste pagina di storia che Bagolino ancora fatica a metabolizzare. Domani la commemorazione



Altre da Bagolino
03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Chitarra, violino e anche una viola per San Rocco in Musica

Strepitoso anche il concerto del Duo Piercarlo Sacco e Andrea Dieci andato in scena sabato a Bagolino, terzo appuntamento della rassegna estiva

02/08/2020

La prova della prova per il coro di Bagolino

Dopo il lungo periodo di astinenza canora, il Coro di Bagolino si è ritrovato per le prove di canto nella Chiesa di San Rocco, ma solo dopo aver effettuato una prova della prova vera all'aperto, per verificare quanto i cinque mesi di sospensione dell'attività corale avessero inciso sulla padronanza della voce
•VIDEO


30/07/2020

Piercarlo Sacco e Andrea Dieci interpretano Piazzolla

Questo sabato sera nella chiesa parrocchiale di Bagolino il terzo concerto di San Rocco in Musica con i classici del grande musicista argentino e l’ultima produzione tanguera influenzata dalla musica contemporanea

29/07/2020

Alla scoperta della Valle Sabbia

Per iniziativa dell’Agenzia territoriale per il turismo della Valle Sabbia e del Lago d’Idro, sono state effettuate la scorsa settimana le riprese di Cremona1 Tv per quattro nuove puntate dedicate alla nostra valle

27/07/2020

A solo, col basso e con un violino fuori programma

La presenza di Paolo Bonomini a "San Rocco in Musica" attribuisce alla rassegna musicale di Bagolino un notevole credito qualitativo, ponendola tra le proposte musicali più interessanti della provincia

27/07/2020

Solo la celebrazione religiosa per San Giacomo

La ricorrenza del santo protettore di viandanti e pellegrini, a cui è dedicata la chiesetta vista lago di Ponte Caffaro, ha visto solo la celebrazione della messa e non la tradizionale sagra

23/07/2020

A solo e col basso

Secondo appuntamento a Bagolino con "San Rocco in Musica" questo sabato sera, 25 luglio. Il concerto si terrà ancora presso la Chiesa Parrocchiale di San Giorgio, predisposta per il distanziamento sociale

23/07/2020

Vele e paesaggi alla mostra collettiva

Ci saranno anche alcune opere dell’artista valsabbino Lorenzo Bacchetti esposte nella mostra dedicata alle opere d’arte su carta in contemporanea in Svizzera e in Sicilia

20/07/2020

Oro in Bocca, incontri mattutini

Al via a luglio una rassegna incontri “mattutini” con poeti, artisti, giornalisti e studiosi del paesaggio. In Valsabbia appuntamenti in Maniva, a Livemmo, al Forte di Valledrane, alla Madonna della Neve a Villanuova